Super User

Super User

Insieme per il piacere di leggere. Per condividere questo desiderio che, quando si accende, può diventare anche inarrestabile. Punterà su questo e su molto altro il Circolo di lettura di Letojanni, fondato nei giorni scorsi dal docente di Lettere, Giovanni Costa, dall’ex fisioterapista ed appassionato di Letteratura, Michele Caruso, e dallo studente e “racconta storie”, Enrico Scandurra, che, dopo una serie di incontri tenutisi nel corso delle ultime settimane, hanno deciso finalmente di uscire allo scoperto e creare nei locali della Biblioteca comunale “Bianca Garufi” un piccolo ritrovo per coloro che amano leggere e rileggere libri fino a sviscerarne i contenuti e renderli vivi. Un’iniziativa nata quasi per gioco e che avrà come obiettivo la crescita intellettuale della cittadina letojannese che, come hanno dichiarato i fondatori “vuole ingrandirsi sempre di più, allargando gli orizzonti di ogni singolo partecipante”. Chi vorrà prendere parte agli appuntamenti mensili e gratuiti che si terranno, per l’appunto, al piano terra del Palazzo della Cultura, (i cui locali sono stati concessi dall’Amministrazione comunale del sindaco Alessandro Costa) potrà condividere ore spensierate e tuffarsi a capofitto in un mondo fatto di parole e di sogni, che ci farà viaggiare ovunque. In sostanza la strategia del gruppo, che si materializzerà ufficialmente il 25 settembre, alle ore 18:00 (data del primo appuntamento) si baserà sulla scelta collegiale di un romanzo da leggere e su cui discutere a cadenza mensile. I titoli saranno scelti in base alle tendenze e a gusti dei partecipanti che potranno esprimere le loro opinioni senza settarismi o operazioni di censura. In sintesi il Circolo di lettura letojannese cercherà di unire, senza lasciare fuori nessuno sulla base di una corretta interpretazione dei gusti di ognuno di noi. Appuntamento, dunque, a venerdì pomeriggio, ore 18, alla Biblioteca comunale “Bianca Garufi”.

 Una violenta ed improvvisa ondata di maltempo ha colpito ieri la fascia Jonica della Sicilia. La provincia etnea è stata sorpresa da una bomba d’acqua. Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Catania.

In particolare sono stati tratti in salvo gli occupanti di due autovetture rimaste intrappolate in un sottopasso allagato a Valcorrente, dove sono intervenuti i Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Catania in supporto alla squadra del Distaccamento di Paternò.

Da ieri sera vigili del fuoco sono al lavoro per mettere in sicurezza alberi abbattuti o pericolanti.

Disagi Anche nel messinese. A Giampilieri una vera e propria tempesta ha causato diversi danni a insegne e tettoie.

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno scoperto una frode fiscale, perpetrata da 20 aziende dislocate sull’intero territorio nazionale, che ha permesso ad una società messinese di sottrarre ad imposizione 5,6 milioni di euro ed evadere, complessivamente, quasi 3 milioni di euro di IVA ed imposta sul reddito delle società. Nelle prime ore della giornata odierna, sono stati eseguiti provvedimenti di perquisizione e sequestro di quasi 3 milioni di euro, disposti dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Messina, su proposta della Procura della Repubblica di Messina. Le indagini, svolte dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economica e Finanziaria di Messina, hanno consentito di acquisire significativi elementi indiziari e di segnalare alla locale Procura della Repubblica il titolare cinese della società messinese, operante nel settore del commercio di articoli di abbigliamento, accessori, grandi magazzini. In particolare, è stato rilevato come l’imprenditore indagato avesse abbattuto il reddito dell’azienda attraverso la contabilizzazione di costi inesistenti, fittiziamente documentati da fatture false emesse da 19 società, per la maggior parte riconducibili a soggetti di etnia cinese. L’attività info-investigativa del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Messina è scaturita dall’incrocio delle informazioni delle banche dati con l’analisi economica del territorio. Quindi, nel corso dell’attività di verifica fiscale, sono stati approfonditi, tra gli altri, i rapporti economici intercorsi con i principali fornitori di beni e servizi, anche con la collaborazione di numerosi Reparti del Corpo competenti per territorio, che hanno eseguito mirati controlli incrociati.  L’operazione di servizio rientra nell’ambito dell’intensificazione dei controlli e del monitoraggio della onesta libertà di impresa, nel cui ambito le aziende si confrontano - in un clima di normale concorrenza - pagando ognuna le tasse dovute ed offrendo, quindi, prezzi al consumatore non falsati dall’evasione fiscale. Nel caso in esame, le indagini hanno consentito di verificare come l’indagato abbia reinvestito le somme evase attraverso l’acquisto di quote di un fondo comune d’investimento, presso una società di gestione del risparmio milanese, inconsapevole della frode al Fisco. L’operazione odierna testimonia, ancora una volta, l’impegno profuso quotidianamente dalla Procura della Repubblica, dal Tribunale e dalla Guardia di Finanza di Messina al servizio della collettività, anche nell’importante settore della tutela del libero mercato e delle casse dell’Erario.
 

Domenica 20 settembre, dopo 5 anni, il 1°M.llo Cosimo Roberto ARIZZI lascerà l’incarico di Comandante dell’Ufficio locale marittimo di Giardini Naxos per andare a ricoprire altro incarico presso la Capitaneria di Porto di Messina. Il Comandante uscente ha reso una visita al Sindaco del comune, Pancrazio Lo TURCO dopo aver incontrano nei giorni scorsi i Sindaci dei Comuni di Letojanni e Taormina. L’incontro è stato anche l’occasione per presentare il neo Comandante, il pari grado Michele LOMBARDO proveniente dal pattugliatore  della Guardia Costiera A. Peluso CP905 di stanza a Messina con l’incarico di Capo Componente TLC/CN/RADAR.

Il Sindaco ha ringraziato il Comandate Arizzi per il prezioso servizio svolto in questi 5 anni e dato il benvenuto al neo Comandante Lombardo augurando allo stesso buon lavoro.

Nell’incontro Arizzi ha evidenziato l’impegno profuso per risolvere le varie problematiche agendo sempre nell’interesse pubblico e a tutela della sicurezza di chi va per mare con l’obbiettivo di mantenere la Guardia Costiera come punto di riferimento per l’utenza, in una realtà lavorativa complessa e in un territorio ricco di bellezze naturalistiche ed ambientali che merita la massima attenzione da parte di tutti. Nell’esprimere riconoscenza a tutte le Forze dell’Ordine e alle Pubbliche Amministrazioni, Arizzi ha ringraziato tutto il personale del proprio Comando che ha lavorato costantemente anche oltre gli orari d’ufficio permettendo di raggiungere importanti obbiettivi, ringraziando in modo particolare la propria famiglia per la pazienza ed il costante supporto. Al Comandate subentrante, a cui ha assicurato la collaborazione anche dalla nuova sede di Messina, ha augurato i  migliori e sinceri auguri di Buon Vento”.

 Il Neo-Comandante LOMBARDO ha ringraziato il M.llo Arizzi, l’amico Roberto, che si pregia di conoscere da tempo sia per il suo alto senso del dovere che per le sue conoscenze professionali consolidate nel tempo durante le esperienze lavorative  maturate soprattutto nei periodi di Comando in altri sedi del nostro Corpo, conoscenze professionali che ha avuto modo di apprezzare personalmente durante il periodo di affiancamento trascorso insieme durante il quale ha apprezzato il tempo che ha dedicato e che consentirà di affrontare questa nuova esperienza lavorativa sicuramente con più tranquillità. In questi giorni LOMBARDO ha avuto, altresì, modo di constatare l’ottimo lavoro svolto dal suo predecessore,  attraverso la viva voce  di tutte le persone che per esigenze lavorative si sono rivolte alla Guardia Costiera.”

 

Incontro del Sindaco Metropolitano Cateno De Luca con i Sindaci dei Comuni del comprensorio jonico che si affacciano sulla costa, per affrontare e portare a soluzione l’annosa questione della qualità delle acque di balneazione nel tratto di costa jonico- messinese, che ogni anno puntualmente si ripropone in coincidenza dell’inizio della stagione balneare, per poi essere dimenticata fino all’anno successivo.

Si à concordato di procederà in primo luogo ad una ricognizione della situazione esistente procedendo, ove necessario, ad un adeguamento dei depuratori esistenti, con un cronoprogramma che dia tempi certi sulla realizzazione degli interventi, anche al fine di evitare qualsiasi problematica relativa agli scarichi fuori tabella ministeriale.

Contestualmente ogni Sindaco, per i territori di propria pertinenza, verificherà la presenza di rifiuti abbandonati nei pressi di corsi d’acqua e della stessa battigia al fine di provvedere immediatamente alla bonifica e allo smaltimento.

Inoltre, al fine di attuare immediatamente azioni volte alla pulizia e filtrazione delle acque di mare, il Sindaco della Città Metropolitana ha annunciato che attiverà a stretto giro, un servizio di raccolta dei rifiuti (solidi e liquidi) galleggianti mediante l’utilizzo di un battello tipo “Pelikan”.

I sindaci presenti hanno manifestato apprezzamento per l’iniziativa della Città Metropolitana che ha inteso avviare a concreta realizzazione interventi che porteranno a mitigare in tempi rapidi i problemi e a determinare una migliore qualità delle acque di balneazione nel tratto di costa jonica della Provincia di Messina.

Giovedì, 10 Settembre 2020 08:21

COVID 19. INCONTRO IN PREFETTURA

Si è tenuta  presso la Prefettura di Messina, una riunione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto, dott.ssa Maria Carmela Librizzi, alla presenza, oltre che dei vertici delle Forze dell'Ordine, dei Sindaci dei Comuni Capofila dei Distretti Socio Sanitari della provincia, dei Sindaci di Giardini Naxos e Oliveri e del Direttore generale dell'ASP, al fine di esaminare le problematiche relative alla situazione attuale della diffusione del contagio da Covid-19 e alle correlate misure da porre in essere per il contenimento epidemiologico.

Il Prefetto, anche in considerazione della ormai prossima ripresa dell'anno scolastico, ha sottolineato la necessità di adottare utili iniziative per fronteggiare adeguatamente la diffusione del contagio, assicurando la prosecuzione dei costanti piani di controllo ad opera delle FF.OO. e invitando, al contempo, gli amministratori degli enti locali a vigilare sulla corretta osservanza delle disposizioni di sicurezza vigenti in materia.

Il Direttore generale dell'ASP ha condiviso l'esigenza di mantenere alta la soglia di attenzione, sia per la sussistenza di alcuni focolai, seppur contenuti, sia perché la provincia è stata meta turistica privilegiata e, quindi, luogo di transito di numerosi turisti. A tali circostanze, si aggiunge inoltre l'ulteriore preoccupazione dovuta alla novità, rispetto ai mesi precedenti, della riapertura degli istituti scolastici.

Il responsabile Covid - 19 dell'ASP ha rappresentato che, allo stato attuale, risultano circa 163 positivi in provincia, di cui la maggior parte nella città di Messina e nella zona ionica, mentre nella zona tirrenica si registrano un numero di casi da monitorare a Sant'Agata di Militello e un focolaio ad Oliveri, tuttavia ormai in fase di contenimento.

I Sindaci dei Comuni Capofila dei Distretti Socio Sanitari della provincia, nonché gli altri amministratori degli enti locali presenti, hanno quindi descritto la peculiare situazione dei territori di competenza, comunicando le date di inizio dell'anno scolastico negli istituti della provincia e manifestando l'intenzione di non consentire o, in ogni caso, di limitare l'organizzazione di eventi di aggregazione, quali sagre, mercati, occasioni di probabili assembramenti.

Nel corso dell'incontro, inoltre, i Sindaci hanno manifestato la propria preoccupazione in ordine alla disinformazione dell'utenza, rispetto alla corretta gestione di tamponi e valutazioni sierologiche, che ha provocato, e provoca, numerosi assembramenti di utenti presso gli ambulatori privati ai fini di richiedere dei controlli sanitari che, in ogni caso, devono essere organizzati nelle modalità e nella gestione, precedente e successiva, da parte di personale competente.

Il Prefetto, preso atto delle situazioni delle singole realtà territoriali, in considerazione dell'opportunità che la corretta conoscenza delle precauzioni da adottare e le relative informazioni al riguardo continuino ad essere divulgate, ha coinvolto il Direttore generale e il responsabile Covid -19 dell'ASP, per realizzare insieme un video in cui si forniranno delle linee guida sulla corretta tempistica e procedura dei tamponi, sull'isolamento fiduciario e su ogni idonea misura di contenimento del contagio.

Per promuovere la divulgazione del video sarà richiesta la collaborazione delle emittenti televisive, utilizzando per la diffusione anche le maggiori piattaforme social .

Il Prefetto, a conclusione dell'incontro, ha evidenziato che, a fronte di tutti i dati fattuali analizzati, i contagi non sono ancora in diminuzione, bensì emerge l'esigenza di " alzare ancora di più l'asticella dell'attenzione" , sia attraverso l'intensificazione dei controlli già in atto da parte delle Forze dell'Ordine e dell'ASP, sia attraverso " la piena collaborazione delle amministrazioni comunali e dei cittadini, chiamati a comportamenti attenti e responsabili da parte di tutti, nella consapevolezza che dal comportamento di ciascuno deriva la sicurezza per tutti ."

Dopo i due hotel costretti a chiudere per la positività di alcuni dipendenti adesso tocca ad un risotrante.

A comunicarlo con un post su facebook è la direzione del locale.

“Lo staff de La Zagara tiene a comunicare ai propri clienti e agli amici che a seguito di una positività riscontrata e in attesa delle ulteriori verifiche da parte dell'Asp, il soggetto interessato sta seguendo il protocollo necessario. Sono stati inoltre effettuati i tamponi al resto del personale, tutti con esito Negativo. Il locale, temporaneamente chiuso, verrà sottoposto a sanificazione da una ditta specializzata per riaprire a breve in totale sicurezza.”

Un episodio che va ad aggiungersi al preoccupante quadro sanitario oggetto ieri di un confronto in Prefettura tra vertici dell’Asp e amministratori locali. 

Proprio ieri durante incontro il sindaco di Taormina Mario Bolognari ha chiesto una corretta procedura da seguire. " La reazione di molte persone, ha affermato Bolognari,  che pensano di risolvere il problema sottoponendosi al tampone sta diventando un grande spreco di tempo e di risorse professionali ed economiche. La prefetto ha sollecitato i responsabili della sanità provinciale a fare una corretta e capillare opera di informazione su questo punto, rafforzando la necessità di comportamenti corretti e cioè, di fronte a un sospetto, di porsi in isolamento. Saranno le autorità sanitarie a disporre chi e quando deve sottoporsi al test. Per completezza di informazione, conclude Bolognari,  va aggiunto che allo stato attuale delle cose i casi complessivamente rilevati a Taormina sono 16, compresi quelli nel frattempo ritornati negativi. Tengo anche a precisare che nel corso della riunione nessuna nuova misura è stata decisa."

 

Il sociologo Francesco Pira, professore di comunicazione giornalismo all’Università di Messina sarà ospite de IL SETTIMANALE il rotocalco nazionale della TGR RAI che si occupa d'attualità, inchieste e approfondimenti sui grandi temi sociali. Domani mattina alle 12 andrà in onda su RAI TRE l'intervista che ha rilasciato alla giornalista Monica Busetto, curatrice del programma, sul tema di stringente attualità: l’invasione delle Fake News. Parlerà anche del libro intitolato  "Fake News" che il sociologo firma con lo scrittore e giornalista Raimondo Moncada per i tipi di Medinova la casa editrice indipendente di Antonio Liotta.  Francesco Pira, che presiede l’Osservatorio Nazionale contro le Fake News voluto dal Presidente di Confassociazioni  Angelo Deiana, parlerà degli effetti dirompenti delle notizie false soprattutto in tema di economia, scienza e politica.

"Nel pomeriggio di mercoledì 9 settembre, tra grande entusiasmo e forte partecipazione, è stata inaugurata la nuova sede di “Rivoluzione Animalista“ a Mascali, comune in provincia di Catania, in via San Giuseppe 227. Continua dunque con impegno e attenzione il radicamento del partito politico del segretario nazionale, Gabriella Caramanica, che insieme a un gruppo coeso e competente di cittadini e volontari ha creato una nuova realtà anche nella città di Catania e nella sua provincia: realtà che va ad aggiungersi alla già vasta rete di coordinamenti comunali e provinciali presenti in terra siciliana.

“Sono molto contenta di questo nuovo traguardo che si inserisce in un panorama nazionale - ha detto la Caramanica - che ci vede impegnati nella lotta per la tutela degli animali, non solo cani e gatti ma tutti indistintamente. Combattendo, al contempo, il malaffare, il lucro e la criminalità e salvando il mondo animale da vili speculazioni. Vogliamo rivoluzionare il vecchio sistema, abbattendolo, e valorizzando la tutela degli animali: una sfida che porto avanti quotidianamente in tutta Italia e oggi anche qui a Catania, con l’aiuto di tanti amici e attivisti che ringrazio di cuore”. Roberta Arcieri, coordinatore RA provincia di Catania, ha continuato: “Ho aderito al partito Rivoluzione Animalista perché ci credo fermamente e sono convinta della battaglia sul testo unico contro i maltrattamenti e la salvaguardia degli animali. Da volontaria del territorio, sono convinta che politicamente riusciremo a fare approvare leggi specifiche importanti, e instaureremo un rapporto di collaborazione e sinergia con le pubbliche amministrazioni, per porre fine al grave problema del randagismo e non solo”.

“Una realtà quella siciliana gravissima dal punto di vista della tutela animale - ha poi aggiunto Mirco Francioso, coordinatore regionale RA Sicilia -. Rivoluzione Animalista vuole cambiare le cose in sinergia con le istituzioni istaurando un dialogo che possa finalmente dare una scossa a una situazione drammatica specie nel nostro territorio regionale. Noi ci crediamo”. Sulla falsariga anche Antonio Borrello, responsabile nazionale zoomafia RA: “Quello animale è un problema che riguarda tutto il meridione con affari milionari nella gestione dei canili. In questo senso la Sicilia rappresenta uno zoccolo duro che noi vogliamo scalfire e modellare in direzione della legalità. In particolare, il mio personale impegno è rivolto soprattutto al riconoscimento della zoorastia come reato penale. Finalmente oggi, abbiamo una realtà politica radicata e forte che ci permetterà di dire la nostra a livello governativo e ci consentirà di contribuire in maniera autorevole per l’approvazione di questa e altre leggi a tutela animale. Insieme ce la faremo”.

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina hanno arrestato, in flagranza di reato, M.M. 51enne, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri, hanno notato che una persona, alla guida di uno scooter “Liberty Piaggio”, si aggirava con fare sospetto in contrada Mastrissa di Taormina. Pertanto i militari dell’Arma hanno fermato il conducente del motociclo sottoponendolo a perquisizioni personale e veicolare, che ha consentito di rinvenire, indosso all’uomo, circa 9 grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina già suddivisa in 16 dosi. La sostanza stupefacente è stata sequestrata e l’uomo è stato arrestato, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Al termine delle formalità di rito, su disposizione del sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Messina, l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida. Questa mattina è comparso davanti al Giudice del Tribunale di Messina che, dopo aver convalidato l’arresto operato dai Carabinieri, ha disposto la sottoposizione agli arresti domiciliari.

Pagina 1 di 120

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI