Il Parco Naxos Taormina al TourismA di Firenze con il Gotha dei siti italiani

Il Parco Naxos Taormina al TourismA di Firenze con il Gotha dei siti italiani In evidenza

Il Parco Archeologico Naxos Taormina nel Gotha dei grandi parchi italiani riuniti a Firenze per TourismA, il salone dell’archeologia e del turismo culturale che dal 21 al 23 febbraio vedrà addetti ai lavori, tour operator e agenzie di viaggio specializzate in itinerari monumentali, artistici e paesaggistici nella penisola.

Sabato 22 febbraio, infatti, nel corso del convegno “A spasso nel tempo”, il direttore del Parco Naxos Taormina, l’archeologa Gabriella Tigano - introdotta da Giuseppe Parello, dirigente del Servizio Parchi e Siti Unesco della Regione Siciliana che illustrerà la rete dei parchi nell’isola - interverrà sui nuovi percorsi di valorizzazione e i progetti in fieri confrontandosi con i vertici dei maggiori siti italiani, fra i quali la direttrice del Colosseo (Alfonsina Russo), del Parco di Ercolano (Francesco Sirano), della Fondazione RavennAntica (Giuseppe Sassatelli); del Parco Archeominerario di San Silvestro Parchi di Val Cornia, in Toscana (Debora Brocchini). Con il Teatro Antico di Taormina, il Parco si è piazzato al settimo posto - preceduto dalla Valle dei Templi di Agrigento, al sesto - nella classifica dei primi dieci monumenti con il maggior numero di visitatori in Italia nel 2019.

Tre gli appuntamenti a TourismA per il Parco Naxos Taormina, presente nello stand della Regione Siciliana: si tratta di due convegni d’impronta scientifica preceduti, venerdì 21, dal workshop sul turismo culturale durante il quale i funzionari del Parco incontreranno decine di buyers dei tour operator per far conoscere l’offerta dei vari siti insieme al patrimonio paesaggistico e naturalistico del territorio, che già dal Settecento era meta turistica del Grand Tour per l’aristocrazia europea.

Spiega la Tigano: “Dopo Paestum continuiamo l’attività di promozione del patrimonio archeologico e culturale di questa parte della Sicilia e che include tutta l’offerta del comprensorio jonico e del suo entroterra. Nella relazione generale di sabato 22 racconteremo come il Parco prosegua il suo processo di rinnovamento e adeguamento ai tempi. Da un lato lavoriamo alla realizzazione del Polo Culturale di Naxos che avrà il suo fulcro nel Castello di Schisò, spazio dedicato non solo alla collezione archeologica di Naxos (prima colonia dei greci in Sicilia) ma anche alla storia stessa di questo edificio la cui realizzazione ha consentito nei secoli sia di preservare l’area archeologica dai periodici tentativi di urbanizzazione, sia di custodire, in riva al mare, un’incredibile oasi di verde, un polmone naturale per la città e i suoi turisti. Annunceremo l’apertura ormai imminente degli spazi espositivi di Francavilla di Sicilia (Palazzo Cagnone) e Taormina (Palazzo Ciampoli). E spiegheremo come, grazie a iniziative culturali di spessore e l’uso dei linguaggi multimediali, cerchiamo di coinvolgere nuove fasce di pubblico: penso alle passeggiate archeofilosofiche della prima domenica del mese, le lezioni di greco antico o, il 25 marzo al DanteDì insieme con il Mibact, tutte attività stimolate dalla collaborazione proficua con NaxosLegge; ma anche iniziative assolutamente inedite e rivolte ai giovani come la rilettura contemporanea delle tragedie classiche che, nel prossimo mese di maggio, trasformerà l’area archeologica di Naxos in un piccolo teatro all’aperto per gli studenti. Fra i progetti in fieri anche un catalogo multimediale per la visita virtuale di tutti i siti”.

Domenica 23 febbraio, per il convegno dedicato alla “Sicilia Archeologica”, dopo l’introduzione di Parello, il direttore Gabriella Tigano spiegherà come, nell’ambito del sistema regionale, il parco di Naxos Taormina, per sua natura un parco a rete, diffuso e diacronico, documenti una continuità di vita dalla preistoria ad oggi che pochi altri parchi possono vantare in un territorio amatissimo per i suoi eccezionali paesaggi: dal mare all'entroterra”. Al convegno partecipano anche Calogero Rizzuto (direttore del Parco Archeologico di Siracusa), Valeria Li Vigni (Soprintendente del Mare) e Maria Giovanna Tornabene (Dirigente del Servizio Gestione Fondi Extraregionali).

000
Letto 233 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Ferragosto, oltre 6600 visitatori nel Parco Naxos Taormina

    Con 6.631 visitatori nel weekend di Ferragosto, incluso il tour serale del 16 nel Teatro Antico di Taormina con 620 persone a godersi il monumento al chiar di luna fino a mezzanotte, il Parco archeologico Naxos Taormina frena l’emorragia di presenze causata dal covid nello storico comprensorio turistico della Perla dello Jonio. Si ferma infatti a -15% la riduzione di presenze rispetto agli stessi giorni del 2019, quando 7.857 visitatori avevano animato i siti monumentali del Parco Naxos Taormina, primo polo turistico in Sicilia per numero di posti letto, alberghi di lusso, strutture balneari e per l’offerta culturale che esprime con tesori d’arte, del paesaggio e prestigiose proposte di svago.

    Sempre nei siti del parco, poi, un’analisi comparata dei flussi di presenze nei primi 16 giorni di agosto 2020 vede una riduzione di presenze nei tre siti monumentali circoscritta al -30%. Dall’1 al 16 agosto 2020, infatti, sono stati 46.538 gli ingressi al Teatro Antico, Isola Bella e Naxos. Nel 2019, negli stessi giorni in esame, erano stati 66.588. I dati sono forniti da Aditus, gestore dei servizi di biglietteria del Parco.

    Gabriella Tigano, direttrice del Parco Naxos Taormina, commenta: “Questi numeri ci confermano che, nonostante la riduzione dei flussi storici di turisti dagli Usa e più di recente dall’Estremo Oriente per le limitazioni imposte da Covid, l’offerta culturale di Taormina e Naxos è sempre di grande appeal non solo per gli stranieri, ma anche per il cosiddetto turismo di prossimità. Un dato incoraggiante per il territorio e gli addetti ai lavori del settore turistico. Da parte nostra, insieme a tutto lo staff di custodi e addetti che ringrazio per l’impegno costante, lavoriamo per rendere fruibili quanto più possibile i siti: in particolare il Teatro Antico nelle ore serali, le più fresche e dunque più gradite dai turisti in questa stagione di caldo torrido. Prossime aperture notturne del progetto “A riveder le stelle”, il 28 e il 30 agosto” mentre sono in fase di ultimazione alcune iniziative culturali legate al progetto “Comunicare l’Antico” realizzato in collaborazione con NaxosLegge e Fulvia Toscano che vedranno il parco teatro di un incontro istituzionale fra gli addetti ai lavori di musei e parchi in Sicilia”.

    I siti del Parco Naxos Taormina sono aperti ogni giorno dalle 9 alle 19. Per le visite serali al Teatro Antico di Taormina del 28 e 30 agosto il sito sarà visitabile con orario continuato dalle 9 del mattino e fino alla mezzanotte. L’ultimo ingresso sarà alle ore 23. Occorre prenotarsi sul sito di Aditus, gestore della biglietteria del Parco, su www.aditusculture.com oppure su www.parconaxostaormina.com.  L’ingresso è consentito solo con mascherina e dopo la verifica della temperatura corporea con il termoscanner ai tornelli.

  • Parco Naxos Taormina con 39.000 visitatori. La prima domenica gratis di agosto registra 3146 presenze nei tre siti

    Con quasi 39.000 visitatori (38.953) nel mese di luglio 2020 nei tre siti del Teatro Antico di Taormina, Isola Bella e Naxos, il Parco Archeologico Naxos Taormina diretto dall’archeologa Gabriella Tigano sigla positivamente il primo mese cruciale della difficile estate 2020 post Covid anche se la lettura dei dati, forniti da Aditus – concessionaria dei servizi di biglietteria – va relativizzata al particolare momento storico post lockdown.

    Se infatti il dato complessivo di luglio nei tre siti ha registrato ben 38.953 presenze e conferma una crescita esponenziale (+178%) su giugno 2020 (quando si erano fermate a 13.981), evidenzia al contempo una flessione del -61% rispetto alla stagione felice del luglio 2019, quando i visitatori del Teatro Antico, del Museo di Naxos e dell’Isola Bella sono stati 100.549.

     Ieri, domenica 2 agosto, in occasione della consueta prima domenica del mese con ingresso gratuito promossa dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali della Regione Siciliana - nonostante il caldo torrido che invogliava a dilungarsi in riva al mare in quelle baie che, nel 735 a.C., furono il primo approdo in Sicilia dei coloni giunti dalla Grecia - i visitatori dei tre siti sono stati complessivamente 3.639. Crescita considerevole (+ 70%) rispetto alla prima domenica del mese di luglio quando complessivamente erano stati 2.138. I siti del Parco Archeologico Naxos Taormina sono aperti tutti i giorni dalle 9 alle 19 e alla biglietteria del Teatro Antico è disponibile il servizio di visita accompagnata a cura di Civita Sicilia, concessionaria dei servizi museali per i siti del Parco Naxos Taormina.

     Per accedere è necessario prenotarsi sul sito aditusculture.com o su www.parconaxostaormina.com. I visitatori, rispettando le distanze prestabilite, potranno accedere ai siti solo muniti di mascherina e, prima di arrivare ai tornelli, sarà misurata loro la temperatura con un termoscanner impedendo l’ingresso se questa supera i 37,5°. 

     

  • TAORMINA. “A riveder le stelle”, tornano le visite serali al Teatro Antico

    Dopo i numeri favorevoli di visite nel mese di giugno, con l’apertura post-covid del Teatro Antico in fascia pomeridiana dal tramonto e fino a sera, a Taormina torna per quasi una settimana dal 10 al 16 luglio “A riveder le stelle”, iniziativa voluta dal direttore del Parco Naxos Taormina, l’archeologa Gabriella Tigano, che propone visite in notturna per godere degli spazi e della conoscenza del monumento nelle ore più fresche della stagione estiva, conciliando così la vacanza al mare con la scoperta dei beni culturali del Parco. Un invito a contemplare sotto le stelle il silenzio millenario del teatro, il paesaggio dominato dall’energia dell’Etna, dalle luci della baia di Schisò e, più di recente, dall’illuminazione artistica del Tricolore, omaggio all’Italia, che già nei giorni della quarantena è stato un incoraggiamento a guardare con speranza e ottimismo al futuro.

    Dal 10 al 16 luglio il Teatro Antico sarà dunque visitabile con orario continuato dalle 9 del mattino e fino alla mezzanotte. L’ultimo ingresso sarà alle ore 23. Occorre prenotarsi sul sito di Aditus, gestore della biglietteria del Parco, su www.aditusculture.com oppure su www.parconaxostaormina.com

    L’ingresso è consentito solo con mascherina e dopo la verifica della temperatura corporea con il termoscanner ai tornelli.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI