TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE

TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE In evidenza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di dimissioni presentata dall'attuale vicesindaco Andrea Raneri al Primo cittadino Eligio Giardina:

 

Signor Sindaco,

le scrivo questa mia per rassegnarle formalmente e irrevocabilmente le mie dimissioni, rimettendole il mandato che ho avuto l’onore e l’onere di ricevere il 22 giugno del 2017 quale vicesindaco e assessore alla Cultura in seno alla sua Giunta nel governo della Città. Questa mia determinazione è frutto di ponderate riflessioni e idee che da tempo si sono sempre più rafforzate, fino a divenire imprescindibili convincimenti. Solo lo spirito di servizio e l’abnegazione con il quale ho accolto queste responsabilità mi ha frenato nel procedere molto prima di questo giorno. Sono sicuro che questa mia determinazione le consentirà adesso di firmare il contratto con le suore Francescane. È tutto pronto deve solo firmare, non perda tempo. Sono sicuro che il responsabile dell’ufficio tecnico, ing. Massimo Puglisi, di cui lei ha grande stima – come riportano le sue innumerevoli dichiarazioni sui giornali – a lei non metterà bastoni tra le ruote.

Come ho avuto modo di rappresentarle in più occasioni e in più sedi, mentre lei onorava i buoni rapporti della città di Taormina con l’America del presidente Donald Trump, il 3 novembre scorso, io firmavo un contratto morale con i bambini, i genitori e i rappresentati scolastici per uscire fuori da un’emergenza che viene prima di tutti noi e di qualsiasi nostra aspirazione politica. Devono prevalere sempre le ragioni di ordine etico e morale a quelle di ordine politico e personale e con questo convincimento mi sono sempre mosso all’interno dell’Amministrazione da lei guidata.

Quando, ormai cinque anni fa, decisi di partecipare al suo progetto politico sapevamo entrambi che avrei potuto portare il mio contributo nell’amministrazione della città soprattutto per quanto concerne le tematiche ambientali. I seguenti successi elettorali, che la portarono a ricoprire la carica di primo cittadino, il positivo risultato ottenuto dalla lista “Taormina 2013” - ed il mio personale - determinarono la mia nomina alla presidenza del Consorzio Rete Fognante. Da allora, ho lavorato con impegno e dedizione, per la concretizzazione di un nuovo piano industriale che partiva dalla gestione in house dei servizi di depurazione per arrivare alla definizione di un sistema idrico integrato. Sul passaggio al Consorzio dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, è stato proprio il Comune di Taormina a frenare. Oltre ad un notevole risparmio sulle bollette dei contribuenti con il sistema idrico integrato avremmo raggiunto elevati standard di qualità e innovazione tecnologica proseguendo quanto avviato con la gestione in house. Gestendo direttamente i servizi di depurazione il Consorzio Rete Fognante ha risparmiato circa 300 mila euro l’anno, somme che abbiamo reinvestito nella manutenzione degli impianti con interventi capillari su tutta la condotta fognaria.

A fronte dei risultati ottenuti come presidente del Consorzio Rete Fognante a giugno dello scorso anno, a seguito delle dimissioni del vicesindaco Mario D’Agostino, mi ha proposto di entrare in Giunta per occuparmi di Servizi sociali, Cultura, Partecipate, Programmazione, Innovazioni e Risorse Tecnologiche, Patrimonio, Protezione Civile, Sport. Nelle deleghe da Lei assegnatemi non rientrava né la Pubblica Istruzione né i Lavori Pubblici, ma comunque non ho esitato ad aiutarla nella risoluzione dell’annoso problema delle scuole taorminesi. I bambini hanno il sacrosanto diritto di crescere e studiare in un luogo accogliente e sicuro. Partendo da questo intoccabile assunto mi sono subito attivato, studiando gli atti e verificando lo stato dei plessi scolastici taorminesi, per trovare la soluzione più consona al trasferimento degli alunni delle classi elementari di Taormina centro. La ricerca di una alternativa alla Ugo Foscolo mi ha portato all’istituto delle suore Francescane. Ho avviato i contatti con i responsabili dell’Istituto religioso, raggiunto l’accordo economico con la controparte e superato tutte le criticità che mi venivano sollevate dall’ufficio tecnico comunale. Adesso faccio un passo indietro, non mi interessa intestarmi nessuna “vittoria”, voglio solo che si arrivi in tempi brevi alla firma del contratto e che si rispettino gli impegni presi con le famiglie degli studenti.

 

La vicenda della scuola mi ha portato alla convinzione di essere diventato inadeguato rispetto ad un modo di fare politica che non condivido, che non comprendo e soprattutto che non mi appartiene. Una convinzione maturata anche a seguito alla valutazione del tutto negativa di come è stata gestita la liquidazione di Asm. Da assessore alle partecipate ho avviato una ricognizione sullo stato di salute dell’Azienda Servizi Municipalizzati. Le ho anche inviato una relazione per metterla a conoscenza delle criticità relative alla mancata approvazione dei bilanci di esercizio relativi agli anni 2014, 2015 e 2016; nella quale richiedevo un suo immediato intervento per accelerare la chiusura della fase di liquidazione. Richiesta che è rimasta lettera morta, salvo innescare un assurdo “mobbing politico”. Anche in questa legislatura si è persa l’occasione di rilanciare l’azienda cittadina e ridare dignità ai dipendenti. L'elenco delle occasioni mancate, purtroppo, è piuttosto lungo: dalla mancanza di controllo del territorio con una carenza cronica del personale di polizia municipale ai vari finanziamenti persi, dall'assenza totale di progettazione per i finanziamenti in essere alla viabilità lasciata alla buona volontà dei cittadini, dal piano spiaggia mai attuato che ha penalizzato la frazione di Mazzeo all'assenza di un progetto concreto per lo sviluppo di Trappitello, dalla villa comunale che cade a pezzi come del resto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni alla mancata valorizzazione delle risorse umane del Comune che in cinque anni non hanno partecipato a nessun corso di aggiornamento e come non parlare anche del totale disastro all’asilo nido causato dagli scellerati provvedimenti intrapresi che hanno ridotto il numero dei bambini da 36 a 16 cagionando disagi alle famiglie e mi fermo perché l’elenco sarebbe troppo lungo.

Signor Sindaco non si possono raggiungere risultati positivi per la città e i cittadini con un impegno di due-tre ore al giorno e con una Giunta completamente in disaccordo con gli uffici. Taormina ha bisogno di un sindaco h24, che la mattina arrivi per primo ed esca per ultimo, che lavori d’intesa con la propria squadra e i dipendenti comunali per cercare di risolvere tutte le problematiche che interessano la città.

Chiudo questa mia, comunque ringraziandola per avermi dato, al tempo, fiducia ed oggi, suo malgrado, la convinzione che io possa contribuire più di  lei per il buon governo della città. 

 

Taormina, 19 marzo 2018
Andrea Raneri

000
Letto 907 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. LOTTA AI RIFIUTI SELVAGGI. ENNESIMO INTERVENTO POLIZIA LOCALE

    Mentre dal suo profilo social il consigliere d’opposizione Antonio D’Aveni continua a denunciare con foto e video i cumuli di rifiuti che stazionano in alcune zone periferiche la Polizia Locale tenta di arginare il fenomeno.

    Nelle scorse ore l’ultimo blitz della polizia locale di Taormina impegnata a contrastare l’abbandono dei rifiuti sul territorio comunale.

    A coordinare le operazioni il vice comandante Daniele Lo Presti sollecitato dall’assessore al ramo Antonio Scibilia.

    E proprio di Scibilia il consigliere D’Aveni chiede a gran voce e già da settimane le dimissioni. Reo a suo dire di non riuscire a gestire quella che ormai sembra diventata un’emergenza.

    Sono così partiti una serie di sopralluoghi congiunti con la società Mosema che ha proceduto all’ispezione dei rifiuti alla presenza del personale di polizia giudiziaria del Comando di Polizia Locale e che ha permesso di individuare ben 9 responsabili di abbandono incontrollato di rifiuti non pericolosi nella frazione di Trappitello.

     Questa diffusa mancanza di rispetto per la natura e per le regole che ne disciplinano la materia comporta per i responsabili l’applicazione della pena pecuniaria di ben 600 euro in quanto trova applicazione il TESTO UNICO SUI RIFIUTI di cui al d.lvo 152/2006.

  • TAORMINA. A bordo treno senza biglietto. Minacce e lesioni al capotreno e ai poliziotti

    E’ accaduto nei pressi della stazione ferroviaria di Taormina a bordo del TV 3866, partito da Siracusa e diretto a Messina. Durante il controllo dei biglietti, il capotreno si è imbattuto in un uomo, un cittadino del Bangladesh di 32 anni che, privo del titolo di viaggio, si è rifiutato di scendere dal treno e lo ha minacciato brandendo un oggetto a forma di bombola.

    Immediatamente è intervenuto, a garanzia dell’incolumità del capotreno e degli altri passeggeri, un agente libero dal servizio appartenente alla Polizia Ferroviaria di Taormina, che si trovava sul convoglio per raggiungere il posto di lavoro. Contro l’agente e gli altri poliziotti della Polfer subito intervenuti, l’uomo ha continuato a proferire insulti e minacce di morte e ad aggredirli con pugni e calci.

    E’ stato quindi arrestato per i reati di violenza e minaccia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e, a seguito di rito direttissimo, sottoposto agli arresti domiciliari presso una struttura psichiatrica. Lo straniero era stato denunciato il giorno prima dai poliziotti del Posto Polfer di Taormina per il reato di interruzione di pubblico servizio in quanto, all’atto della partenza del treno regionale 3860 dalla stazione di Catania, si aggrappava ai respingenti del convoglio costringendo il macchinista ad effettuare una fermata di emergenza.

     

  • CULTURA. “AntiquitatisVolumina”, la Biblioteca di Taormina mostra i suoi tesori

    La biblioteca di Taormina svela i suoi tesori librari: incunaboli e Cinquecentine. La mostra “AntiquitatisVolumina” sarà inaugurata sabato 15 dicembre, alle 17, nella Biblioteca comunale di Piazza IX Aprile. Una esposizione bibliografica diedizioni del XV e XVI secolo promossa e organizzata dal comune di Taormina in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni culturali di Messina. L’evento si inserisce, inoltre, nel progetto “Si scrive Europa, si legge Cultura”, promosso dalla testata giornalistica Pickline e approvato dal Mibac, per l’anno europeo del patrimonio culturale.

    «Sarà un viaggio a ritroso nel tempo e nella memoria lungo seicento anni – spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Taormina, Francesca Gullotta - tra testi antichi, incunaboli e cinquecentine, corredati da pannelli didattici, scelti secondo un criterio che tende a mettere in evidenza la storia della stampa e quanto ruota intorno ad essa. Un ringraziamento speciale va alla sezione Beni librari della Soprintendenza di Messina, per la loro preziosa e professionale consulenza scientifica, e al Centro di Lingua e Cultura italiana “Babilonia” per la consulenza nella traduzione in inglese del materiale documentario della mostra. Un grazie anche agli altri sponsor e alle associazioni che hanno lavorato per la comunicazione, per il materiale fotografico, per la grafica».

    La mostra sarà ospitata nella sala del Fondo Antico “Giovanni Di Giovanni” della Biblioteca comunale, ubicata nella centralissima Piazza IX Aprile, che rappresenta per le sue vicende storiche e le trasformazioni architettoniche un luogo nevralgico per la memoria culturale ed identitaria della città di Taormina. Essa custodisce una vasta e ragguardevole Emeroteca ed un patrimonio librario di eccezionale interesse: oltre ad una sezione di rari volumi dedicati alla Storia della Sicilia, spiccano per l’altissimo valore storico, bibliografico e culturale, le raccolte librarie provenienti dai Conventi di S. Agostino, di S. Domenico e dei Cappuccini. Il Fondo, di pregio inestimabile, comprende manoscritti, incunaboli, una preziosa raccolta di Cinquecentine e numerosi volumi datati tra il XVII e il XIX secolo. Si tratta di testi di insigni autori tra cui emergono S. Agostino, S. Tommaso D’Aquino e Roberto Bellarmino ed investono i più svariati rami del sapere, dalla Teologia alla Scienza, dalla Storia alla Filosofia.Vanno a completare la collezione della Biblioteca Comunale di Taormina il fondo archivistico e numerosi di volumi in lingua straniera.

    Di questo prezioso fondolibrario soltanto i volumi stampati dal 1452, anno a cui si fa risalire convenzionalmente l’invenzione della stampa da parte del Gutenberg, fino alla fine del Cinquecento rientreranno nella mostra inedita “AntiquitatisVolumina. Incunaboli e Cinquecentine”. Un viaggio nell’evoluzione della produzione libraria: dai preziosi incunaboli quattrocenteschi alle sempre più elaborate e raffinate edizioni del Cinquecento.La mostra espone sei incunaboli nei quali si possono orintracciare alcune loro specifiche peculiarità: la scrittura gotica; il frontespizio con il testo a forma conica; lo spazio per i capilettera che, inizialmente lasciato in bianco, veniva poi riempito dall’iniziale xilografica; il “colophon”, posto nell’ultima pagina, che rivestiva l’importante funzione di riportare le note tipografiche contenenti l’autore dell’opera e la data ed il luogo di pubblicazione. Il percorso prosegue poi con l’esposizione di 36 Cinquecentine, testi pubblicati tra il 1501 ed il 1600. Nel corso del secolo si assisterà ad una sempre più marcata evoluzione del frontespizio che si arricchirà di eleganti e raffinate composizioni di natura decorativa e architettonica e di elementi floreali ed ornamentali, tipici della pittura rinascimentale: dalll’opera  di Lucio  Cecilio  Lattanzio “Habes  in  hoc  volumine” del  1509, che per il carattere gotico della scrittura e il frontespizio a forma conica può essere annoverata nella categoria dei  “post-incunaboli”, al volume “La vigna del Signore” del 1599, in cui le vignette xilografiche si uniscono a un frontespizio dallo stile pre-barocco, riccamente adornato da motivi floreali e architettonici. Della mostra “AntiquitatisVolumina. Incunaboli e Cinquecentine” fanno parte anche alcune pregevoli edizioni straniere come “Expositio in exodum” edita a Parigi nel 1534 dal famoso stampatore Jean Petit e le “Disputationes” del famoso cardinale Roberto Bellarmino stampata ad Ingolstadt nel 1596.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI