“I nostri figli digitali nativi e born mobile: potenzialità e pericoli della rete per la generazione app. Nuova genitorialità e nuovi modelli educativi”. E’ questo il tema di un interessante convegno che si svolgerà giovedì 29 ottobre a Castelmola sala auditorium, a partire dalle 9,30.
Si tratta di un importante iniziativa fortemente voluta dall’assessore alla cultura Eleonora Cacopardo.
Moderatori dell’incontro, Milena Romeo (curatrice di progetti d eventi culturali) e il giornalista Mauro Romano. È annunciata la partecipazione dell’assessore all’istruzione Stefania D’Agostino. Relazioneranno Francesco Pira, sociologo, giornalista, docente di comunicazione presso l’Università degli studi di Messina e l’Università Salesiana di Venezia; la Dottoressa Roberta Russo, Psicologa della Salute, Clinica e Comunità; Carmela Maria Lipari, Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore Caminiti Trimarchi; Luigi Napoli, Dirigente Scolastico dell’istituto Tecnico Commerciale “Pugliatti” di Trappitello Taormina; Carla Santoro Dirigente Scolastico dell’istituto Comprensivo di Taormina. A conclusione verrà proiettato “Il Giornalista” nuovo film di Tony Morgan.

Pubblicato in Cultura

Si è svolto ieri pomeriggio a Savoca (Messina) il seminario sul tema: "Racconto per immagini e nuove tecnologie: storie di prossimità nel territorio". L'evento nell'ambito del  Meeting  nazionale "Raccontare il territorio…" che è iniziato giovedì e si conclude oggi in provincia di Messina organizzato dalla FISC (Federazione Italiana dei Settimanali Cattolici) . Il XXIV SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO “MONS. ALFIO INSERRA” per gli operatori delle testate FISC, aperto a tutti i giornalisti, accreditato per la formazione professionale, ha visto la partecipazione di numerosi operatori dell'informazione e della comunicazione. L'incontro di ieri pomeriggio ha visto al centro del dibattito l’evoluzione del giornalismo e soprattutto la narrazione delle storie partendo dai territori.  L’evento è stato introdotto e moderato con grande stile e professionalità dal giornalista Carmelo Caspanello ed ha visto tre interventi, quello del fotoreporter dell’Agenzia giornalistica mondiale Reuters, Antonio Parrinello, del Direttore della testata nazionale TGR della RAI (che coordina tutte le edizioni regionali), Vincenzo Morgante, e del sociologo e giornalista, Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina e all’Università Salesiana di Venezia (IUSVE).

“La fotografia è un frammento che permette di raccontare la realtà”: è l’opinione di Antonio Parrinello, fotoreporter che per l’agenzia Reuters sta raccontando negli ultimi anni gli sbarchi di migranti sulle coste siciliane, da Catania a Lampedusa ad Augusta.  Parrinello ha proiettato foto e video che mostrano l’accoglienza immediata resa ai migranti da forze dell’ordine e associazioni di volontariato. “L’immagine ha una forza comunicativa enorme”, ha fatto notare il fotografo, per il quale occorre distinguere fra una “fotografia oggettiva” - che si limita a riprodurre la notizia - e una “soggettiva”, che intende lanciare un messaggio. E qui emerge la pesante responsabilità dei giornalisti e dei reporter rispetto al pubblico, perché “dal modo in cui viene raccontato il fenomeno della migrazione di massa di questi anni dipende la percezione che ne avranno i cittadini e di conseguenza le loro reazioni”. A tal proposito, il fotografo ha illustrato un progetto interessante volto a svelare l’idea che i cittadini siciliani hanno del fenomeno migratorio, filmando le loro impressioni.

Per il direttore del Tgr Rai Vincenzo Morgante il modo con  in cui il servizio pubblico racconta le periferie esistenziali, riesce a dare una vera e propria “informazione di prossimità” grazie alla presenza di 24 redazioni locali e circa 800 giornalisti. “Abbiamo l’opportunità professionale e umana di raccontare la ricchezza del territorio, svolgendo insieme attività di denuncia delle tante storture presenti, ma anche di valorizzazione delle storie positive”, ha sottolineato. “Il nostro impegno - ha aggiunto - è sdoganare le buone notizie, troppo spesso vengono confuse con le notizie leggere, raccontando così la parte positiva del Paese”. Morgante ha descritto l’iniziativa delle “campagne sociali” avviata da circa un anno dalle redazioni regionali della Rai, declinando a livello locale tematiche di carattere nazionale. “Solo se riusciamo ad indignare, ad emozionare, a scuotere, il nostro lavoro ha ancora un senso”, ha concluso.

La seconda giornata del seminario Fisc “Mons. Alfio Inserra” si è conclusa con l’intervento del sociologo della comunicazione Francesco Pira, docente presso l’Università di Messina e lo IUSVE, che si è occupato delle nuove forme di narrazione giornalistica del territorio, dallo storytelling ai social network. Pira ha mostrato alcuni video-racconti, usati sempre più spesso da aziende e istituzioni per “offrire un impatto emozionale sul pubblico e promuovere le proprie attività”. “A prescindere dai contenuti - ha chiarito - occorre avere un pensiero strategico valido per rendere il territorio accattivante, facendo anche un uso intelligente dei social network, che permettono agli utenti di interagire e diventare protagonisti”. Secondo il docente “il mestiere di giornalista deve essere ripensato alla luce dei nuovi media, che hanno cambiato la cultura dell’apprendere”. E se è vero che “oggi abbiamo più mezzi per raccontare il territorio”, occorre anche “tenere in considerazione le distorsioni e i pericoli di amplificazione dei messaggi negativi”. “Di fronte all’attuale scollamento sociale, e alla mancanza di comunità forte, si rende ancora più necessario fornire un’informazione di qualità superiore, in primo luogo a livello locale”.

 

Pubblicato in Attualità

 Si è inaugurato ieri pomeriggio, presso l’Auditorum “S. Luigi” di Furci Siculo, il XXIV Seminario di Aggiornamento Professionale “Mons. Alfio Inserra”. Dopo il saluto iniziale del Vice Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, Santino Franchina e l’introduzione di Mons. Giacinto Tavilla, Parroco di Furci e Direttore del periodico diocesano messinese La Scintilla, si sono susseguiti gli interventi di Mons. Antonino Raspanti, Vescovo di Caltagirone, Francesco Zanotti, Presidente Nazionale FISC e Santi Di Bella, docente di Filosofia a Palermo.

“La voce della periferia esistenziale nella globalizzazione dell’indifferenza” il tema della prima giornata. La comunicazione tra tradizione e nuovi media alla luce del nuovo umanesimo e del Prossimo Convegno Ecclesiastico nazionale di Firenze, a novembre, la crisi dell’editoria legata anche al calo dell’uso e delle vendite della carta stampata e l’uso delle mappe mentali non solo per la speculazione scientifica ma anche per assimilare la comunicazione al vissuto quotidiano, le riflessioni che sono state sviluppate.

Nella mattinata di oggi il secondo seminario dal titolo: ”La notizia racconta e unisce il territorio. La comunicazione a servizio della cultura dell’incontro. Due esperienze a confronto” con gli interventi di Lino Morgante, direttore editoriale della Gazzetta del Sud e Giuseppe Di Fazio caporedattore de La Sicilia, coordinati dalla giornalista Rachele Gerace.

Nella sessione pomeridiana, il fotoreporter Antonio Parrinello, il direttore TGR Rai Vincenzo Morgante e il sociologo, giornalista e docente universitario dell’Ateneo messinese Francesco Pira relazioneranno sul tema “Racconto per immagini e nuove tecnologie: storie di prossimità nel territorio”, coordinati dal giornalista Carmelo Caspanello.

 

Pubblicato in Attualità

“Nella società del nuovo millennio, le nuove famiglie sembrano essere meglio comprese dagli strateghi del marketing che dalle istituzioni. Un recente studio pubblicato da J.Walter Thompson nel settembre 2014 e intitolato «Meet the new family» mostra con tutta evidenza il rischio che i nuovi modelli sociali e valoriali siano sempre più quelli trasmessi dai brand piuttosto che creati dalla cultura”. Lo ha detto il sociologo professor Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina,  intervenendo sul tema "La famiglia al suo interno e il rischio di essere ciascun membro di un'isola. Come superare gli ostacoli della comunicazione: prospettive educative" intervenendo a Savoca (Messina) nell'ambito del Campo dell'Azione Cattolica dell'Arcidiocesi di Messina, Lipari e S. Lucia del Mela rivolto agli educatori Adulti.  Tema generale del confronto: "Quale modello di famiglia oggi alla luce del recente Sinodo" che ha visto la presenza tra gli altri come  relatori di Mons. Tindaro Cocivera e del Prof. Don Luigi La Rosa. Il campo iniziato venerdì 28 agosto presso il Convento dei Cappuccini di Savoca e si concluderà oggi domenica 30 agosto.

Secondo Pira: “c’è da chiedersi oggi quale «nuclear family». La famiglia tradizionale- ha detto il sociologo che insegna anche all’Università Salesiana di Venezia - sta mutando rapidamente. Le coppie fanno meno figli e possiedono più animali domestici. Oltre il 57% delle persone intervistate definite come la generazione dei Millennials dichiarano che gli amici rappresentano la loro vera rete di supporto. Gli amici diventano la loro famiglia surrogata. 277 milioni di persone nel mondo vivono da sole erano 153 milioni nel 1996.

L’incontro è stato coordinato dalla Vice Presidente dell’Azione Cattolica della diocesi di Messina, professoressa Graziella Cacciola. Concludendo il suo intervento il professor Pira ha sottolineato che i “dati ci mostrano come la società sia inevitabilmente in evoluzione. Gli esperti di marketing non si limitano a leggere le tendenze e a sfruttarle.

Cercano di far consolidare quelle tendenze che sono utili al rafforzamento del brand e delle vendite e attraverso un accurato sistema di influencer di crearne di nuove. Così il nostro universo social «protetto» dalla nostra rete amicale rischia di renderci sempre più audience e meno pubblico, sempre manipolati e sempre meno attori nella società”.

 

Pubblicato in Attualità

"La famiglia al suo interno e il rischio di essere ciascun membro di un'isola. Come superare gli ostacoli della comunicazione: prospettive educative". E' questo il delicatissimo ed impegnativo tema che il sociologo e giornalista, Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina e all’Università Salesiana di Venezia (IUSVE), affronterà sabato 29 agosto 2015 a Savoca (Messina) nell'ambito del Campo dell'Azione Cattolica dell'Arcidiocesi di Messina, Lipari e S. Lucia del Mela rivolto agli educatori Adulti.  Tema generale del confronto: "Quale modello di famiglia oggi alla luce del recente Sinodo" che vedrà la presenza tra gli altri come  relatori di Mons. Tindaro Cocivera e del Prof. Don Luigi La Rosa. Il campo inizierà venerdì 28 agosto presso il Convento dei Cappuccini di Savoca e si concluderà domenica 30 agosto.

Pubblicato in Attualità

Francesco Pira è stato l’ospite del sesto appuntamento di Conversazioni in Sicilia, la sezione di incontri e libri inserita all’interno della Rassegna Luci e Miti a Castelmola. Un pomeriggio all’insegna del confronto su un tema di assoluta attualità quale la “Comunicazione”. L’occasione è stata data dalla presentazione del libro di Francesco Pira “Comunicazione pubblica e d’impresa” scritto a quattro mani con Andrea Altinier.

Un libro che, come ha evidenziato  lo stesso Pira nel suo intervento, nasce per chi fa comunicazione. “È una “cassetta degli attrezzi -ha spiegato l’autore- che fornisce gli strumenti per analizzare e costruire campagne, realizzare format e delineare e gestire piani di comunicazione”.

Attento e numeroso il pubblico che ha scelto di “Conversare” con l’autore. Un appuntamento capace di trasformare un pomeriggio  qualunque in una full immersion nel mondo della comunicazione. Il merito è senz’altro di Milena Romeo, curatrice della sezione che con passione promuove la cultura. All’ incontro hanno preso parte: l’on.Vincenzo Garofalo, deputato; Salvatore Presti, assessore alla cultura  Comune di Milazzo; Valeria Brancato, giornalista e Tina Berenato, imprenditrice nel settore della comunicazione. Il trend della comunicazione, il rapporto tra social e sistema dell’informazione,  la gestione delle relazioni, il newsmanagement, le relazioni istituzionali sono stati alcuni dei temi che sono stati affrontati nel corso della presentazione. Molti gli interventi tra i quali quello del sindaco di Castelmola Orlando Russo e dell’assessore alla cultura di Taormina Mario D’Agostino. 

Pubblicato in Cultura

 I giovani del Rotarct Messina Peloro hanno consegnato al Professor Francesco Pira, sociologo e docente dell’Università di Messina, nel corso della tradizionale cerimonia del passaggio di campana la prestigiosa onorificenza di “Socio Amico”. E’ stato il Past Presidente, Mario Samperi, oggi Delegato distrettuale a consegnare al Professor Pira una targa “per il fondamentale apporto fornito al Rotaract Club Messina Peloro per la realizzazione del progetto Alimentiamoci click & eat con le scuole superiori della città, al quale ha fornito le sue competenze di esperto della comunicazione”. Sia il Presidente uscente Samperi, che il nuovo Presidente Giulio Giannetto, che si è insediato ieri sera, hanno espresso parole di apprezzamento per il lavoro svolto da Pira.

“Abbiamo apprezzato le sue grandi capacità comunicative – ha detto Samperi – ma anche la semplicità del linguaggio usato nel parlare agli adolescenti durante le tre conferenze tenute in altrettante scuole della città”.

Il progetto prevede, tramite una borsa di studio donata ad un gruppo di studenti, la realizzazione di un portale dedicato all’alimentazione.

La nomina a Socio Amico, come prevede lo Statuto dei giovani Rotary, viene attribuita, “in virtù di comportamenti particolarmente meritevoli nei confronti del Club stesso e del Rotaract”.

In un breve intervento Francesco Pira ha ringraziato per la nomina confermando “l’impegno incondizionato al fianco di giovani che lavorano sul loro territorio esprimendo valori e contenuti”.

Pubblicato in Cultura

Il professor Francesco Pira sarà l’ospite del sesto appuntamento, della sezione di incontri e libri, Conversazioni in Sicilia all’interno della Rassegna Luci e Miti a Castel Mola che presenterà il libro “Comunicazione pubblica e d’impresa” scritto a quattro mani con Andrea Altinier.

L’incontro, costruito e condotto da Milena Romeo, curatrice della sezione, sarà arricchito dagli interventi dell’on.Vincenzo Garofalo, deputato; Salvatore Presti, assessore alla cultura  Comune di Milazzo; Valeria Brancato, giornalista; Italo Mennella, presidente Feder- Alberghi Taormina

L’autore

Francesco Pira, 50 anni di Licata, sociologo, è docente di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina e di comunicazione pubblica e d’impresa presso l’Università Salesiana di Venezia e Verona. Svolge attività di ricerca nell’ambito della sociologia dei processi culturali e comunicativi. Saggista e giornalista è autore di numerosi articoli e pubblicazioni scientifiche. Opinionista del quotidiano on line Affari Italiani e del magazine Spot and Web, firma articoli per riviste specializzate e ha scritto per numerosi quotidiani e lavorato per il Tg di Videomusic  (per questa testata giornalistica ha realizzato anche un reportage in Iraq nel 1992).

I principali temi di ricerca riguardano: la comunicazione sociale, pubblica e politica. La comunicazione di pubblica utilità. Il rapporto infanzia, adolescenza e nuove tecnologie. L’analisi e monitoraggio dei contenuti di portali pubblici, politici e sociali. L’uso dei social network nella pubblica amministrazione ed in politica. E’ stato relatore in convegni internazionali in India, Thailandia, Grecia, Danimarca, Francia e Belgio. Nel 2010 e nel 2011 è stato coordinatore scientifico e moderatore dell’International Communication Summit che ha visto la presenza di Alastair Campbell, ex portavoce di Tony Blair e di Zygmunt Bauman, uno dei più noti sociologi e influenti pensatori contemporanei.

Nel giugno 2008 per l’attività di ricerca e saggistica è stato insignito dal Capo dello Stato, on. Giorgio Napolitano, dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Ha ricevuto tra gli altri i Premi nazionali e internazionali:  “Pergamene Pirandello”, “Acli sulla Cultura della Legalità”, “Master per la Comunicazione”,  “Fidas-Amico per la comunicazione”, “Penne-Pulite Sarteano”, “Oscar del Web” e “Mediabile”.

Il libro

Il libro, scritto a quattro mani con il professor Andrea Altiner, ha ricevuto importanti recensioni ed  è stato presentato in sedi prestigiose come la Camera dei deputati nel gennaio 2015 .

“Questo volume accende i riflettori proprio sui temi della comunicazione pubblica e aziendale declinando teorie, modelli e matrici di analisi che stanno alla base di questa disciplina, e fornisce allo stesso tempo strumenti operativi utili e utilizzabili. Non un semplice manuale, insomma, ma un testo che cerca di offrire indicazioni operative e percorsi innovativi per gettare le basi di una comunicazione realmente efficace in un mercato sempre più competitivo.”

La presentazione rivolta ad amministratori, imprenditori, e a semplici fruitori di comunicazione desiderosi di avere coordinate più chiare di  conoscenza e coscienza verso le strategie  sottese a  questo settore così vitale per la vita sociale, economica  e culturale del nostro paese

La Rassegna

La Rassegna di arte e cultura Luci & Miti al Castello è patrocinata dal Comune di Castel Mola, sostenuta  dal sindaco dott. Orlando Russo dell'assessore alla cultura Eleonora Cacopardo, che interverranno all’incontro, e promossa dall'associazione culturale Art Promotion Taormina presieduta da Giuseppe Filistad.

Grande spazio è dato agli incontri culturali dove si parlerà di turismo e arte con grandi ospiti  e la presentazione di libri di autori italiani  curati da Milena Romeo presidente diCara Beltà, partner dl progetto per la sezione  Conversazioni in Sicilia che prevede otto appuntamenti durante i mesi di luglio e agosto . 

 

 

Evento generale : Rassegna di arte e cultura

Location: Museo del Castello di Mola, Piazza S. Antonio, Castelmola(ME)

Date: 8 Maggio – 30 Settembre

Organizzazione Generale : Art Promotion Taormina

Project manager : Giuseppe Ragonese

Direzione artistica : Giuseppe Filistad

Curatrice Conversazioni in Sicilia: Milena Romeo

Collaborazione con Cara beltà-Sicilia di Messina

Informazioni : www.artpromotiontaormina.it www.comunedicastelmola.it

e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pagina fb: Luci e miti a castel mola

evento fb: Conversazioni in Sicilia

 

Pubblicato in Cultura

Si continua a “Conversare” a Castelmola nell’ambito della Rassegna Luci e Miti. Fittissimo di appuntamenti il calendario della sezione di incontri e libri, Conversazioni in Sicilia curata da Milena Romeo. Dopo il successo infatti registrato nel mese di luglio anche il caldo mese di Agosto si preannuncia davvero interessante con  ospiti di spicco del mondo della cultura e del giornalismo. Domenica 2 agosto la sceneggiatrice Mariella Sellitti presentazione il suo  libro “La seduta è tolta” ed. Alter ego, Viterbo (2015) Co-autore Carlo Garzia;  mercoledì 5 agosto ospite di Conversazioni in Sicilia  Paolo Valentino, giornalista, al Corriere dal 1984; giovedì 6 agosto vedrà invece protagonista Francesco Pira sociologo, è docente di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina e di comunicazione pubblica e d’impresa presso l’Università Salesiana di Venezia e Verona. Pira presenterà  il suo ultimo libro Comunicazione pubblica e d’impresa, scritto a quattro mani con il professore Altiner, ha ricevuto importanti recensioni ed  è stato presentato in sedi prestigiose come la Camera dei deputati nel gennaio 2015.   “Questo volume accende i riflettori proprio sui temi della comunicazione pubblica e aziendale declinando teorie, modelli e matrici di analisi che stanno alla base di questa disciplina, e fornisce allo stesso tempo strumenti operativi utili e utilizzabili. Non un semplice manuale, insomma, ma un testo che cerca di offrire indicazioni operative e percorsi innovativi per gettare le basi di una comunicazione realmente efficace in un mercato sempre più competitivo.” La presentazione rivolta ad amministratori, imprenditori, e a semplici fruitori di comunicazione desiderosi di avere coordinate più chiare di  conoscenza e coscienza verso le strategie  sottese a  questo settore così vitale per la vita sociale, economica  e culturale del nostro paese. L’incontro, costruito e condotto da Milena Romeo, curatrice della sezione, sarà arricchito dagli interventi dell’on.Vincenzo Garofalo, deputato; Salvatore Presti, assessore alla cultura  Comune di Milazzo; Valeria Brancato, giornalista; Italo Mennella, presidente Feder- Alberghi Taormina. La sezione Conversazioni in Sicilia prosegue poi con l'incontro lunedì 10 agosto con Simone Pirrotta, laureato in Ingegneria Meccanica all’Università di Catania nel 2002 che attualmente lavora nel settore spaziale per l’Agenzia Spaziale Italiana ASI, nell’unità di Esplorazione e Osservazione dell’Universo; ultimo appuntamento il 20 agosto con  Antonio Baglio docente di Storia contemporanea, Storia dei movimenti politici e sindacali e Storia del giornalismo nel Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina. Baglio presenterà In fondo all’anima. Omelie di Padre A. Sterrantino, Leonida edizioni (2014), interverrà Mario Bolognari, ordinario di antropologia culturale e direttore del Dipartimento di civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina.

 

Pubblicato in Cultura

Affollatissima la sala del Palazzo dei Carmelitani. Tanti gli applausi ai vincitori

 E’ stata un’esperienza molto emozionante. Vogliamo dedicare questi riconoscimenti alla nostra Licata. Felici che i nostri lavori siano stati apprezzati da una Giuria competente e attenta”. Lo hanno detto il sociologo e giornalista Francesco Pira ed il poeta Lorenzo Peritore,  dopo aver ricevuto a Partinico due riconoscimenti prestigiosi assegnati  ai due autori licatesi dalla Giuria del Premio Internazionale “La Biglia Verde”.

La giuria  presieduta dall’imprenditore Francesco Billeci, Presidente dell’Associazione “La Biglia Verde”, dalla dott.ssa Maria Prestigiacomo, Presidente della Giuria, e dall’avvocato Francesca Currieri e formata dalla dott.ssa Rosita Bugnano, dal dott. Alberto Mangano, dallo scrittore Luigi Pio Carmina, dalla dott.ssa Franca Longo dopo aver esaminato le opere che hanno partecipato al Concorso ha deciso di assegnare al prof. Francesco Pira, il Premio Assoluto della Giuria, per il libro “Bruno Pizzul, una Voce Nazionale” scritto con Matteo Femia, anche in considerazione della sua incessante attività di scrittore e saggista.

Il Terzo Premio per la Sezione Poesia in lingua italiana è andato a Lorenzo Peritore per il componimento “Tra giocattoli e computer”. I Premi sono stati consegnati lo scorso sabato 27 giugno dagli organizzatori del Premio e dalle autorità locali in una affollata sala del Palazzo dei Carmelitani  in corso dei mille 252 a Partinico.

“L’amministrazione comunale di Licata – ha detto durante la cerimonia l’avv. Francesco Currieri – si è voluta congratulare con Francesco Pira e Lorenzo Peritore  attraverso una nota per la sensibiltà dei due autori nei confronti della cultura ed ha espresso stima profonda nei confronti dei due concittadini. È un valore raro”.

Per questo motivo l’avv. Currieri ha dato lettura durante la cerimonia del comunicato stampa a firma del sindaco di Licata, dott. Angelo Cambiano, e dell’assessore alla cultura, avv. Daniele Vecchio, diffuso nelle ultime ore.

Negli ultimi anni sia Francesco Pira che Lorenzo Peritore hanno ricevuto numerosi riconoscimenti per le loro attività editoriali.

Francesco Pira, 49 anni, sociologo e giornalista, è docente di comunicazione all’Università di Messina e all’Università Salesiana di Venezia (IUSVE). Al suo attivo molti saggi ed articoli scientifici sulla comunicazione. Ha ricevuto tra gli altri i Premi nazionali:  “Pergamene Pirandello”, “Acli sulla Cultura della Legalità”, “Oscar d’Autore” , “Master per la Comunicazione”, “Euromediterraneo”, “Fidas-Amico per la comunicazione”, “Penne-Pulite Sarteano”, Athena-Aurea”, “Teleacras-Puntofermo”, “Oscar del Web” e “Mediabile”. Nel giugno 2008 per l’attività di ricerca e saggistica è stato insignito dall’allora Capo dello Stato, on. Giorgio Napolitano, dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Lorenzo Peritore, 68 anni, è autore del libro “Rimaniamo in rima” (Bonanno Editore) ha vinto numerosi premi di poesia con componimenti sia in dialetto che in italiano. Tra questi ricordiamo tra questi i Premi a Parma, Borgetto, Partinico, Agrigento, Raddusa, Caltagirone.

 

Pubblicato in Cultura

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI