( foto dal web) ( foto dal web)

SANTA TERESA DI RIVA. AL VAL D’AGRO’ IN SCENA I PUPI DEI F.LLI NAPOLI. AI MICROFONI DI JONICAREPORTER FIORENZO E DAVIDE NAPOLI In evidenza

Torna ad alzarsi il sipario nel fine settimana al teatro Val D’Agrò. Sabato 19 e domenica 20 infatti si esibiranno i F.lli NAPOLI nello spettacolo natalizio: LA NATIVITA’ DI GESU’ BAMBINO, rappresentato con i classici pupi siciliani di tradizione catanese.
Si tratta di uno spettacolo molto interessante, piacevole ed emozionante. La famiglia Napoli (Pupari di quarta generazione) ha la grande capacità di coinvolgere il pubblico con le voci dei parraturi, con il movimento scenico dei bellissimi pupi, perfetti nei costumi e nella loro fattura. La Marionettistica sarà dunque protagonista al Val D’Agrò grazie ai bravissimi manianti con la bellezza delle luci e dei fondali scenici da loro realizzati e molto antichi.
La compagnia viene fondata a Catania nel 1921 da Gaetano Napoli e oggi, giunta alla sua quarta generazione, senza interruzioni, rappresenta la più significativa realtà del tradizionale teatro dei pupi di tipo catanese.
Tutta i membri della famiglia Napoli prendono parte alla messinscena degli spettacoli ricoprendo con maestria i ruoli tipici dell'Opera: Italia Chiesa Napoli parratrici, Fiorenzo direttore artistico della compagnia, parraturi principale e maestro conduttore dei pupi; Giuseppe capo manianti e scenografo; Salvatore ideatore delle luci e fonico; Gaetano parraturi; Davide manianti e secondo parraturi; Dario assistente di palcoscenico; Marco manianti; Alessandro antropologo, manianti e addetto al fabbisogno degli spettacoli; Agnese Torrisi, direttore di scena.
Una tradizione antica quella dell’Opera dei Pupi che si affermò stabilmente nell’Italia meridionale e soprattutto in Sicilia tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento.
I pupi siciliani si distinguono dalle altre marionette essenzialmente per la loro peculiare meccanica
di manovra e per il repertorio, costituito quasi per intero da narrazioni cavalleresche derivate in gran parte da romanzi e poemi del ciclo carolingio.
La Natività di Gesù Bambino che propongono i Fratelli Napoli tende a recuperare un momento di grande interesse del teatro dei pupi tradizionale: a Natale infatti il ciclo epico dei paladini veniva temporaneamente interrotto per rappresentare il dramma pastorale di Andrea Perrucci opportunamente adattato dai pupari alle esigenze di gusto del pubblico siciliano. Il comico napoletano Razzullo veniva sostituito da Peppininu maschera tradizionale del teatro dei pupi catanese.

A tal proposito il Direttore Artistico della Compagnia Sikilia e del Teatro, Prof.ssa Cettina Sciacca, invita soprattutto i genitori ed i nonni a portare i loro figli e i nipotini al Teatro, poiché è una occasione unica per avvicinare i più giovani a questa meravigliosa tradizione siciliana che offre a tutti la possibilità di toccare e farsi abbracciare da questi pupi che, grazie all’abilità dei Napoli, sembrano davvero vivi.
“ Per questa ragione, spiega Cettina Sciacca, abbiamo pensato di fare una replica, oltre le date del 19 e 20 dicembre rispettivamente alle ore 20.30 e 18.30, la stessa domenica 20 dicembre ma alle ore 16.30 in cui è prevista una riduzione del biglietto per i bambini al costo di 10,00 euro, mentre per gli accompagnatori adulti viene mantenuto il biglietto al costo di 15,00 euro.”

L’invito è rivolto anche agli insegnanti e ai dirigenti scolastici affinché si facciano promotori presso gli alunni al fine di incrementare e divulgare quanto di più bello c’è nella vasta e variegata cultura siciliana. Per ovvie ragioni nel caso in cui non venga raggiunto un numero sufficiente di prenotazioni la replica non verrà fatta.

Questo è l’invito di Cettina Sciacca che siamo sicuri verrà accolto con grande entusiasmo e partecipazione. Noi abbiamo voluto sentire la voce dei protagonisti, ovvero di Fiorenzo Napoli e del figlio Davide che ci hanno spiegato cosa ci aspetterà al val D’Agrò sabato 19 e domenica 20.

 

000

Video

Letto 1609 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. SUCCESSO PER SEBASTIANO LO MONACO AL TEATRO VAL D’AGRO’

    Il TEATRO VAL D’AGRO’ ha ospitato il 18 e 19 gennaio l’attore ciurdiano, come vengono chiamati i nativi di Floridia in lingua siciliana, SEBASTIANO LO MONACO che ha rappresentato se stesso e Luigi Pirandello. Due serate intense ed emozionanti, durante le quali sul palco si sono scambiati e incrociati spesso i ruoli di attore e di uomo, con le capacità poliedriche e accattivanti che solo un grande e navigato attore può fare. Lo Monaco ha messo a nudo se stesso, attingendo a episodi e aneddoti della sua vita, ai luoghi in cui ha vissuto e alle persone con cui ha lavorato durante la sua lunga carriera artistica, partecipando al pubblico in sala quell’intimità, in nessun attimo nascosta durante le quasi due ore di recitazione, che lo ha reso ancora più vero e più grande agli occhi di chi lo guardava e ascoltava in un partecipato silenzio.

    Uno stile personalissimo, quello di Lo Monaco, unico, inimitabile e originale; il suo monologo “IO E PIRANDELLO” non è stato altro che un atto di riconoscenza verso il grande maestro argentino con il quale l’attore ha molti punti in comune, tra i quali il cosiddetto “male di vivere” che colpisce comunque le menti più profonde e sensibili. Lo Monaco si spoglia così, quasi per una esigenza interiore forte, della maschera dell’artista di successo e si confessa al pubblico e gli regala la sua umanità, le sue paure e debolezze, i suoi dubbi, le sue amarezze e le sue gioie. Si diverte a pungolare il pubblico a interagire con lui, si siede in mezzo a loro, usandolo quasi come un confessore della sua irresistibile voglia di confronto.

    Quando indossa i costumi di personaggi unici nella storia del Teatro, diventa ancora più imponente e incisivo, inizia regalandoci i meravigliosi versi del V Canto dell’Inferno di Dante che racchiudono le due più belle figure di amanti dell’immaginario popolare sentimentale: PAOLO e FRANCESCA; subito dopo si trasforma in EDIPO RE e poi in AGAMENNONE, per giungere ai livelli emozionali più alti quando, appoggiando la toga nera sulla spalla, interpreta il giudice BORSELLINO, con una umiltà e un sentire profondo che arriva dritto al cuore della gente. Per non parlare della sua impareggiabile interpretazione di CIAMPA, dal Berretto a Sonagli, identificando nel pubblico presente il Signor Fifì e sua moglie; conclude il monologo con un frammento e una magistrale interpretazione di ENRICO IV di Pirandello.

    Uno spettacolo superbo, scelto dal direttore artistico del Teatro Val D’Agrò, professoressa Cettina Sciacca, che insieme alla sua meravigliosa squadra dei SIKILIA, riesce a portare al teatro e a fidelizzare sempre più gente, facendoli innamorare del Teatro, scommettendo su opere nuove, generi diversi per offrire un vasto panorama di ciò che si chiama Arte, Cultura e Bellezza.

    Due gli appuntamenti prossimi che sono entrambi due fuori programma: SABATO 25 Gennaio alle 20.30, in collaborazione con la FIDAPA di Santa Teresa di Riva Valle D’Agrò e il suo Presidente, la Prof.ssa Cettina Carnabuci, si potrà assistere al Recital sulla vita e le canzoni di ROSA BALISTRERI: “UNA DONNA … UNA VOCE”, con Giusy Schilirò, il cui ricavato andrà in parte al Centro antiviolenza “Al tuo fianco” dell’Avv. La Torre. E altro appuntamento da non perdere, prima volta in Sicilia, sarà DOMENICA 2 FEBBRAIO con lo spettacolo teatrale-musicale MAMMANAPOLIMOOD di e con Emiliano De Martino e Valentina Proieto Scipioni, un atto d’amore verso la città di Napoli e i suoi figli, la sua cultura e la sua umanità; un viaggio tra immagini ed emozioni, canzoni edite e inedite eseguite live con voce, chitarra e percussioni da Marco de Vincentiis, un viaggio che si fa riflessione dal ‘900 ai giorni nostri, perché vi sia “una voce per chi voce non ha”.

  • SANTA TERESA DI RIVA. DOMENICA 20 GENNAIO FRANCESCA INCUDINE IN CONCERTO AL VAL D’AGRO’

    Prosegue il successo del Teatro Val D’Agrò. Artisti di alto profilo per una stagione ricca di appuntamenti. Il prossimo evento fuori cartellone, è in programma  domenica 20 gennaio 2019. Al teatro Val D’Agrò si esibirà in un grande concerto Francesca Incudine, sorella del grande Mario, che, senza togliere nulla alla bravura e notorietà di cotanto fratello, si sta imponendo, in punta di piedi, nel campo musicale con estrema bravura e grande umiltà.

    Francesca Incudine è Targa Tenco 2018.  A decretarlo è stata una giuria composta da oltre 300 giornalisti musicali che ha stabilito che “Tarakè”, prodotto dalla giovane etichetta Isola Tobia Label, è il disco in dialetto più bello dell’ultima annata, confermando così i tanti riscontri positivi che la cantautrice ha raccolto con questo lavoro intenso e delicato, tra canzone e world music.

    La band di 4 elementi è composta da: Francesca Incudine, Nicola Merlisenna, chitarra, Raffaele Pullara, fisarmonica e corde, Salvo Compagno, percussioni.

     “Tarakè, di semi sparsi al vento” è il titolo del nuovo concerto della cantautrice ennese Francesca Incudine, per presentare il suo nuovo un lavoro discografico che racconta di coraggio e di cambiamento, di viaggi, di speranza, “di semi sparsi al vento”, quei semi come sogni e come segni, volati via dalla corolla del dente di leone, il tarassaco, il nuovo fiore simbolo scelto per questo nuovo percorso artistico. Brani ben piantati per terra, che raccontano storie coraggiose, amori fecondi, finestre sul reale e sul possibile, desideri e volontà. Quadri sonori dipinti dagli arrangiamenti di Carmelo Colajanni e Manfredi Tumminello, che ne curano la direzione artistica, miscelando sapientemente il suono alla parola, il pop alla world music, il siciliano all’italiano, per restituire al pubblico una trama ispirata.

    Viene da un’urgenza di cambiamento, dalla ricerca di nuove strade e dalle conseguenti cadute, il secondo album di Francesca Incudine, cantautrice siciliana, tra le giovani realtà più interessanti della world music italiana.

    “Così, come quei piccoli semi, sono venute fuori – racconta Francesca Incudine – le canzoni di questo disco. Undici piccole guerriere che raccontano di coraggio e di come le cose cambiano solo se veramente vogliamo che cambino. Undici quadri sonori per restituire un po’ di ciò che ero e di ciò che voglio essere, rispondendo ancora una volta ad una promessa fatta a me stessa: quella di essere autentica”. È un disco che racconta l’impegno di vivere Tarakè.

    Si potrebbe dire che è colorato ad acquerelli, come l’immagine di copertina firmata da Stefania Bruno. L’album contiene un omaggio ad Andrea Parodi, cantante dei Tazenda, ovvero la versione di “Frore in su Nie” che la Incudine ha presentato nel 2013 al Premio dedicato all’artista sardo dove ha fatto incetta di riconoscimenti: premio della critica, premio per il miglior testo, premio per la migliore musica e premio dei bambini.

     

     

  • Teatro: la “Phaedra”, riparte da Santa Teresa di Riva

    Torna la “Phaedra” di Alberto Bassetti nell’applaudita edizione diretta da Giovanni Anfuso e interpretata da Liliana Randi e Angelo D'Agosta, prodotta da “Produzioni Raffaello”.

    Dopo il debutto nel 2016 nella splendida cornice del teatro greco di Segesta e due anni di tournée con unanime apprezzamento di critica e pubblico, lo spettacolo sarà rappresentato per la prima volta nel Messinese sabato 24 novembre alle 20,30 nel Teatro Val d'Agrò di Santa Teresa di Riva e replicato l’indomani alle 18.

    La forza di questa “Phaedra”, che come detto ha riscosso ovunque lusinghieri successi, sta non soltanto nella raffinata e stimolante confezione, ma nella bravura degli interpreti, ai quali il regista ha cucito addosso la drammaturgia, quasi con un’operazione sartoriale.

    Dopo l’appuntamento di Santa Teresa di Riva lo spettacolo proseguirà il proprio tour siciliano toccando Noto, Regalbuto e Siracusa per approdare infine a Roma, dove sarà rappresentato al teatro Quirinetta.

    I Sikilia e il Direttore Artistico del Teatro, Cettina Sciacca, sono orgogliosi di aver in scena al teatro lo spettacolo di Giovanni Anfuso, grande regista teatrale che ha iniziato il suo apprendistato come assistente di alcuni dei più grandi registi italiani come Giorgio Strehler, Lamberto Puggelli e Glauco Mauri.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI