FOOD E BENEFICENZA: GRANDE SUCCESSO PER LA SETTIMA EDIZIONE DI ETNA CHIC CHEF

FOOD E BENEFICENZA: GRANDE SUCCESSO PER LA SETTIMA EDIZIONE DI ETNA CHIC CHEF In evidenza

“Fare del bene ne vale la cena''. Questo lo slogan che ha accompagnato la settima edizione di Etna&Chic Chef, evento enogastronomico ai piedi del vulcano, quest'anno è stato dedicato al tema del comfort food.

La manifestazione è stata organizzata dall'associazione Italiana Charming Italian Chef, (Chic) che vede impegnato in prima linea la stella Michelin Pietro D'Agostino, ideatore dell'iniziativa cresciuta anno dopo anno, con la collaborazione anche della Federazione italiana cuochi, l'Associazione provinciale cuochi etnei e del suo presidente provinciale, Seby Sorbello.

Nella tenuta Voscenza a Santa Venerina si sono dati appuntamento oltre venti tra i migliori Chic chef d'Italia in una vera e propria maratona culinaria all’insegna della beneficenza.

Tra i nomi dei tanti chef stellati che hanno accettato l’invito di Pietro D’Agostino ricordiamo Giuseppe Mancino due stelle Michelin de il Piccolo Principe di Viareggio; Alessandro Gilmozzi, una stella Michelin de El Molin di Cavalese nella Valle di Fiemme a Trento; Flavio Costa una stella Michelin del ristorante 21.9 all’interno della Tenuta Carretta a Piobesi d’Alba; e ancora Pier Giorgio Parini da stella Michelin a miglior giovane chef d’Italia per la Guida dell’Espresso 2012.

Un viaggio enogastronomico alla scoperta di piatti ricercati e sapori raffinati il tutto accompagnato dai vini delle più importanti cantine.

Non solo gusto… nella Tenuta Voscenza c’è stato spazio anche per l’arte con le creazioni Marella Ferrera che  per l’occasione ha confezionato degli originali papillon per essere venduti in beneficenza.

L’incasso della manifestazione è infatti stato devoluto alla LIMPE - DISMOV, l’Accademia Italia Malattia Parkinson e disordini del movimento.

Protagonisti della serata anche gli studenti dell’istituto Pugliatti di Taormina, accompagnati dal preside Luigi Napoli,  che hanno offerto il loro prezioso contributo per l’ottima riuscita della cena.

GUARDA INTERVISTA A PIETRO D’AGOSTINO, MARELLA FERRERA , LUIGI NAPOLI


000

Video

Letto 1873 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. A La Capinera, il nuovo menu dell’estate 2021, ispirato ai quattro elementi naturali

    Dai quattro elementi che generano la vita, lo chef Pietro D’Agostino riprende il racconto della sua cucina, dopo oltre un anno di pandemia vissuta tra l’orto e i fornelli di casa. Il fuoco, l’aria, l’acqua e la terra sono diventati per lo stellato del ristorante La Capinera  di Taormina il paradigma attraverso il quale creare nove nuovi piatti che si aggiungono ai vecchi must in un menu che segna l’avvio dell’estate 2021.

    “Aver riaperto la terrazza che si affaccia su questo scorcio della spiaggia di Spisone dopo un anno di lockdown e restrizioni– commenta lo chef stellato – mi ha dato una gioia incontenibile. Ho atteso questo momento con grande pazienza e ho approfittato di questo lungo periodo di riflessione per elaborare nuove pietanze, nuovi incontri di sapori”.

    La cucina di Pietro D’Agostino, stella Michelin da 16 anni, ha una forte impronta territoriale, legata ai cicli stagionali, in cui l’elemento “terra” si delinea sempre più come rifugio, appartenenza, radici. Ma è anche “liquida”, essenziale e contemporanea in un racconto dove il pesce è indubbiamente un caposaldo. Inaspettato ma vero, nei menu de La Capinera ci sono anche tanti piatti di carne, quelli in cui la potenza del “fuoco” viene domata da tecniche di cottura morbide e centrate. I sapori intensi sono ottenuti attraverso un sapiente uso del fuoco che anima ed esalta gli ingredienti che ne sanno reggere la forza. E infine, anche l’elemento della forza rinnovatrice, l’”aria”, si insinua nei fornelli dello chef. É intesa come connessione ‘sostenibile’ con l‘ambiente e come “esperienza” attraverso il viaggio e “contaminazione” con altre culture. “È grazie ai viaggi che molti dei miei piatti fortemente isolani assumono una netta allure internazionale e moderna – commenta D’Agostino – trasformando ed evolvendo il mio modo di essere sostenibile per scelta”.

    Così, sono nati 9 piatti per questa stagione di “rinascita” post pandemia Covid19, inseriti un due proposte di menu degustazione. In Fuoco e Terra, composto da 9 portate, ci sono gli agnolotti in salsa di crostacei, “un vero e proprio must– sottolinea D’Agostino –che nella mia cucina ho scomposto e ricomposto mille volte, mettendo a nudo le materie prime, per un piatto riconoscibile in ogni suo singolo ingrediente, giocando con un po’ di creatività”. Un piatto che dai tradizionali spaghetti ai frutti di mare cui si ispira, inverte l’ordine dei fattori: la polpa di crostacei la ritroviamo all’interno della pasta, mentre all’esterno solo un leggero e gustoso condimento. Il tocco finale è dato dal finocchietto selvatico, presente come nella ricetta tradizionale, ma sotto altra consistenza, in un infuso essenziale, spruzzato a fine preparazione.

    Nuova ricetta anche per i tagliolini neri tirati a mano con rosso di Mazara, zucchine e ricci di mare. Qui il gioco dello chef è rappresentato dalle diverse consistenze degli ingredienti: la pasta, spessa e callosa incontra la morbidezza del gambero e la delicatezza dei ricci, entrambe avvolte dalla croccantezza della mollica “atturrata”.

    Il menu Mare e Aria, è composto da 6 portate. “Amo cucinare il pesce, si sa  – commenta lo chef – la mia sfida è lasciare ogni singolo sapore inalterato al palato, mi piace giocare solo un po’ sugli abbinamenti con gli ortaggi, ma per il resto è un piatto schietto”. Un filetto di pescato di fondale del giorno è un piatto straordinariamente semplice, condito con una salsa squisita alle nocciole e bieta, verdure croccanti e una chips di riso allo zafferano. “Cucinare in maniera consapevole significa rispettare le materie prime, valorizzandole in ogni fase, dalla produzione alla conservazione fino alla loro trasformazione finale, attraverso un metodo di cottura ideale che ne conservi gusto e proprietà. La cottura è intesa come celebrazione di un ingrediente”, spiega lo chef.

    Seducente al gusto, dal tocco leggermente frivolo, è la nuova pietanza di calamari ripieni con pane, mortadella, pomodoro di salsa allo zafferano. E naturalmente, non possono mancare le novità anche nella carta dei dessert. Una vera prelibatezza, il nuovo semifreddo al torroncino croccante in salsa al cioccolato e rum.

     

  • TAORMINA. Su La7 Licia Colò racconta Isola Bella, Taormina e l’Etna

    Il patrimonio botanico e sottomarino dell’Isola Bella e il Teatro Antico di Taormina, uno dei più spettacolari monumenti eretti dai Greci in Sicilia, sono protagonisti insieme all’Etna su La7 sabato 16 gennaio, in prima serata (ore 21.15), della seconda puntata di “Eden, Un pianeta da salvare”, il programma condotto da Licia Colò dedicato alla scoperta delle bellezze paesaggistiche dell’Italia e non solo.

    “Questa seconda puntata – rende noto l’Ufficio Stampa La7 - interamente dedicata all’Italia, si apre sulle vette dell’Etna, alla scoperta dei paesaggi unici creati dalla lava e dalla saponaria sicula, pianta tipica della zona e la sola in grado di crescere in un ambiente caratteristico come quello delle pendici del vulcano (…) quindi un ricordo di Angelo d’Arrigo, documentarista “volante” scomparso, che ha dedicato al vulcano la sua vita e le sue opere. Il viaggio in terra di Sicilia, poi, terminerà con la visita alla riserva naturale di Isola Bella nella stupenda Taormina, gioiello che tutto il mondo ci invidia”.

    “Crediamo che la divulgazione culturale e l’informazione di qualità siano importanti strumenti per diffondere la conoscenza del nostro patrimonio artistico e paesaggistico – commenta la direttrice del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano – soprattutto in questo difficile periodo della pandemia, in cui con la chiusura di musei e parchi archeologici restiamo forzatamente lontani dai nostri luoghi del cuore: spazi della memoria collettiva, italiana e internazionale. Per questo come Parco collaboriamo con le migliori produzioni televisive italiane e straniere, preziose alleate per tenere viva l’attenzione e il desiderio di noi tutti di tornare appena possibile nelle città d’arte come Taormina e il suo comprensorio, dove i monumenti, il mare e la bellezza del paesaggio sono da tre secoli forti attrattori turistici”.

  • Taormina si conferma la Perla del Gusto. Appuntamento con lo chef D'Agostino al Palazzo Duchi di Santo Stefano

    Si svolgerà oggi, lunedì 1 luglio, dalle ore 18:30, al Palazzo Duchi S. Stefano, già sede di Fondazione Mazzullo, un interessante appuntamento all’insegna delle maestrie siciliane in ambito enogastronomico che caratterizzano, negli ultimi anni, un turismo di elegante qualità, con dati in crescita.

    Saranno presentati i nuovi Vini Di Contrada, marchio Mandrarossa, l’eccellenza delle Cantine Settesoli  che raccoglie i vini prodotti dai migliori vigneti selezionati nella zona di Menfi, in provincia di Agrigento: una firma che significa qualità, cultura, sperimentazione, tipicità ed espressività siciliana.  

    I Vini che saranno presentati e assaporati sono Terre del Sommacco Sicilia DOC 2016, il Nero D’Avola unico per profumi, freschezza ed intensità e il Bertolino Soprano Sicilia DOC 2017, il grillo dalle note seducenti e dai profumi inconfondibili, frutto del dialogo tra la tradizione e l’innovazione.

    Questi Vini di Contrada, che rappresentano l’evoluzione del brand siciliano verso l’eccellenza qualitativa, rientrano nella consolidata e importante realtà consortile siciliana di aziende vitivinicole, le Cantine Settesoli, fondata nel 1958 a Menfi.

    I numeri sono impressionanti: 2.000 soci producono vini da 6.000 ettari di terreni vitati nel distretto delle Terre Sicane, sulla costa sud-occidentale della Sicilia.

    Coinvolge a vario titolo nella sua attività il 70% delle 5.000 famiglie del territorio. 4 stabilimenti, una produzione di 22 milioni di bottiglie di vino prodotte ogni anno e una costante attenzione ai temi ambientali e sociali, Cantine Settesoli è uno dei protagonisti nel panorama vitivinicolo nazionale ed internazionale.

    La degustazione dei Vini di Contrada diventerà esperienza sensoriale grazie al connubio con lo chef stellato Pietro D'Agostino del Ristorante "La Capinera" e "Kistè". Sua la maestria in cucina di riproporre piatti ‘unici’ della ristorazione italiana con un occhio al valore della tradizione, esaltando, in un armonico viaggio sensoriale, la bellezza, i sapori e i profumi di Sicilia in un piatto.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI