TAORMINA.SERATA CONCLUSIVA DEL TAORMINA FILM FEST.  INTERVISTA GIANVITO CASADONTE

TAORMINA.SERATA CONCLUSIVA DEL TAORMINA FILM FEST. INTERVISTA GIANVITO CASADONTE In evidenza

Ultimi preparativi prima del gran finale di stasera al Teatro Antico, che sarà in onda in diretta sulle emittenti che vorranno usufruire del segnale messo a disposizione gratuitamente da Videobank.

Questa mattina una partecipata conferenza stampa ha aperto l’ultima giornata del Festival. Presenti l’assessore alla Cultura di Taormina Francesca Gullotta, che ha portato i saluti del sindaco Mario Bolognari, Giuseppe Di silvestri, di Igea Banca, i direttori artistici Gianvito Casadonte e Silvia Bizio, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, in giuria a questa edizione del Festival, i vertici di Videobank, Lino Chiechio e Maria Guardia Pappalardo, rispettivamente General Manager e Amministratore Unico.

Nel corso dell’incontro con la stampa grande attenzione è stata data al futuro del Taormina Film Fest.

L’assessore Francesca Gullotta l’ha definita «il fiore all’occhiello. Il nostro auspicio è quello di poterlo portare agli antichi splendori – ha continuato - Il nostro obiettivo è quello di far diventare Taormina Arte un polo catalizzatore. La città ha disperso queste iniziative. Bisogna utilizzare il brand conosciutissimo. La nostra collaborazione sarà massima».

Giuseppe Di Silvestri del cda di Igea Banca  ha spiegato che affiancare Videobank, come altre società siciliane che lavorano per far crescere la Sicilia è la finalità principale di Igea Banca, pur avendo una proiezione nazionale. «Chi vuole fare imprenditoria in Sicilia deve avere una marcia in più. E allora affiancare Videobank è un dovere».

L’Amministratore Unico di Videobank, Maria Guardia Pappalardo, ha ringraziato tutti coloro che si sono impegnati in quello che, quest’anno, è stato definito il “Festival dei miracoli”,  facendo riferimento allo straordinario sforzo organizzativo che ha permesso di mettere su, in pochissimi giorni, un Festival d’eccellenza.

I direttori Artistici Silvia Bizio e Gianvito Casadonte sono entrati poi nel cuore di tutte le tematiche legate a questa e alla prossima edizione del Taormina Film Fest siglato Videobank. Orgogliosi di quanto si è riusciti a realizzare quest’anno con le numerosissime anteprime, con le tematiche affrontate, con i grandi personaggi che sono riusciti a coinvolgere in questa straordinaria “Avventura”, riferimento non casuale alla locandina del film di Antonioni con una splendida Monica Vitti, icona del cinema italiano.  Rispondendo alle domande dei giornalisti i due direttori artistici, sottolineando lo sforzo di Videobank che ha investito in una grande operazione culturale, hanno anticipato qualche notizia relativa alla prossima edizione. Si è parlato già di più appuntamenti al Teatro Antico; si è data una prima indicazione relativa alle date più congeniali, come la fine di giugno, per distribuzioni, campus, le anteprime e disponibilità degli ospiti. Dai due direttori inoltre l’impegno per una prossima edizione straordinaria «quest’anno siamo riusciti in un’impresa veramente difficile. Per il prossimo anno, se potremmo lavorare ad una progettualità sin da settembre potete solo immaginare cosa potremmo fare. Noi vogliamo portare l’Arte al pubblico, perché un’operazione del genere porta Cultura. Bisogna volere bene al Taormina Film Fest». 

Ninni Panzera, segretario Generale Taormina Arte ha mostrato «grande apprezzamento da cinefilo per il lavoro organizzato in pochissimo tempo creando attorno al festival un clima di simpatia. Taormina Arte e Taormina film Fest sarà una locomotiva a cui vorranno aggrapparsi tutti».

Maria grazia Cucinotta ha sottolineato l’importanza di una manifestazione che porta in Sicilia il Cinema internazionale. «Sono a casa e sono cresciuta con il sogno di essere al Festival di Taormina – ha detto l’attrice messinese - Oggi è un sogno tornarci. Quando nasci e cresci su un’isola ti rendi conto che è una barca e hai bisogno di qualcosa che ti porti sulla terra ferma. Portare qui il cinema internazionale è una grande possibilità di confronto, una grande occasione che puoi dare ai giovani per provarci per mettersi alla prova. Cinema è quel sogno che si realizza per condividere emozioni. Sono fiera di essere qui per rappresentare la mia terra. Voglio che il festival torni ad essere quello di quando io ero bambina».

 

000

Video

Letto 149 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA FILMFEST. SI LAVORA PER LA 65a EDIZIONE ECCO LE DATE: 30 GIUGNO - 6 LUGLIO 2019

    Si terrà dal 30 giugno al 6 luglio 2019 la sessantacinquesima edizione del Taormina FilmFest, prodotto ed organizzato da Videobank, con la direzione artistica di Silvia Bizio e Gianvito Casadonte entrambi confermati alla guida del Festival dopo il grande successo della scorsa edizione.

    La Fondazione Taormina Arte Sicilia e l’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo hanno particolarmente apprezzato il programma di massima che prevede serate di gala e premiazione al Teatro Antico, con grandi nomi del cinema nazionale ed internazionale e proiezioni al Palazzo dei Congressi. E sempre al Teatro Antico tornano gli appuntamenti giornalieri con le proiezioni di anteprime internazionali.

    Parole di vivo compiacimento sono state espresse dall’assessore regionale al Turismo  Sandro Pappalardo: “Siamo estremamente soddisfatti dell’imminente avvio di tutta la macchina organizzativa. Il Governo regionale sarà al fianco degli organizzatori e di Taormina nella realizzazione di un festival che deve segnare il rilancio di un grande appuntamento culturale. Nel solco di una tradizione che quest’anno festeggia la sua sessantacinquesima edizione”.

    I due direttori artistici sono già a lavoro per allestire il programma e completare l’elenco degli ospiti. Le prime grandi novità saranno annunciate nel corso di una conferenza stampa che si terrà nei prossimi giorni.

  • TAORMINA. Sabato 27 ottobre si conclude la programmazione Autunno all’Odeon

    Si conclude la programmazione Autunno all’Odeon sabato 27 ottobre con Addabbanna, la forma del viaggio testo, regia e coreografia di Patrizian Veneziano Broccia, con Domenica Bravo, Anna Collisani, Viviana Lombardo e Federica Marullo, produzione Teatri storici di Sicilia , collaborazione artistica e organizzativa di Studio Danza 2 è un lavoro sull’identità siciliana, sulla metafora di un cambiamento necessario, una trasformazione.

    Lo sguardo dei personaggi è rivolto in avanti, aldilà di una porta invisibile, limite di quell’altrove sempre oltre il mare. 

    Addabbanna è un luogo imprecisato, temuto, desiderato, dove si è talmente nessuno da non avere né spazio, né identità. Storia di gente comune che vorrebbe cambiare, ricominciare, riscrivere il proprio destino, sognando di approdare in un Nuovo Mondo, dove tutto “è grande … sono grandi le case, grandi le persone, sono grandi le strade e si può fare tutto quello che si vuole!”.

    Quasi per tutti quindi è il primo viaggio della vita. Non sono eroi, sono persone semplici che non vanno in cerca né di fortuna né di gloria. Portano con sé qualche vestito, pochi soldi, foto di famiglia, passaporti, e addosso l’odore della loro casa, insieme a tante, tante speranze.

    Il progetto della ri-apertura del teatro romano di Taormina è finanziato da Sensi Contemporanei ed è condiviso dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia con il Parco Archeologico Naxos Taormina.

     La finalità del progetto è  di valorizzare un importante sito archeologico favorendone la  sua fruizione ai numerosi turisti presenti nel territorio grazie a spettacoli di nicchia e di grande qualità che realizzano una concreta azione di promozione culturale.

  • TAORMINA. Autunno all’Odeon. Sergio Claudio Perroni va in scena con “Entro a volte nel tuo sonno”

    Autunno all’Odeon” il cartellone di eventi della Fondazione Taormina Arte Sicilia, in sinergia con il Parco archeologico Naxos-Taormina, venerdì 12 ottobre, ha avuto il piacere di ospitare un reading di Sergio Claudio Perroni. Lo scrittore e traduttore ha selezionato 12 testi, daEntro a volte nel tuo sonno, La nave di Teseo, 2018. Musiche di Massimiliano Pace e regia di Guglielmo Ferro.

    Non è facile portare sulla scena un reading come quello di Entro a volte nel tuo sonno. Richiede delicatezza per ogni parola espirata e letta. Ha bisogno di un ambiente avvolgente come velluto e va portata innanzi al pubblico, come se si conducesse per mano una creatura fragile e resa saggia dal tempo. Il palco deve accogliere senza stritolare e così è stato. La sala B del Palacongressi – luogo scelto quale alternativa all’Odeon per via delle avverse condizioni meteo – ha favorito l’essere stati introdotti pian piano e con estremo garbo dalle musiche di Massimiliano Pace: narrazione nella narrazione. Un’atmosfera intima – ricreata ad arte dall’illuminazione a luce unica come un assolo – perfetta per le confidenze tra amici di vecchia data. Perroni giocando in casa, lo ha sentito vero e palpabile l’affetto degli amici e quell’ingresso in punta di piedi, la voce che articolava suoni e li rendeva universi di senso, faceva cavalcare onde, che si muovevano incessanti avanti e indietro, tra sentimenti, memorie e Vita. Un voce simile a una ninna nanna; bassa, dolce e confortante. La voce era importante ed ha avuto il medesimo ruolo della musica, perché Entro a volte nel tuo sonno non è stato un reading e basta, ma l’esecuzione di uno spartito esistenziale.

    Non poteva essere diversamente, del resto, lo dice bene Sandro Veronesi nella bella postfazione al testo: «Poesia in prosa dunque? O basta direprosa poetica? Sì, pare che si debba dire così: prosa poetica. Non rende del tutto onore a questi pezzi, a parer mio, perché come definizione pare un po’ arida, un po’ burocratica, ma tant’è, si tratta di prosa poetica».

    Il testo di Sergio Claudio Perroni, in effetti è un unicum nel suo genere, ed è il raggiungimento di un punto di svolta. Un volumetto di prosa poetica che si legge come un romanzo breve. Ciascun testo è un capitolo. Un romanzo breve scritto in una fase di avvenuta rinascita e consapevole maturità. Affrancato dagli orpelli delle futilità emotive e reso nudo, purificato, mediante il processo liberatorio offerto dalle parole.  Il punto nevralgico però è uno e chi era lì, preso volontariamente in ostaggio dalla verità danzante dei testi letti, lo sa bene. Il punto nevralgico è che noi tutti, seduti lì, non abbiamo semplicemente assistito. Abbiamo fatto i conti con noi stessi. Ciascuno di noi, magari non lo andrà a dire in giro oppure lo confesserà all’amico, però i conti là dentro, li ha fatti. Io ad esempio, mi son sentita allo stesso modo di quando ero bambina e dovevo scegliere se saltare nelle pozzanghere dopo la pioggia col rischio di essere rimproverata. Sì, anche con Entro a volte nel tuo sonno, bisognava fare una scelta: saltar dentro il mondo di Perroni, per ritrovarci anche le indigeste porzioni di noi stessi oppure mostrare di averetimorato giudizio; giudice inflessibile delle emozioni. Io credo che noi tutti, lì presenti, abbiamo scelto la pozzanghera e ci siamo avvertiti più uniti e liberi.Semplicemente perché, per dirla con le parole estratte da Gente a pioggia:

    Siamo roba che cade, gente a pioggia che viene giù da altezze diverse a seconda di quand’è partita, chi da solo e a capofitto, chi in due e tenendosi per mano, siamo roba che cade, riempiamo il cielo di cadute come un Magritte cosparso di Icari […].

    Se ci pensiamo con calma, però, capiremo che questa è una delle finalità del teatro: farci confrontare con noi stessi per renderci liberi. Il teatro nella sua accezione d’origine, in fondo, è stato il vero padre della psicoanalisi; dove la vita dell’uomo era portata davanti al pubblico per renderlo consapevole e farlo rinascere. Sergio Claudio Perroni, con Entro a volte nel tuo sonno,ha messo in scena una rappresentazione lirica dello stare al mondo.

     

    Lisa Bachis

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI