MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO

MESSINA STADIO STELLARE!! 
UN' ESPLOSIONE D’AMORE ROCK!! 
COSA SUCCEDE IN CITTÀ?? È TORNATO VASCO E INFIAMMA LO STADIO SAN FILIPPO In evidenza

 Vasco è qua, per la sua unica data in Sicilia, per la quarta volta negli ultimi dieci anni sold out lo stadio.. 

Con il suo show NonStop ancora di più questa volta. Traffico in tilt, una fiumana di macchine in fila all’uscita dell’autostrada ... e oltre 40000 “bellissimi” che sfilano felici davanti ai cancelli dello stadio fin dalle prime ore del pomeriggio.
E' Un gran bel rumore quel BOATO assordante di gioia che esplode e “fa tremare il cuore” dello stadio San Filippo, alle 21.00, quando puntuale “sua Maestà il Palco” si apre e compare Vasco che attacca con Cosa succede in città. Potente e significativa la contaminazione industrial per il brano del 1985 che parla chiaro anche oggi. Dopo la prima pacca che spacca, eccone subito un’altra di pura emozione su “Adesso che tocca a me”,“Come nelle favole”…Cantano tutti con lui, un coro unico e straordinario dalla prima all’ultima canzone di una scaletta bomba! La condivisione è totale.

Vasco è a Messina e Messina c’è. Vasco ama la Sicilia e la Sicilia lo ricambia con il suo calore e i suoi colori, con i suoi odori e i suoi sapori. 
E’ un’esplosione d’amore rock al San Filippo "lo stadio piu’ bello del mondo", un anfiteatro naturale aperto e con una visuale così ampia che gli consente di abbracciarli tutti, a 360 gradi!!
Dal fronte del palco l’atmosfera è incandescente..lo stadio brucia di energia e di Gioiaaaa.

VASCONONSTOP LIVE, IL TOUR DEL TUTTO ESAURITO CHIUDE IN SICILIA CON OLTRE 450.000 SPETTATORI 


VascoNonStop Live conclude il suo primo giro di stadi qui, a Messina.
Vasco Rossi ha inaugurato la stagione della musica rock live e chiude il tour in Sicilia. Un successo incredibile: 9 date x 5 città, doppi stadi sold out da nord a sud, per oltre 450.000 fan in delirio.
Da Torino (tra i fan anche la sindaca Appendino) a Padova (c’era anche Federica Pellegrini), a Roma (sottopalco Francesco de Gregori, Gaetano Curreri, Emma Marrone e Coez), a Bari (Checco Zalone), passando per Lignano fino a Messina (Noemi), unica tappa siciliana allo stadio San Filippo - per la quarta volta sold out negli ultimi dieci anni.
Tutti pazzi per la scaletta “che rotola giu’ perfettamente”, tra contaminazioni industrial negli arrangiamenti di autentiche “chicche” come “Cosa succede in città”, la pacca che spacca in apertura, “Fegato spappolato” , “Domenica lunatica”, E ballate struggenti come “Adesso che tocca a me”, “Vivere non è facile” o “Stupido Hotel”…. E poi il medley elettrodance, e poi quello rock..e infine quello acustico, che manda giu’ di testa. Per oltre 2 ore e mezza di concerto rock. Nuovo, potente. Il più emozionante al mondo.

Per l’ultima data, sul palco c’è anche Il Gallo, Claudio Golinelli, al suo basso in “Siamo solo noi”. Ancora convalescente, Vasco gli intona un “Come stai? Ti distingui dall’ uomo comune..”

“E tutto torna”, scrive su Facebook Vasco. Ancora una volta si è messo in gioco, ha osato e ha vinto lui: centrati gli arrangiamenti del chitarrista Vince Pastano, centrata la polistrumentista new wave Beatrice Antolini, che si è inserita perfettamente nella band migliore al mondo con Stef Burns (chitarra), Frank Nemola (tastiere, sintetizzatori e tromba), Alberto Rocchetti, il “Lupo maremmano” alle tastiere e pianoforte, Matt Laug il batterista americano. Ultimo ma non in ordine di importanza, Andrea “Torre” Torresani al basso, che ha sostituito egregiamente il Gallo, colto da malore a Lignano.

Tutto è stato perfetto. Anche dal punto di vista della sicurezza. Dopo intensi mesi di lavoro di squadra e di preparazione le Forze dell’Ordine e gli altri attori istituzionali hanno assicurato che l’evento si svolgesse in un contesto di sicurezza e tranquillità, garantendo nel contempo la salvaguardia degli interessi della collettività (libertà di movimento e di circolazione), attraverso l’articolato dispositivo di sicurezza predisposto dal Questore di Messina Mario Finocchiaro in piena conformità alle direttive del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli e sulla base di quanto concordato nelle diverse riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presiedute dal Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi.
La perfetta sinergia tra Prefettura, Questura, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, nonchè Polizia Locale e Polizia Metropolitana, Vigili del Fuoco, Servizio emergenza 118, Azienda Trasporti Municipalizzata e società organizzatrice dell’evento ha consentito l’ottimale gestione dell’apparato disposto con ordinanza dal Questore a seguito di numerosi tavoli tecnici tenutisi in Questura.
Già nei giorni precedenti l’evento, sono state poste in essere azioni preventive volte a monitorare e analizzare i flussi dei numerosissimi spettatori, circa 40.000, che hanno raggiunto la città con mezzi propri e con più di 60 autobus.
Complessivamente sono scesi in campo oltre 300 appartenenti alle Forze dell’Ordine tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza. Polizia Locale, oltre a Vigili del Fuoco e Protezione Civile, diretti da Dirigenti della Polizia di Stato della Questura di Messina, coadiuvati da Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e della Giardia di Finanza.
In tempo utile per l’inizio dello spettacolo l’intero impianto sportivo è stato bonificato con l’impiego dell’artificiere in collaborazione con l’unità cinofila antisabotaggio della Polizia di Stato.
Predisposti inoltre specifici servizi finalizzati a contrastare il fenomeno dell’ambulantato e dei posteggiatori abusivi.
Pattuglie della Polizia Stradale hanno monitorato e regolato gli snodi nevralgici per l’afflusso in città dei numerosissimi fans in arrivo e pattuglie della Polizia Locale hanno regimentato il flusso del traffico cittadino impedendo intasamenti alla viabilità.

Sequestrata sostanza stupefacente del tipo hashish, marijuana e cocaina; numerose le segnalazioni alla Prefettura per stupefacenti; ritirate patenti; sequestrate autovetture; elevati verbali per violazione al Codice della Strada.
La Guardia di Finanza ha, inoltre, denunciato 22 persone per possesso di materiale contraffatto e ricettazione e segnalato altresì alla Prefettura e alla Camera di Commercio soggetti per commercio abusivo e violazione al codice del consumo.
Una cabina di regia che ha saputo gestire con professionalità, valorizzando le competenze di quanti a vario titolo hanno dato un contributo prezioso al buon esito dell’evento, una manifestazione complessa soprattutto per il numeroso afflusso di pubblico proveniente dal sud Italia e non solo.

000
Letto 248 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA. ATTRAVERSA LO STRETTO A NUOTO PER SENSIBILIZZARE SUL TEMA DELLA PREVENZIONE ICTUS

    Attraversare a nuoto lo Stretto di Messina per sensibilizzare l’opinione pubblica sul rischio cerebrovascolare. E’ l’impresa compiuta da Alberto Sassoli che ha deciso di nuotare per oltre 3,5 km, insieme ad altri 30 'supersportivi', per ricordare sua madre, scomparsa a causa di un ictus.

    Hanno impiegato 1h 20, in condizioni meteo pessime con onde e correnti proibitive che hanno costretto i nuotatori ad allungare il percorso fino a 4 km. Ma alla fine ci sono riusciti. Stanchi e felici sono giunti a Cannitello, nei pressi di Villa San Giovanni (Reggio Calabria) attorno alle 12,30.

    A sostenere l’impresa di Alberto Sassoli la Boston Scientific, compagnia statunitense che si occupa dello sviluppo, della produzione e della vendita di apparecchi biomedici e Alice onlus , l’associazione italiana lotta all’ictus cerebrale.

    In prima fila anche la Stroke Unit del policlinico di Messina diretto dalla Prof.ssa Rosa Musolino, anche presidente onoraria di Alice Messina onlus. Accanto a lei lo staff del reparto, la dott.ssa Carolina Foti, il dott. Francesco Grillo e la dottoressa Carmela Casella, coordinatrice regionale Alice Sicilia Onlus. I medici hanno allestito un banchetto informativo ed eseguito uno screening gratuito.

    Un impegno costante che si traduce in azione concreta con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su una patologia che ha dimensioni e costi medici e sociali enormi.

    Con oltre 100mila nuovi casi l’anno, l’ictus cerebrale costa 16 miliardi al Servizio Sanitario Nazionale  e 5 miliardi alle famiglie ogni anno. Eppure quasi il 50% degli eventi cerebrovascolari si potrebbero evitare grazie a stili di vita più salutari ed un maggiore controllo medico nei soggetti ad elevato rischio cardiovascolare.

     

  • MESSINA. CONOSCERE MESSINA PER AMARLA. L'IMPEGNO DEL SOROPTIMIST PER FAR CONOSCERE LA CITTÀ

    Gli studenti dell’istituto Minutoli, Bisazza ed Elio Vittorni sono stati premiati nell’ambito del concorso promosso dal Soroptimist Club di Messina presieduto dalla prof.ssa Rosa Musolino sul tema “La città che vorrei.”

    Il concorso di idee rivolto alle scuole cittadine rientrava nel progetto “Conoscere Messina per amarla. Nell’arte l’identità da ritrovare” nato per diffondere la conoscenza dei luoghi più rappresentativi di Messina e accrescere in tal modo il senso di appartenenza alla città delle giovani generazioni.

    “Abbiamo iniziato lo scorso novembre, spiega la presidente del Club Soroptimist Rosa Musolino, con lo scopo di offrire soprattutto ai giovani un’occasione per conoscere le bellezze di Messina e imparare così ad apprezzarle. Abbiamo approfondito, grazie al contributo di illustri relatori, la storia e l’architettura di luoghi simbolo della città. Le fontane di Messina, i forti cinquecenteschi e umbertini, e il gran camposanto.Proseguiremo dopo la pausa estiva, alla ripresa dell’anno scolastico, con gli incontri su l’architettura eclettica post terremoto e zona falcata.”

    Parole di apprezzamento nei confronti del Club e del progetto sono state espresse dall’assessore alle politiche sociali Alessandra Calafiore che si è impegnata a valutare attentamente i progetti presentati dagli studenti e premiati al fine di poterne trarre suggerimenti utili da attuare e concretizzare.

    Nell’ultimo incontro grazie all’intervento di Teresa Altamore, Mariella Caminiti, Franco Cardullo e Franz Riccobono gli studenti hanno appreso importanti nozioni su uno dei luoghi più simbolici della città “Il Gran Camposanto”.

    Un luogo, è stato ricordato, della memoria collettiva, testimonianza di vite vissute. Luogo della sedimentazione della storia della città. Perché il cimitero, questo è emerso dai vari interventi, non è solo sepoltura ma è architettura, scultura, letteratura. Un luogo da conoscere e valorizzare.

     

  • Il Sindaco Metropolitano Cateno De Luca ha consegnato la fascia in Prefettura

    “Con profondo rammarico ho consegnato la fascia di Sindaco metropolitano, ma sono stato coerente con il Popolo ed il Territorio e nei confronti dell’Istituzione che non è un’entità astratta. Nel momento in cui non si può rappresentarla, continuare a ricoprire quel ruolo significa tradire la propria funzione”

    Queste le parole del Sindaco Metropolitano Cateno De Luca che, ieri mattina,  ha consegnato la fascia dell’Ente al Vice Prefetto Carmelo Musolino. Hanno accompagnato De Luca, nel Palazzo del Governo, l’on Nino Germanà, centinaia di Amministratori  in rappresentanza di 73 Comuni, di cui 53 Sindaci, il Dirigente del Liceo Seguenza ed il Presidente del  Conservatorio “Corelli”. Inoltre, alla manifestazione convocata dal primo cittadino, sono intervenute le organizzazioni sindacali CSA e CISL, che in “maniera responsabile hanno partecipato, oggi che è la festa dei lavoratori, perché il tema che ci accomuna è il lavoro; investimenti per quasi 500 milioni di euro bloccati – ha detto De Luca – non solo non permettono di creare lavoro, ma mettono a repentaglio tutto il sistema”.

    La situazione è drammatica ,“il rischio è che tra qualche mese possa degenerare e costringa anche i Sindaci ad autosospendersi” ammonisce De Luca che chiede che venga attenzionato il Ddl presentato dall’on. Germanà per la modifica del prelievo forzoso, provvedimento che potrebbe essere discusso nel giro di qualche settimana, ma stenta ad andare avanti  o una decretazione d’urgenza che metta in gioco, in prima persona, il Governo.

    I rimedi ci sono, ma per il primo cittadino metropolitano “non ha più senso celebrare elezioni per Enti moribondi, abbandonati dalla Regione e dallo Stato”.

    Solo di fronte ad atti concreti, in quanto “non voglio più credere agli annunci fatti a febbraio per bocca del Governo” il primo cittadino metropolitano è disposto a rivedere la sua posizione, pronto a mettere tutte le sue energie al servizio dell’Ente e della Comunità. “Chiedo al Presidente Musumeci -ha concluso De Luca- di sospendere le procedure di elezione dei Consigli metropolitani già fissate per il 30 giugno, in quanto non serve piangere il morto, cioè le ex Province, in più persone”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI