PASQUA NELLA RIVIERA JONICA TRA RITI RELIGIOSI E VIA CRUCIS

PASQUA NELLA RIVIERA JONICA TRA RITI RELIGIOSI E VIA CRUCIS In evidenza

Sono diverse le iniziative in programma nei vari comuni della riviera jonica per celebrare la Settimana Santa. A S. Alessio Siculo, la Parrocchia S. Maria delle Grazie con il Patrocinio del Comune di S. Alessio Siculo, del Consorzio di Promozione Turistica Val d’Agrò, ed unitamente al Comitato Parrocchiale ed ai cittadini tutti, organizza, la manifestazione religiosa “A Passioni du Signuri”, per favorire maggiori occasioni di incontro e socializzazione. L’evento che ha anche come finalità anche la promozione e valorizzazione del territorio si svolgerà a S. Alessio Siculo il 05 Aprile 2015, alle ore 19,00  Si tratta di una manifestazione di ventennale esperienza, che ha saputo creare una collaudata tradizione, per l’originalità, il rispetto rigoroso della verità storica e religiosa coniugata artisticamente con un linguaggio scenico attuale e vivo, in un suggestivo paesaggio frammisto, anch’esso, di antico e di attuale, di passato e di presente. Tutta rigorosamente dal vivo con testi e canzoni in dialetto siciliano.  Lungo la via principale e nelle piazze del paese saranno ricostruiti, con adeguate scenografie, i luoghi della Gerusalemme antica e in questi scenari, resi ancor più suggestivi dalla bellezza naturale dei luoghi, si muoveranno i figuranti in costume d’epoca. Dialoghi, musiche e luci, in una successione di scene sapientemente legate fra loro, renderanno coinvolgente la rappresentazione fino a farla divenire una sorta di spettacolare rappresentazione teatrale in presa diretta. La regia della manifestazione è curata da Carlo Barbera  mentre Mimmo Ariosto è  autore delle musiche. Questo l’itinerario: 

Corteo Storico con partenza da via Sena

Via Consolare Valeria

 Piazzetta O. Zappalà: ”L’Ultima Cena”

Villa Genovesi:”Orto Degli Ulivi”,Condanna a morte di Gesù

Sacrato della Chiesa S. Maria delle Grazie: Flagellazione, Morte e Resurrezione di Gesù

A Forza D’Agrò lunedì 6 Aprile si rinnova invece l’appuntamento con la “Festa dell’Alloro” organizzata dalla Parrocchia S. Maria Annunziata e Assunta con il patrocinio del comune e del Consorzio di Promozione Turistica Val d’Agrò.  Il programma prevede alle 8.00 il suono delle campane a festa, subito dopo il giro per le vie del paese della banda musicale di “V. Bellini” di S. Teresa di Riva, la distribuzione delle tradizionali “cuddure” benedette, alle 11,15 la S. Messa Solenne in Chiesa Madre presieduta dal Can. Sac. Antonino De Maria, Direttore ISSR San Luca di Catania.

Un momento della Via Crucis delle Contrade

Nelle scorse ore invece una toccante Via Crucis organizzata dal Comitato amici delle Contrade ha coinvolto gli abitanti delle popolose frazioni taorminesi. La Via Crucis delle Contrade è partita dalla Fontana Petraro, lungo il percorso diversi gli altari preparati dai cittadini. Un momento di incontro e preghiera culminato con la celebrazione della S. Messa e la tradizionale “Cuddurata”.

Vuoi parlarci delle iniziative organizzate nella tua comunità? Scrivici: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

000
Letto 865 volte

Articoli correlati (da tag)

  • FORZA D'AGRO'. Convenzione tra Archeoclub e l'Istituto Ellenico. Nel nome dei... greci: “riscoprire le comuni radici”

    La sede siciliana dell'Istituto Ellenico di Diplomazia Culturale di Atene e Archeoclub Area Ionica hanno deciso di unire le proprie forze per promuovere eventi e iniziative in grado di valorizzare la cultura greca nel territorio jonico e in Sicilia.  Lo hanno fatto stipulando una convezione che i due presidenti, Stella Kalisperatou e Filippo Brianni, hanno sottoscritto proprio ieri, 1 marzo, presso il sito archeologico di Scifì di Forza d'Agrò.

    L’accordo formalizza una collaborazione avviata già da diversi mesi tra Archeoclub e l'I.E.D.C. con sede ad Atene (e sedi periferiche a Bruxelles, Svezia, Tunisi, Londra, Parigi e Ancona) di recente approdato anche a Catania.

    Il primo importante progetto a cui i due sodalizi hanno già iniziato a lavorare (“Magna Grecia, fiamma d'Europa”)  riguarda un ciclo di eventi dedicato all'impatto della cultura greco-sicula sull'Europa; un ciclo che punta a diventare anche un percorso didattico, culturale e turistico, attraverso alcuni luoghi simbolo della presenza greca in Sicilia. Il primo incontro, che coinciderà anche con la presentazione dell'Istituto, dovrebbe tenersi a maggio proprio nel territorio jonico, presso l'abbazia dei SS. Pietro e Paolo di Casalvecchio Siculo, un simbolo chiave della presenza basiliana nel comprensorio. In quell’occasione avrà luogo anche la presentazione ufficiale dell’I.E.D.C. Sicilia.

    Successivamente, grazie anche all'ausilio delle altre sedi Archeoclub siciliane, che sono coordinate dal gelese Francesco Russello, si svolgeranno anche eventi a Naxos (prima colonia greca in Sicilia), Siracusa, Agrigento e Morgantina-Aidone con consegna simbolica della “fiamma” a settembre in Grecia.

    “La scelta di firmare a Scifì questa convenzione non è casuale – hanno dichiarato Brianni e Kalisperatou – perchè qui abbiamo un'importante traccia della importante presenza bizantina sul territorio. Da qui vogliamo ripartire affinché il connubio Sicilia-Grecia sia sempre più protagonista anche nelle strategie degli operatori culturali e turistici siciliani” . 

  • FORZA D’AGRO’. DIVIETO D’INGRESSO NEL PAESE PER 2 CATANESI

    Il Questore di Messina Mario Finocchiaro ha adottato 9 misure di prevenzione personali.

    2 divieti di ritorno, nei confronti di due catanesi di 46 e 44 anni, responsabili in concorso tra loro del reato di furto aggravato commesso all’interno di una chiesa del comune di Forza d’Agrò (ME). I due non potranno ritornare senza preventiva autorizzazione nel territorio di quel comune per un periodo di 2 anni.

    5 avvisi orali, con cui 5 persone sono state invitate a tenere una condotta conforme alla legge, con l’avvertenza che in caso contrario potranno essere proposti per l’applicazione di più gravi misure di prevenzione.

    2 ammonimenti, nei confronti di un messinese di 37 anni ed un catanese di 48 anni per violenza domestica.

     

  • FORZA D’AGRO’. VIOLENZE FISICHE E VERBALI NEI CONFRONTI DELLA PROPRIA MOGLIE, ARRESTATO DAI CARABINIERI

    I militari della Stazione Carabinieri di Forza d’Agrò, con l’ausilio di quelli dell’Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto in flagranza di reato, un cittadino italiano, classe’72 perché ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia .

    L’attività investigativa traeva spunto da una richiesta d’intervento della moglie alla locale Centrale Operativa Carabinieri.  

    La vittima dopo l’ennesimo episodio di violenza  stanca e spaventata ha trovato la forza per chiedere aiuto.

    Una telefonata  al numero del pronto intervento. La denuncia della lite, la casa a soqquadro e la consapevolezza che si trattava solo uno dei tanti episodi che si erano già verificati ha spinto la donna a dire basta.

    Le indagini, prontamente avviate dall’Arma di Forza d’Agrò, hanno consentito di riscontrare quanto denunciato dalla parte offesa, ed attraverso sommarie informazioni testimoniali ed accertamenti  di P.G., in breve tempo sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo.

    L’attività d’indagine condotta nell’immediatezza dei fatti e coordinata dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Messina consentiva quindi di raccogliere, in poche ore, un quadro indiziario grave e tale da consentire l’ arresto del reo per maltrattamenti in famiglia.

    Espletate le formalità di rito, l’arrestato veniva trattenuto presso le camere di sicurezza della stazione di Giardini Naxos in attesa di essere giudicato con rito direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria. Le denunzie da parte delle vittime di maltrattamenti in famiglia, stalking, violenze di genere e nei confronti di minori sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti  poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela.

    L'immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell'affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina, che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI