UNITRE. LEZIONE DELL'ARCHITETTO COGLITORE SU FATTI E PERSONAGGI DI MISSERIO

UNITRE. LEZIONE DELL'ARCHITETTO COGLITORE SU FATTI E PERSONAGGI DI MISSERIO In evidenza

Le antiche origini di Misserio, la storia, gli aneddoti più curiosi e i personaggi del tempo, in particolare il missionario salesiano Santi Mantarro, sono stati al centro dell’ultima lezione dell’Università delle Terza Età di S. Teresa di Riva, tenuta dall’architetto e storico locale Salvatore Coglitore. Nell’aula magna della Scuola elementare “F. Muscolino” i soci dell’Unitre e diversi cittadini provenienti anche dai centri limitrofi hanno avuto modo di conoscere e approfondire la storia della frazione santateresina e le sue peculiarità. Come spiegato dall’arch. Coglitore il toponimo Misserio risalirebbe risale all'epoca romana, quando popolazioni provenienti dalla città di Messina si spinsero tra i Monti Peloritani dando vita a Missaniorum Pagus, il villaggio dei messinesi. Altri studi datano la nascita della borgata al tempo della colonizzazione greca della Sicilia, quando venne dato il nome di Messarìa, ossia "tronco di leccio", col quale ancora oggi si denomina un borgo dell'isola greca di Santorini. Municipio della Baronia di Savoca fino al 1817, nel 1820 Misserio divenne frazione di Casalvecchio Siculo, fino a passare, nel 1928, sotto la giurisdizione di S. Teresa. Con il contributo di immagini e filmati d’epoca sono stati ripercorsi diversi decenni di storia locale, dai ritrovamenti di antichi reperti nella chiesa di San Vito a testimonianze dell’architettura del tempo ormai andate perdute, dai matrimoni alle feste paesane. Coglitore ha poi ricordato le antiche tradizioni e consuetudini di Misserio, come il pellegrinaggio alla Madonna del Tindari e le macchine che facevano la spola con i centri costieri. La lezione dell’Unitre è stata in buona parte dedicata alla conoscenza della vita del missionario salesiano Santi Mantarro, nato il 2 marzo del 1880 proprio a Misserio e scomparso nel 1971 a Shillong, capitale dello stato indiano dell'Assam. Mantarro, a cui verrà intitolata la piazza Chiesa Nuova, operò in India sin dal 26 dicembre del 1929, ed era conosciuto come "muratore di Dio" per le grandi opere che contribuì ad edificare: la cattedrale, lo studentato, otto grandi chiese, numerose stazioni missionarie e persino l'ospedale di Shillong. La sua fama giunse anche ai palazzi del Governo – ha spiegato lo storico Coglitore, che ha ricostruito la vita e le opere del missionario – tant'è che quando nel 1940 l'Italia entrò in guerra e gli italiani in India vennero internati a Dehra Dun, nessuno osò toccare il salesiano Santi Mantarro. Dalla gente locale veniva considerato come uno di loro, un indiano. Visse in prima persona le vicende tristi e gioiose dell'Assam, partecipando alle angosce dell'invasione giapponese nell'agosto 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale. Di lui dicevano che lavorava anche di notte: rivedeva i conti, controllava le quote, migliorava i progetti. Non aveva altro tempo perché durante la giornata lavorava alle costruzioni, provvedeva alla cucina, impastava il cemento. Di sera era impegnato all'oratorio con i ragazzi e con la scuola di banda musicale, da lui fondata”. Pochi mesi prima di morire, frate Mantarro venne insignito per “benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari”, della Croce di Cavaliere della Repubblica Italiana, che gli fu appuntata al petto dal console italiano di Calcutta il 10 aprile del 1971. Diversi gli interventi dal pubblico: tra questi quello del maestro Santi Ucchino, originario di Misserio, che ha contribuito a ricostruire alcuni episodi storici ricordando altri aneddoti del passato. “Conoscere la nostra storia è fondamentale per affrontare il futuro – ha commentato in chiusura il presidente dell’Università delle Tre Età di S. Teresa di Riva – Santi Albano – e la cosiddetta cultura minore, o storia subalterna, non va assolutamente sottovalutata, perché ne siamo i protagonisti”. Le lezioni dell’Unitre riprenderanno dopo le festività pasquali: il prossimo appuntamento è in programma lunedì 13 aprile.

 

000
Letto 794 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Santa Teresa di Riva, senso unico alternato sulla strada provinciale 23 di Misserio

    La III Direzione "Viabilità Metropolitana" Servizio "Progettazione Stradale Zona Omogenea Ionica - Alcantara" ha disposto l'istituzione di senso unico alternato, regolato da impianto semaforico e di limitazione di velocità a 30 km/h, in prossimità del km 2+000 circa, lungo la strada provinciale 23 di Misserio, contrada Giardino, nel territorio del Comune di Santa Teresa di Riva. L'ordinanza, finalizzata ad evitare rischi e pericoli per la pubblica incolumità a persone e cose, ha decorrenza a partire dal 16 febbraio 2021 ed avrà la durata di mesi 4 consecutivi. La limitazione si è resa necessaria in quanto la ditta esecutrice dei lavori dovrà occupare parte della sede stradale con le operazioni di scavo inerenti al progetto finalizzato all'esecuzione degli interventi urgenti di Proiezione Civile conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni 24 e 25 novembre 2016 nel territorio della provincia di Messina. Il provvedimento di cui sopra é reso noto al pubblico mediante l’apposizione di idonea segnaletica locale.

  • Santa Teresa di Riva, consegnati i lavori sulla strada provinciale 23 di Misserio
    Sono stati consegnati stamane, alla ditta vincitrice dell’appalto, i lavori sulla strada provinciale 23 che riguarderanno la realizzazione delle opere di sostegno e del rifacimento del piano viabile ai chilometri 3+550 e 5+700.
    L'importo complessivo del progetto, redatto dalla III Direzione "Viabilità Metropolitana" Servizio "Progettazione stradale - Zona omogenea Jonica - Alcantara" della Città Metropolitana di Messina, ammonta a 595.587,34 euro, l’importo complessivo dei lavori, al netto del ribasso d’asta del 35,3500%, è di 318.512,82 euro.
    Gli interventi si sono resi necessari a causa degli eventi atmosferici che hanno determinato il cedimento di una porzione del muro, lungo circa 30 metri, di notevole altezza che sostiene la strada provinciale 23 e che funge da argine del latistante torrente, causando un notevole restringimento della sede stradale esistente, con il conseguente rischio di isolamento della frazione di Misserio.
    I principali lavori, da effettuare nell’arco di cinque mesi, consistono nelle seguenti esecuzioni: sistemazione dell’alveo del torrente, limitatamente alla zona immediatamente vicina all’intervento, al fine di distanziare il corso dell’acqua dalla zona delle lavorazioni da effettuare; realizzazione del muro in cemento armato a sostegno della sede stradale, realizzato su pali di fondazione trivellati; rifacimento della porzione di sede stradale con il ripristino delle dimensioni geometriche della stessa, precedenti lo smottamento verificatosi; messa in opera del guard rail a protezione della sede stradale, rifacimento del manto bituminoso nella zona di intervento e della segnaletica orizzontale.
    Il Responsabile Unico del Procedimento è l'ing. Rosario Bonanno, il Progettista e Direttore dei Lavori l'ing. Giovanni Lentini, i Responsabili del Servizio Progettazione stradale - Zona omogenea Jonica - Alcantara, geometri Giovanni Pinto e Pasquale Chiaia, il Collaudatore statico delle strutture l'ing. Carmelo Battaglia.
     
  • Santa Teresa di Riva, chiusura al transito della strada provinciale agricola Misserio - Fautarì

    La 3^ Direzione "Viabilità Metropolitana" Servizio "Manutenzione viabilità zona omogenea Jonica-Alcantara", con ordinanza n. 23 del 2 dicembre 2020, ha disposto la chiusura al transito veicolare sulla strada provinciale agricola Misserio - Fautarì, ricadente nel Comune di Santa Teresa di Riva.

    La disposizione è stata emanata vista l'urgenza di intervenire sulla S.P.A. Misserio - Fautarì, con interventi di messa in sicurezza in vari tratti del piano viabile.

    Durante la chiusura del tratto interessato dai lavori, il transito veicolare sarà dirottato sul percorso alternativo costituito dalla strada provinciale 19/bis Casalvecchio - Fautarì - S. Carlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI