MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO

MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO In evidenza

 Vasco è qua, per la sua unica data in Sicilia, per la quarta volta negli ultimi dieci anni sold out lo stadio.. 

Con il suo show NonStop ancora di più questa volta. Traffico in tilt, una fiumana di macchine in fila all’uscita dell’autostrada ... e oltre 40000 “bellissimi” che sfilano felici davanti ai cancelli dello stadio fin dalle prime ore del pomeriggio.
E' Un gran bel rumore quel BOATO assordante di gioia che esplode e “fa tremare il cuore” dello stadio San Filippo, alle 21.00, quando puntuale “sua Maestà il Palco” si apre e compare Vasco che attacca con Cosa succede in città. Potente e significativa la contaminazione industrial per il brano del 1985 che parla chiaro anche oggi. Dopo la prima pacca che spacca, eccone subito un’altra di pura emozione su “Adesso che tocca a me”,“Come nelle favole”…Cantano tutti con lui, un coro unico e straordinario dalla prima all’ultima canzone di una scaletta bomba! La condivisione è totale.

Vasco è a Messina e Messina c’è. Vasco ama la Sicilia e la Sicilia lo ricambia con il suo calore e i suoi colori, con i suoi odori e i suoi sapori. 
E’ un’esplosione d’amore rock al San Filippo "lo stadio piu’ bello del mondo", un anfiteatro naturale aperto e con una visuale così ampia che gli consente di abbracciarli tutti, a 360 gradi!!
Dal fronte del palco l’atmosfera è incandescente..lo stadio brucia di energia e di Gioiaaaa.

VASCONONSTOP LIVE, IL TOUR DEL TUTTO ESAURITO CHIUDE IN SICILIA CON OLTRE 450.000 SPETTATORI 


VascoNonStop Live conclude il suo primo giro di stadi qui, a Messina.
Vasco Rossi ha inaugurato la stagione della musica rock live e chiude il tour in Sicilia. Un successo incredibile: 9 date x 5 città, doppi stadi sold out da nord a sud, per oltre 450.000 fan in delirio.
Da Torino (tra i fan anche la sindaca Appendino) a Padova (c’era anche Federica Pellegrini), a Roma (sottopalco Francesco de Gregori, Gaetano Curreri, Emma Marrone e Coez), a Bari (Checco Zalone), passando per Lignano fino a Messina (Noemi), unica tappa siciliana allo stadio San Filippo - per la quarta volta sold out negli ultimi dieci anni.
Tutti pazzi per la scaletta “che rotola giu’ perfettamente”, tra contaminazioni industrial negli arrangiamenti di autentiche “chicche” come “Cosa succede in città”, la pacca che spacca in apertura, “Fegato spappolato” , “Domenica lunatica”, E ballate struggenti come “Adesso che tocca a me”, “Vivere non è facile” o “Stupido Hotel”…. E poi il medley elettrodance, e poi quello rock..e infine quello acustico, che manda giu’ di testa. Per oltre 2 ore e mezza di concerto rock. Nuovo, potente. Il più emozionante al mondo.

Per l’ultima data, sul palco c’è anche Il Gallo, Claudio Golinelli, al suo basso in “Siamo solo noi”. Ancora convalescente, Vasco gli intona un “Come stai? Ti distingui dall’ uomo comune..”

“E tutto torna”, scrive su Facebook Vasco. Ancora una volta si è messo in gioco, ha osato e ha vinto lui: centrati gli arrangiamenti del chitarrista Vince Pastano, centrata la polistrumentista new wave Beatrice Antolini, che si è inserita perfettamente nella band migliore al mondo con Stef Burns (chitarra), Frank Nemola (tastiere, sintetizzatori e tromba), Alberto Rocchetti, il “Lupo maremmano” alle tastiere e pianoforte, Matt Laug il batterista americano. Ultimo ma non in ordine di importanza, Andrea “Torre” Torresani al basso, che ha sostituito egregiamente il Gallo, colto da malore a Lignano.

Tutto è stato perfetto. Anche dal punto di vista della sicurezza. Dopo intensi mesi di lavoro di squadra e di preparazione le Forze dell’Ordine e gli altri attori istituzionali hanno assicurato che l’evento si svolgesse in un contesto di sicurezza e tranquillità, garantendo nel contempo la salvaguardia degli interessi della collettività (libertà di movimento e di circolazione), attraverso l’articolato dispositivo di sicurezza predisposto dal Questore di Messina Mario Finocchiaro in piena conformità alle direttive del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli e sulla base di quanto concordato nelle diverse riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presiedute dal Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi.
La perfetta sinergia tra Prefettura, Questura, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, nonchè Polizia Locale e Polizia Metropolitana, Vigili del Fuoco, Servizio emergenza 118, Azienda Trasporti Municipalizzata e società organizzatrice dell’evento ha consentito l’ottimale gestione dell’apparato disposto con ordinanza dal Questore a seguito di numerosi tavoli tecnici tenutisi in Questura.
Già nei giorni precedenti l’evento, sono state poste in essere azioni preventive volte a monitorare e analizzare i flussi dei numerosissimi spettatori, circa 40.000, che hanno raggiunto la città con mezzi propri e con più di 60 autobus.
Complessivamente sono scesi in campo oltre 300 appartenenti alle Forze dell’Ordine tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza. Polizia Locale, oltre a Vigili del Fuoco e Protezione Civile, diretti da Dirigenti della Polizia di Stato della Questura di Messina, coadiuvati da Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e della Giardia di Finanza.
In tempo utile per l’inizio dello spettacolo l’intero impianto sportivo è stato bonificato con l’impiego dell’artificiere in collaborazione con l’unità cinofila antisabotaggio della Polizia di Stato.
Predisposti inoltre specifici servizi finalizzati a contrastare il fenomeno dell’ambulantato e dei posteggiatori abusivi.
Pattuglie della Polizia Stradale hanno monitorato e regolato gli snodi nevralgici per l’afflusso in città dei numerosissimi fans in arrivo e pattuglie della Polizia Locale hanno regimentato il flusso del traffico cittadino impedendo intasamenti alla viabilità.

Sequestrata sostanza stupefacente del tipo hashish, marijuana e cocaina; numerose le segnalazioni alla Prefettura per stupefacenti; ritirate patenti; sequestrate autovetture; elevati verbali per violazione al Codice della Strada.
La Guardia di Finanza ha, inoltre, denunciato 22 persone per possesso di materiale contraffatto e ricettazione e segnalato altresì alla Prefettura e alla Camera di Commercio soggetti per commercio abusivo e violazione al codice del consumo.
Una cabina di regia che ha saputo gestire con professionalità, valorizzando le competenze di quanti a vario titolo hanno dato un contributo prezioso al buon esito dell’evento, una manifestazione complessa soprattutto per il numeroso afflusso di pubblico proveniente dal sud Italia e non solo.

000
Letto 490 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Polizia Municipale, la Cisl Fp scrive al sindaco: «Il Corpo necessita di una programmazione complessiva. Si convochi un tavolo di concertazione».

    «Il Corpo di Polizia Municipale necessita di una seria programmazione per uscire da un lunghissimo periodo di precarietà gestionale». Ad affermarlo è la Cisl Fp attraverso le RSU aziendali della Polizia Municipale, Santi Prestipino Giarritta e Pancrazio Puglia, insieme al referente aziendale del Comune di Messina Alfredo Mobilia che, con una lettera inviata al sindaco Cateno De Luca, hanno chiesto la convocazione di un tavolo di concertazione che veda protagonisti le Organizzazioni sindacali, la dirigenza della Polizia Municipale e l'Amministrazione Comunale.

    La Cisl Fp ha voluto evidenziare le gravi carenze strutturali ed organizzative della Polizia Municipale e la mancanza di dispositivi di protezione individuale per un Corpo chiamato a gestire il proprio servizio, in prima linea ed in un contesto complesso come quello della crisi epidemica che sta mettendo a dura prova tutti gli agenti sia in termini di impegno che per i rischi connessi.

    «Bisogna programmare subito il Piano del Fabbisogno del Personale per il triennio 2021/23 – affermano Mobilia, Prestipino Giarritta e Puglia – prevedendo il completamento delle procedure di stabilizzazione degli ex precari con l’attribuzione del full time, l'assunzione degli idonei del concorso a tempo determinato, il rinnovo dei contratti dei vincitori fino alla durata massima prevista ovvero i 36 mesi e la selezione interna per rimpinguare il profilo di Ufficiale di Polizia Giudiziaria, indispensabile per una corretta e legale gestione delle attività di Polizia Municipale».

    Attenzione, chiede la Cisl Funzione Pubblica, anche per l'iter d'approvazione del Piano Triennale delle assunzioni 2020/23 sul tavolo di valutazione della commissione ministeriale. «Bisogna fornire in maniera compiuta tutta la documentazione richiesta per poter procedere con celerità all'assunzione a tempo indeterminato dei 15 agenti ex Opcm e si proceda all'assunzione di due agenti in sostituzione di coloro che non hanno firmato il contratto di lavoro lo scorso tredici agosto».

    Il sindacato, inoltre, sollecita la richiesta al Prefetto affinché venga assegnata la qualifica di ausiliari di Pubblica Sicurezza ai 46 nuovi assunti, «per consentire un più proficuo utilizzo del suddetto personale nella totalità dei servizi d'istituto».

    La Cisl Funzione Pubblica, infine, invita il sindaco a programmare una «nuova stagione di investimenti economici per consentire a tutti i lavoratori di poter indossare divise consone al ruolo rivestito e di poter utilizzare apparati radio e tecnologia al passo con i tempi».

    Le dichiarazioni del referente aziendale del Comune di Messina Alfredo Mobilia

  • Taormina Arte. L’argomento al centro delle polemiche a Messina. Currò (FdI): “Il consiglio comunale proponga delibera per restare”

    “Esistono degli strumenti che consentono all’assise municipale di non dover rimanere inerme mentre si compie un destino voluto dall’amministrazione e bocciato dal Consiglio Comunale. Mi chiedo perché nessuno dei consiglieri abbia, sino ad ora, ritenuto di proporre un atto di delibera dal quale consegua la permanenza di Messina nella Fondazione TaoARTE.”

    Ad affermarlo è Pasquale Currò, Coordinatore FDI della Città Metropolitana di Messina.

    “La soluzione, afferma Currò, potrebbe essere, per l’appunto, una proposta con quale si intenda destinare un bene immobiliare alla fondazione. Questo, del resto, è il requisito per farne parte: un bene immobile da inserire nel patrimonio. Il consiglio può essere propositivo in tal senso. È nelle sue facoltà.

    Fratelli d’Italia, prosegue, non è forza rappresentata in quell’aula ma non per questo resta alla finestra a guardare inerme. Stiamo facendo il possibile per scongiurare qualcosa che riteniamo sarebbe dannoso per il nostro territorio. I consiglieri che intendano operare in direzione di una pronta e radicale risoluzione della situazione vorrei sapessero che, dall’esterno, noi ci siamo. E io, conclude Currò, sono totalmente a disposizione per fare da trait d’union, insieme all’Onorevole Amata che immediatamente si è spesa per avviare una mediazione e prendere tempo”.

  • MESSINA. CORONAVIRUS. POLICLINICO. NUOVA PROCEDURA PER AVERE INFORMAZIONI SUI PAZIENTI CODIV 19

    L'A.O.U. Policlinico "G. Martino" comunica che, per adeguare il servizio al crescente numero di richieste, è stato modificato l'indirizzo e-mail a cui inviare il modulo mediante cui accreditarsi per ricevere informazioni di familiari ricoverati presso la struttura per coronavirus.

    Coloro i quali hanno necessità di avere notizie dei propri cari, dovranno quindi scaricare il modulo disponibile sul sito www.polime.it e, dopo averlo compilato, inviarlo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. inserendo come oggetto della mail "SERVIZIO INFORMAZIONI PAZIENTI COVID". Si viene così censiti in un apposito database e, quindi, contattati periodicamente dal personale sanitario per gli aggiornamenti. Ai familiari viene altresì offerta la possibilità di fare avere vestiti e beni di prima necessità ai ricoverati presso il Padiglione H, indicando il luogo di consegna, comunque all'ingresso del Policlinico.

     L'Azienda coglie altresì l'occasione per ringraziare tutti coloro i quali hanno voluto manifestare concreta solidarietà ai pazienti ricoverati. In particolare, l'on. Matilde Siracusano ha donato all'A.O.U. un ventilatore polmonare; Sicilia Sistemi di Catania del gruppo Dedalus ha fatto pervenire un congruo numero di tablet, che permette ora anche ai tanti pazienti anziani di fruire della possibilità di ricevere chiamate e videochiamate dall'esterno; il Gruppo RG Hotels di Giardini Naxos ha fatto avere ai ricoverati kit per l'igiene personale, necessari a tutti coloro che sono stati ricoverati d'urgenza.

    A tutti loro e a chi sta continuando a prodigarsi per raccolte e donazioni, l'A.O.U. Policlinico "G. Martino" manifesta un profondo sentimento di riconoscenza, poiché si tratta di interventi che contribuiscono a rafforzare la lotta contro il covid o, comunque, ad alleviare le sofferenze delle persone purtroppo affette dal virus.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI