CONSEGNATI A FRANCESCO PIRA E LORENZO PERITORE A PARTINICO I PREMI INTERNAZIONALI LA BIGLIA VERDE: “DEDICHIAMO I RICONOSCIMENTI ALLA NOSTRA LICATA”

CONSEGNATI A FRANCESCO PIRA E LORENZO PERITORE A PARTINICO I PREMI INTERNAZIONALI LA BIGLIA VERDE: “DEDICHIAMO I RICONOSCIMENTI ALLA NOSTRA LICATA” In evidenza

Affollatissima la sala del Palazzo dei Carmelitani. Tanti gli applausi ai vincitori

 E’ stata un’esperienza molto emozionante. Vogliamo dedicare questi riconoscimenti alla nostra Licata. Felici che i nostri lavori siano stati apprezzati da una Giuria competente e attenta”. Lo hanno detto il sociologo e giornalista Francesco Pira ed il poeta Lorenzo Peritore,  dopo aver ricevuto a Partinico due riconoscimenti prestigiosi assegnati  ai due autori licatesi dalla Giuria del Premio Internazionale “La Biglia Verde”.

La giuria  presieduta dall’imprenditore Francesco Billeci, Presidente dell’Associazione “La Biglia Verde”, dalla dott.ssa Maria Prestigiacomo, Presidente della Giuria, e dall’avvocato Francesca Currieri e formata dalla dott.ssa Rosita Bugnano, dal dott. Alberto Mangano, dallo scrittore Luigi Pio Carmina, dalla dott.ssa Franca Longo dopo aver esaminato le opere che hanno partecipato al Concorso ha deciso di assegnare al prof. Francesco Pira, il Premio Assoluto della Giuria, per il libro “Bruno Pizzul, una Voce Nazionale” scritto con Matteo Femia, anche in considerazione della sua incessante attività di scrittore e saggista.

Il Terzo Premio per la Sezione Poesia in lingua italiana è andato a Lorenzo Peritore per il componimento “Tra giocattoli e computer”. I Premi sono stati consegnati lo scorso sabato 27 giugno dagli organizzatori del Premio e dalle autorità locali in una affollata sala del Palazzo dei Carmelitani  in corso dei mille 252 a Partinico.

“L’amministrazione comunale di Licata – ha detto durante la cerimonia l’avv. Francesco Currieri – si è voluta congratulare con Francesco Pira e Lorenzo Peritore  attraverso una nota per la sensibiltà dei due autori nei confronti della cultura ed ha espresso stima profonda nei confronti dei due concittadini. È un valore raro”.

Per questo motivo l’avv. Currieri ha dato lettura durante la cerimonia del comunicato stampa a firma del sindaco di Licata, dott. Angelo Cambiano, e dell’assessore alla cultura, avv. Daniele Vecchio, diffuso nelle ultime ore.

Negli ultimi anni sia Francesco Pira che Lorenzo Peritore hanno ricevuto numerosi riconoscimenti per le loro attività editoriali.

Francesco Pira, 49 anni, sociologo e giornalista, è docente di comunicazione all’Università di Messina e all’Università Salesiana di Venezia (IUSVE). Al suo attivo molti saggi ed articoli scientifici sulla comunicazione. Ha ricevuto tra gli altri i Premi nazionali:  “Pergamene Pirandello”, “Acli sulla Cultura della Legalità”, “Oscar d’Autore” , “Master per la Comunicazione”, “Euromediterraneo”, “Fidas-Amico per la comunicazione”, “Penne-Pulite Sarteano”, Athena-Aurea”, “Teleacras-Puntofermo”, “Oscar del Web” e “Mediabile”. Nel giugno 2008 per l’attività di ricerca e saggistica è stato insignito dall’allora Capo dello Stato, on. Giorgio Napolitano, dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Lorenzo Peritore, 68 anni, è autore del libro “Rimaniamo in rima” (Bonanno Editore) ha vinto numerosi premi di poesia con componimenti sia in dialetto che in italiano. Tra questi ricordiamo tra questi i Premi a Parma, Borgetto, Partinico, Agrigento, Raddusa, Caltagirone.

 

000
Letto 774 volte

Articoli correlati (da tag)

  • PIRAterie 2. La Vendetta brevi riflessioni sulla social esistenza quotidiana

    Arriva nell’ultimo giorno del 2021 in tutte le librerie italiane e on line la seconda edizione di un testo “PIRAterie” che ha avuto un successo straordinario.

    Questa volta l’autore, Francesco Pira, con grande complicità dell’editore indipendente, Antonio Liotta, patron di Medinova, ha voluto trasformare il PIRAta buono, in un PIRAta molto cattivo, dal volto arrabbiatissimo che già dalla copertina (un lavoro straordinario del Maestro palermitano Nicolò D’Alessandro, autore anche delle precedente) capace di raccontare cosa è successo nella nostra faticosa “social esistenza quotidiana”.

    “C’è un aneddoto davvero buffo che voglio raccontare su questo libro – spiega sorridendo l’autore Francesco Pira, professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Messina, saggista e giornalista – quando abbiamo parlato della copertina con il Maestro D’Alessandro e con l’editore Liotta, mi hanno chiesto un’immagine in cui ero particolarmente arrabbiato. Ma non l’ho mai trovata. E quindi era difficilissimo alterare i caratteri per rendermi in copertina un PIRAta  adirato e molto brutto”.

    L’autore ha voluto dedicare il libro a quello che definisce un suo cugino-fratello Ugo Grillo scomparso a soli 50 anni, stroncato da un terribile male.

    Il Libro

     

    PIRATERIE 2 LA Vendetta riprende idealmente il percorso lasciato che Pira aveva temporaneamente concluso nel 2018.  E che non si tratti di una replica, ma di un’ analisi verticale e multifattoriale lo evidenziano le sette sezioni, in cui il libro è stato suddiviso. Secondo il professor Francesco Pira “Sfogliando le pagine potrete poi rendervi conto di come questo testo parli di noi.  Da diversi anni subiamo la fragilizzazione del sistema informativo. Questo ha prodotto il risultato che i media si stanno, di fatto, trasformando in mero specchio della società anche nei suoi aspetti più deteriori. Una deriva che l’avvento dei Social ha acuito e che la crisi generata dalla pandemia da  Covid-19  ha ulteriormente complicato”. Si è così è generata un’ulteriore pandemia, quella della disinformazione, capace di acuire le dinamiche della polarizzazione, che per loro natura si oppongono ai processi di partecipazione democratica.

    Così, a dispetto del numero “infinito” di informazioni cui ognuno di noi può avere accesso, si stanno  riducendo gli strumenti e gli spazi che consentono una reale e continuativa partecipazione dei cittadini allo sviluppo della democrazia.

    “I Social Network sono diventati il mezzo più usato. Con nuovi codici e nuovi linguaggi, è vero. Ma ormai le relazioni in presenza sono davvero relative. E se la prima speranza era quella che saremo migliori dopo Covid 19, al momento il dato certo è che le difficoltà  sono tantissime. Di certo bisogna sfuggire alla semplificazione -sostiene l’autore-  alle distorsioni del determinismo tecnologico: questa è la grande sfida per andare oltre l’era della post-verità e i modelli di costruzione identitaria che essa sta imponendo. Ed è questo quello che voi, seppure in forma leggera, suscitando il sorriso, quel riso amaro di chi sa - purtroppo comprende -  e vorrei sentisse la responsabilità etica di intervenire”.

    Come spiega nella sua prefazione il Direttore del quotidiano “La Sicilia”, Antonello Piraneo, direttore del quotidiano dove vengono ospitate le PIRATERIE tutte le domeniche nelle pagine culturali: “le istantanee di vita vissuta che Francesco Pira propone nei suoi“pezzi sembrano scene di un film in cui ciascuno di noi si rivede di certo soprattutto per quanto riguarda il  rapporto disfunzionale con le nuove tecnologie ed i Social. È una satira talora velata, talora sagace e pungente, ma mai dissacrante, in quanto ha un fine didascalico”.

    Nella post fazione la docente e giornalista Cristina Graziano sottolinea come : “oggi più che mai bisogna  promuovere il valore della persona, di cui ci impegniamo a prenderci cura per concorrere alla costruzione condivisa di paradigmi aperti alla novità e dare vita a cose nuove, ad un linguaggio di verità, oltre gli stereotipi… Ed il Prof. Pira, da sociologo e giornalista, questo lo fa quotidianamente anche con le sue  PIRAterie, che fanno leva sul potere terapeutico della parola, con la convinzione che a fare la differenza debba essere questa rinnovata consapevolezza agita e parlata nella quotidianità di ciascuno, perché da adulti di riferimento abbiamo l’obbligo morale e la responsabilità sociale di non sostituirci ai giovani, ma di dare loro gli strumenti per affrontare da protagonisti il divenire, divenendone volutamente e caparbiamente artefici”.

     

     

     

     

     

  • Il professor Francesco Pira nominato Esperto del Centro di ricerca ed educazione alla sicurezza dell’Università di Wroclaw

    Incarico internazionale per il sociologo Francesco Pira, professore associato di sociologia dei processi culturale e comunicativi dell’Università di Messina. Nei giorni scorsi è stato nominato nel pool di esperti del Reserch and Education Center of Security dell'Università di Wroclaw in Polonia. A comunicare la notizia al docente universitario siciliano la Direttrice, professoressa Barbara  Wiśniewska-Paź .

    Si tratta di un Centro Internazionale di ricerca e didattica sulla educazione alla sicurezza e sulla tutela dei diritti fondamentali http://cseb.uni.wroc.pl fondato nel marzo dello scorso anno e che si occuperà a livello europeo di ricerca, didattica e dell’organizzazione di seminari e conferenze.
    “Ringrazio la professoressa Barbara  Wiśniewska-Paź  Direttrice del Centro – ha commentato il professor Francesco Pira – per questa nomina in un gruppo di studiosi europei. Sono felice di poter dare il mio contributo alla luce anche del mio lavoro di ricerca sui temi affrontati da questa importante struttura dell’Università di Wroclaw”.
    Il sociologo siciliano, che è all’Università di Messina è Delegato del Rettore alla Comunicazione, insegna comunicazione e giornalismo ed è il Coordinatore Didattico del Master in Social Media Manager del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne, ha nelle ultime ore ricevuto la comunicazione di essere stato nominato nel Comitato Scientifico del CISCAM (CENTRO ITALIANO PER LO STUDIO DELLA CULTURA AFRICANA E MEDITERRANEA).
    Si tratta di un’istituzione culturale che  promuove la conoscenza del continente africano e del bacino del Mediterraneo, nei suoi molteplici aspetti: di tipo culturale, filosofico, storico, religioso, linguistico, socio-antropologico ed economico.
    “Anche di questa nomina – ha concluso il professor Pira- sono contento e sono certo che lavoreremo per promuovere iniziativa nell’ambito della didattica, della ricerca e della divulgazione scientifica. Ringrazio la Presidenza e tutti i Dirigenti per aver pensato alla mia persona”.
     

  • Fake news, il professor Francesco Pira domani ospite de “Il Settimanale” TGR su RAI TRE

    Il sociologo Francesco Pira, professore di comunicazione giornalismo all’Università di Messina sarà ospite de IL SETTIMANALE il rotocalco nazionale della TGR RAI che si occupa d'attualità, inchieste e approfondimenti sui grandi temi sociali. Domani mattina alle 12 andrà in onda su RAI TRE l'intervista che ha rilasciato alla giornalista Monica Busetto, curatrice del programma, sul tema di stringente attualità: l’invasione delle Fake News. Parlerà anche del libro intitolato  "Fake News" che il sociologo firma con lo scrittore e giornalista Raimondo Moncada per i tipi di Medinova la casa editrice indipendente di Antonio Liotta.  Francesco Pira, che presiede l’Osservatorio Nazionale contro le Fake News voluto dal Presidente di Confassociazioni  Angelo Deiana, parlerà degli effetti dirompenti delle notizie false soprattutto in tema di economia, scienza e politica.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI