TAORMINA. GIARDINA REPLICA A FARACI E ACCUSA LA MAGGIORANZA DI IMMOBILISMO

TAORMINA. GIARDINA REPLICA A FARACI E ACCUSA LA MAGGIORANZA DI IMMOBILISMO In evidenza

In merito alle polemiche di questi giorni sul Consiglio comunale e alle discussioni a seguito della seduta di giovedì scorso, interviene il consigliere di minoranza Claudio Giardina con alcune considerazioni, in riferimento in particolar modo alle dichiarazioni del consigliere Faraci.

“Sarebbe opportuno, afferma Giardina,  che il consigliere Faraci, di cui ho avuto modo di leggere un comunicato stampa a commento della recente seduta consiliare, si prodighi maggiormente ad aiutare gli assessori a produrre delibere e a farle arrivare in Consiglio comunale. In questo modo potremmo evitare che arrivino ai consiglieri comunali delle proposte di delibera non deliberabili, che poi vengono ritirate come quella sulle sponsorizzazioni. La realtà dei fatti è che sino a questo momento il Consiglio Comunale ha prodotto poco o nulla, solo la delibera sulla toponomastica. Dobbiamo quindi dedurre che la toponomastica è la priorità dell'azione amministrativa di questa maggioranza? Lo "show mediatico" che viene addebitato a noi è  in verità quello di coloro i quali pubblicano foto e video a tutte le ore sui social network anziché pensare al Comune di Taormina, in presenza di una Amministrazione in evidente difficoltà che ha prodotto poco o nulla nei suoi primi 100 giorni. Il consigliere Faraci parla di "supporto alla Presidenza" e fa bene, perchè la presidente non svolge il suo ruolo come dovrebbe. E' stata eletta per essere presidente di tutti, ruolo che sin qui non ha rispettato, rappresentando solo la maggioranza. Invito quindi il consigliere Faraci, e gli altri consiglieri che sin qui hanno fatto scena muta, ad alzarsi in Consiglio comunale e parlare. Non basta alzare la mano per votare, non basta alzare la mano per fare un video con lo smartphone. Noi riconosciamo il nostro ruolo di opposizione e cerchiamo di farlo con senso di responsabilità, e se questa Amministrazione non ha prodotto nulla non è colpa nostra. Taormina ha bisogno di risposte ai problemi del territorio che devono essere affrontati cercando soluzioni concrete nelle sedi istituzionali, e non trascorrendo gran parte del tempo sui social postando foto e video pensando che sia quello lo strumento per ottenere consenso. La realtà, la vita reale, la nostra città sono un'altra cosa.

In questi primi 100 giorni di legislatura, prosegue Giardina,  noi dell'opposizione non siamo mai stati coinvolti in nessuna iniziativa. E' questa la collaborazione che ci chiede la maggioranza? Sia chiaro che non intendiamo fare le "comparse" in Consiglio comunale, faremo un'opposizione seria e costruttiva nell'interesse della città e a prescindere dai colori politici. Alcuni assessori di questa Giunta sono stati esortati a più riprese a confrontarsi, ma è evidente che sono già in difficoltà. Noi siamo disposti a dare una mano affinché si trovino le soluzioni per la città, ma il bilancio di questi primi 100 giorni è sotto gli occhi di tutti. Il Prg doveva arrivare in discussione alla prima seduta di Consiglio comunale. Stesso discorso vale per il progetto di ristrutturazione del San Domenico Palace: non è avvenuto nulla di tutto ciò. E su Asm su non si conosce quale sia l'intendimento di questa maggioranza.

Le uniche dichiarazioni di questa Amministrazione al momento sono state non politiche ma soltanto mediatiche come sul Lodo Impregilo, sulla Ztl e sul depotenziamento dell’ospedale S.Vincenzo di Taormina. Proprio su quest’ultima problematica, corre l’obbligo ricordare che noi siamo stati, siamo e saremo sempre per la difesa dell'ospedale di Contrada Sirina, un bene che appartiene a tutti i cittadini non soltanto di Taormina ma dell'intero comprensorio. Quindi, conclude Giardina, nessuno strumentalizzi questa vicenda soltanto per trarne non si sa bene quale vantaggio politico. Aiutare l'ospedale e impegnarsi per Taormina sono impegni importanti che impongono senso di responsabilità e lavoro vero. Non sterili polemiche online.”

000
Letto 178 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Lisa Bachis presenta la “BREVE GUIDA FOTOPOETICA” a Taormina

    Venerdì 21 dicembre, alle 17:30, nella Sala conferenze dell’Archivio storico di Taormina, Lisa Bachis presenta il suo nuovo testo, BREVE GUIDA FOTOPOETICA Taormina e altri luoghi di Sicilia, appena pubblicato per Algra editore.

    La scrittrice, che ha al suo attivo altre pubblicazioni, tra cui Impressioni in fase d’ascolto, edito sempre da Algra, nel 2016, torna con un nuovo lavoro ispirato anch’esso all’Ermeneusi dell’arte.L’idea lanciata dalla stessa Bachis nel 2012, vede arte contemporanea e testo in tale simbiosi da creare un percorso di interpretazione e fruizione, che non esclude la parola dall’opera d’arte. Il testo si fa opera d’arte; e l’opera d’arte è essa stessa testo.

    La BREVE GUIDA FOTOPOETICA, è un nuovo viaggio della studiosa di storia medievale e di ermeneutica filosofica. Un dialogo serrato e intimo con i luoghi della sua Terra; ma anche un confronto che scava a fondo sin nelle viscere del suo essere e del suo vivere la Scrittura. Immagini e parole; parole e immagini. Una narrazione nella narrazione. Finestre sul mondo esteriore e porte d’accesso al luogo sacro della Parola.

    L’evento è patrocinato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Taormina, retto dalla professoressa Francesca Gullotta, in collaborazione con l’associazione fotografica “Taoclick” e con l’associazione “Etna ‘ngeniousa”.

    Modera l’incontro la giornalista Milena Privitera, mentre la relazione è affidata ad Oreste Lo Basso, archeologo, project manager e guida turistica; nonché autore della prefazione al testo e di alcune foto all’interno dello stesso. Le altre immagini, invece,sono dell’autrice. All’incontro sarà presente l’editore Alfio Grasso.

    La BREVE GUIDA FOTOPOETICA di Lisa Bachis «è, sì, un nuovo esperimento, ma è prima di tutto, un dono alla sua città, ed a una delle sue due Isole del Cuore: la Sicilia».

  • TAORMINA. ARRESTATO L’IMPRENDITORE STATUTO. SUA L’OPERAZIONE DEL SAN DOMENICO

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, all’esito di indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, stanno dando esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale capitolino nei confronti dell’immobiliarista Giuseppe  Statuto e del suo fidato collaboratore Massimo Negrini, ritenuti responsabili della bancarotta fraudolenta della “B. S.r.l.”.

    Di origine casertana, STatuto è noto alle cronache per vicende che lo hanno visto protagonista per rilevanti iniziative speculative, soprattutto nel settore immobiliare. A fronte della crisi di tale comparto, il gruppo Statuto – cui fanno capo centinaia di imprese – ha orientato il proprio business, nel tempo, verso la gestione di alberghi di lusso nelle città di Venezia, Milano e Taormina.

    Dagli approfondimenti investigativi condotti dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, è emerso che gli arrestati hanno distratto dal patrimonio della fallita oltre 8 milioni di euro, relativi a un credito vantato verso la società controllante, la “M.A. S.r.l.”, trasferendolo fittiziamente a due società con sede in Lussemburgo appartenenti allo stesso gruppo e rendendolo – come si legge nel provvedimento – «di fatto irrecuperabile, mediante un complesso intreccio di negozi giuridici fraudolenti, indice dell'elevata professionalità degli indagati». In particolare, il credito, inizialmente costituito da somme giacenti su un rapporto di conto corrente cointestato alla “B.” e alla “M.A.”, è stato trasformato in un finanziamento fruttifero infragruppo concesso, in successione, a due persone giuridiche anonime lussemburghesi con una situazione economico-patrimoniale estremamente compromessa.

    Tale condotta non è stata occasionale o sporadica – sottolinea il G.I.P. nell’ordinanza – in quanto rientrante in un più ampio disegno criminoso attuato dagli indagati mediante la «creazione di società a mero scopo speculativo, le quali sono state sistematicamente ed in maniera preordinata portate al fallimento, come di fatto sta avvenendo per numerose società del “gruppo Statuto”». I fatti contestati a Statuto e Negrini – i quali, allo scopo di impedire agli investigatori di risalire alle proprie responsabilità, hanno occultato parte della documentazione contabile – hanno provocato il dissesto e il successivo fallimento della “B.”, dichiarato nel 2016, con un passivo pari a oltre 32 milioni di euro, gran parte dei quali nei confronti del Fisco.

  • TAORMINA. Villa San Pancrazio. Le perplessità di Legambiente

    Un conflitto di interessi tra pubblico e privato nei lavori di ristrutturazione dell’ex Villa San Pancrazio. E’quanto evidenzia in una nota il circolo di Legambiente.

     “L’ingarbugliato groviglio di interessi privati sbandierati come mecenatismo, desideri di prestigio condotti sotto il vessillo della ricerca pura con la partecipazione di Università, Soprintendenza e Amministrazione comunale, caratterizza dagli inizi il progetto di ristrutturazione dell'ex Villa San Pancrazio.” Inizia così la nota a firma della presidente Annamaria Nossing.

    “In questa vicenda, prosegue,  si è creato un peculiare conflitto di interessi scaturito dalla confusione fra pubblico e privato, archeologia e commercio, ambizioni personali e ricerca scientifica, particolarmente pericoloso in una città come Taormina così esposta agli attacchi speculativi e priva di qualsiasi attività di adeguamento del piano regolatore e alcuna stesura del piano e regolamento del verde.

    Il progetto di coinvolgere le società private che intendono investire a Taormina nel finanziamento di attività di restauro o valorizzazione di beni pubblici della città è senz’altro un progetto con grandi potenzialità.  Ma naturalmente può divenire una pratica proficua per la città solamente se realizzato con assoluto rigore, eseguito da partner di grande competenza, con controlli accurati e severi facendo sì che l’interesse privato rimanga in ogni momento subordinato al bene pubblico. Insomma se si riesce ad evitare che divenga il solito do ut des, la squallida politica di scambio di favori in cui una mano lava l’altra per distrarre gli elettori lanciando loro il profumato osso di un’opera pubblica fatta male o addirittura inutile, ma la cui suggestiva narrazione, la presentazione coreografica permette di poter impunemente speculare, costruire dove è proibito. Speriamo che non sia questo il caso e che le ricerche archeologiche non divengano un pretesto per continuare il sacco di Taormina. La nuova (ma anche di lunga, pregressa esperienza) amministrazione ha certamente a cuore i valori culturali e il patrimonio artistico e monumentale della città ed è senz’altro in grado di distinguere fra una sua vera valorizzazione ed un uso improprio. Speriamo dunque, conclude Annamaria Nossing,  che non si lascerà fuorviare deviando dalle norme del piano paesaggistico, fra le poche, vere difese del nostro fragile territorio, per accontentare appetiti privati che non portano altro che degrado in un comprensorio magnifico ma che necessita di una tutela attenta e instancabile poiché è sempre più sotto attacco.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI