Crisi turistica a Taormina.  il sindaco Mario Bolognari a seguito della richiesta di circa cento commercianti di Taormina ha scritto ai parlamentari della Provincia di Messina chiedendo un segnale importante In vista della discussione sul quinto decreto “Ristori”.

I provvedimenti di contenimento dei contagi da Covid-19, che consentono ai negozi di rimanere aperti, mentre nelle normali realtà urbane italiane possono evitare il tracollo, nelle località turistiche, dove i negozi sono strettamente collegati al funzionamento degli alberghi e della ristorazione, la semplice possibilità di rimanere aperti non costituisce alcun vantaggio. Anzi, essa si presenta come una penalizzazione a causa dei costi di mantenimento del personale dipendente e di ogni altro costo di esercizio.

Tali esercizi commerciali sono tarati per un mercato costituito fondamentalmente da turisti e visitatori, per lo più stranieri; in assenza di movimenti turistici, essi sono privi di clientela.

“Nel concreto, scrive Bolognari, nonostante il permesso di mantenere aperti gli esercizi, i commercianti di località turistiche finiscono per chiudere, al fine di limitare le perdite. Pertanto, andrebbero equiparati ai bar e ai ristoranti che, invece, restano chiusi per decreto. Questa particolare condizione necessita di un intervento sul prossimo decreto ristori quinto al fine di sostenere economicamente gli imprenditori-commercianti delle località turistiche alla stregua dei bar e dei ristoranti chiusi per decreto. Pertanto, quale rappresentante di queste realtà prettamente turistiche, scrive Bolognari,  chiedo una particolare attenzione al contenuto del testo che sarà sottoposto al Parlamento, affinché la categoria dei commercianti delle località a prevalente economia turistica venga ricompresa tra quelle destinatarie di ristori. Per evitare un allargamento incontrollato della platea mi permetto di suggerire di adottare, come già fatto in altra occasione, un rapporto di incidenza tra popolazione residente e numero di presenze turistiche nell’anno 2019. In tal modo sarà evidente la dipendenza del sistema commerciale dalla presenza di potenziali acquirenti provenienti da altre località.”

Pubblicato in Attualità

"La ristrutturazione di Palazzo Corvaja diventa realtà. Nel segno della rilanciata produttività degli Urega, il governo Musumeci ha affidato i lavori da oltre un milione di euro, finanziati dalla Regione, per il riattamento di uno degli antichi gioielli architettonici della città di Taormina. Un'opera, utile a rimodernare l'edificio e risolvere le criticità esistenti, che rientra negli interventi di riqualificazione dei centri storici, voluto dal presidente Nello Musumeci per i Comuni al di sotto dei 15mila abitanti. In una pianificazione di così ampio respiro, non poteva non esserci la Perla dello Jonio. L'obiettivo del governo Musumeci è di assicurare la conservazione di Palazzo Corvaja garantendone, al tempo stesso, una fruizione sostenibile e funzionale".

Lo dichiara l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, a seguito dell'avvenuta aggiudicazione da parte dell'Urega di Messina dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Corvaja, nel Comune di Taormina, all'Ati Rg Costruzioni srl - Automazione Lo Verso srl che ha offerto un ribasso del 19,111 per cento.

 

Pubblicato in Attualità

“La sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio alla Corte di Appello di Messina, in diversa composizione, per il corrispondente nuovo esame”. Questa la chiave di una Ordinanza di trenta pagine della Suprema Corte di Cassazione depositata ieri, 13 gennaio 2021, a seguito dell’udienza dello scorso 30 novembre 2020, e riguardante l’ormai famoso scontro in sede giudiziaria tra il Comune di Taormina e l’impresa che realizzò i parcheggi pluripiano e la galleria di collegamento tra il versante nord e il versante sud del centro storico.

Nel testo dell’Ordinanza si può chiaramente leggere che il principale motivo del ricorso del Comune di Taormina contro la sentenza della Corte di Appello di Messina, cioè la validità della perizia che quantificava il presunto danno subito dalla Impregilo, è stato accolto dalla Suprema Corte. Infatti, si sostiene, la Corte di Messina ha inteso riconoscere un valore a perizie giurate prodotte dalla stessa impresa, senza un riscontro oggettivo. “Ne consegue – scrive la Cassazione – che la descritta decisione della Corte di Appello di Messina si rivela in contrasto con accertamenti in diritto passati in giudicato, quanto alla inidoneità della documentazione e delle perizie stragiudiziali, avendo affidato il proprio convincimento ad un materiale di prova già definito come «ontologicamente inesistente» dalla pronuncia rescindente di Cassazione del 2010” (pagg. 22-23).

Il Sindaco dichiara: “Si tratta di una decisione che, ancora una volta, dimostra l’evidente errore commesso sia in sede di lodo arbitrale, sia in sede di decisione della Corte di Appello di Messina (sentenza del 26 febbraio 2018). La quantificazione del danno è stata fatta sulla base di una perizia di parte, che non ha valore alcuno. Un passaggio, questo di ieri, che, sebbene non definitivo, allontana lo spettro di una soccombenza del Comune di fronte al colosso Salini Impregilo S.p.A., oggi denominato “Webuild” S.p.A.. Ricordo che la cifra di cui si tratta è ingentissima e non potrebbe mai essere affrontata dalle casse comunali, né ora, né in futuro. Ringrazio gli avvocati Andrea Scuderi e Giovanni Giacobbe per la efficace difesa delle ragioni del Comune e per l’impegno con il quale continuano a portarle avanti. Adesso ci prepariamo alla battaglia giudiziaria definitiva, quella dinnanzi alla Corte di Appello di Messina per la terza volta, nella quale bisognerà prendere atto della Ordinanza della Cassazione e della giusta pretesa del Comune di non soccombere di fronte all’impresa più grande d’Italia. Ho fiducia nella giustizia e credo che le ragioni giuridiche, ma anche il buon senso prevarranno”.

“Il fatto che altri punti del nostro ricorso non siano stati accolti non toglie valore alla decisione della Cassazione, in quanto l’accoglimento del primo motivo del ricorso fa cadere l’impalcatura della  sentenza e, in particolare, la parte più rilevante della cifra in discussione”.

“Questa notizia ci solleva da una grande preoccupazione e fa sì che si possa continuare a operare per il risanamento finanziario ed economico dell’ente, pur tra le mille difficoltà ormai note a tutti”.

In allegato Ordinanza integrale.

Pubblicato in Politica

Nasce la piattaforma “Progetto per la ricostruzione di Taormina” (PRT), che ha l’ambizione di mettersi a disposizione della cittadinanza e di essere promotrice di uno sviluppo di lungo termine per il comune. "L’obiettivo che ogni amministrazione locale deve avere, spiegano i coordinatori Alessio Bonesoli e Luca Manuli,  è quello di aumentare la competitività del territorio in cui opera, al fine di renderlo più attrattivo per gli operatori qualificati del settore turistico, per i cittadini e per i turisti, sfruttando quelli che sono i suoi punti di forza. Per essere efficaci è necessario avere un approccio strategico. Tale approccio pone delle sfide, e la principale è quella di far coesistere risultati di “breve” e “lungo” termine. La prassi ci ha abituato a classi politiche che si concentrano su risultati di breve termine, in quanto volano per una rielezione, lasciando alla programmazione e alla visione di lungo termine un ruolo marginale del dibattito pubblico. Auspichiamo dunque, proseguono, un cambio culturale, che ci porti ad eleggere un’amministrazione che operi secondo un approccio strategico, con una visione del futuro che consenta il raggiungimento di risultati rilevanti per i cittadini. Inoltre, l’assenza di un approccio strategico, con degli obbiettivi chiari, fa si che per gli elettori sia praticamente impossibile valutare l’operato di una classe politica. Per definire un piano strategico efficace, concludono i coordinatori, affronteremo tre passi fondamentali: 1) Identificare cos’è Taormina, cosa fa l’amministrazione e per quale motivo 2) Definire cosa vogliamo che diventi Taormina, e per quali motivi 3) Definire come lo si vuole fare."

Pubblicato in Politica
Venerdì, 18 Dicembre 2020 09:36

TAORMINA. GERARDO SCHULER NUOVO PRESIDENTE AAT

Si sono svolte nelle scorse ore le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali dell'Associazione Albergatori Taormina. L'Assemblea ha eletto all'unanimità Gerardo Schuler quale nuovo Presidente che succede a Mario Italo Mennella, dimissionario. Il Direttivo che affiancherà il neopresidente è composto da (in ordine alfabetico):  Adele Brocato (Hotel Villa Taormina), Carlo Capuana (Hotel Belsoggiorno),  Giuseppe Cascio (Hotel Casa Adele), Rosella Castorina (Excelsior Palace Hotel),  Eva Ferrara(Hotel Natalina),  Chiara Nucifora (Hotel Elios e Hotel Villa Chiara), Manuela Puglia (Hotel Villa Sirina), Marcello Spartà (Hotel Condor),  Valerio Pécaut Zacchi (Hotel Villa Belvedere) e lo stesso Italo Mennella.

"Ringrazio tutte e tutti per la fiducia accordatami, per la stima e l'affetto da cui sono stato avvolto e coinvolto. Mi impegnerò a contraccambiare per creare insieme un gruppo coeso che rappresenti tutte le categorie, dagli Hotel 5 stelle agli alberghi ad una stella. È stata un'assemblea molto sentita e sia io che i consiglieri eletti - tra cui sono felice di annoverare molti giovani albergatori - partiamo con grande entusiasmo. Sentiamo tutti la necessità di ricompattare ed allargare la nostra storica Associazione (1951) e di confrontarci in modo costruttivo con tutte le realtà del nostro territorio, in primis con l'Amministrazione Comunale e chiaramente anche con tutte le altre associazioni. Ringrazio anche il presidente uscente Italo Mennella per il prezioso lavoro svolto in questi anni e per il supporto che continuerà a dare quale membro del Direttivo. Ringrazio inoltre il Past-President/Presidente Onorario Giuseppe Trefiletti che continua instancabilmente ad affiancarci.”

Pubblicato in Attualità
Il relazione al più ampio progetto di manutenzione e rivalutazione della A18 Messina-Catania, nei prossimi giorni si svolgeranno anche i lavori di rifacimento del manto stradale di entrambe le carreggiate dello svincolo di Taormina, ad opera della ditta Moba srl di Patti (ME).
 
Non sarà pertanto possibile varcare l’ingresso in autostrada uscendo da  Taormina dalle ore 15:00 di domani (mercoledì 16 dicembre 2020), sino alle ore 06:00 di giovedì 17. L’uscita autostradale per accedere a Taormina sarà invece chiusa al traffico tra le ore 15:00 di giovedì 17 e le ore 06:00 di venerdì 18.
Pubblicato in Attualità

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina, nell’ambito della rimodulazione delle linee d’azione volte a contrastare, in maniera trasversale, i fenomeni di illegalità economico-finanziaria più lesivi ed insidiosi del già precario quadro socio-economico, hanno progressivamente orientato i controlli in materia di lavoro nero e irregolare, verso le condotte più gravi e pervasive.

In tale contesto, vieppiù nell’attuale situazione pandemica e sulla scorta dei gravi focolai di COVID 19 verificatisi, ad ogni latitudine a livello nazionale, nelle residenze per anziani, un’attenzione particolare è stata rivolta proprio alle RSA: luoghi nevralgici per la diffusione del virus, fino allo scorso marzo per molti ignoti e che, purtroppo, hanno riempito la cronaca giudiziaria degli ultimi mesi.

Nel dettaglio, le Fiamme Gialle della Compagnia di Taormina, coordinate dal Gruppo di Messina, dopo una meticolosa mappatura economica del territorio di competenza, effettuavano un mirato intervento in materia di illeciti lavoristici presso una RSA della provincia, riscontrando come il titolare si fosse avvalso, per l’assistenza degli anziani ivi ricoverati, di ben 36 lavoratori “in nero”, negli anni dal 2016 al 2020, a fronte di una forza lavoro complessiva risultata impiegata di 40 dipendenti.

Più in particolare, emergeva come il dominus della struttura residenziale, al fine di ottenere indebiti risparmi in termini di versamento di contributi ed oneri previdenziali, avesse abusivamente impiegato, completamente e/o parzialmente, i predetti lavoratori, senza effettuare la prescritta comunicazione al Centro per l’Impiego.

Inequivoco l’esito delle interviste effettuate nei confronti dei lavoratori i quali rappresentavano come il titolare impedisse la fruizione di qualsiasi forma di riposo o ristoro durante l’orario di lavoro, nonché di socializzare tra loro, arrivando addirittura a ricevere il divieto di scambiarsi i numeri di telefono.

Di non minore rilevanza, poi, la circostanza come i medesimi lavoratori siano risultati effettuare, da soli, il turno notturno, pari a dodici ore, durante il quale, oltre ad accudire gli anziani, avrebbero anche dovuto svolgere altre incombenze, quali il lavaggio e la stiratura delle telerie.

Parimenti, si acquisiva come, a fronte della previsione dei contratti di lavoro collettivo che, “per i dipendenti dalle cooperative, consorzi e società consortili del settore socio-sanitario-assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo”, prevedono una paga base che va, a seconda del livello di inquadramento, da € 1.184,19 a € 1.426,41, a fronte di un orario di lavoro pari a 38 ore settimanali, i lavoratori della RSA ispezionata percepissero circa € 700,00, indipendentemente dalle mansioni svolte e dalle ore lavorate, in media pari a 45 ore settimanali.  

In altri termini, i militari della Compagnia di Taormina riscontravano palesi violazioni alla normativa relativa all’orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie, in totale spregio della normativa nazionale e comunitaria in materia di organizzazione dell’orario di lavoro.

Pesantissime, dunque, le sanzioni nei confronti del datore di lavoro che, salvi gli ulteriori aggravi determinati da INPS ed INAIL - destinatari, per quanto di rispettiva competenza, del verbale redatto dai Finanzieri - dovrà regolarizzare la posizione del personale attualmente impiegato irregolarmente, nonché far fronte ad una contestazione di oltre 130.000 euro di multa a titolo di sanzioni, oltre alle somme dovute a titolo di ritenute fiscali e previdenziali.

Ciò che preoccupa, poi, oltre agli inaccettabili riflessi di scorrettezza fiscale, previdenziale e connesse ripercussioni in termini di concorrenza sleale nel mercato di riferimento, è come l’utilizzo sconsiderato di manodopera in nero sia risultato caratterizzato, in larghissima parte, in funzione della categoria di inquadramento, da un livello di competenze professionali generiche e di capacità tecnico-manuali per lo svolgimento di attività semplici, ben potendo tale circostanza rappresentare, in ipotesi, un ulteriore aggravio e fungere da volano a possibili fenomeni di contagio, qualora non si padroneggino, a sufficienza, le procedure da adottare per contenere eventuali infezioni all’interno di questi tipi di strutture.

In conclusione, l’intervento odierno testimonia, ancora una volta, come la Guardia di Finanza, in ragione delle specialistiche funzioni di polizia economico - finanziaria, operi costantemente per la salvaguardia dei lavoratori e per garantire il corretto assolvimento degli oneri contributivi e previdenziali, nonché risulti in prima linea per tutelare l’incolumità delle fasce più deboli che, come in questo caso, vengono messe a repentaglio da imprenditori senza scrupoli, mossi dalla sola logica del guadagno.

Pubblicato in Cronaca

Asm intende riqualificare parte delle pareti dei parcheggi "Lumbi" e "Porta Catania", in particolare quelle più visibili all'utenza, mediante la realizzazione di opere di Street Art e di pittura muraria ispirate a cultura, folklore e realtà siciliane. L'idea è del commissario di Asm, l'avvocato Antonio Fiumefreddo, che ha pensato questo particolare modo di "ingentilire" le fredde facciate dei parcheggi cittadini. "Gli artisti che realizzeranno tali opere - scrive Fiumefreddo nell'apposito bando - verranno selezionati da Asm mediante valutazione di proposte e bozzetti presentati secondo bando e modello di partecipazione. Ai vincitori della selezione verrà riconosciuto un premio di 3mila euro". In questo modo si intende procedere alla riqualificazione di "Lumbi" e "Porta Catania" tramite, appunto, un concorso di pittura muraria che coinvolga artisti pittori e "writers". La selezione mira a promuovere la libera espressione artistica nel rispetto e nella tutela degli edifici pubblici della comunità. "Gli artisti - dice sempre Fiumefreddo - sono chiamati ad ideare un progetto pittorico che abbia temi legati, ad esempio, a cultura, mitologia e realtà siciliana. La città del centauro, metà turistica internazionale, si apre alla street art". Varie sono le pareti che dovranno essere dipinte. I termini di partecipazione sono contenuti nell'apposito bando che è possibile consultare nel sito istituzionale dell'Azienda: "www.taorminaservizipubblici.it".

Pubblicato in Attualità

È risultato positivo all'alcol test il 32 enne taorminese (V.M.) che lo scorso sabato è rimasto coinvolto nello spettacolare incidente stradale avvenuto qualche minuto prima delle 20 nei pressi del parcheggio Porta Catania. Il giovane in stato di ebbrezza alcolica alla guida del motociclo intestato alla madre mentre percorreva la via San Vincenzo in direzione monte giunto in prossimità dell’ingresso del parcheggio di porta Catania invadeva la corsia di marcia opposta andando ad impattare frontalmente con il veicolo che sopraggiungeva in maniera regolare in direzione opposta (il cui conducente rimaneva illeso). A causa dell’urto il motociclo ha preso fuoco. In pochi minuti le fiamme lo hanno completamente avvolto. Per spegnere l’incendio si e resa  necessaria, dopo un primo immediato intervento  di una pattuglia di militari del radiomobile di passaggio, l’azione dei vigili del fuoco del distaccamento di Taormina. Il giovane è stato trasportato in codice giallo presso l’ospedale San Vincenzo e ricoverato  al  reparto di ortopedia con una prognosi iniziale di 30 giorni.

Sul posto  per i rilievi è intervenuta la Polizia Locale di Taormina che  oggi, coordinati dal Vice Comandante Commissario Lo Presti, ha proceduto a contestare al 32 enne taorminese la violazione degli artt. 143 cds (per guida contromano) e 186 comma 2 lettera c) e comma 2 bis del codice della strada per guida sotto l’effetto di bevande alcolemiche con un tasso superiore a 1,50 con successiva comunicazione di notizia di reato alla Procura della Repubblica di Messina.

Per il giovane è scattato  anche il ritiro formale della patente (andata distrutta dalle fiamme ) per la successiva revoca.

 

Pubblicato in Cronaca

"Dopo un'attesa di ben 18 anni - riferisce il commissario di Asm, l'avv. Antonio Fiumefreddo - sono stati siglati importanti benefici nel contratto dei lavoratori dipendenti della Municipalizzata taorminese. Un momento questo che riesce a dare serenità al personale, impegnato in un complesso molto importante per l'economia della capitale del turismo siciliano. Era necessario adeguare gli accordi con il personale che si è contraddistinto, ancor di più, in questo difficile momento per l'impegno profuso anche durante il lockdown. Quanto avvenuto è la testimonianza tangibile del clima di serenità che si sta vivendo in azienda ed avvicina, sempre più, alla conclusione della fase di liquidazione. Ringrazio sentitamente i rappresentanti sindacali per la capacità di leadership dimostrata".  L'accordo è stato sottoscritto, oltre che dal commissario anche dai rappresentanti sindacali: Concetto Pirri (Rsa - Faisa Cisl), Franco Micalizzi (Rsa - Filt Cgil), Giuseppe Panarello (Rsa Uil trasporti) e Francesca Gullotta (Rsa Ugl Tpl). Dopo ampia discussione si è stabilito, al fine di aggiornare e integrare l’accordo integrativo del 16 settembre 2002 e quindi procedere al riequilibrio delle spettanze per tutto il personale, quanto segue: erogare, mensilmente, una somma di 250 euro lordi per tutti i dipendenti, legati all’effettiva presenza sul posto di lavoro (per un massimo di 26 giorni – ciascun giorno è pari a euro 9,61 di indennità); sono computati come giornate lavorative tutte, comprese le ferie e i vari permessi previsti dalla legge e autorizzati dall’Azienda. Restano fuori da questo computo le giornate di malattia che verranno scalate dalla somma di 250 euro. È stato deciso anche di aggiornare l’accordo integrativo del 27 ottobre 1999, deliberato dopo due giorni dal Consiglio di Amministrazione sull’indennità di cassa, 3 euro lordi al giorno di effettivo lavoro; analogo discorso e cioè, 3 euro lordi, anche sull’indennità di rischio per i lavoratori di tutti i settori di Asm. Per quanto riguarda la reperibilità potrà essere compensata con giornate di ferie, opzione del dipendente, altrimenti verrà retribuita al 30% dell’ora paga base, mentre in precedenza era al 25% dell’ora paga base. Le ore di straordinario, inoltre, potranno essere trasformate in riposi compensativi, anche questa sarà una opzione del dipendente. È stato deciso di aggiornare la tariffa oraria del notturno (quello eseguito tra le ore 22 e le 5 antimeridiane) che fino ad oggi era pari ad 3 euro circa, mentre sarà erogata la somma di 5 euro per tutto il personale, senza differenza di parametro. In aggiunta si specifica che, entro il 30 giugno 2021, dovrà determinarsi, con un accordo tra le parti, un premio di risultato legato ad obiettivi da concordare. In alternativa all’art. 38 Welfare dell'accordo nazionale  risalente al 28 novembre 2015 di rinnovo del Ccnl Autoferrotranvieri (Mobilità – Tpl), è previsto un fondo integrativo e facoltativo per tutti i lavoratori nel quale ciascuno dei dipendenti può scegliere di versare nella misura di un minimo pari al 2% fino ad un massimo del 5% della propria retribuzione netta mensile e l’Azienda si impegna a versare nel medesimo fondo la stessa percentuale decisa dal dipendente e che in qualunque momento può essere cambiata in egual misura. Tale fondo dovrà servire per attingere ad eventuali spese sanitarie proprie del dipendente o del nucleo familiare, previsti nello stato di famiglia. A fine rapporto lavorativo la quota eventualmente residua in tale fondo, per ciascun dipendente, sarà allo stesso liquidata. Il fondo potrà essere gestito anche da un’eventuale società assicurativa con l’impegno che sia garantito il capitale. L'accordo sarà in vigore a partire dal primo Agosto 2021.

Pubblicato in Attualità
Pagina 1 di 75

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI