Certificato di sicurezza anti covid e defiscalizzazione del 5% sulla bolletta idrica e su quella della tari, per commercianti, ristoratori e albergatori. Tamponi garantiti sulla base delle presenze turistiche stimate.  Questa la proposta di "Unione civica per Taormina" ,  per incentivare in sicurezza, i soggiorni e le presenze turistiche, soprattutto straniere.  

"Durante la ripartenza, si legge in una nota del movimento, la competizione tra le località turistiche internazionali, sarà ancora più aggressiva e basata sulla maggiore garanzia, che i siti scelti, potranno essere sicuri e ben organizzati sul piano pandemico.

La pandemia infatti, tende ancora a frenare una ripresa spedita e senza ostacoli. Nonostante l'impegno e la collaborazione di tutti i cittadini, il settore turistico continua ad essere seriamente penalizzato ma, resta cruciale, fondamentale per la nostra città.

Il caso drammatico e ancora tutto da chiarire, avvenuto presso l'ospedale San Vincenzo con la catena di contagi tra pazienti e personale sanitario, e le zone rosse circostanti, non facilitano neanche per Taormina una ripresa spensierata, soprattutto quella internazionale.
A chi arriva dall'estero, dai paesi europei, ma soprattutto da quelli extra europei, occorre garantire ottima organizzazione basata sulla sicurezza e sull'affidabilita' organizzativa di un' intera città e delle sue istituzioni."

"Per questo, Unione Civica x Taormina, dichiara il suo portavoce Antonio D'Aveni, propone alla giunta e al sindaco Bolognari, di istituire un "Certificato di Sicurezza" da apporre presso le vetrine di tutti i locali commerciali, quelli di ristoro e le categorie alberghiere, che rafforzerà la fiducia di ulteriore garanzia a tutti i turisti, da parte degli operatori del settore, che i locali verranno costantemente sanificati garantendo il massimo della responsabilità sulla sicurezza sanitaria. Inoltre, aggiunge D'Aveni, proponiamo uno sconto del 5% per un intero anno, sulla bolletta idrica, e il 5% sulla Tari a tutte le categorie imprenditoriali coinvolte, per contribuire con un aiuto sensato proprio attraverso l'acqua. Che oggi più che mai rimane un bene primario e fondamentale. Questo, per noi di UNIONE CIVICA X Taormina, è senso di comunità e di collaborazione in un momento tanto complesso, tanto difficile ma che non deve vederci inermi. Anzi, siamo noi che dobbiamo attaccare il virus con Idee, proposte e soluzioni. Non possiamo assolutamente restare inermi e immobili. Occorre reagire: reagire come si può e senza indugi... se pur sempre in sicurezza! Spero vivamente, conclude Antonio D'Aveni, che la Maggioranza e il Sindaco, possano accogliere, apprezzare, attuare e interpretare questo nostro contributo, come un sano spirito collaborativo per il bene di Taormina."

Pubblicato in Politica

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI