LO STRETTO DI MESSINA IN CONCORSO GRAZIE AGLI STUDENTI DEL LICEO “FELICE BISAZZA”

LO STRETTO DI MESSINA IN CONCORSO GRAZIE AGLI STUDENTI DEL LICEO “FELICE BISAZZA” In evidenza

L’istituto di Istruzione Superiore Felice Bisazza di Messina partecipa al I° Concorso Nazionale 'Il paesaggio: leggi, guarda, pensa, posta' organizzato dall’Istituto della enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca. La finalità del concorso è di offrire agli studenti un'occasione per conoscere, apprezzare, tutelare e salvaguardare il paesaggio italiano attraverso lo studio di parole e di testi, che assumano rilevanza per il loro valore formale, storico ed estetico. Ciascuna classe doveva realizzare un percorso di studio partendo da un testo storico, una poesia, un testo narrativo o da una semplice parola del vocabolario italiano, capace di  descrivere, rappresentare o evocare luoghi della cultura come siti archeologici, aree paesaggistiche e musei. Gli studenti del liceo Felice Bisazza coordinati dalla prof.ssa Daniela Bombara hanno scelto di raccontare lo Stretto e il suo mare risplendente…partendo da qui….

«Il sole tramontò quattro volte sul suo viaggio e alla fine del quarto giorno, che era il quattro di ottobre del millenovecentoquarantatre, il marinaio, nocchiero semplice della fu regia Marina ‘Ndrja Cambrìa arrivò al paese delle Femmine, sui mari dello scill’e cariddi.» 

Questo è il noto incipit di “Horcynus Orca” romanzo del 1975 di Stefano D’Arrigo, dove si narra il ritorno a casa di un marinaio chiamato Andrea Cambrìa; egli, per ricongiungersi alla sua terra, attraversa lo stretto di Messina. “ Abbiamo preso come oggetto della nostra ricerca, spiegano i giovani studenti, questo luogo dove dimensione storica e mitica s’intrecciano per costituire un sito geografico di grande valenza identitaria, simbolicamente posto fra Oriente e Occidente, antico e moderno insieme. Il nostro percorso parte infatti dalle trasfigurazioni letterarie dello Stretto, come zona del rischio e del coraggio – Scilla e Cariddi -, per evidenziare la più concreta dimensione economica di un mare dove sin dai tempi antichi si pratica la pesca del pesce spada, attività oggi meno valorizzata di quanto si potrebbe. La nostra scelta, proseguono,  nasce anche da un interesse specifico: il liceo a cui apparteniamo è intitolato ad un poeta messinese dell’Ottocento, Felice Bisazza, che nelle sue ballate ha esaltato lo Stretto, la sua calma bellezza o, al contrario, l’ angosciante tempestosità, fornendo inoltre una versione particolarmente toccante della leggenda di Colapesce.” Il video è in concorso. Chiunque potrà visitare la pagina del sito Treccani dedicata al Concorso “Il paesaggio: leggi, guarda, pensa, posta” (www.treccani.it/concorsotreccanimiur) ed esprimere il proprio gradimento, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalle piattaforme socialmediali, condividendo coi propri social network i contenuti proposti dai contributori. Sarà possibile votare i lavori attraverso i social network previsti e presenti sul sito del concorso, dal 14 novembre 2014 al 25 maggio 2015.

 QUESTO IL LINK 

http://www.treccani.it/concorsotreccanimiur/video.html?page=3

 

000
Letto 1873 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. IL PROF. FRANCESCO POMPONIO IN CATTEDRA PER UNA GIORANTA DI APPROFONDIMENTO AL LICEO CLASSICO

    Un nuovo appuntamento culturale, organizzato dal Dipartimento di Lettere del Liceo Classico dell’Istituto Caminiti-Trimarchi, ha visto coinvolti gli alunni delle classi ginnasiali. Gli studenti, nel laboratorio multimediale del liceo, hanno, infatti, incontrato il Prof. Francesco Pomponio, ordinario di Assiriologia e Storia del Vicino Oriente Antico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina e presso il Pontificio Istituto Biblico di Roma. Attraverso immagini esplicative, il prof. Pomponio ha tenuto una interessante lezione sui vari aspetti della vita quotidiana delle civiltà vissute tra il Tigri e l’Eufrate nei millenni precedenti la nascita di Cristo che si snodano fino al 5000. Il professore, con un linguaggio chiaro e incisivo, ha saputo coinvolgere gli studenti, illustrando in modo efficace la nascita della città in Mesopotamia, il rapporto degli abitanti con le diverse divinità e gli effetti che vittorie o sconfitte in campo militare determinavano sulla produzione artistica del tempo come steli o bassorilievi. Particolare interesse ha suscitato, negli alunni, la cosiddetta “Stele degli Avvoltoi” che celebra una vittoria della città di Lagash sulla vicina Umma. Il monumento, esposto al Louvre, mostra su un lato il signore della città vincitrice, che guida una falange di soldati in battaglia e i nemici calpestati sotto i loro piedi. Sopra aleggiano alcuni avvoltoi (da qui il nome della stele) che tengono nei becchi le teste mozzate dei nemici. Al termine dell’incontro il Prof. Pomponio ha risposto volentieri alle domande poste dagli studenti che, con curiosità e interesse, hanno dato vita ad un animato dibattito.

  • SANTA TERESA DI RIVA. STUDENTI E MIGRANTI A CONFRONTO SUI TEMI DELL’INTEGRAZIONE E DELL’ACCOGLIENZA

    Pensare e fare quotidianamente integrazione interculturale è stato il tema dell'incontro dal titolo "Storie migranti" che si è svolto presso il Liceo Classico di Santa Teresa di Riva, grazie alla collaborazione con gli operatori del Consorzio Calatino, Società Cooperativa Sociale ONLUS, Ente gestore di molti centri di accoglienza siciliani, compreso il C.A.R.A. di Mineo.
    Per gli alunni delle classi I B, II B e IIIC è stata un'opportunità significativa per imparare, direttamente da chi opera nel settore, come in Italia si affronta il problema della prima e della seconda accoglienza degli extracomunitari, che hanno la fortuna di arrivare vivi nel nostro Paese.

    Carmelo Brazzante, coordinatore dello SPRAR (Sistema di Protezione per i Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Calatabiano ha spiegato la differenza con il C.A.R.A., il Centro di Accoglienza immediata per Richiedenti Asilo in attesa dell’esito della procedura di richiesta della protezione internazionale, nel quale l' ospitalità non dovrebbe eccedere i 35 giorni, oltre i quali il richiedente asilo dovrebbe ricevere un permesso di soggiorno della durata di tre mesi, rinnovabile di tre mesi in tre mesi fino alla definizione della richiesta di asilo.
    Gli SPRAR, invece, costituiscono una rete di centri di “seconda accoglienza” destinata ai richiedenti e ai titolari di protezione internazionale, ossia rifugiati, titolari di protezione sussidiaria o umanitaria. Si tratta di un Servizio Centrale, che opera attraverso centri locali gestiti dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), in seguito ad una convenzione stipulata con il Ministero dell’Interno. Qui i rifugiati usufruiscono di servizi quali assistenza sanitaria, assistenza sociale, attività multiculturali, mediazione linguistica e interculturale, orientamento e informazione legale, servizi per l’alloggio, servizi per l’inserimento lavorativo, servizi per la formazione.
    “In questo percorso, spiega l'assistente sociale Maria Rita Pafumi, ogni singola persona accolta viene seguita attraverso l’attivazione di un percorso individualizzato per renderla sempre più autonoma e in grado di badare a se stessa dal punto di vista della salute, dell'integrazione sociale e si spera anche lavorativa.”
    In tale ottica risulta fondamentale l'alfabetizzazione linguistica, almeno di livello A2, in quanto questi giovani, che provengono per lo più dall'Africa e dall'Asia, seppur abili a parlare almeno due lingue, non conoscono l'Italiano. Ecco perché la docente di Lingua italiana, Crivezia Prestandrea, ha illustrato il percorso di formazione linguistica che realizza ogni giorno presso lo SPRAR con l'obiettivo di insegnare le basi della nostra Lingua, importantissima per coloro che desiderano restare e ottenere il permesso di soggiorno e il ricongiungimento con i propri cari.
    Molto toccanti e autentiche esperienze di sacrificio e dolore le storie raccontate dai giovani presenti, che hanno lasciato i loro villaggi per sfuggire a persecuzioni, guerre, malattie e malnutrizione. Tutti hanno diritto a difendere la propria vita, ad evitare la morte e a coltivare il sogno di una vita migliore. “Noi siamo musulmani ma non siamo terroristi, noi fuggiamo dall'integralismo e dal fanatismo religioso, non dovete temerci, non rubiamo e non siamo violenti, dobbiamo tutti imparare a convivere nel rispetto reciproco, dobbiamo imparare a non generalizzare e a liberarci dai pregiudizi razziali.” Questo è stato il messaggio unanime espresso dai presenti agli studenti, che hanno condiviso pienamente nella consapevolezza che l' humanitas ci identifica tutti indistintamente nonostante le diversità somatiche, etniche, linguistiche e religiose, e che, come scriveva Seneca nell'epistola 47 ad Lucilium, " costui, che tu chiami schiavo, è nato dallo stesso seme, gode dello stesso cielo, respira, vive, muore come te! "

     

  • CASTELMOLA. GIORNATA FAI. GLI STUDENTI GUIDE PER UN GIORNO

    Anche per il 2015 si rinnova l'importante appuntamento con le mattinate del FAI dedicate alle scuole, con i ciceroni del FAI protagonisti che faranno da guida agli studenti delle altre scuole partecipanti. Il gruppo di Giardini Naxos Taormina, coordinato da Fulvia Toscano, propone come sito, per il 18 e 19 novembre, dalle ore 9.30 alle 13.00, il castello ubicato nello splendido borgo di Castelmola. Il 18 saranno ciceroni gli studenti delle classi 2AL e V A del liceo Caminiti di Giardini Naxos, guidati dai docenti Marisa Messina,Carmelina Longo e Fulvia Toscani, e il 19 gli studenti delle classi IVC e IV D dell'Istituto commerciale e turistico alberghiero Pugliatti di Taormina, coordinati dal prof. Roberti Litteri. Le classi sono state già protagoniste delle giornate di primavera 2015, nelle splendide locations di Casa Cuseni a Taormina e Palazzo Paladino a Giardini Naxos. L'importante appuntamento, realizzato anche grazie alla collaborazione e alla disponibilità della amministrazione di Castelmola, è aperto alle scuole di ogni ordine e grado, invitate a scoprire uno dei borghi più belli d'Italia e a conoscere il lavoro del FAI, finalizzato a custodire e promuovere la bellezza dei nostri patrimoni. La scuola diventa protagonista consapevole del proprio territorio, vera ed attiva officina di bellezza con gli studenti che si riappropriano della loro storia, raccontandola agli altri.
    Per info si può visionare il sito del FAI -SICILIA e contattare Fulvia Toscano, al 3936025554 o via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., per le prenotazioni della visita.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI