CATANIA. AL MUST  NUNZIA SCHIANO in ‘FÈMMENE’

CATANIA. AL MUST NUNZIA SCHIANO in ‘FÈMMENE’ In evidenza

Secondo appuntamento del programma del Must Musco Teatro, impaginato da Giuseppe Dipasquale, che debutta, con protagonista una grande interprete partenopea, Nunzia Schiano, venerdì 15 novembre alle ore 21,00, con repliche sabato 16 novembre alle ore 17,30 e 21,00 e domenica 17 alle ore 17,30.

Con Fèmmene, testi di Myriam Lattanzio tratti da “Nostra Signora dei friarielli” di Anna Mazza con Myriam Lattanzio e Francesco Ponzo: chitarra – Roberto Giangrande: contrabbasso, entriamo in una galleria umana, una serie di ritratti femminili, di voci di donne. In questa galleria ognuna di esse rappresenta una tessera di quel mosaico complesso ed affascinante che è l’animo umano femminile. Donne rappresentate nella loro forza e nella loro fragilità insieme. Tableau vivant dove troveranno spazio una mater dolorosa che darà vita ad una nuova Pietà, una ragazza che vive, aldilà della sua condizione femminile, la sensazione di guardare il mondo reale attraverso il finestrino di una metropolitana che, nonostante la fermata, non le consentirà mai di “scendere” nel mondo reale che forse, tanto reale non è. Donne violentate nel corpo e nell’anima. E una madre, nume tutelare del focolare domestico che alle prese con i “friarielli”, sorta di totem familiare e allo stesso tempo “tela di Penelope” che non avrà mai fine, affronta i turbamenti dell’equilibrio familiare che le provengono dall’interno e verso i quali sentirà di non avere nessuna difesa, pensando di non essere preparata ad affrontarli, sottovalutandosi. Una pennellata per ricordare e ricordarci che se il cielo è azzurro, è nei suoi momenti più belli che si tinge di rosa. Infine, l’omaggio che la Lattanzio fa alle più grandi interpreti e autrici latino – americane (Chavela Vargas, Mercedes Sosa, Violeta Parra, Consuelo Velasquèz) completa questo spettacolo tutto al femminile. 

Fémmene è uno spettacolo coinvolgente, che fa riflettere, allegro, divertente ma a tratti intriso di una realtà amara. La presenza di Nunzia Schiano, artista con la A maiuscola e la voce armoniosa e possente di Myriam Lattanzio hanno creato un connubio che non ha deluso le aspettative ma che al contrario ha ottenuto tanti consensi e applausi da dover di sicuro ripetere la bellissima esperienza. Napoli, arte, musica, spettacolo, bravura, professionalità, passione, un cocktail che fa ridere, sorridere e commuovere. Lo spaccato culturale del femminino di "Nostra signora dei friarielli", di Anna Mazza  riguarda tutte le donne, e non solo, molto molto da vicino. L'ironia del linguaggio ha esorcizzato un mondo di credenze che ci appartengono più di quanto pensiamo di saper gestire e dalle quale crediamo di prendere le distanze necessarie per il nostro benessere. Il connubio con le canzoni interpretate magistralmente da Myriam Lattanzio, ha ridotto le distanze tra culture diverse e che dona un senso di appartenenza ad una realtà ben più ampia di uno spaccato napoletano. Si rido, si riflette, ci si emoziona in due ore intense che volano via come un lampo.

 Botteghino Must Musco Teatro aperto tutti i giorni dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00 in Via Umberto I, 312, Catania - Tel. 0952289426.

000
Letto 788 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Tra un film e una mostra, la domanda: «Casa del Cinema di Taormina che fare?»

    Un affettuoso plauso al personale della «Fondazione Taormina Arte Sicilia» – Sanno che sono a loro molto affezionata. In questi anni mi hanno visto spesso agli spettacoli e alle manifestazioni, in particolare a quelle organizzate all’Odeon e alla Casa del Cinema.

    Disponibili, sempre attenti, sorridenti, hanno un grande senso dell’accoglienza che unito alle diverse competenze e professionalità, li rende indispensabili al buon funzionamento della Fondazione. Ma non basta.

     

    Perché quando ci sono spettacoli ed eventi degni di nota la partecipazione del pubblico è assai risicata? – Non mi si venga a dire che è colpa del Coviddì non lo tollero! Prendiamo ad esempio le feste natalizie appena trascorse. Fudda e malavinnita sul Corso Umberto. Stipati come sardine mentre all’interno delle sale della Casa del Cinema, situata proprio su quel centralissimo salotto buono cittadino, si poteva godere della proiezione di film magnifici, ultimo dei quali è stato Cry Macho, diretto e interpretato dall’affascinante e fantastico Clint Eastwood. Ok, è vero, sono innamorata di questa meraviglia umana ma mi ha anche sedotto Macho, uno dei coprotagonisti e se non sapete a chi mi stia riferendo, basterà vedere il film per scoprirlo. Inoltre, troverete una magistrale regia per non parlare della fotografia e delle musiche: eccelse.

    Le proiezioni avvengono in una sala molto bella, che dona intimità e offre la possibilità di godersi film e spettacoli in pieno comfort, e nel pieno rispetto delle norme anti contagio che vanno tanto per la maggiore. Tuttavia, questi luoghi, protetti e controllati sono stati poco frequentati mentre, supra u Corsu pariunu tanti pecuri: Beeeee; beeee; beeee…

    Se qualcuno o molti si fossero sentiti offesi dai belati, potranno tranquillamente sostituirli con i muggiti o i versi di altri animali, a loro scelta.

    Sino al 14 gennaio, salvo nuove disposizioni regionali è ancora possibile visitare – bisogna essere provvisti di Super Green Pass e mascherina FFP2 – l’esposizione dedicata a Turi Ferro, di cui mi occuperò in un contributo a parte.

    Invece, riformulo la domanda: «per quale motivo vi è poco interesse verso eventi che rientrano a pieno titolo nella Cultura?».

     

    Difetti di comunicazione e disinteresse – Anzitutto, al momento, la «Fondazione Taormina Arte Sicilia» sembra essere ancora in fase di perfezionamento, ma quanto si dovrà aspettare?

    Mi risulta che non sia stato nominato il Direttore generale, e ricordo che l’avvocato Ninni Panzera, sebbene sempre presente in una amorevole collaborazione gratuita di cui dobbiamo essergli grati, è andato in pensione.

    L’ufficio stampa? Chi se ne occupa? Suppongo, per giusta regola, si debba fare il bando per l’assegnazione dell’incarico e sono sicura che non manchino i professionisti titolati a ricoprire quel ruolo. La giornalista Milena Privitera infatti, un’altra delle anime di questo ente, oggi è di ruolo nella scuola come insegnante di lingue. Un’ottima insegnante. La scuola ci ha solo guadagnato mentre al contrario, la Fondazione è un po’ più povera, giusto e onesto precisarlo.

    Vi sono le altre professionalità presenti, che mandano avanti con dedizione tutta la complessa macchina, ma le falle iniziano a vedersi.

    La comunicazione di questi eventi non può essere lasciata solamente all’ente e al suo personale. Mi domando perché il Comune di Taormina, parte in causa nell’iter a cui oggi è giunta la Fondazione, sulla sua stessa pagina Facebook non abbia dato maggior risalto agli appuntamenti previsti alla Casa del Cinema e come mai gli assessorati, che hanno promosso gli eventi legati al Natale, non abbiano pensato di rilanciarli? Ho letto articoli di promozione da parte di vari giornali locali, come mai invece nessuno ha detto nulla su questi?

    Del resto, l’assenza di un vero ufficio stampa dello stesso Comune di Taormina genera a sua volta problemi e difetti nella comunicazione. Si usano i comunicati e si fa la rassegna stampa per questo motivo. Qui da ciò che ho notato, di nuovo, è mancata una fattiva collaborazione e la volontà di fare rete.

    Inoltre desidero porre l’attenzione su un altro aspetto: diversi miei concittadini, che si dicono innamorati della cultura, latitano in molti dei luoghi deputati a tale funzione. E per favore, attonna a vota, non nominate il virus, perché lo so io dove lo avete il virus!

    Mi muovo, osservo, e vedo capannelli a far l’aperitivo – sacrosanto diritto, lo prendo pure io di tanto in tanto, evitando assembramenti –. Noto gruppi che disquisiscono sui massimi sistemi della politica paesana ma che non frequentano la Casa del Cinema.

    Forse è meglio che io mi fermi qui però mi sovviene un’espressione tanto cara a Vittorio Sgarbi…

     

    La Casa del Cinema merita di essere al centro della cultura taorminese – Un’istituzione, un luogo, uno scrigno di opportunità. Esposizioni, proiezioni, teatro, incontri. Collaborazioni con altri enti e con le scuole. La Casa del Cinema di Taormina, rientrante nel patrimonio della Fondazione Taormina Arte Sicilia, merita il meglio e lo meritano anche tutti quelli che lavorano a renderla tale.

    Ci si pensi di più, ci si pensi meglio e si evitino proclami o frasi di circostanza tirate fuori per propaganda. Ricordate: Cultura è Bellezza.

     

  • Giornata Mondiale Anti Fumo 2021: al CoEHAR di Catania un convegno per parlare di riduzione del danno con Matteo Viviani, giornalista de “Le Iene”

    Torna, come ogni anno ma di nuovo in presenza l’evento promosso dal CoEHAR dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con il AOU Policlinico “G. Rodolico - San Marco” e LIAF Lega Italiana Anti Fumo, in occasione della Giornata Mondiale Anti Fumo dell’OMS. L’appuntamento è per Lunedì 31 Maggio 2021 dalle ore 9.30 alle 13.30 presso il Policlinico di Catania (comparto 8, aula CAST) per un convegno formativo che andrà in diretta anche in streaming dai canali social di LIAF e CoEHAR e sarà accessibile tramite zoom per gli operatori sanitari che richiedono ECM.  

    Per l’edizione 2021 il titolo del convegno è: “Covid e Fumo: strategie innovative per ridurre i danni correlati al fumo”, un momento di riflessione che sarà occasione anche per presentare i risultati dei progetti di ricerca che il CoEHAR sta conducendo in ambito internazionale sulla riduzione del danno da fumo. Un evento che vedrà la partecipazione del giornalista de “Le Iene”, Matteo Viviani, impegnato in una lunga intervista con il prof. Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR.

    In diretta su zoom anche il presidente UNICEF Italia, Carmela Pace. Ad aprire i lavori della giornata il Sindaco della Città Metropolitana di Catania, Salvo Pogliese; il Delegato del Rettore al coordinamento della Terza Missione, Alessia Tricomi; il Direttore Generale dell’AOU Policlinico “G.Rodolico - S.Marco”, Gaetano Sirna; il Direttore CoEHAR, Giovanni Li Volti; il Presidente LIAF Lega Italiana Anti Fumo, Ezio Campagna; il Presidente dell’ordine dei Farmacisti, Giovanni Puglisi ed il Presidente dell’ordine dei medici Chirurghi e Odontoiatri, Ignazio La Mantia.

    Tra gli interventi moderati dal giornalista Luca Ciliberti ci saranno: il prof. Davide Capodanno (Fumo e malattie cardiovascolari); il prof. Aldo E. Calogero (Strategie per ridurre i danni sulla salute sessuale legati al fumo); il prof. Antonio Longo (Patologie oculistiche e fumo); il prof. Filippo Caraci (Effetti neurobiologici e farmacologici della nicotina); il prof. Gaetano Bertino (Policlinico Smoke Free - le nuove frontiere); il prof. Giancarlo Ferro (Regolamentazione italiana sul vaping); la prof.ssa Margherita Ferrante (Tossicologia del fumo e dello svapo); il prof. Nando Rapisarda (Policy aziendali per far smettere di fumare nei luoghi di lavoro); il prof. Nello Cimino (Vie urinarie e patologie correlate al fumo); il prof. Pasquale Caponnetto (Incentivi e motivazioni psicologiche per far smettere di fumare); il prof. Eugenio Pedullà (Smile Study: gli strumenti utili a ridurre i danni da fumo sulla salute dentale); il prof. Gaetano Isola (Gli effetti del danno da fumo sulla salute orale); il prof. Sebastiano Battiato (Innovazioni tecnologiche per la smoking cessation); la prof.ssa Venera Tomaselli (Troina, il case study sul contenimento della pandemia); il prof. Sebastiano Battiato (Innovazioni tecnologiche per la smoking cessation). Per il Policlinico interverrà anche il Responsabile dell’U.O. Formazione e Aggiornamento dell’AOU Policlinico “G. Rodolico – San Marco”, Angelo Gambera.

  • Raid Reggio Calabria - Milano per i 40 anni della "Collezione Lopresto"

    Santa Teresa di Riva. Domenica 15 Dicembre passera, dalla nostra Riviera, la "carovana" della "Collezione Lopresto" formata da auto per lo più anni ‘40. Il collezionista di fama mondiale Corrado Lopresto di origini calabresi, vincitore di premi e riconoscimenti in ogni continente (Concorso Eleganza – Villa D’Este, Kyoto concours d’Elegance (Giappone), Concours Pebble Baech (California – USA) Qatar Concours d’Elegance (tanto per citarne qualcuno), l’ambasciatore italiano nel mondo di stile e cultura oggi ci presenta la sua una nuova sfida: il RAID Reggio Calabria - Milano, per festeggiare  i 40 anni della Collezione Lopresto, nata con la storica Balilla acquistata il 23 dicembre 1979, ma anche per ricordare il 70 anni del Raid Reggio Calabria-Milano di Luigi Fiertler con la microvettura Lupetta. Chi vuole può seguire il raid su Facebook

    Ecco il programma per chi volesse unirsi alla colorata carovana

    PROLOGO:

    PALERMO – REGGIO CALABRIA

    Sab. 14 dicembre : Palermo – Cefalù – Nicosia – Leonforte – Catania

    Dom. 15 dicembre : Catania – Taormina – Milazzo – Messina – Reggio Calabria

    RAID
    REGGIO CALABRIA – MILANO Lun. 16 dicembre : Reggio Calabria – Lamezia Terme – Castrovillari

    Mar. 17 dicembre : Castrovillari – Contursi Terme – Napoli

    Mer. 18 dicembre : Napoli – Latina – Civitavecchia

    Gio. 19 dicembre : Civitavecchia – Livorno

    Ven. 20 dicembre : Livorno – Firenze – Bologna

    Sab. 21 dicembre : Bologna – Piacenza – Asti

    Dom. 22 dicembre : Asti – Milano.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI