Taormina. Raddoppio ferroviario Giampilieri - Fiumefreddo. Rfi: nessun pericolo per la cittadinanza

Taormina. Raddoppio ferroviario Giampilieri - Fiumefreddo. Rfi: nessun pericolo per la cittadinanza In evidenza

L’area di stoccaggio destinato ai materiali di scavo nell’ambito dei lavori per la realizzazione del raddoppio ferroviario Giampilieri – Fiumefreddo non rappresenta un pericolo.  Lo afferma Rfi in una nota inviata all’amministrazione comunale dopo le polemiche ed i dubbi sollevati dai consiglieri di minoranza.

In particolar modo i consiglieri Antonio D'Aveni, Salvo Cilona, Claudio Giardina e  Pina Raneri avevano presentato una mozione chiedendo la revoca della delibera del consiglio comunale con la quale l'amministrazione  aveva proceduto ad  approvare il progetto.

Nella mozione i consiglieri avevano evidenziato che "il piano di utilizzo dei materiali di scavo considerava come aree di deposito la zona di Trappitello vicino ai nascituri campi da golf e nelle zone delle falde acquifere."

La preoccupazione è legata al  fatto che durante gli scavi delle gallerie saranno utilizzati materiali chimici i cui scarti verranno depositati vicino alle falde acquifere con rischio di grave inquinamento in caso di piogge.

Niente paura, risponde prontamente Rfi. L’area di stoccaggio sarà a 300 metri dalle falde acquifere. La legge impone la distanza minima di 200 metri. Quindi tutto regolare. Nessun rischio per la cittadinanza. I lavori non verranno fermati.

Ad esprimere soddisfazione l’assessore Scibilia che abbiamo sentito. Ecco cosa ha dichiarato ai microfoni di Jonicareporter.

000

Video

Letto 260 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Al via dal 18 febbraio il “Porta a Porta”. Firmata l’ordinanza

    Il primo cittadino Mario Bolognari ha firmato questa mattina l’ordinanza con la quale da il via alla nuova gestione del ciclo integrato dei rifiuti avviando il “Porta a Porta” per le utenze domestiche e non domestiche.

    “La corretta gestione ambientale dei rifiuti e il recupero di materiali finalizzato al riciclaggio, ha affermato il primo cittadino Mario Bolognari,costituiscono un prioritario obiettivo dell’Amministrazione comunale di Taormina, anche in virtù degli obblighi di legge previsti sul raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata. Il nostro obiettivo, ha proseguito, è quello di migliorare in termini di efficienza e di recupero la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, e la tutela del decoro dell’igiene ambientale.”

    Per raggiungere questi obiettivi l’Amministrazione Comunale amplierà su tutto il territorio comunale,  dal 18 febbraio, la modalità del conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati in regime di raccolta differenziata, attivando altresì il sistema di raccolta “porta a porta”.

    Con decorrenza dal 18 febbraio dunque, tutte le utenze domestiche (privati cittadini) e non domestiche (attività commerciali, artigianali, studi professionali, uffici pubblici, istituti scolastici, ecc...) dovranno  conferire i rifiuti solidi urbani e assimilati al regime pubblico di raccolta, mediante il servizio di raccolta e/o smaltimento col sistema "PORTA A PORTA".

    Ecco il calendario:

    FRAZIONE ORGANICA- UMIDO :

    1 rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno del bidoncino utilizzando gli appositi sacchi compostabili chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale e dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: LUNEDÌ – GIOVEDÌ - SABATO

    Utenze non domestiche: Tutti i giorni

    CARTA E CARTONE

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno di un sacchetto di carta, riducendo il cartone, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: MARTEDÌ

    Utenze non domestiche:  MARTEDÌ - GIOVEDÌ – SABATO

    PLASTICA e LATTINE:

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno del sacchetto trasparente, chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: VENERDÌ

    Utenze non domestiche : LUNEDÌ – VENERDÌ

    VETRO:

    Utenze domestiche: PUNTI DI RACCOLTA (CAMPANE)

    Utenze non domestiche: tutti i giorni, inserito nell’apposito cassonetto a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    RIFIUTO SECCO NON RICICLABILE - INDIFFERENZIABILE

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno dei sacchetti trasparenti, che rendano visibile il contenuto, chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche MERCOLEDÌ

    Utenze non domestiche: MERCOLEDÌ – DOMENICA

    MATERIALI INGOMBRANTI - RAEE e SFALCI DI POTATURA

    La raccolta di elettrodomestici, materassi, sfalci di potatura, rifiuti ingombranti, mobili e legno, RAEE avverrà previa prenotazione concordata col gestore del servizio al numero telefonico n° 0942/36043 oppure lo si può conferire nelle aree che saranno designate dall’Amministrazione, nei giorni dal Lunedì al Sabato dalle ore 7:00 alle ore 12:00.

    PANNOLINI E PANNOLONI:

    Per esigenze di ritiri supplementari di rifiuti, quali pannolini e pannoloni, presentare formale richiesta, presso gli uffici Ecologia e Ambiente del Comune.

     

    PILE ESAUSTE

    Le pile esauste devono essere conferite negli appositi contenitori installati lungo il territorio comunale.

    FARMACI SCADUTI

    I farmaci scaduti devono essere conferiti negli appositi contenitori posizionati presso le farmacie.

    L’ordinanza dispone che il conferimento dei rifiuti debba avvenire di norma su area pubblica, esponendo i contenitori solo negli orari consentiti e in maniera ordinata, nelle immediate vicinanze del singolo numero civico, posizionandoli sul limite tra la proprietà pubblica e quella privata (marciapiede, soglia, ecc.) in luogo accessibile ai mezzi di raccolta.  Una volta svuotati, i contenitori devono essere ritirati a cura degli utenti entro e non oltre le ore 11,00 del giorno della raccolta. Tutti i contenitori in dotazione degli utenti devono essere tenuti ed esposti in condizioni di normale cura e pulizia. I cittadini devono consegnare esclusivamente la frazione di rifiuti la cui raccolta è prevista in quella specifica giornata sulla base del calendario consegnato, conferendola nell’apposito contenitore e/o sacchetto e saranno ritirati dalla ditta affidataria del servizio solo i rifiuti conformi alla tipologia di raccolta prevista per la giornata.

    ACCESSIBILITÀ DEI SITI DI CONFERIMENTO: 

    Nel caso di utenze ubicate in edifici condominiali, sarà cura dell’Amministratore del condominio autorizzare e concordare con il gestore del servizio l’eventuale accessibilità dei mezzi di raccolta all’interno delle aree condominiali in cui sono posizionati i contenitori.

    Ciascun Condominio dovrà regolamentare, con specifiche disposizioni interne, il posizionamento da parte dei condomini dei contenitori di raccolta e risponderà di eventuali danneggiamenti o sottrazioni dei contenitori, fatti salvi i casi di oggettiva e comprovabile assenza di responsabilità dirette o di forza maggiore.

    Nel caso in cui l’accessibilità ai mezzi di servizio non venga autorizzata dal condominio o il gestore del servizio non ritenga l’area destinata all’esposizione dei cestelli agevolmente accessibile ai mezzi di raccolta, l'amministratore del condominio dovrà reperire apposita area, anche pubblica, in cui gli utenti condominiali dovranno posizionare i cestelli con rifiuti nei giorni e negli orari stabiliti nel calendario. Immediatamente dopo lo svuotamento, i contenitori dovranno essere ricollocati all’interno del condominio a cura del condominio interessato.

    I condomini a propria scelta potranno anche conferire, presso le aree individuate dal Comune, nelle aree che saranno designate dall’Amministrazione, nei giorni dal Lunedì al Sabato dalle ore 7:00 alle ore 12:00.

     Resta il divieto assoluto di:

    1.  esporre rifiuti nei giorni e in orari diversi da quelli stabiliti dalla presente ordinanza;
    2.  l’uso di sacchetti neri;
    3.  abbandonare o depositare sul territorio comunale, nel suolo o sul suolo, qualsiasi rifiuto non pericoloso, anche racchiuso in sacchetti o in recipienti;
    4.  abbandonare o depositare sul territorio comunale, nel suolo o sul suolo, rifiuti pericolosi;
    5.  immettere rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterrane;
    6.  immettere nel normale circuito di raccolta dei rifiuti urbani imballaggi terziari di qualsiasi natura, rifiuti speciali e pericolosi e/o non assimilati agli urbani;
    7.  introdurre nei contenitori materiale ardente, tagliente e pericoloso;
    8.  non provvedere al ritiro dei contenitori già svuotati oltre l'orario indicato dall'ordinanza;
    9.  abbandonare i bidoni e i contenitori sul suolo pubblico.

    I rifiuti  che non saranno correttamente conferiti non saranno raccolti dal Gestore del Servizio e sugli stessi sarà applicato un avviso di non conformità.

    All'utenza a cui è stato contestato l'errato conferimento (sia essa domestica singola, non domestica o condominiale nella persona dell’Amministratore di Condominio o del legale rappresentante), spetterà in ogni caso provvedere al ritiro dei rifiuti stessi, procedendo ad una corretta differenziazione prima di smaltirli nuovamente attraverso le giuste modalità

  • Taormina. Asm. Dipendenti proclamano lo stato di agitazione sindacale

    In attesa che il consiglio comunale discuta nel corso della seduta convocata per oggi la revoca della messa in liquidazione dell’Asm i dipendenti annunciano lo stato d’agitazione.

    La preoccupazione riguarda proprio il perdurare dello stato di Liquidazione dell’Azienda che si protrae ormai dal 22 settembre 2011. Più di 8 anni ormai …  un tempo eccessivo per la liquidazione di un’azienda che in questi anni ha continuato a svolgere piene  funzioni .

    Una situazione di incertezza che ha condizionato e condiziona il destino di oltre 60 lavoratori e delle loro famiglie.

    In una nota inviata al Prefetto di Messina Maia Carmela Librizzi, al sindaco di Taormina Mario Bolognari e all’assessore alle partecipate Caltabiano i sindacati evidenziano come le diverse nomine e revoche di Commissari Liquidatori da parte del Consiglio Comunale di Taormina dovevano, secondo gli indirizzi dal Consiglio Comunale, seguire complesse e puntuali attività da svolgere. Tra queste il Bilancio provvisorio di liquidazione da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale correlato dalla Relazione esplicativa; individuare le passività e le attività utili alla predisposizione del bilancio provvisorio di liquidazione da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale; una volta definita la fase di confronto sindacale, avrebbe dovutodare mandato all’organo di liquidazione dell’ASM, di sottoporre al Consiglio Comunale, le soluzioni amministrative più adeguate, al fine di prevedere l’articolazione dei servizi, predisponendo gli atti nelle forme ritenute più idonee e tali da assicurare il reimpiego del personale dell’ASM nel rispetto delle normative vigenti, l’efficacia dei servizi in favore della collettività e la redditività dei servizi e l’economicità per l’Ente Comunale, successivamente , sottoscrivere i Contratti di Servizio; l’opportunità di transigere le controversie promosse da alcuni dipendenti; riorganizzazione della Tabella Numerica, Organigramma e Macrostruttura ASM ferma al 6 dicembre 2014.

    “Purtroppo, si legge nella nota,  nessuna di queste attività è andata in porto, anzi le procedure di dare/avere tra Comune di Taormina (affitti parcheggi, riscossione ticket comunale) e ASM di Taormina (servizio Acquedotto, scuolabus, illuminazione stradale) sono state attivate solo a favore del Comune di Taormina; inoltre, l’ASM per la carenza di personale da impiegare nei vari servizi che vengono gestiti, in questi ultimi anni ha dovuto fare ricorso sistematicamente alla somministrazione di lavoratori interinali, che alla luce del nuovo Decreto Dignità entrato in vigore lo scorso novembre, potrebbero essere esclusi nonostante abbiano acquisito competenze e professionalità nel corso degli anni in cui sono stati impiegati.

    Abbiamo sempre auspicato, proseguono i rappresentanti sindacali,  ad un percorso comune mirato ad intraprendere un nuovo modo di dialogo fra le parti, che doveva necessariamente culminare con la fuoriuscita dall’Azienda dallo stato di Liquidazione, ma molto amareggiati, abbiamo sempre riscontriamo il silenzio degli Organi di Governo del Comune di Taormina, rimasto sempre indifferente alle nostre continue e pressanti richieste di incontro. Stessa inerzia da parte del Liquidatore dell’ASM alle molteplici richieste di incontro.”

    La Giunta Comunale di Taormina ha adottato una propria Delibera, la numero 3 del 3 gennaio 2019, avente come oggetto: “Asm-atto di indirizzo programmatico” da sottoporre alla valutazione del Consiglio Comunale per gli interventi rivolti all’Asm di Taormina riguardanti la revoca della fase di liquidazione e la consequenziale trasformazione dell’Azienda in una delle forme societarie previste dalla normativa vigente in materia (società di capitali), trasmessa al presidente del Consiglio che ha inserito la proposta al primo punto dell’ordine del giorno del Consiglio Comunale convocato per martedì 15 gennaio 2019, con oggetto: “Odg urgente articolo 42 regolamento consiglio comunale. Atto di indirizzo e nomina nuovo liquidatore di ASM”. L’argomento non è stato però trattato a seguito della proposta di rinvio di un Consigliere Comunale, votata favorevolmente dalla maggioranza che ha così posticipato ulteriormente la discussione su Asm ed allungando i tempi su eventuali decisioni da adottare in maniera urgente ed improcrastinabile.

    “Pertanto, per tutti questi motivi, seriamente preoccupati per la sorte dei Lavoratori tutti di ASM, i rappresentanti sindacali aziendali di Filt Cgil, Faisa Cisal, Uil e Ugl, chiedono  a S.E. il Prefetto, la convocazione delle parti al fine per esperire la procedura di “raffreddamento conflitto e conciliazione”.

     

     

  • Taormina. Dalla casa circondariale di Giarre a Taormina. Al via il progetto di reinserimento sociale per 8 detenuti

    Parola d’ordine “riscatto”. Un occasione per iniziare il reinserimento lavorativo e sociale dopo aver pagato il proprio debito con la giustizia. E’ in quest’ottica che va visto il progetto che coinvolge alcuni detenuti della casa circondariale di Giarre per lo svolgimento di piccoli interventi di manutenzione nel comune di Taormina.

    Ieri pomeriggio è stato siglato il protocollo d’intesa tra il sindaco di Taormina Mario Bolognari, il direttore della casa circondariale di Giarre Aldo Tiralongo, il direttore dell’Uepe di Catania Rosalba Salierno e il direttore dell’Uepe di Messina Angelo Fusco.

    Il progetto parte dalla consapevolezza che il mandato istituzionale dell’amministrazione penitenziaria è finalizzato al reinserimento sociale dei condannati ed ha come fondamentale obiettivo il lavoro come elemento  del trattamento rieducativo, anche di pubblica utilità, per finalità riparative durante l’espiazione della pena  o della misura di sicurezza.

    Il base al protocollo siglato Taormina vedrà impegnati n interventi di manutenzione del verde pubblico 8 persone che si alterneranno in base ad un turn over stabilito.

    L’obiettivo è  promuovere la conoscenza e lo sviluppo  di attività riparative a favore della collettività, favorire la costituzione di una rete di risorse che accolgano i soggetti detenuti, promuovere iniziative di sensibilizzazione nei confronti della comunità locale rispetto al sostegno e al reinserimento di persone in esecuzione penale.

    Un nuovo modo di concepire l’esperienza della pena mettendo in atto una giustizia di prossimità. I detenuti che svolgeranno servizio a Taormina hanno commesso reati di lieve entità e stanno seguendo un percorso di rieducazione teso a favorire il loro reinserimento nella società.

     VEDI INTERVISTE

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI