GIARDINI NAXOS.PATTO D'AREA. CONFRONTO TRA SINDACATI E ASSOCIAZIONI

GIARDINI NAXOS.PATTO D'AREA. CONFRONTO TRA SINDACATI E ASSOCIAZIONI In evidenza

Mettere in atto in modo concreto e non rimandabile le problematiche che attanagliano l’hinterland e che riguardano soprattutto l’occupazione, il sostegno al reddito e lo sviluppo del territorio comprensoriale. E’ stato questo l’argomento principe della conferenza di servizio svoltasi martedì pomeriggio nel palazzo dei Naxioti sul costituendo Patto d’Area comprensoriale Agro/Jonico Taorminese/Alcantara, proposto da Mario Ianniello, in qualità di esperto del sindaco in materia di rapporti sindacali ed imprenditoriali del settore turismo e commercio. Alla riunione convocata dal primo cittadino giardinese, Nello Lo Turco, hanno partecipato, oltre a Ianniello anche Giuseppe Russo, e tutte le sigle sindacali provinciali di Messina del settore turismo e commercio, rappresentate dai segretari Pancrazio Di Leo e Salvatore D’Agostino (Fisascat-Cisl), Carmelo Garufi e Andrea Miano (Filcams-Cgil), Eliseo Gullotti (Uiltucs-Uil); le associazioni albergatori di Giardini-Naxos e Taormina (Aderenti a Federalberghi) rappresentate dal presidente Giovanni Russotti e quella dell’associazione albergatori di Letojanni/Forza D’Agrò, presieduta da Pierpaolo Biondi.

“La riunione – ha affermato Mario Ianniello - si è svolta in armonia ed è servita a sviluppare i ragionamenti inseriti nelle varie piattaforme presentate dagli intervenuti. Si è palesata da parte di tutti la volontà di perseguire un unico obiettivo attraverso lo strumento del Patto d’area che possa dare maggiori garanzie al settore”. Le parti riunite al tavolo tecnico si sono impegnate a sottoscriverlo ponendo le basi per una successiva conferenza di servizio per addivenire ad un protocollo d’Intesa tra i Comuni interessati con la compartecipazione di tutti i sindaci della zona jonica a vocazione turistica quali Giardini, Taormina, Castelmola, Letojanni, Sant’Alessio, Forza D’Agrò, ma anche Gaggi, Francavilla di Sicilia, dell’Unione dei Comuni e di altri Enti che ne facciano espressa richiesta. A questo proposito i Comuni che intendono aderire al Patto d’area possono rivolgersi al Comune di Giardini Naxos ed ottenere tutte le informazioni necessarie circa l’adesione. Grande soddisfazione è stata espressa al termine dell’incontro da tutti i partecipanti per il risultato raggiunto in questa seconda fase. Il prossimo passo sarà dunque la nuova convocazione da parte del sindaco Lo Turco delle parti per proseguire il cammino intrapreso.

000
Letto 577 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Giardini Naxos. Trasportavano oltre un kilo di droga. Arrestati

    Ieri notte, i Carabinieri della Stazione di Giardini Naxos e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taormina hanno arrestato in flagranza di reato il 48enne C.S. e la 32ene T.C. 32enne, entrambi residenti a Pesaro, poiché ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e marijuana.

    Nel corso dei servizi di controllo del territorio nei comuni di Taormina e Giardini Naxos, all’uscita dei caselli autostradali di Giardini Naxos, i Carabinieri hanno controllato l’autovettura condotta dal 48enne con a bordo anche la donna. I militari, insospettiti dall’atteggiamento della coppia, hanno proceduto alla perquisizione personale e del veicolo, rinvenendo nell’auto in uso alla coppia uno zaino contenente un involucro in plastica trasparente con all’interno circa 1 chilogrammo di marijuana ed un sacchetto del tipo utilizzato per congelare gli alimenti con quasi 100 grammi di cocaina. I due sono stati pertanto arrestati in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La droga rinvenuta e l’autovettura utilizzata per il trasporto degli stupefacenti sono state sequestrate.

    Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono comparsi davanti al Giudice del Tribunale di Messina che ha convalidato l’arresto operato dai Carabinieri, disponendo per i due la misura cautelare degli arresti domiciliari.

  • Emergenza stagionali. La Fisascat Cisl Messina scrive al Ministro del Lavoro: “Lavoratori abbandonati"

     «Ci sono lavoratori stagionali, del commercio, del turismo e dei servizi, che rischiano di rimanere fuori da tutto. Da Naspi, dal Reddito di Emergenza, da qualsiasi aiuto economico». L’allarme arriva dalla Fisascat Cisl di Messina che ha scritto al Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, per evidenziare il rischio di una grave crisi sociale per diversi lavoratori del turismo tagliati fuori dagli aiuti dell’ultimo Decreto. «Il Decreto Rilancio non risolve in alcun modo la problematica dei lavoratori del commercio, turismo e servizi da questo sindacato affrontata negli ultimi anni con grande determinazione in tutte le sedi e con innumerevoli iniziative poste all’attenzione delle Istituzioni nazionali e regionali, nelle piazze del Paese e con la raccolta firme di migliaia di lavoratori». Oggi il Covid19 ha spazzato via tutte le residue, e già poche certezze, di questi lavoratori che prima contavano sulla speranza di lavorare per sei mesi e che quest’anno nella quasi totalità dei casi non potranno lavorare in estate perché alberghi, bar e ristoranti rimarranno chiusi per effetto della crisi. «Come faranno a sopravvivere questi lavoratori? Che ne sarà di tante famiglie che sino ad oggi sono andate avanti con un unico reddito derivante dall’impiego stagionale?», domandano i responsabili della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo. «I problemi degli stagionali non si risolvono con le 600 euro, chiediamo la reintroduzione della Aspi o in qualsiasi caso la modifica urgente dell’attuale disciplina normativa, con l’introduzione di norme a tutela dei lavoratori per tutta la fase di emergenza. Servono strumenti e atti normativi idonei a consentire ai lavoratori di superare la crisi e di non perdere il proprio posto di lavoro. I lavoratori si troveranno scoperti per due anni di contributi e quindi anche penalizzati per la copertura contributiva ai fini pensionistici, un dramma nel dramma». «L’emergenza, ormai, si è trasformata in dramma sociale. I lavoratori stagionali hanno fatto nascere un gruppo di protesta e la loro voce è la nostra. L’impegno per gli stagionali è una battaglia che, “nell’assenza ed estraneità” di altri e non di questo sindacato, la Fisascat Cisl sta già portando avanti da tanti anni mettendoci il cuore e la faccia, sin da quando nessuno si occupava di questa emergenza o peggio la sottovalutava. Oggi questa emergenza purtroppo rischia di arrivare adesso al punto di non ritorno e adesso più che mai occorre fronte comune per far valere i diritti dei lavoratori».

  • Commercio, Turismo e servizi. Fisascat Cisl: «Dalla Regione un primo segnale ma i lavoratori attendono risposte concrete e stabili da parte del Governo nazionale»

    «I dieci milioni di euro previsti nell'ambito della finanziaria dall'Ars per gli stagionali del turismo e commercio, sono un segnale positivo, certamente incoraggiante, che speriamo possa essere il primo passo verso quella svolta che migliaia di lavoratori attendono insieme alle proprie famiglie». Lo affermano i responsabili della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D'Agostino e Pancrazio Di Leo che, così, fanno il punto su una situazione comunque complicata e preoccupante per tanti lavoratori stagionali che stanno soffrendo per l'emergenza Coronavirus e sono stati dimenticati dal Governo nazionale. «Quanto deliberato dall'Ars - affermano D'Agostino e Di Leo - è un segnale che fa ben sperare. Come Fisascat Cisl, da anni chiediamo alla Regione Siciliana provvedimenti a sostegno dei lavoratori stagionali, la maggior parte dei quali rimarrà a casa la prossima estate e, così facendo, non avrà diritto nemmeno ad accedere alla Naspi nel periodo di bassa stagione. Gli stessi lavoratori che non percepiscono più alcuna indennità o salario da diversi mesi e non hanno più un euro per mandare avanti le loro famiglie e sopravvivere dignitosamente. A causa del Coronavirus, inoltre, per il 75%-80% di loro non ci sarà modo di lavorare in estate. Ma il Governo Conte non sembra preoccuparsi di questo, noi rimaniamo in attesa e chiediamo che vengano salvati migliaia di lavoratori a rischio povertà con il ripristino della Aspi». «La crisi - ha evidenziato il segretario regionale della Fisascat Sicilia, Mimma Calabrò - avrà ripercussioni pesantissime per il 2020 e il 2021. Con l’attuale stagione ormai persa, la speranza è che i lavoratori possano essere assunti nell'aprile 2021. Ma sino ad allora la gente come potrà sopravvivere con due mesi di sussidio e con le 600 euro una tantum dello Stato?». «I lavoratori – aggiunge Di Leo – per due anni si troveranno scoperti di contributi e quindi anche per la parte previdenziale sarà un dramma, per effetto di quella che riteniamo la grande "vergogna" della riforma Naspi».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI