PROSEGUONO GLI APPUNTAMENTI DI “SPAZIO al SUD”. SABATO 18 APRILE GIUSEPPE FIRRINCIELI PRESENTA “NOI ITALIANI E VOI SICILIANI!”

PROSEGUONO GLI APPUNTAMENTI DI “SPAZIO al SUD”. SABATO 18 APRILE GIUSEPPE FIRRINCIELI PRESENTA “NOI ITALIANI E VOI SICILIANI!”

“Noi Italiani e voi Siciliani!”. E’ il titolo, d’impatto, del libro di Giuseppe Firrincieli (ed. Nel Mondo, 2009), che sabato 18 aprile, alle 18:00, nell’elegante sala “Le Naumachie” dell’Hotel Isabella, la giornalista Milena Privitera presenterà nell’ambito del Caffè Letterario di “SPAZIO al SUD”, il cartellone culturale dell’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, presieduta da MariaTeresa Papale, sponsorizzata dell’Associazione Albergatori di Taormina, con il patrocinio del Comune di Taormina, Taormina Arte, Associazione Imprenditori Per Taormina, la partnership di “Gais Hotels Group”e dell’associazione “Piazza Dalì”. Un titolo dai rimandi decisamente anti-unitari ma amaramente icastico visto che riprende la frase, stampata nero su bianco, del proclama che il gen. Mario Roatta, Capo di Stato Maggiore dell’esercito, rivolse ai militari della 6°armata di stanza in Sicilia nel maggio del ’43 per incitarli a combattere tutti assieme il nemico anglo-americano. Una incontrovertibile ammissione da parte del governo centrale del fallimento di una qualsiasi politica di integrazione in quasi cento anni dalla proclamazione dell’Unità d’Italia, espressa con una consapevole dicotomia terminologica decisamente “imbarazzante” nella sua candida mancanza di remore! Giuseppe Firrincieli, giornalista e docente, in servizio alle Relazioni Esterne del Centro Documentale dell’Esercito, appassionato cultore della storia indipendentista siciliana, dà vita ad una storia, carica di suspence e di colpi di scena, in cui “poteri forti” ed alta finanza - italiana, vaticana e internazionale - segnano il destino socio-economico e culturale della Sicilia negli ultimi decenni. Protagonista Ludovico Lauretta, strappato al suo trantran di tranquillo professore di lettere in pensione originario di Scoglitti, e coinvolto in una spirale di avvenimenti - in cui si intrecciano potere, servizi segreti, denaro e politica - dall’inatteso riapparire nella sua vita di ‘Nzino Bertani, amico d’infanzia emigrato all’estero, oggi capo di una delle maggiori aziende a livello mondiale nel settore turistico-vacanziero e delle case da gioco, di suo figlio, Roby Bertani, e dei ricordi suscitatagli dai racconti del nonno, il vecchio don Gaudenzio, attivista dell’EVIS (Esercito Volontario Indipendentisti Siciliani) fautore di “…una Sicilia Nazione capace di autogovernarsi, libera dai condizionamenti al suo sviluppo”. E sullo scenario di una Sicilia pervasa da luci e ombre il thriller finanziario si apre alla Storia mettendo in luce trame, intrecci, collusioni ed intrighi protagonisti di quella durissima stagione siciliana di sangue ed attentati che accompagnò le vicende del Movimento Indipendentista Siciliano (M.I.S.). Rivelandone vicende poco conosciute. Riequilibrando una verità storica rimossa dai testi ufficiali e dimenticata. Monito ed esempio di una presa di autocoscienza e di un risveglio di orgoglio si rivelano le pagine dedicate ai grandi protagonisti di quella infiammata stagione, siciliani che avevano combattuto ed in molti erano morti per la libertà della propria terra, da Canepa a Finocchiaro Aprile, da Attilio Castrogiovanni a Gallo, da Varvaro ad Aldisio. Pagine che raccontano della volontà prepotentemente manifestata del Popolo Siciliano di tornare ad essere uno Stato indipendente, se pur federato in uno Stato italiano. Pagine che individuano la Storia lunga di una terra – la Sicilia - che non si è ancora svegliata e che della sua Autonomia, costata lacrime e sangue, non ha saputo fare alcun uso. La presentazione del libro sarà accompagnata da un video, a firma Firrincieli – Marcello Sgrò, che - dal 1943 al 1948 - dallo sbarco anglo-americano sull’isola passa per la nascita del MIS e dell’ EVIS per arrivare alla costituzione della Regione Siciliana Autonoma a Statuto speciale.

000
Letto 760 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Letojanni. Arrestato dai Carabinieri a seguito di una condanna a 6 anni e 10 mesi di reclusione

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato S. D., 43enne già noto alle forze dell’ordine, originario di Letojanni, in esecuzione di un ordine di carcerazione per cumulo di pene concorrenti.

    I Carabinieri della Stazione di Letojanni hanno dato esecuzione al provvedimento definitivo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Messina- Ufficio Esecuzioni Penali nei confronti dell’uomo che era già ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Lo stesso dovrà scontare una pena residua di anni 6 e mesi 10, per il cumulo delle condanne riportate per diversi reati commessi a partire dal 2017 in poi. In particolare S. D. è stato condannato per i reati di lesioni stradali gravi o gravissime ed evasione, nonché alla pena accessoria della revoca della patente di guida. Lo stesso, infatti, già sottoposto agli arresti domiciliari, nell’ottobre 2020 era stato arrestato in flagranza per il reato di evasione e condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione.

    Il 43enne è stato ristretto presso la casa circondariale di Giarre dove, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sconterà la pena.

  • TAORMINA. UTILIZZO TEATRO ANTICO. SCEGLIERA' UNA COMMISSIONE DI VALUTAZIONE

    Questa mattina si è svolta la Commissione di valutazione “Anfiteatro Sicilia” per esaminare le richieste di utilizzazione del Teatro Antico di Taormina nella stagione degli spettacoli 2021. Sono state approvate numerose date a partire dal 9 giugno e fino al 2 ottobre. Una stagione piena di eventi di grande rilievo. La Commissione è presieduta da Massimo Barrale e composta da due dirigenti dell’assessorato regionale al Turismo, due dell’assessorato ai BBCC e dal sindaco di Taormina. Con voto consultivo partecipa la direttrice del Parco archeologico Naxos Taormina. Il calendario approvato sarà pubblicato quanto prima a cura dell’assessorato regionale al Turismo. Quest’anno si ripropongono le manifestazioni classiche, come il Taormina Film Festival, Taormina Book Festival, Festival Opera Stars e alcune opere liriche. Ritornano l’Università di Messina per la consegna dei diplomi di laurea e il Coro Lirico Siciliano. Inoltre, come negli ultimi anni, numerosi imprenditori privati organizzeranno eventi e concerti di grande richiamo. La Commissione dovrà tornare a riunirsi per completare una parte del calendario per la quale non erano complete le pratiche. Va ricordato che il Parco archeologico si è riservato 32 serate per le visite serali, offerta turistico-culturale molto amata soprattutto dagli stranieri. Si tratta di un primo tassello per tornare a operare e rivivere la magia del Teatro Antico di Taormina.

  • TAORMINA. Riaprono da oggi i musei di Naxos e Francavilla. Per lavori in corso chiuso Teatro Antico

    Con il passaggio in “zona gialla” riaprono da oggi, lunedì 15 febbraio, anche musei e siti d’arte in Sicilia per la gioia dei numerosi amanti dei beni culturali che così potranno tornare a rivedere le bellezze del patrimonio monumentale dell’isola.

     Tra i siti gestiti dal Parco Archeologico Naxos Taormina tornano accessibili ai visitatori il Museo e l’Area Archeologica di Naxos (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 16.30, ingresso 4€) e il M.A.FRA, il Museo Archeologico di Francavilla di Sicilia, l’ultimo “gioiellino” realizzato dal Parco insieme con il Comune inaugurato a metà ottobre e chiuso come tutti i siti a inizio novembre in ossequio alle misure di sicurezza emanate dal Mibact per limitare gli effetti della nuova ondata di epidemia da covid. In questi giorni è stata installata la versione inglese del video nella sala immersiva. L’ingresso al M.A.FRA è gratuito, apertura da lunedì al venerdì, dalle 10 alle 18. Stop alle visite sabato e domenica, come da disposizione governativa.

    Chiusi Taormina e Isola Bella. Spiega Gabriella Tigano, Direttore del Parco Naxos Taormina: “Fino alla fine di febbraio siamo costretti a tenere chiuso il Teatro Antico a causa di indispensabili lavori alla cabina Enel che serve l’intera cittadina: interventi incompatibili con la presenza di visitatori sia pure in formato ridotto, stante l’attuale paralisi dei flussi turistici a causa della pandemia. In partenza infine i lavori all’Isola Bella dove nei prossimi giorni sarà allestito il cantiere dei lavori di manutenzione straordinaria che, oltre a ripristinare uffici e biglietteria, consentiranno il recupero di alcuni ambienti attualmente interdetti ai visitatori per ragioni di sicurezza. Contiamo di riaprire il sito in maniera definitiva fra qualche mese, e comunque prima della stagione estiva, restituendo ai sempre numerosi visitatori nuovi spazi di questa affascinante dimora d’epoca, talmente mimetizzata nel paesaggio e nella flora dell’isola da essere un tutt’uno con l’ambiente circostante”.

     Per l’odierna riapertura l’incoraggiamento dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana Alberto Samonà: “In questi mesi abbiamo sofferto e soffriamo ancora per l’impossibilità di condividere insieme bellezza e arte nei luoghi deputati: musei, teatri, cinema. Per questo la riapertura dei siti d’arte è un primo passo importante, un benefico messaggio di speranza, di risveglio culturale, sociale ed economico per le nostre comunità”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI