TAORMINA. SPACCATURA NEL PD. SI DIMETTE LA COORDINATRICE LISA BACHIS. ECCO LA NOTA COMPLETA

TAORMINA. SPACCATURA NEL PD. SI DIMETTE LA COORDINATRICE LISA BACHIS. ECCO LA NOTA COMPLETA In evidenza

Invio questa nota, dopo aver maturato un'attenta riflessione sull'iter seguito dal Circolo Pd Taormina, da me retto sino ad oggi e che ieri sera ha visto i consiglieri Longo, Benigni e Valentino, agire in seno al civico consesso e per quanto mi riguarda, a titolo personale e non seguendo la linea da me richiesta.

In questi anni di militanza nel partito e nella fase del mio coordinamento, ho sempre agito con coerenza e lealtà nei confronti degli iscritti e nei confronti del direttivo. Ho improntato il coordinamento seguendo la linea del dialogo e del confronto, sia all'interno del circolo, sia all'esterno, con una costante interlocuzione con le altre forze politiche. Mi sono insediata con un progetto che ha sempre avuto come obbiettivo primario, il rilancio della nostra città, Taormina, oramai ridotta all'ombra di se stessa. Il mio percorso con i compagni di partito, è sempre stato corretto e poiché il Pd dopo l'ultima tornata elettorale, è seduto tra i banchi dell'opposizione, pur nel rispetto della buona amministrazione, deve fare opposizione.

Ieri sera, i tre consiglieri Pd, votando a favore della delibera per la costituenda Fondazione Taormina Arte, di fatto hanno regalato punti ad un'amministrazione, che io considero inadeguata a governare la città. Se poi, all'interno della sua stessa maggioranza il Sindaco, continua a non avere i numeri, dato che anche suoi consiglieri si sono mostrati contrari alla delibera, il regalo che i consiglieri Pd hanno fatto a questa amministrazione, è sin troppo generoso.

Il mio rispetto verso ogni componente del mio partito è sotto gli occhi di tutti ed avevo già manifestato le mie perplessità sulle dinamiche che avrebbero portato alla nascita della Fondazione Taoarte; l'ho fatto seguendo le regole con le riunioni in direttivo e con il confronto diretto. Eppure, sono rimasta inascoltata, vista la scelta fatta ieri dai consiglieri Pd.

Ho dialogato con tutti e con i dipendenti di Taormina Arte, in particolare, dato che anche io ho a cuore le sorti di una realtà, che è parte integrante di questa città. Loro lo sanno, la mia comunità sa come la penso perché ho sempre improntato il mio lavoro nel rispetto delle persone e della trasparenza. Tuttavia, una forza politica che è all'opposizione, deve fare opposizione, soprattutto quando l'amministrazione ha mostrato più volte la propria incapacità nel governare ed i pessimi risultati, sono sotto gli occhi di tutti.

Mi piace raggiungere il compromesso per il bene comune ma vi sono situazioni che esigono, una linea dura e decisa. Ieri, a mio avviso il circolo Pd di Taormina è uscito indebolito, pur volendo agire nella tutela degli interessi di Taoarte. I risultati sono stati disastrosi ed io, non posso dare il mio assenso.

Per queste ragioni, si è creata una frattura insanabile sulla linea politica da tenere, e dunque mi vedo costretta, a rassegnare le mie dimissioni in qualità di coordinatore del circolo Pd Taormina.

000
Letto 617 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA, UNA NUOVA RIFLESSIONE SULLE POLITICHE TURISTICHE

    Da meta del Grand Tour a capitale del turismo, Taormina si offre come paradigma delle criticità che attanagliano il turismo nell’isola ma anche come possibile modello virtuoso per il rilancio del settore. Partendo dalla realtà locale il prof. Filippo Grasso nel volume “Turismo: governare il territorio, gestire le risorse, promuovere la destinazione”, edito dalla Maurfix, affronta i temi dello sviluppo di modelli di governance del complesso sistema turistico.L’editore Maurizio Andreanò e l’autore Filippo Grassohannovoluto omaggiare con una copia del volume l’assessore al Turismo di Taormina, Andrea Carpita. Un’altra copia è stata donata alla Biblioteca comunale.

    Nell’incontro con l’assessore al Turismo del comune di Taormina Andrea Carpita, svoltosi sabato scorso alla Biblioteca comunale, il prof. Filippo Grasso, consulente per il turismo presso vari enti locali, ha evidenziato l’impegno della città a promuovere un turismo sostenibile. «Si è aperto un dialogo – ha evidenziato il prof. Grasso - su come innovare le politiche turistiche a Taormina con uno sguardo proteso al futuro. Con l’assessore Andrea Carpita ci siamo confrontati sullo sviluppo del territorio e ho avuto modo di comprendere che il tema delle politiche turistiche sta veramente a cuore all'attuale governo della città. Esempio ne è l'obiettivo efficacemente raggiunto sulla risoluzione della "capacità di carico turistico".  Adesso al giovane assessore l'attende una nuova, quanto antica, sfida: lavorare alla diversificazione dell'offerta turistica nell'arco di tutto l'anno. Mi auguro che la lettura del volume possa essergli di stimolo per ricercare nuove risoluzioni e nuovi obiettivi da raggiungere».

    Il volume raccoglie le riflessioni del prof. Filippo Grasso, docente di analisi di mercato nel corso di laurea in Scienze del Turismo e delegato del Rettore dell’Università di Messina per le “iniziative scientifiche nello sviluppo del settore turistico”, sui temi dello sviluppo di governance del complesso sistema turistico nei territori, al fine di produrre efficienti politiche innovative, aperte alla tecnologia e alla qualità dei servizi resi alla persona, alla gestione delle risorse e alla promozione della destinazione.Una nuova visione di turismo capace di uscire dalle aule universitarie e diventare esperienza concreta accanto alle amministrazioni locali e agli operatori privati per strutturare una adeguata offerta turistica. Vuole essere una guida, un prezioso taccuino di appunti, per gli operatori turistici, per gli studenti, gli esperti e i cultori delle discipline turistiche.

    «Il turismo – ha detto l’assessore Andrea Carpita - è il volano dell’economia di Taormina e dell’intera Sicilia. Sono felice di ricevere di ricevere questo libro che affronta un tema a me caro e lo fa da un osservatorio privilegiato, quale quello del prof. Filippo Grasso. Il turismo è un settore in continua e rapida evoluzione e, quindi, richiede un aggiornamento continuo. Ben vengano, dunque, queste occasioni per divulgare le nuove conoscenze in materia».

     

     

     

     

     

  • Taormina. Gianluca Granieri apre l’edizione 2019 di “Un libro da bere”

    Domenica 24 marzo, alle 18:00, torna “Un libro da bere”, giunto alla sua seconda edizione. L’aperitivo letterario, a cura e con Lisa Bachis, tornerà ad ospitare nell’accogliente cornice offerta da Il Vicoletto Wine Bar, in Vico Zecca a Taormina, scrittori, artisti e appassionati della letteratura e del Bello. Il clima, quello di sempre: informale e intimo. Una chiacchierata con gli ospiti, sorseggiando un aperitivo.

    L’autore, che aprirà questa seconda edizione, è Gianluca Granieri. Catanese di adozione, poliziotto per professione. Un innamorato delle tradizioni storiche e culturali, non solo della città etnea ma dei luoghi in cui ama recarsi. Spinto da notevole curiosità e ricco di fervida immaginazione, a Taormina, presenterà il suo primo testo Un milanese a Catania, edito da Lampi di Stampa, e giunto alla terza edizione nel 2018.

    «Una narrazione che mescola autobiografia e report. In "Un milanese a Catania", l’autore sceglie di mettersi in gioco "in prima persona". Infatti il protagonista è lo scrittore medesimo, il quale durante una delle sue passeggiate mattutine a Catania – esercizio fisico e mentale – incontra Ambrogio, un signore milanese, anch’egli catanese d’adozione. Pur se Ambrogio, come si scoprirà presto, ha una visione “lombarda” di come debba trattarsi una città». Così scrive Lisa Bachis, che ha curato la prefazione alla terza edizione.

    Sponsor di “Un libro da bere”, èIl Vicoletto Wine Bar. L’evento gode, inoltre, del patrocinio dell’associazione “Etna ‘ngeniousa” e quello del Circolo letterario “Pennagramma”. Media partner è il giornale online “JonicaReporter”. Grafica e locandine sono a cura di Caterina Lo Presti “FDD”; l’amplificazione è a cura di Antonio Sterrantino.

  • A18 AUTOSTRADA ME/CT – SVINCOLO DI TAORMINA . CHIUSA LA RAMPA DI INGRESSO IN AUTOSTRADA DIREZIONE CT

    Al fine di consentire all'impresa incaricata di effettuare specifici lavori all’interno della Galleria Taormina, si rende necessario chiudere al traffico – per tempo limitato - la rampa di ingresso in autostrada, direzione Catania, secondo la seguente programmazione:

     

    • dalla ore 22.00 del 12 marzo 2019 alle ore 6:00 del 13.03.2019;

     

    • dalle ore 22.00 del 13.03.2019 alle ore 6:00 del 14.03.2019.

     

    In loco segnaletica con indicazione delle uscite obbligatorie.

     

    Ditta esecutrice ATI Impresa ELLEBI-S.T. srl e AUGUSTO snc di Della Camera Gianni e Danilo" di Gracciano di Montepulciano (SI)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI