“ MITI, POETI, SOGNI, PITTORI E SANTI. LA RISCOPERTA DEL GENIUS LOCI NEL SOLSTIZIO D’ESTATE” . L’INIZIATIVA E’ DEL LIONS CLUB  DI LETOJANNI-VALLE D’AGRO’

“ MITI, POETI, SOGNI, PITTORI E SANTI. LA RISCOPERTA DEL GENIUS LOCI NEL SOLSTIZIO D’ESTATE” . L’INIZIATIVA E’ DEL LIONS CLUB DI LETOJANNI-VALLE D’AGRO’ In evidenza

Nella data del Solstizio d’Estate nel suggestivo sito della Basilica dei S.S. Pietro e Paolo d’Agrò, si è svolto il Convegno “ Miti,Poeti,Sogni,Pittori e Santi. La riscoperta del Genius Loci nel Solstizio d’Estate” organizzato da Lions Club Letojanni-Valle d’Agrò nell’ambito del Tema di Studio Distrettuale: “ La nostra storia: Cultura, Tradizioni e Risorse. Conosciamoli!Potenziali veicoli per una rinnovata crescita sociale ed economica.”, con il patrocinio della Regione Siciliana, Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e del Comune di Casalvecchio Siculo ed in collaborazione con Archeoclub Area Jonica Messina . L’evento ha avuto inizio con un omaggio in musica alla matrice islamica dell’architettura della Basilica: il brano di chitarra classica "Recuerdos de la Alhambra" di Francisco Tàrrega, eseguito dal maestro Alex Guglielmo . Un’anteprima del Savoca Guitar Festival che si svolgerà a Savoca dal 3 all’8 luglio. La celebrazione del Genius Loci è avvenuta mediante contributi dei relatori i cui interventi sono stati una delicatissima e a volte anche ardita opera di “scavo” percettivo tra brandelli di memorie, narrazioni, relazioni, identità. L’obiettivo del meeting era quello di offrire nuovi strumenti nelle mani dei cittadini e degli amministratori dei comuni della Valle, molti dei quali presenti, per la promozione del territorio e di valorizzazione dello stesso. Il primo contributo è stato dato dal presidente del Lions Club Letojanni Valle d’Agrò, l’arch. Ketty Tamà che nell’introduzione al convegno ha proposto un suo studio inedito sull’orientamento e sulla genesi costruttiva della Basilica, riferendola alle direzioni della levata del sole nelle date liturgicamente rilevanti nel periodo medioevale. Lo studio è basato su testi relativi alla luce nelle chiese di Siria e Sicilia dal V el XII secolo d.c. e sugli scritti del santo, teologo e filosofo, Dionigi l’Areopagita (V Sec.), ed è mirato a riscoprire il modo in cui la Basilica sia connessa all’orizzonte,al cosmo, ricostruendo il processo intellettivo della costruzione di un manufatto le cui pietre angolari ed i pilastri, lei ritiene, sono posizionati in relazione al moto apparente del sole. Il tema del Mito di Ulisse e l’ipotesi della piana dei Buoi del Sole sita nella Valle è stata affrontata dal geom. Santino Mastroeni col supporto dell’estro artistico e narrativo di Carlo Barbera, che ha recitato un brano della sua “Ulissea” e dei bozzetti dell’ “Odissea” del maestro Nino Ucchino con il suo sogno di un parco didattico lineare di venti sculture in acciaio che inizia dall’Arghenno Acron, Capo S. Alessio, e termina nel torrente Savoca. La tesi della piana del Buoi del Sole localizzata nella valle è sostenuta da diversi dati oggettivi: la presenza del luogo di ricovero per le navi rappresentato proprio da Capo S. Alessio e dalle sue grotte, la presenza delle numerose sorgenti naturali, il toponimo “Bucalo” del territorio santateresino. Il Tema del Sogno ha avuto per protagonista la figura del maestro Giuseppe Lombardo, raccontato dalle toccanti parole di un suo ex allievo, l’avv. Filippo Brianni che ha narrato la storia degli scavi di Scifì e della caparbietà di un uomo solo che difende il sogno della prima Basilica dei S.S. Pietro e Paolo d’Agrò, quella originaria, sita nell’altra sponda del torrente. Filippo Brianni ha difatto affidato, leggendo gli scritti del maestro Lombardo, la prosecuzione delle ricerche e degli studi a tutti coloro che intendano far propria la magia di questo sogno, a tutti coloro, amministratori compresi, capaci di comprendere che la sua stessa caparbia difesa può rappresentare un’occasione di sviluppo del territorio. Il Tema della Pittura è stato affrontato dall’archeologo Giuseppe Finocchio che ha ricostruito mediante ricerche iconografiche i legami della pittura locale con pittori di scuola antonelliana e con lo stesso Antonello da Messina. Sono stati affrontati in particolare la tematica del gonfalone perduto di Forza d’Agrò ed il quadro di S. Nicola sito nel Museo di Casalvecchio Siculo, dipinto nello stesso anno della morte di Antonello e caratterizzato da struttura compositiva che risente sicuramente della scuola del celebre artista messinese. Il Tema dei Santi ha visto don Francesco Broccio narrare l’esperienza di evangelizzazione della Valle da parte di S. Filippo d’Agira, santo di origine siriaca, taumaturgo ed esorcista ,attraverso il racconto dei riti e dei misteri della sua festa. Riti forse incomprensibili a chi disconosce quali siano gli elementi ideologici essenziali della cultura e dell’identità del territorio: Anthropos ovvero l’uomo nella sua realtà personale,Etnos ovvero la comunità, Kronos ovvero il tempo ,Oikos ovvero l’ambiente . Durante la serata che ha celebrato anche l’inizio del nuovo anno sociale del Lions Club Letojanni – Valle d’Agrò e la riconferma alla presidenza dell’arch. Ketty Tamà, è stato presentato il nuovo direttivo del club ed un nuovo, giovanissimo socio, Daniele Gully. Sono intervenuti a chiusura del convegno il Componente per la III Circoscrizione del Tema di Studio Distrettuale, arch. Andrea Donsì ed il Delegato di Zona 8, avv. Maria Elena Moschella. Ha concluso i lavori il II Vice Governatore Eletto del Distretto 108yb Sicilia, avv. Ninni Giannotta. L’auspicio è che il meeting diventi un appuntamento fisso del Solstizio d’Estate della Valle d’Agrò, che non ha certo esaurito in un solo pomeriggio il suo racconto dei Miti, dei Poeti, dei Sogni, dei Pittori e dei Santi che ne hanno fatto la storia, che ne costituiscono il Genius Loci.

000
Letto 1872 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Letojanni . Controlli dei Carabinieri. lavoratori in nero e varie irregolarità

    Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Taormina (ME) con il supporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Messina e dell’ASP di Taormina, hanno eseguito alcuni controlli agli esercizi commerciali nell’area di Letojanni finalizzati ad assicurare il rispetto delle norme igienico sanitarie e della normativa sul lavoro. I militari dell’Arma hanno effettuato diversi controlli ai locali pubblici di Letojanni con il personale specializzato, verificando anche la posizione lavorativa dei rispettivi dipendenti.

    I Carabinieri, presso un esercizio adibito alla somministrazione di cibi e bevande, hanno scoperto la presenza di un lavoratore in nero e hanno denunciato in stato di libertà il legale rappresentante per violazione della normativa relativa alla sicurezza sui luoghi di lavoro e al lavoro nero, in quanto oltre a non aver regolarizzato il lavoratore, avrebbe omesso di sottoporre i dipendenti a visita medica preventiva. Presso il medesimo esercizio sono state riscontrate anche delle gravi carenze igienico sanitarie ed il titolare è stato diffidato a procedere alla regolarizzazione nel termine di 5 giorni. Nei suoi confronti sono state elevate complessivamente sanzioni amministrative per un ammontare di circa 10.000 euro ed un’ammenda di circa 13.000 euro. Anche il titolare di un secondo esercizio pubblico, sulla scorta della verifica effettuata dai militari dell’Arma, si è reso responsabile di non aver sottoposto i propri dipendenti a visita medica preventiva e nei suoi confronti è scattata un’ammenda di oltre 6.000 euro.

    In caso di mancata regolarizzazione del lavoratore in nero e di mancato pagamento delle sanzioni, i titolari rischiano anche la sospensione dell’attività imprenditoriale.

     

  • LETOJANNI. Incidente SS114. Grave bimbo di 2 anni

    Questa notte intorno alle ore 1:30 i Vigili del fuoco del Distaccamento di Letojanni del Comando Provinciale Vf di Messina sono intervenuti per un incidente autonomo avvenuto sulla SS114 al confine tra Letojanni e Taormina. Sembra che la vettura, con a bordo 4 adulti e 4 bambini, sia andata ad impattare contro la barriera di protezione laterale e, conseguentemente all'urto, si è ribaltata. La squadra 4A, intervenuta tempestivamente con autopompa serbatoio e pick-up attrezzato, ha prestato soccorso ai feriti. Sul posto sono giunte quattro ambulanze del 118 e due pattuglie dei Carabinieri. Tutti gli occupanti dell'autovettura necessitavano di assistenza medica urgente e sono stati trasportati al pronto soccorso di Taormina e Messina. Le condizioni di uno di loro, un bimbo di due anni, sono apparse molto gravi ed è stato quindi messo in prognosi riservata al policlinico di Messina.

  • Letojanni. La comunità celebra San Giuseppe

    La comunità Letojannese si è stretta intorno al suo patrono San Giuseppe per festeggiarlo nel giorno della sua ricorrenza. Anche se in tono minore a causa delle restrizioni anti-Covid, un ricco programma religioso ha caratterizzato le celebrazioni in onore del Santo patrono del paese che è custode della Chiesa. I festeggiamenti sono stati preceduti dalla novena e culminati con il Triduo a lui dedicato conclusosi venerdì. Nel giorno di ricorrenza sono state celebrate due Sante Messe, presiedute dal parroco padre Francesco Giacobbe. Alla messa vespertina hanno partecipato anche le autorità civili e militari con in testa il sindaco di Letojanni Alessandro Costa e il comandante della locale stazione dei Carabineri Tony Zarrillo. Alla Celebrazione Eucaristica hanno inoltre presenziato anche i rappresentanti della Confraternita di San Giuseppe, della Fraternita di Misericordia San Giuseppe e del gruppo donatori di sangue Fratres e di altre associazioni locali. Durante l’omelia Don Giacobbe ha sottolineato ed esaltato la figura di San Giuseppe, uomo umile e concreto, un modello a cui tutti i fedeli dovrebbero ispirarsi per essere costruttivi ed operativi a beneficio della comunità. Anche il primo cittadino Alessandro Costa, oltre ad evidenziare la devozione dei letojannesi nei confronti del patrono ha rimarcato la necessità di un’unione fraterna e collaborativa tra la cittadinanza per ottenere obiettivi comuni. Al termine della Santa Messa avuto luogo il sorteggio dei premi della lotteria organizzata dalla Confraternita di San Giuseppe.  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI