MESSINA. IL SINDACO DE LUCA OGGI IN VISITA ALL’ARCIVESCOVADO

MESSINA. IL SINDACO DE LUCA OGGI IN VISITA ALL’ARCIVESCOVADO In evidenza

Il Sindaco Cateno De Luca si è recato stamani in visita all’Arcivescovado per incontrare S.E.R. Mons. Giovanni Accolla, arcivescovo metropolita di Messina, Lipari e S. Lucia del Mela, ed il vescovo ausiliare eletto, Mons. Cesare Di Pietro. Nel corso del confronto durato due ore sono stati trattati numerosi argomenti contraddistinti da una reciproca condivisione.

 “Abbiamo discusso dei temi della nostra città relativi alla solidarietà, all’emergenza delle nuove povertà, al lavoro ed ai problemi della nostra comunità, che coinvolgono tutte le istituzioni cittadine, chiamate a fare la loro parte nel rispetto dei ruoli e nella consapevolezza che una buona sinergia e la collaborazione tra Enti ed Istituzioni possa aiutare ad una crescita collettiva al fine di rappresentare un punto di riferimento sicuro e continuo per la cittadinanza e le componenti della società civile – ha dichiarato il sindaco De Luca –. Abbiamo parlato dell’opportunità di fare rete tra Palazzo Municipale e Istituzione Ecclesiastica per progetti che abbiano al centro la comunità messinese attraverso l’individuazione di spazi liberi che possano essere fruiti dai cittadini e altre attività di sostegno all’Istituzione Ecclesiastica. Nel confermare la mia presenza alle due prossime cerimonie dell’Arcivescovado – ha proseguito il Sindaco – ho dato ampia disponibilità anche per le attività di supporto a tali eventi”. Il Sindaco, al termine della visita, ha donato agli alti prelati quattro volumi da lui scritti (“Messina bella, protagonista e produttiva”, “Origini e Prospettive dell’Autonomia Siciliana”, “Lupara Giudiziaria” e “Manuale dell’Aspirante Amministratore Comunale”), ricevendo la bottiglia di vino n. 2 della collezione Riserva Arcivescovo Giovanni Accolla – vendemmia 2017. Il sindaco De Luca prenderà parte domani, giovedì 28, alle ore 17, nella Basilica Cattedrale di Messina, alla cerimonia di ordinazione presbiteriale di dieci diaconi e il prossimo 2 luglio, alle ore 17, sempre nella Basilica Cattedrale di Messina, all’Ordinazione Episcopale di Mons. Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare eletto di Messina, Lipari e S. Lucia del Mela, che avverrà per l’imposizione delle mani di Mons. Accolla.

000
Letto 1095 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Santa Teresa di Riva, il PNRR al centro del confronto tra il Sindaco metropolitano Cateno De Luca e i Sindaci dei diciotto Comuni del comprensorio jonico

    Si è tenuto, presso l'aula consiliare del Comune di Santa Teresa di Riva, il secondo incontro della mattinata tra il Sindaco Metropolitano di Messina, dott. Cateno De Luca, accompagnato dal Dirigente Pianificazione, dott. Salvo Puccio, e i sindaci di Alì, Alì Terme, Antillo, Casalvecchio Siculo, Fiumedinisi, Forza d'Agrò, Furci Siculo, Itala, Limina, Mandanici, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccafiorita, Roccalumera, Sant'Alessio Siculo, Savoca, Scaletta Zanclea e Santa Teresa di Riva.
    Così come avvenuto nella precedente riunione di Mojo Alcantara, il confronto è stato incentrato sui 132 milioni del Piano nazionale di ripresa e resilienza che richiede una programmazione efficace e efficiente. In tal senso, De Luca ha evidenziato la necessità di definire nei tempi previsti una progettazione che sia cantierabile e, pertanto, ammissibile a finanziamento.
    “Oggi è stato ribadito come sia necessario individuare progetti finanziabili – ha dichiarato il Sindaco metropolitano De Luca – e questo richiederà una stretta sinergia tra Palazzo dei Leoni e i diciotto Comuni del comprensorio jonico. Si dovrà cercare un compromesso per non mortificare il territorio realizzando un macroprocesso in cui la tematica sarà l’inclusione sociale. Questa la strategia che attueremo per realizzare uno sviluppo dei territori in linea con gli standard richiesti. I tempi sono ristretti per cui la mia idea è quella di creare due gruppi di Comuni: il primo, al di sotto dei diecimila abitanti (sono 100 i Comuni ricompresi), che prevede l’assegnazione di 740.000 euro per ciascun ente, la seconda al di sopra di questo che vedrà il finanziamento di 2 milioni di euro per singola amministrazione, infine il Comune di Messina al quale andranno 44 milioni di euro. Lunedì invieremo una scheda in cui ciascun Comune dovrà indicare se vorrà essere soggetto attuatore o meno, qualora non fosse in grado di realizzare la progettazione si potrà richiedere la collaborazione della Città Metropolitana di Messina che è in grado di sostenere tale attività tecnica grazie anche a specifici fondi che destinerò a tale scopo. Nella scheda comunicheremo i vari step che dovranno essere rispettati visto i tempi serrati che prevedono che entro il 7 marzo del prossimo anno sia ultimato l’iter richiesto”.
    Pertanto, la Città Metropolitana, sulla base degli accordi di programma già siglati con i Comuni, metterà a disposizione i propri uffici tecnici a supporto delle singole amministrazioni per il necessario sostegno tecnico che ci dovrà portare all'utilizzo dei fondi previsti sia nel piano strategico, sia nello stesso PNRR.
    Il piano nazionale di ripresa e resilienza si articola su tre assi principali: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. Per le città metropolitane significativo è l'impatto sui progetti di tipo ambientale, che vanno dalla gestione del verde alle smart city.
    Le somme destinate alla Città metropolitana di Messina, assegnate in base alla popolazione residente,  saranno ripartite nell'arco temporale che va dal 2021 al 2026 secondo la seguente distribuzione: 2021 (3 milioni 910mila euro); 2022 (10 milioni 56mila euro); 2023 (7 milioni 612mila euro); 2024 (31 milioni 899mila euro); 2025 (41 milioni 795mila euro); 2026 (36 milioni 878mila euro).

  • IL SINDACO DI MESSINA CATENO DE LUCA OSPITE A PORTA A PORTA

    Acceso dibattito ieri sera a Porta a Porta su Rai 1 tra il sindaco Cateno De Luca e la ministra per la pubblica amministrazione Fabiana Dadone.

    Ancora una volta il sindaco della città dello stretto ha manifestato dubbi e perplessità sulla possibilità per i dipendenti della pubblica amministrazione di usufruire dello smart working. Un tema questo che lo aveva portato nelle scorse settimane anche ad uno scontro con i sindacati. Nel corso della puntata di ieri sera, ospite di Bruno Vespa, De Luca ha ribadito il suo pensiero.

    Inoltre ha posto la questione legata alla banda larga.  “Negare che lo Smart working non crea disparità di trattamento tra lavoratori del sud (poco servito dalla banda larga) e lavoratori del nord (ben serviti dalla banda larga), ha affermato De Luca, significa che vivi su Marte. Non rendersi conto dei problemi pratici del cosiddetto “lavoro da casa” senza gli archivi digitalizzati, ha inoltre aggiunto, significa non avere idea di come sono combinati i comuni italiani.”

  • FURCI SICULO. SCIOPERO STUDENTI. DE LUCA: LUNEDÌ FARO’ UN SOPRALLUOGO

    Stamane la Città Metropolitana di Messina ha avviato le procedure di intervento per la riattivazione dell’impianto di riscaldamento della sezione associata di Furci Siculo dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Salvatore Pugliatti”.

    I tecnici di Palazzo dei Leoni sono venuti a conoscenza del guasto all’impianto in modo indiretto soltanto nella giornata di ieri; nei giorni scorsi, autonomamente, l’istituto aveva tentato infruttuosamente di riavviare la caldaia attraverso l’utilizzo di proprie risorse umane e, successivamente, anche attraverso la richiesta ad una ditta che non aveva dato la propria disponibilità.

    Stamane ha assicurato l’intervento un’ulteriore ditta, contattata dalla scuola, e dopo tale sopralluogo i tecnici della Città Metropolitana di Messina avvieranno le azioni necessarie alla messa in funzione dell’impianto di riscaldamento.

    Lunedì 13 gennaio 2020, alle ore 8:30 il Sindaco Metropolitano Cateno De Luca sarà a Furci Siculo per incontrare il Dirigente scolastico Luigi Napoli e gli studenti.

    “Lunedì prossimo sarò a Furci Siculo, insieme ai tecnici di Palazzo dei Leoni, – ha affermato il Sindaco Metropolitano Cateno De Luca - perché voglio accertarmi delle responsabilità, delle omissioni e dei ritardi nella soluzione dei problemi riscontrati all’impianto di riscaldamento. Su questi fatti pretendo che ognuno, per le rispettive competenze, esibisca gli atti e le comunicazioni perché non accetto di essere accusato di omissioni considerato che ho sempre posto particolare attenzione alle esigenze degli istituti scolastici”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI