SANTA TERESA DI RIVA. Un caffè a teatro con Antonio Presti: le associazioni e le scuole si incontrano per ritrovare l’occasione di “fare rete”.

SANTA TERESA DI RIVA. Un caffè a teatro con Antonio Presti: le associazioni e le scuole si incontrano per ritrovare l’occasione di “fare rete”. In evidenza

Si è svolto presso il teatro Val d’Agrò di Santa Teresa di Riva un incontro tra Antonio Presti e le associazioni del territorio.

L’incontro, organizzato in collaborazione tra l’associazione Sikilia, la Rete Assojonica, la Rete ASA Jonio ed  il Lions Club Santa Teresa di Riva, ha costituito un momento di ascolto e di confronto tra diversi rappresentanti della società civile del territorio alla presenza del maestro Antonio Presti, leader culturale nel territorio siciliano e promotore di innumerevoli attività di sensibilizzazione nel rapporto arte-cultura-scuola-territorio.                                                                                                                         

Dopo avere condotto l’esperienza dei tavoli tematici, avviata un anno addietro e conclusa con la produzione di una serie di proposte sottoposte all’attenzione delle scuole del comprensorio jonico, con l’incontro che ha avuto luogo presso il Teatro Val d’Agrò di Santa Teresa si è ripreso il percorso interrotto nella scorsa primavera con l’obiettivo di imprimere un cambio di passo ed attuare un progetto concreto e condiviso.

                                                                                                                                                                             

Cettina Sciacca, presidente di Sikilia, nel presentare l’incontro ha manifestato la disponibilità a far diventare il teatro un riferimento culturale pulsante del territorio aldilà delle iniziative artistiche organizzate con i cartelloni ed i laboratori teatrali.     

                                                                                                                            

L’architetto Andrea Donsì, promotore della rete Assojonica e del protocollo ASA Jonio (Associazioni, Scuole e Amministrazioni del comprensorio jonico) dopo avere ripercorso i vari passaggi ed iniziative mirate a create una rete di condivisione e di attività integrate per il territorio (dalla promozione dei beni culturali, delle attività artistiche e di supporto e sostegno alla disabilità) ha invitato le associazioni ad imprimere una accelerazione al dibattito cercando di individuare una direttiva comune percorribile attraverso progetti sostenibili.

                                                                                                                                                                          

La presenza di Antonio Presti, con un coinvolgente racconto di esperienze vissute da paladino della "bellezza", ha gratificato e affascinato tutti i presenti riportando l’attenzione sul piano dei valori intimi dell’umanità e sul ruolo di che può svolgere l’Arte nelle sue accezioni più alte per cambiare il corso delle vicende di una comunità. Presti ha sottolineato, attraverso le importanti attività svolte sul territorio siciliano, la forza propulsiva generata dal gesto artistico come fattore scatenante di energia e di creatività nella quotidianità sociale e ambientale.

“L’impulso ad operare con lo spirito di disponibilità e collaborazione deve prevalere sulla logica del personalismo e dell’autoreferenzialità che  condiziona la qualità dei risultati che è possibile ottenere” ha affermato Presti che, nell’offrire interessanti spunti operativi alle maestranze presenti, ha offerto la propria disponibilità a svolgere un ruolo di ausilio attivo come “sovrintendente artistico” delle attività che saranno proposte e strutturate dalle associazioni in collaborazione con le istituzioni scolastiche.                                                                                    

Dopo gli interventi dei dirigenti scolastici, delle associazioni e degli amministratori presenti, numerose sono state le numerose idee proposte, con l’intento di definire un progetto a scala territoriale che preveda anche il coinvolgimento di istituzioni pubbliche per il supporto logistico.                                                                                                                                 

A tale scopo Donsì ha lanciato la proposta dell’avvio di un laboratorio progettuale costituito dai soggetti presenti all’incontro ma anche da semplici cittadini che hanno il piacere di mettersi a disposizione della comunità per condurre insieme un percorso di crescita del territorio.

Entro le prossime settimane nel corso di un ulteriore incontro sarà decisa la tematica portante sulla quale sarà impostato il progetto di comunità territoriale condivisa.                                                                                                                                              

000
Letto 168 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. DIPENDENTI E MEDICI DEL CENTRO DIAGNOSTICO FIUMARA IN QUARANTENA.

    Dipendenti e medici che operano al centro diagnostico Fiumara di Santa Teresa di Riva in quarantena dopo che uno dei medici è risultato positivo al Covid-19.

    Si tratta di un anestesista che mercoledì ha svolto servizio presso il centro diagnostico di Fiumara. L'uomo fa parte della comitiva tornata pochi giorni fa da una gita a Madonna di Campiglio. Il caso era scattato ieri quando una persona si era presentata  all'ospedale Papardo con sintomi da Codiv 19 risultando poi positivo. Immediata e' scattata la ricerca di tutti quelli avevano avuto contattati con lui. Era così emerso il caso di una comitiva tornata dalla settimana bianca che aveva però disatteso le direttive del Dpcm. Nessuno di loro si era infatti autodenunciato e messo in quarantena.

    Il sindaco di Santa Teresa di Riva lo ha annunciato su facebook:

    “Tutti i dipendenti dopo le opportune comunicazioni, sono posti in stato di quarantena insieme ai familiari, così come anche è stato trasmesso sia a noi che all’Asp l’elenco delle persone che sono state visitate che abbiamo contattando per mettersi anche loro in quarantena. Ho chiesto, prosegue Lo Giudice, anche l’elenco di tutte le persone che mercoledì sono state presso il centro diagnostico al fine di porre anche loro in stato di quarantena in via precauzionale, benché non siano entrate direttamente in contatto con il medico. AL DI LÀ DI QUESTO, COME VEDETE IN UN ATTIMO SI PUÒ SCATENARE UN PUTIFERIO.NON È UN GIOCO, NON PENSATE CHE QUESTA SITUAZIONE RIGUARDI ALTRI E NON NOI PERCHÉ IN UN ATTIMO PUÒ DIVENTARE LETALE PER TUTTI.DOVETE RIMANERE A CASA, NON DOVETE USCIRE.”

  • SANTA TERESA DI RIVA. 72 LE PERSONE RIENTRATE DA ALTRE REGIONI IN QUARANTENA PREVENTIVA

    Sono 72 ad oggi i cittadini di Santa Teresa di Riva che si sono registrati sul portale https://www.siciliacoronavirus.it/ per segnalare il proprio ritorno nel comune jonico.

    Come da ordinanza del presidente della regione Siciliana del 13 marzo scorso tutti i soggetti residenti o domiciliati nell’intero territorio regionale che vi facciano rientro da altre regioni o dall’estero devono comunicare tale circostanza al Comune, al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali, di spostamento e di viaggi.

    “Ad oggi, spiega il primo cittadino di Santa Teresa di Riva Danilo Lo Giudice, sono 72 le persone che si sono registrate sul portale dedicato ed hanno comunicato la loro presenza nel nostro comune. Sono tutte in quarantena volontaria preventiva. La situazione viene monitorata costantemente dalla polizia municipale che vigila sull’effettiva osservanza della quarantena da parte di tutti i soggetti.”

    Chiunque sia rientrato in questi giorni da altre regioni d’Italia o dall’estero ha l’obbligo di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza e di registrarsi presso il sito web www.siciliacoronavirus.it. Nel caso in cui l’appartamento non goda di stanza isolata con bagno annesso ad esclusivo utilizzo, i familiari conviventi debbono sottostare, con le medesime modalità, all’obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario.

     I soggetti che fanno ingresso nel territorio regionale per comprovate esigenze lavorative, purché rientranti tra quelle espressamente consentite dal DPCM dell’11 marzo 2020, devono adottare tutte le misure previste per il contenimento del contagio da COVID-19 dalla normativa nazionale e regionale.

     “Monitoriamo costantemente la situazione, rassicura Lo Giudice. Ognuno, conclude, faccia la propria parte restando a casa ed osservando quanto previsto dai vari decreti.”

  • SANTA TERESA DI RIVA. IL COMUNE ATTIVA LA CONSEGNA A DOMICILIO DI BENI DI PRIMA NECESSITÀ PER GLI ANZIANI
    Il Comune di Santa Teresa di Riva ha attivato il Servizio di consegna a domicilio di beni di prima necessità (generi alimentari e farmaci), rivolto a tutti gli anziani della comunità che non abbiano il supporto da parte di parenti o conoscenti.
    In questo particolare momento di emergenza è stato predisposto questo servizio per tutelare particolarmente gli anziani evitando loro di uscire di casa.
    Si invitano quanti avessero necessità di questo supporto a telefonare all’Ufficio Servizi Sociali da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 ai numeri:
    CELL: 347 638 3123
    TEL: 0942/7861214
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI