FULVIA TOSCANO NELLA GIURIA CHE DESIGNERÀ LA CAPITALE ITALIANA DEL LIBRO 2021. IL SUO NOME SCELTO DALLA CONFERENZA DELLE REGIONI

FULVIA TOSCANO NELLA GIURIA CHE DESIGNERÀ LA CAPITALE ITALIANA DEL LIBRO 2021. IL SUO NOME SCELTO DALLA CONFERENZA DELLE REGIONI In evidenza

La siciliana Fulvia Toscano farà parte della giuria nazionale che dovrà designare la città Capitale italiana del libro per il 2021: rappresenterà la Conferenza delle Regioni in seno alla giuria. Il nome della professoressa Toscano era quello proposto dalla Regione Siciliana e la sua nomina a componente della prestigiosa Giuria è stata approvata all’unanimità dai rappresentanti della Commissione Beni e Attività Culturali della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.
La Giuria, composta da cinque esperti di chiara fama, dovrà designare la Città che nel 2021 saprà distinguersi per le attività di promozione sulla lettura. Dei membri della giuria tre sono designati dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, di cui uno con funzione di Presidente, uno è designato dalla Conferenza Stato-Regioni-Autonomie locali e uno dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Si tratta di un incarico che sarà svolto a titolo gratuito.
La professoressa Fulvia Toscano, da sempre impegnata in un’ampia attività di promozione del libro, ha curato negli anni molteplici iniziative culturali dedicate alla lettura, dirige il festival Naxoslegge che quest’anno è giunto alla sua decima edizione e ha fondato la rassegna di cultura classica Extramoenia.
“Si tratta di un grande risultato – sottolinea l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – perché le regioni italiane, con questa nomina, hanno riconosciuto l’impegno della Regione Siciliana nella promozione della lettura e dei libri e il valore di una donna, attenta osservatrice dei fenomeni culturali e organizzatrice di prestigiose iniziative volte alla diffusione della cultura del libro”.
000
Letto 309 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. LA GRECIA NECESSARIA. DA UN' IDEA DI FULVIA TOSCANO UN CORSO GRATUITO DI GRECO ANTICO

    Da un' idea di Naxoslegge e Archeoclub Naxos-Taormina, grazie alla collaborazione e disponibilità del Parco archeologico di Naxos, prenderà avvio, da Novembre 2018, un corso gratuito di greco antico, aperto a quanti ( diplomati) vogliano approcciare per la prima volta la lingua greca. Il corso, a cadenza settimanale, sarà tenuto dalla prof.ssa Fulvia Toscano e mira, come lei stessa afferma, " a favorire, attraverso un percorso morfo sintattico di base, la conoscenza di un lessico essenziale per la definizione di categorie e concetti che dovrebbero esserci familiari, che costituiscono l impalcatura delle nostre idee di città, di politica, di arte, di storia. Lo studio della lingua greca sarà occasione per approfondire aspetti della civiltà classica. Ci sembra questa una bella sfida che parte proprio dalla prima colonia greca di Sicilia. Una sfida a un pensiero omologato e unilaterale, che forse considera inattuale una proposta come la nostra. Ma l’inattualità ci piace e ci interessa. E poi nulla è più attuale del pensiero greco. Proveremo a dimostrarlo". Da ciò la scelta del titolo La Grecia necessaria, in quanto il corso, come detto dalla Toscano, non sarà solo un progetto linguistico ma mirerà ad avvicinare, in modo consapevole, alla cultura greca classica quanti abbiano voglia di scoprirla, apprezzandone a fondo l' unicità e la importanza.

    Le iscrizioni potranno effettuarsi o a mezzo mail ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o telefonando ai numeri 3289657939( sig.ra Katia Di Blasi per Archeoclub Naxos-Taormina) e 3936025554( prof.ssa Fulvia Toscano, Naxoslegge), entro e non oltre il 10 novembre.

    Il corso, che prenderà avvio il 14 novembre, si concluderà nel mese di maggio 2019.

  • GIARDINI NAXOS. LE DONNE NON PERDONO IL FILO. DONNE CHE PARLANO DI DONNE

    Ancora un altro importante appuntamento  nell’ambito di Naxoslegge organizzato da Fulvia Toscano.

    Nella splendida cornice del Lido di Naxos  è stato presentato il libro della giornalista e scrittrice siciliana Ester Rizzo Le ricamatrici”.

    Una storia vera degli anni Settanta accaduta a Santa Caterina Villarmosa, piccolo centro in provincia di Caltanissetta, che ripercorre le vicissitudini di un gruppo di ricamatrici, guidate da Filippa Rotondo (nella realtà storica Filippa Pantano) e le sue figlie, da sempre sfruttate da committenti e intermediari, che decise di mettere fine alle angherie subite e di iniziare a reclamare i propri diritti di donne e di lavoratrici. 

    La presentazione del romanzo di Ester Rizzo è stata  curata dalla dott.ssa Mariada Pnasera ed ha rappresentato lo spunto per un confronto tra le donne professioniste che hanno accettato l’invito di Fulvia Toscano a raccontarsi e a fare il punto sulla condizione attuale delle donne nei vari ambiti di competenza.

    La prof.ssa Marinella Fiume, scrittrice e storica delle donne, la prof.ssa Giusi Liuzzo, pres. Archeoclub Catania e consigliera nazionale, la dott.ssa Maria Pia Luca', pres. Ass. Altra Metà, la dott.ssa Fina Maltese, consigliera di parità prov. Trapani e Resp. Ugl Sindacato prov. Messina settore pari opportunità, la dott.ssa Mimma Nucifora, dirigente neuro psichiatria ospedale San Vincenzo di Taormina, e la dott.ssa Marina Trimarchi, fisico e ricercatrice dell’Università Messina.

    Queste le donne che si sono confrontate raccontando la loro esperienza, fotografando la situazione oggi nel mondo del lavoro.

    Testimonianze ricche di spunti di riflessione dalle quali è emersa una grande verità: la forza delle donne risiede nell’essere donna.

    E se pure è vero che ancora molto deve essere fatto bisogna evidenziare i risultati ottenuti fino ad oggi. Diritti acquisiti, grazie anche alle battaglie delle ricamatrici di Ester Rizzo, che oggi vanno difesi.

    Per gli studenti e le studentesse presenti un importante momento di crescita. Un occasione per confrontarsi con modelli positivi di donne che ogni giorno lavorano per l’affermazione di diritti e la costruzione di una società civile responsabile ed equa.

  • NAXOSLEGGE. PREMIO LA TELA DI PENELOPE AI SAPERI DELLE DONNE A LILIANA CAVANI

    Nell' ambito della VIII edizione di Naxoslegge, dedicata al tema CustoDire la Bellezza, si rinnova l appuntamento con il Premio La tela di Penelope ai Saperi delle donne, giunto alla sua V edizione. Sabato 22 settembre, nello splendido scenario di Villa Garbo, la dimora che fu della "divina", sarà insignita del riconoscimento la regista Liliana Cavani, reduce da Venezia dove ha ricevuto il prestigioso premio Bresson.

    Come spiegano Fulvia Toscano, dir artistico di Naxoslegge, e Marinella Fiume, coordinatrice della sezione della rassegna dedicata all' universo femminile, il "premio nasce per dare un riconoscimento a quelle donne che, in vari ambiti, si sono distinte ed affermate con il loro "sapere". Se lo scorso anno sono state protagoniste donne di teatro, per questa V edizione abbiamo scelto il cinema e crediamo che la presenza di Liliana Cavani, regista di film imperdibili come Il portiere di notte, Francesco, Il gioco di Replay, e tanti tanti altri, sia un momento di straordinario confronto con una delle voci più significative e autentiche del cinema internazionale, anche per il suo essere assolutamente estranea a logiche di moda e di mercato e per la sua capacità di proporre un cinema dai temi forti e provocatori".

    All' incontro, reso possibile dal supporto della Fineco Bank, nella persona di Daniela Alessandro e di Villa Garbo, con la supervisione di Maria Rita Sabato, con la Cavani interverranno Mario Falcone, scrittore e sceneggiatore, tra l'altro di fiction televisive per la regia della stessa Cavani; la nota giornalista Maria Lombardo, penna di punta delle pagine culturali de La Sicilia e il prof. Ignazio Vasta, presidente regionale del Centro Studi cinematografici e dir. artistico del Festival del cinema per ragazzi di Giardini Naxos. 

    Come ancora ribadisce Fulvia Toscano " anche questo premio, come l’intero programma del festival, nasce nello spirito di assoluta condivisione, soprattutto con altre associazioni del territorio e, nella fattispecie, con l' Altra metà, con cui da anni si lavora in sinergia per far crescere una più consapevole sensibilità nei confronti del mondo delle donne". Il premio che sarà consegnato alla Cavani è un manufatto artistico, opera del maestro riminese Alessandro La Motta che, da anni, collabora con Naxoslegge nella realizzazione di mostre, tra cui quella dedicata alla Lighea di Tomasi di Lampedusa e la mostra, che sarà inaugurata il 27 settembre a Messina, alla Galleria di arte moderna e contemporanea, dedicata a Quasimodo traduttore dei Lirici greci.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI