POLITICA. Udc: Il segretario nazionale  Lorenzo Cesa: "Ridare centralità alla Sicilia puntando su politiche per la persona, il lavoro e la famiglia"

POLITICA. Udc: Il segretario nazionale Lorenzo Cesa: "Ridare centralità alla Sicilia puntando su politiche per la persona, il lavoro e la famiglia" In evidenza

Da queste elezioni regionali ci aspettiamo un grande risultato elettorale per l’Udc, vogliamo che i democratici cristiani tornino ad essere una voce forte in questa regione e anche a livello nazionale. Se vincessero i populisti, che in Italia sono rappresentati e dal Movimento cinque stelle, la Sicilia andrebbe incontro al disastro economico". Lo ha affermato stamani il segretario nazionale dell'Udc Lorenzo Cesa nella Chiesa Santa Santa Maria Alemanna, partecipando alla conferenza stampa organizzata dal Coordinamento provinciale di Messina per la presentazione della lista dei candidati della lista Udc - Sicilia Vera - Rete Democratica alle elezioni regionali del 5 novembre 2017. All'incontro erano presenti il coordinatore provinciale dell’Udc di Messina, Giovanni Frazzica, Pippo Lombardo Presidente di Sicilia Vera ed il commissario regionale e presidente nazionale dell’Udc, senatore Antonio De Poli. Presenti anche i  candidati alle regionali dell'Udc a Messina Cateno De Luca (detto Messina) Direttore Generale Fenapi (in aspettativa), Rosario Sidoti (detto Saro) imprenditore,e componente della Direzione nazionale dell’Udc, Antonino Calà Dirigente sindacale Nazionale, Helga Corrao insegnante, Danilo Lo Giudice Sindaco di Santa Teresa di Riva, Caterina Panarello medico, Giuseppe Previti (detto Pippo) ex Presidente del Consiglio comunale di Messina, Daniela Zirilli sindacalista.

"L'impegno dell’Udc - prosegue Cesa è di scrivere il programma insieme ai siciliani. Vogliamo ridare centralità alla Sicilia e accendere i riflettori su 3 fattori chiave: Politiche per la persona, per il lavoro e per la famiglia. Dalla Sicilia arriva un laboratorio politico che potrà essere di grande interesse a livello nazionale: qui il centrodestra si presenta coeso e unito e sappiamo che tutto ciò potrà portare a un importante risultato".

 “Siamo - prosegue De Poli - il partito moderato di centro e il riferimento del cattolicesimo democratico, e ci impegniamo ad adottare anche in Sicilia politiche rivolte ad una sana economia di mercato ma soprattutto alla giustizia sociale”.

"L'Udc in Sicilia - spiega anche il coordinatore provinciale Giovanni Frazzica - è l'unico partito che potrà intercettare voti dell’elettorato moderato del mondo cattolico, economico e giovanile. L'Italia, quando parliamo di spesa per prestazioni sociali destinate alla famiglia occupa gli ultimi posti in Europa: 1,6% contro una media europea del 2,4%. Si deve invertire la tendenza".

De Luca candidato Capolista alle regionali fa un appello agli elettori:"Votare Udc . Sicilia Vera significa i valorizzare le identità locali ed i corpi intermedi di sturziana memoria e puntare alle strategie di governo delle municipalità ispirandosi sempre ai valori cristiani dal quale non ci siamo mai discostati".

L'altro capolista Saro Sidoti afferma: "Oggi più che mai è urgente e necessario creare un quadro politico stabile e duraturo che possa dare tranquillità e certezze ai cittadini i quali chiedono una cosa sola: il ritorno alla buona politica e alla progettualità rivolta alla crescita e allo sviluppo del territorio".

 

 

000
Letto 727 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SICILIA ZONA ARANCIONE. L'IRA DI MUSUMECI. VIDEO
    "La scelta del governo nazionale di relegare la #Sicilia a "zona arancione" appare assurda e irragionevole. L'ho detto e ripetuto stasera al ministro della Salute
    Roberto Speranza, che ha voluto adottare la grave decisione senza alcuna preventiva intesa con la Regione Siciliana e al di fuori di ogni legittima spiegazione scientifica." Ad affermarlo il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che oggi chiede al Governo di rivedere le proprie scelte.
     
     
  • IL SINDACO DI MESSINA CATENO DE LUCA OSPITE A PORTA A PORTA

    Acceso dibattito ieri sera a Porta a Porta su Rai 1 tra il sindaco Cateno De Luca e la ministra per la pubblica amministrazione Fabiana Dadone.

    Ancora una volta il sindaco della città dello stretto ha manifestato dubbi e perplessità sulla possibilità per i dipendenti della pubblica amministrazione di usufruire dello smart working. Un tema questo che lo aveva portato nelle scorse settimane anche ad uno scontro con i sindacati. Nel corso della puntata di ieri sera, ospite di Bruno Vespa, De Luca ha ribadito il suo pensiero.

    Inoltre ha posto la questione legata alla banda larga.  “Negare che lo Smart working non crea disparità di trattamento tra lavoratori del sud (poco servito dalla banda larga) e lavoratori del nord (ben serviti dalla banda larga), ha affermato De Luca, significa che vivi su Marte. Non rendersi conto dei problemi pratici del cosiddetto “lavoro da casa” senza gli archivi digitalizzati, ha inoltre aggiunto, significa non avere idea di come sono combinati i comuni italiani.”

  • TURISMO. PASSAPORTO SANITARIO” PER I TURISTI CHE ARRIVANO NELL’ISOLA PER CERTIFICARE L’ASSENZA DI CONTAGIO DA COVID-19

    “La stagione turistica va salvata. La Sicilia non può fare a meno questa estate dei flussi turistici per evitare una crisi economica che lascerebbe centinaia di migliaia di corregionali disoccupati. Occorre una misura che renda sicura, dal punto di vista sanitario, la presenza dei turisti nella nostra Isola. Per questa ragione invito il governo Musumeci ad avviare un progetto pilota per la predisposizione di un “passaporto sanitario” con il quale certificare l’assenza di contagio da Covid-19 su ogni persona che arrivi in Sicilia per le vacanze attraverso il tampone o il test sierologico. Ogni turista, che giunga in aereo, treno, nave o mezzo proprio dovrà mostrare una certificazione sanitaria adeguata in partenza essendosi già sottoposto a spese del sistema sanitario regionale al tampone. I dati sanitari potrebbero essere caricati sulla tessera sanitaria munita di chip che ogni cittadino possiede o sul passaporto digitale per i turisti che arrivano dall’estero. Solo così assicureremo una stagione in grado di produrre profitti e determinare la ripresa economica del comparto turistico siciliano che regge con una fetta importante il pil regionale. In tal senso auspico che si attivi tempestivamente un tavolo tecnico con tutti gli attori delle categorie interessate, tour operator, presidenti delle società di gestione degli aeroporti, albergatori, gestori di lidi, ristoratori e operatori economici, con il coordinamento degli assessori Razza, Messina e Turano, per predisporre ogni azione che abbia lo scopo di fare arrivare turisti in Sicilia. Sarà necessario e prioritario che l’assessore Razza avvii immediatamente un’interlocuzione con il ministro della Salute per le modalità di attuazione del passaporto sanitario. Trovo assurdo che si assista ad accordi bilaterali tra Stati per favorire il turismo internazionale mentre l’Italia rimane in silenzio. La Sicilia si adoperi per un’adeguata pressione sul governo Conte per l’incoming turistico come grimaldello per la ripresa economica”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana, annunciando anche la presentazione di una mozione sul tema.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI