Taormina, Sergio Cavallaro nuovo coordinatore  circolo PD, gli auguri dell'ex coordinatore Lisa Bachis

Taormina, Sergio Cavallaro nuovo coordinatore circolo PD, gli auguri dell'ex coordinatore Lisa Bachis In evidenza

Si è svolta ieri pomeriggio a Taormina, presso il Centro Parrocchiale di Via Pirandello, l'elezione  del nuovo vertice del Partito Democratico Taorminese.  L’Assemblea per l’elezione del Coordinamento del circolo cittadino ha deciso che il nuovo coordinatore sarà Sergio Cavallaro, votazione quasi plebiscitaria. Arrivate in redazione   le congratulazioni   dell'ex coordinatore del PD taorminese Lisa Bachis al neo eletto:

"Ho appreso con gioia, afferma Lisa Bachis,  la nomina di Sergio Cavallaro a neo coordinatore del circolo Pd di Taormina. Sergio Cavallaro è un ottimo mediatore ed aperto al confronto con le varie forze cittadine. In previsione degli importanti impegni elettorali del 2018, sono certa che il neo coordinatore farà un egregio lavoro. Gli porgo i miei più sinceri ed affettuosi auguri, prima di tutto come amica ed a seguire, in qualità di soggetto politico".

000
Letto 870 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Gianluca Granieri apre l’edizione 2019 di “Un libro da bere”

    Domenica 24 marzo, alle 18:00, torna “Un libro da bere”, giunto alla sua seconda edizione. L’aperitivo letterario, a cura e con Lisa Bachis, tornerà ad ospitare nell’accogliente cornice offerta da Il Vicoletto Wine Bar, in Vico Zecca a Taormina, scrittori, artisti e appassionati della letteratura e del Bello. Il clima, quello di sempre: informale e intimo. Una chiacchierata con gli ospiti, sorseggiando un aperitivo.

    L’autore, che aprirà questa seconda edizione, è Gianluca Granieri. Catanese di adozione, poliziotto per professione. Un innamorato delle tradizioni storiche e culturali, non solo della città etnea ma dei luoghi in cui ama recarsi. Spinto da notevole curiosità e ricco di fervida immaginazione, a Taormina, presenterà il suo primo testo Un milanese a Catania, edito da Lampi di Stampa, e giunto alla terza edizione nel 2018.

    «Una narrazione che mescola autobiografia e report. In "Un milanese a Catania", l’autore sceglie di mettersi in gioco "in prima persona". Infatti il protagonista è lo scrittore medesimo, il quale durante una delle sue passeggiate mattutine a Catania – esercizio fisico e mentale – incontra Ambrogio, un signore milanese, anch’egli catanese d’adozione. Pur se Ambrogio, come si scoprirà presto, ha una visione “lombarda” di come debba trattarsi una città». Così scrive Lisa Bachis, che ha curato la prefazione alla terza edizione.

    Sponsor di “Un libro da bere”, èIl Vicoletto Wine Bar. L’evento gode, inoltre, del patrocinio dell’associazione “Etna ‘ngeniousa” e quello del Circolo letterario “Pennagramma”. Media partner è il giornale online “JonicaReporter”. Grafica e locandine sono a cura di Caterina Lo Presti “FDD”; l’amplificazione è a cura di Antonio Sterrantino.

  • TAORMINA. DOMENICA 3 MARZO PRIMARIE DEL PD. SEGGI ANCHE NELLA PERLA DELLO JONIO

     Il Circolo del Partito Democratico di Taormina si prepara alle primarie che si terranno domenica 3 marzo 2019.

     Le operazioni di voto si svolgeranno dalle 8:00 alle 20:00 presso il seggio elettorale che sarà ospitato nei locali del Circolo degli Anziani, Corso Umberto I n. 146.

    Potranno votare, muniti di tessera elettorale, gli iscritti ed i simpatizzanti che “dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Partito Democratico, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell’Albo pubblico delle elettrici e degli elettori”, versando un contributo di due euro. “Il Circolo di Taormina che, nel suo recente congresso locale si è espresso a larghissima maggioranza per la mozione Zingaretti, spiega il coordinatore Piero Beigni, ha candidato nella lista dei delegati all’Assemblea Nazionale del P.D. “Piazza Grande Sicilia”, a sostegno dell’attuale Governatore del Lazio, il componente del direttivo locale avv. Filippo Patane’. A garanzia della pluralismo nella competizione democratica, la giornalista ed attuale Presidente del Consiglio di Taormina, Dott.ssa Lucia Gaberscek, ha invece accettato di rappresentare nel contesto locale la mozione Martina.

    Il voto, che determinerà l’elezione del segretario del P.D. tra i candidati Zingaretti, Giachetti e Martina, si esprimerà tracciando un unico segno su una delle liste di candidati all’Assemblea nazionale associate ai concorrenti. L’istituto delle Primarie per l’elezione del Segretario nazionale è occasione di dialogo, confronto e partecipazione diretta attraverso l’espressione del voto, unico strumento democratico, non mediato, attraverso il quale operare scelte consapevoli ed eleggere i propri delegati nelle assemblee rappresentative. Le mozioni dei candidati, seppur caratterizzate da specifiche identità, dimostrano tutte di saper cogliere il desiderio di unità che i militanti hanno espresso, rappresentando un partito vivo e pronto a determinarsi con forza sui grandi temi della solidarietà, dell’inclusione, delle politiche economiche sostenibili e dell’europeismo. Ribadendo con forza la propria diversità rispetto al sovranismo ed alle scelte orientate al mero consenso, il P.D. ha scelto di porsi alternativa alla deriva populista, alla politica dell’odio ed alla paura del diverso.”

  • Conversazione con Rocco Bertè. “La fotografia è tecnica o emozione?”

    Ascoltare e confrontarsi con Rocco Bertè, è sempre un grande piacere. Fotografo professionista dagli anni Novanta, ha la capacità di coinvolgere chi lo ascolta senza imporre alcuna presunzione professorale. Anzi, mantiene inalterata quella naturale timidezza che lo contraddistingue, e aggiunge reale emozione a ciò che dice quando parla di fotografia. Sabato 23 febbraio, all’Excelsior Palace Hotel di Taormina, “Fidapa Taormina” – in collaborazione con Roberto Mendolia e l’associazione fotografica “Taoclick” – ha invitato Rocco Bertè a tenere l’incontro,FOTOGRAFIA-Tecnica o Emozione?

    Un pomeriggio per conversare di fotografia, in un ambiente accogliente e confortevole, concedendosi un gradevole “tea time”. La presenza di appuntamenti culturali, che offrono la possibilità di creare un ambiente da caffè letterario, è diventata, in questi anni, una piacevole consuetudine a Taormina; e Fidapa ha da sempre mostrato notevole sensibilità ed attenzione per la cultura e la bellezza. La collaborazione con Roberto Mendolia, inoltre, ha dato l’opportunità di concludere un percorso intorno alla fotografia, iniziato a gennaio di quest’anno con gli appuntamenti all’archivio storico, che hanno visto protagoniste le donne fotografe.

    Bertè non ama definirsi “fotografo professionista” ma lo è. Si è presentato in modo semplice e diretto: «Sono un appassionato di fotografia dagli anni Novanta, ho iniziato con l’analogico. Sono da sempre innamorato della mia terra ed ho iniziato a fotografare per fissare la bellezza dei luoghi attraverso i miei occhi».

    Ciò che in poche battute ha espresso, sembra riduttivo per comprendere che Bertè mette il massimo della cura e della competenza nella professione. Da anni lavora su campo, con servizi fotografici per eventi pubblici e privati. Eppure il suo inizio è “amatoriale”, così come del resto, lo è stato quello di molti altri fotografi. La sua presentazione ha offerto altri spunti interessanti: «Il mio genere principale è la fotografia di paesaggio. Il mio approccio alla fotografia è semplice, lineare e veritiero».

    In effetti, Bertè ha fatto della fotografia a colori e dei paesaggi la sua firma narrativa. Il suo stile – poiché in quanto autore, lo ha ben maturato e impresso sulle foto– ha tutto il sapore del narratore di viaggi,col desiderio di perdersi in luoghi che sono quotidianamente sotto i nostri occhi, oppure appartengono ad altri paesi che abbiamo visto numerose volte pubblicizzati, ma che sono rigenerati attraverso la visione di Bertè; in questo mondo confuso tra reale e virtuale saturo di immagini, che ci ingabbiano in visioni ossessive e seriali. Durante l’incontro, il fotografo ha mostrato immagini che “ritagliate, sezionate e montate” distorcono la realtà. E ciò che oggi alimenta il mondo del web e che dà asilo alle “bufale o fake news”. Ricostruzione onuova creazione del mondo, per noi tutti appassiti e desiderosi di scariche in pixels? Bertè non ha dubbi su ciò che intende per far fotografia: «Cerco sempre di raccontare con le mie foto quello che mi colpisce particolarmente, che sia un paesaggio o una sessione di ritratto, oppure un evento». Attenzione però, perché pur provenendo dall’analogico, in cui i tempi di attesa erano più lenti e se si commettevano errori non si poteva rimediare, anche se «oggi si abusa della fotografia, io non sono un nostalgico dell’analogico. Il digitale mi ha offerto un controllo differente sulla macchina fotografica, che è, e rimane uno strumento».

    Certamente, anche lui, la foto vuol vederla stampata. L’immersione nelle immagini digitali, non può precludere al rapporto più intimo e immersivo che la visione di una foto stampata dà al fruitore. «Dato che la macchina fotografica è uno strumento, comunicando ciò che vedo, io utilizzo la tecnica fotografica per trasmettere al fruitore le mie sensazioni».

    Il pensiero di Bertè sulla fotografia è trasparente. La sua testimonianza ha dato un ulteriore contributo,su questo mondo,dove scrivere con la luce ondeggia tra “tecnica ed arte”. Dunque per dirla con Ando Gilardi: «Scrivere di Fotografia è difficile, molto difficile, se non si è fatta Fotografia. Per scrivere di Pittura non occorre avere dipinto, e di scultura idem; ma per scrivere di Chirurgia bisogna aver fatto il Chirurgo. E la fotografia è una operazione chirurgica, la macchina è un bisturi, la camera oscura una sala operatoria […]. I critici della Fotografia sono come delle vergini che scrivono guide sulle pratiche erotiche più terminali».

    Lisa Bachis

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI