Al Taormina Film Fest la prima italiana del doc ambientalista 'Sea of Shadows' prodotto da Di Caprio e una tavola rotonda con registi e produttori sui rischi di girare 'sotto copertura'

Al Taormina Film Fest la prima italiana del doc ambientalista 'Sea of Shadows' prodotto da Di Caprio e una tavola rotonda con registi e produttori sui rischi di girare 'sotto copertura'

Il Taormina Film Fest 2019 – dal 30 giugno al 6 luglio la 65a edizione nell'incantevole località siciliana - ospiterà la prima italiana dell'attesissimo documentario Sea of Shadows, vincitore del Premio del Pubblico allo scorso Sundance Festival. Il film, diretto dall'austriaco Richard Ladkani e prodotto dalla compagnia di Leonardo DiCaprio (la stessa squadra realizzatrice del film The Ivory Game), segue un gruppo di attivisti guidati dall'italiano Andrea Crosta - che sarà presente a Taormina con il regista - fondatore dell'associazione ambientalista Elephant Action League e dalla Marina messicana, che lottano per salvare dall'estinzione la vaquita, la più piccola balena al mondo. Nelle reti lanciate dai cartelli messicani e dalla mafia cinese per catturare il pesce totoaba, la cui vescica natatoria è ricercatissima e chiamata il "caviale dell'Oceano", vengono intrappolate anche le vaquita, provocandone la morte e la costante riduzione di numero, per cui oggi sopravvivono solo poche decine di esemplari. L'avvincente documentario è un urgente richiamo all'azione e un eccitante lavoro di cinematografia, acquistato da National Geographic e che uscirà negli Stati Uniti il 12 luglio prossimo, dopo la sua première a Taormina.

Andrea Crosta e Richard Ladkani prenderanno parte, mercoledì 3 luglio al festival a una tavola rotonda – moderata dalla co-direttrice artistica del festival, Silvia Bizio – che racconterà i rischi di girare film 'sotto copertura' e in situazioni di estremo pericolo per la propria incolumità. All'incontro parteciperanno altri registi e produttori che rischiano la vita per portare al pubblico realtà difficili e i cui film saranno proiettati nel corso del Taormina Film Fest. Tra questi, Shannon Service, regista del film Ghost Fleet, che racconta la schiavitù cui vengono ridotti i pescatori tailandesi, Conroy Kanter, produttrice del film Trafficked, che affronta il dramma del traffico di esseri umani e Lily Van Ghemen, produttrice del film A Son of Man, sulla lotta per la salvaguardia delle foreste tropicali in Ecuador.

Per questa edizione Videobank ha pensato a diverse soluzioni e offerte per il pubblico: per l'ingresso a tutte le programmazioni al Palacongressi in sala A, comprese le Masterclass e le mostre e a tutte le serate al Teatro Antico (con posto in gradinata, riservata e numerata), sarà possibile acquistare l’abbonamento “Open Festival”, al costo complessivo di 58 euro. Altra soluzione, l’abbonamento giornaliero “Open Day”, al costo di 15 euro, che darà diritto a tutte le programmazioni al Palacongressi in sala A, l’accesso alle mostre e a tutte le Masterclass e quello serale al Teatro Antico, nella speciale gradinata numerata. In più, per tutti gli abbonati, vi sarà anche la possibilità di assistere a tutte le proiezioni in sala B, fino ad esaurimento dei posti. Tutte le soluzioni sono comprensive dei diritti di prevendita; ulteriori informazioni e aggiornamenti saranno pubblicati sul sito www.taorminafilmfest.it Per acquistare tutti i biglietti in prevendita si può fare riferimento al sito www.ctbox.it (Box Office Sicilia di Catania, infoline 095 7225340).

000
Letto 244 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA FILM FEST 2021. Il grande cinema al Teatro Antico dal 27 Giugno al 3 Luglio 2021

    Verrà inaugurata il 27 Giugno al Teatro Antico la 67ma edizione del Taormina Film Fest, fra i più antichi e prestigiosi Festival del cinema a livello internazionale. Prodotto e organizzato da Videobank Spa nell’ambito di un mandato triennale - su concessione della Fondazione Taormina Arte Sicilia e con il patrocinio dell’Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo della Regione Sicilia, della Sicilia Film Commission, del Comune di Taormina e del MIBACT - il Festival accenderà i riflettori del Teatro Antico sul grande cinema dal 27 Giugno al 3 Luglio 2021.

    In un anno particolarmente significativo per il cinema mondiale, il Taormina Film Fest si presenta con una Direzione Artistica rinnovata e, per la prima volta, composta da tre note firme del giornalismo e della critica cinematografica: Francesco Alò (Il Messaggero, BadTaste.it),  Alessandra De Luca (Avvenire, Ciak) e Federico Pontiggia (La Rivista del Cinematografo, Il Fatto Quotidiano, Movie Mag). Una squadra di esperti già al lavoro con il Coordinatore Generale Gida Salvino, autrice televisiva di lungo corso, per definire la linea editoriale e il programma di questa 67ma edizione.

    Al debutto di questa nuova sfida, Videobank desidera ringraziare Leo Gullotta, il Direttore Artistico che ha portato a termine il suo incarico alla guida della passata edizione. E un grazie al Condirettore Francesco Calogero, per il suo impegno in una difficile stagione per l’industria cinematografica.

    Nel 2021 si torna quindi al Teatro Antico che, con i suoi 4.500 posti, si configura come uno dei cinema all’aperto più grandi e certamente più affascinanti del mondo, tempio delle arti e ideale luogo di incontro fra cinema e glamour, cultura e spettacolo. 

  • TAORMINA FILM FEST. VIDEOBANK LAVORA ALLA NUOVA EDIZIONE. ECCO LE NOVITA’

    Nell’imminenza della presentazione della nuova squadra che guiderà la 67esima edizione del Taormina Film Fest, Videobank desidera ringraziare chi, durante la scorsa straordinaria manifestazione svoltasi dall’11 al 19 luglio 2020, ha contribuito alla sua ottima riuscita: Leo Gullotta. Il pluripremiato attore ha guidato la passata edizione portando a termine il suo incarico con impegno e generosità in un momento d’emergenza nel quale si preannunciava l’annullamento del festival, così contribuendo a sostenere quella speranza che noi tutti avevamo in cuore.

    Allo stesso modo Videobank esprime gratitudine a Francesco Calogero che, nelle condizioni di grande incertezza che hanno caratterizzato e ancora caratterizzano l’industria cinematografica, ha saputo lavorare con appassionata professionalità e competenza immaginando e licenziando un concorso di assoluto valore.

    Emerge dunque con certezza che non saranno Leo Gullotta e Francesco Calogero a guidare la nuova edizione del Taormina Film Fest. Videobank ringrazia le istituzioni nazionali, regionali e locali, gli sponsor privati e tutti coloro che hanno sostenuto e sostengono il festival di Taormina, senza dimenticare il pubblico che ha sempre seguito questo importante patrimonio della Sicilia.

     

  • TAORMINA. Il Mibact azzoppa Taormina Film Fest, tagliati del 70% i contributi del 2020

    Il Mibact azzoppa il Taormina Film Fest. Tagliati del 70% i contributi ministeriali alla storica manifestazione che, con 66 anni di storia, è il secondo festival cinematografico d'Italia dopo la Mostra del Cinema di Venezia che di stagioni ne conta 77. A fronte dei 160.000 euro assegnati nel 2019, quest'anno il contributo si è fermato a 50.000 euro.

    A denunciare l'inspiegabile riduzione – annunciando di aver già avanzato richiesta di accesso agli atti tramite il proprio ufficio legale - è Lino Chiechio, General Manager di Videobank, società titolare della concessione del marchio TFF per il triennio 2020-2022 e che, proprio per questa edizione 2020 svoltasi dall'11 al 19 luglio, per garantire la continuità dell'evento nonostante le criticità legate alle misure anti-covid, ha messo a punto un format completamente nuovo e dematerializzato. Bypassando, infatti, le limitazioni logistiche a Taormina e l'inevitabile riduzione di pubblico per lo stop al turismo internazionale per questa edizione 2020 Videobank ha traghettato la programmazione in streaming su MYmovies e dunque condividendo con una ben più ampia platea di cinefili, composta dalla community internazionale del web, il ricco cartellone dei film in concorso dove figuravano 11 anteprime mondiali, 12 internazionali e 19 nazionali, trasmesse in lingua originale

    "Siamo stupefatti da questa clamorosa e ingiustificata riduzione di contributi da parte del Mibact – commenta Chiechio – non solo nei confronti di un festival come quello di Taormina che ha una lunga e gloriosa tradizione alle spalle, ma anche in considerazione delle risorse assegnate a manifestazioni con una storia meno radicata e con programmazioni meno complesse, anche in termini di pellicole inedite, del Tao Film Fest. Non si comprende l'iter logico giuridico adottato dalla commissione assegnatrice nel ripartire le somme. Nel richiedere l'accesso agli atti, ci auguriamo che si tratti di una vistosa "distrazione" alla quale si possa presto porre rimedio".

    Un'analisi comparata fra le varie manifestazioni che hanno partecipato al bando Mibact 2020 conferma l'analisi di Chiechio: su 82 festival associati all'AFIC (Associazione Festival Italiani di Cinema), 58 hanno ricevuto dal Mibact lo stesso contributo del 2019, 15 un aumento, 9 una decurtazione. Taormina Film Fest è l'unico, tra i 9 che hanno subito una decurtazione, ad aver subito un taglio del 70%.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI