MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO

MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO In evidenza

 Vasco è qua, per la sua unica data in Sicilia, per la quarta volta negli ultimi dieci anni sold out lo stadio.. 

Con il suo show NonStop ancora di più questa volta. Traffico in tilt, una fiumana di macchine in fila all’uscita dell’autostrada ... e oltre 40000 “bellissimi” che sfilano felici davanti ai cancelli dello stadio fin dalle prime ore del pomeriggio.
E' Un gran bel rumore quel BOATO assordante di gioia che esplode e “fa tremare il cuore” dello stadio San Filippo, alle 21.00, quando puntuale “sua Maestà il Palco” si apre e compare Vasco che attacca con Cosa succede in città. Potente e significativa la contaminazione industrial per il brano del 1985 che parla chiaro anche oggi. Dopo la prima pacca che spacca, eccone subito un’altra di pura emozione su “Adesso che tocca a me”,“Come nelle favole”…Cantano tutti con lui, un coro unico e straordinario dalla prima all’ultima canzone di una scaletta bomba! La condivisione è totale.

Vasco è a Messina e Messina c’è. Vasco ama la Sicilia e la Sicilia lo ricambia con il suo calore e i suoi colori, con i suoi odori e i suoi sapori. 
E’ un’esplosione d’amore rock al San Filippo "lo stadio piu’ bello del mondo", un anfiteatro naturale aperto e con una visuale così ampia che gli consente di abbracciarli tutti, a 360 gradi!!
Dal fronte del palco l’atmosfera è incandescente..lo stadio brucia di energia e di Gioiaaaa.

VASCONONSTOP LIVE, IL TOUR DEL TUTTO ESAURITO CHIUDE IN SICILIA CON OLTRE 450.000 SPETTATORI 


VascoNonStop Live conclude il suo primo giro di stadi qui, a Messina.
Vasco Rossi ha inaugurato la stagione della musica rock live e chiude il tour in Sicilia. Un successo incredibile: 9 date x 5 città, doppi stadi sold out da nord a sud, per oltre 450.000 fan in delirio.
Da Torino (tra i fan anche la sindaca Appendino) a Padova (c’era anche Federica Pellegrini), a Roma (sottopalco Francesco de Gregori, Gaetano Curreri, Emma Marrone e Coez), a Bari (Checco Zalone), passando per Lignano fino a Messina (Noemi), unica tappa siciliana allo stadio San Filippo - per la quarta volta sold out negli ultimi dieci anni.
Tutti pazzi per la scaletta “che rotola giu’ perfettamente”, tra contaminazioni industrial negli arrangiamenti di autentiche “chicche” come “Cosa succede in città”, la pacca che spacca in apertura, “Fegato spappolato” , “Domenica lunatica”, E ballate struggenti come “Adesso che tocca a me”, “Vivere non è facile” o “Stupido Hotel”…. E poi il medley elettrodance, e poi quello rock..e infine quello acustico, che manda giu’ di testa. Per oltre 2 ore e mezza di concerto rock. Nuovo, potente. Il più emozionante al mondo.

Per l’ultima data, sul palco c’è anche Il Gallo, Claudio Golinelli, al suo basso in “Siamo solo noi”. Ancora convalescente, Vasco gli intona un “Come stai? Ti distingui dall’ uomo comune..”

“E tutto torna”, scrive su Facebook Vasco. Ancora una volta si è messo in gioco, ha osato e ha vinto lui: centrati gli arrangiamenti del chitarrista Vince Pastano, centrata la polistrumentista new wave Beatrice Antolini, che si è inserita perfettamente nella band migliore al mondo con Stef Burns (chitarra), Frank Nemola (tastiere, sintetizzatori e tromba), Alberto Rocchetti, il “Lupo maremmano” alle tastiere e pianoforte, Matt Laug il batterista americano. Ultimo ma non in ordine di importanza, Andrea “Torre” Torresani al basso, che ha sostituito egregiamente il Gallo, colto da malore a Lignano.

Tutto è stato perfetto. Anche dal punto di vista della sicurezza. Dopo intensi mesi di lavoro di squadra e di preparazione le Forze dell’Ordine e gli altri attori istituzionali hanno assicurato che l’evento si svolgesse in un contesto di sicurezza e tranquillità, garantendo nel contempo la salvaguardia degli interessi della collettività (libertà di movimento e di circolazione), attraverso l’articolato dispositivo di sicurezza predisposto dal Questore di Messina Mario Finocchiaro in piena conformità alle direttive del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli e sulla base di quanto concordato nelle diverse riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presiedute dal Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi.
La perfetta sinergia tra Prefettura, Questura, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, nonchè Polizia Locale e Polizia Metropolitana, Vigili del Fuoco, Servizio emergenza 118, Azienda Trasporti Municipalizzata e società organizzatrice dell’evento ha consentito l’ottimale gestione dell’apparato disposto con ordinanza dal Questore a seguito di numerosi tavoli tecnici tenutisi in Questura.
Già nei giorni precedenti l’evento, sono state poste in essere azioni preventive volte a monitorare e analizzare i flussi dei numerosissimi spettatori, circa 40.000, che hanno raggiunto la città con mezzi propri e con più di 60 autobus.
Complessivamente sono scesi in campo oltre 300 appartenenti alle Forze dell’Ordine tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza. Polizia Locale, oltre a Vigili del Fuoco e Protezione Civile, diretti da Dirigenti della Polizia di Stato della Questura di Messina, coadiuvati da Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e della Giardia di Finanza.
In tempo utile per l’inizio dello spettacolo l’intero impianto sportivo è stato bonificato con l’impiego dell’artificiere in collaborazione con l’unità cinofila antisabotaggio della Polizia di Stato.
Predisposti inoltre specifici servizi finalizzati a contrastare il fenomeno dell’ambulantato e dei posteggiatori abusivi.
Pattuglie della Polizia Stradale hanno monitorato e regolato gli snodi nevralgici per l’afflusso in città dei numerosissimi fans in arrivo e pattuglie della Polizia Locale hanno regimentato il flusso del traffico cittadino impedendo intasamenti alla viabilità.

Sequestrata sostanza stupefacente del tipo hashish, marijuana e cocaina; numerose le segnalazioni alla Prefettura per stupefacenti; ritirate patenti; sequestrate autovetture; elevati verbali per violazione al Codice della Strada.
La Guardia di Finanza ha, inoltre, denunciato 22 persone per possesso di materiale contraffatto e ricettazione e segnalato altresì alla Prefettura e alla Camera di Commercio soggetti per commercio abusivo e violazione al codice del consumo.
Una cabina di regia che ha saputo gestire con professionalità, valorizzando le competenze di quanti a vario titolo hanno dato un contributo prezioso al buon esito dell’evento, una manifestazione complessa soprattutto per il numeroso afflusso di pubblico proveniente dal sud Italia e non solo.

000
Letto 184 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA: ARRESTATI DUE CORRIERI DELLA DROGA E SEQUESTRATI OLTRE 6 CHILI DI MARIJUANA

    I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sequestrato presso gli imbarcaderi dei traghetti che collegano con la Calabria oltre 6 chilogrammi di marijuana trasportata all’interno di due bagagli di passeggeri in transito, che sono stati tratti in arresto.

    La sostanza stupefacente era abilmente nascosta in 6 involucri di cellophane, sigillati con nastro da imballaggio e imbevuti di profumo, nel tentativo di sfuggire ad un eventuale controllo dei cani antidroga. L’operazione è stata eseguita nel corso dei controlli effettuati dalle Fiamme Gialle sui mezzi in transito nella città dello Stretto, grazie all’esperienza investigativa maturata dai finanzieri ed al prezioso ausilio dei cani anti droga.

    In tale ambito i militari hanno individuato e sottoposto a controllo due pullman provenienti dal Nord Italia, al cui interno sono stati rinvenuti, grazie al fiuto dei cani Sara e Dandy, i bagagli contenenti la sostanza stupefacente. I corrieri della droga, un uomo e una donna di origine africana, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato per traffico di sostanze stupefacenti e successivamente tradotti in carcere in attesa di giudizio.

    L’operazione testimonia il continuo e quotidiano impegno delle Fiamme Gialle a tutela della legalità ed ha consentito di impedire l’immissione sul mercato dello spaccio di un considerevole quantitativo di droga, la cui vendita avrebbe potuto fruttare notevoli guadagni illeciti.

  • Colombiano ricercato in campo internazionale. La Polizia di Stato lo rintraccia e arresta a Taormina

    Gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione alla richiesta di arresto provvisorio dell’ufficio del Dipartimento di Giustizia USA presso l’Ambasciata di Roma, a carico di HERNANDAZ FRIERI Gustavo Adolfo, cittadino colombiano di 45 anni, destinatario del mandato di arresto emesso dal Tribunale Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Meridionale della Florida (Stati Uniti d’America).

    L’arrestato è ritenuto responsabile del reato di partecipazione ad una associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro. Lo stesso è ritenuto essere a capo di un gruppo di aziende di servizi finanziari che operano in Florida ed in America Latina, tra cui la Global Securities Advisro (GSA), utilizzate per compiere una serie di operazioni finanziarie internazionali di facciata, dissimulanti attività di riciclaggio per milioni di dollari nonché promuovere il traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

    Nello specifico Hernandez ha pianificato il riciclaggio del denaro attraverso sistemi finanziari internazionali, rendendolo disponibile all’uso da parte dei criminali in tutto il mondo senza alcuna tracciabilità.

    L’uomo, rintracciato presso un Hotel di Taormina dove alloggiava con la propria famiglia, è stato condotto presso la casa circondariale di Messina Gazzi.

     

  • MESSINA. IL SINDACO DE LUCA INCONTRA I VERTICI DELL’ATENEO PELORITANO

    Il Sindaco di Messina, on. Cateno De Luca, ha incontrato stamane i vertici dell’Ateneo peloritano. Ad accoglierlo, insieme al Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, anche il Prorettore Vicario, prof. Giovanni Moschella, il Prorettore agli Affari Generali, prof. Luigi Chiara ed il Direttore Generale, prof.ssa Daniela Rupo.

    “E’ stata ribadita, da parte di Palazzo Zanca – ha commentato il Sindaco – la piena disponibilità a collaborare con l’istituzione universitaria, sia in relazione ai percorsi riguardanti la filiera dei Corsi universitari e del mondo del lavoro, sia mediante delle strategie di delocalizzazione su cui è importante puntare per la realizzazione di Master o progetti formativi che effettivamente possano sfornare delle figure professionali adeguate alle richieste dell’odierno panorama lavorativo. Sono anche stati fatti dei riferimenti su quelli che sono i beni immobili, di proprietà comunale, che sono stati dati in consegna all’Ateneo. Su questi ultimi vi è la necessità di rivedere quelli che sono i criteri di assegnazione, per far sì che il Palazzo Municipale possa valorizzarli al meglio in considerazione delle difficoltà finanziarie in cui versa l’Ente”.

    Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato affrontato anche  il tema della società Innova BIC e sono stati concordati i successivi provvedimenti da adottare.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI