Taormina. Raddoppio ferroviario Giampilieri - Fiumefreddo. Rfi: nessun pericolo per la cittadinanza

Taormina. Raddoppio ferroviario Giampilieri - Fiumefreddo. Rfi: nessun pericolo per la cittadinanza In evidenza

L’area di stoccaggio destinato ai materiali di scavo nell’ambito dei lavori per la realizzazione del raddoppio ferroviario Giampilieri – Fiumefreddo non rappresenta un pericolo.  Lo afferma Rfi in una nota inviata all’amministrazione comunale dopo le polemiche ed i dubbi sollevati dai consiglieri di minoranza.

In particolar modo i consiglieri Antonio D'Aveni, Salvo Cilona, Claudio Giardina e  Pina Raneri avevano presentato una mozione chiedendo la revoca della delibera del consiglio comunale con la quale l'amministrazione  aveva proceduto ad  approvare il progetto.

Nella mozione i consiglieri avevano evidenziato che "il piano di utilizzo dei materiali di scavo considerava come aree di deposito la zona di Trappitello vicino ai nascituri campi da golf e nelle zone delle falde acquifere."

La preoccupazione è legata al  fatto che durante gli scavi delle gallerie saranno utilizzati materiali chimici i cui scarti verranno depositati vicino alle falde acquifere con rischio di grave inquinamento in caso di piogge.

Niente paura, risponde prontamente Rfi. L’area di stoccaggio sarà a 300 metri dalle falde acquifere. La legge impone la distanza minima di 200 metri. Quindi tutto regolare. Nessun rischio per la cittadinanza. I lavori non verranno fermati.

Ad esprimere soddisfazione l’assessore Scibilia che abbiamo sentito. Ecco cosa ha dichiarato ai microfoni di Jonicareporter.

000

Video

Letto 635 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. DISSESTO E POLEMICHE. LA REPLICA DI BOLOGNARI ALL'OPPOSIZIONE

    "Sulle sconsiderate esternazioni dei consiglieri di opposizione sul dissesto finanziario esprimo la più completa delusione." Così il primo cittadino Mario Bolognari replica alle accuse mosse dai consiglieri di opposizione in merito al dissesto ormai inevitabile del comune. "Come era prevedibile, prosegue Bolognari, le galline che hanno cantato per prime sono quelle che hanno fatto l’uovo. Unici superstiti tra coloro (solo sette) che approvarono il Piano di riequilibrio, dopo appena tre giorni hanno già rinnegato un Piano strenuamente difeso per oltre tre anni. Addirittura attribuendo a me la paternità del piano, dei debiti e di ogni altra disgrazia passata, presente e futura. Insomma, questo Piano non ha più paternità. Al pronunciamento della Corte dei Conti gli estensori, i proponenti e i votanti sono spariti, nella più classica tradizione italica del “si salvi chi può”.

    "Per fare ciò, afferma Bolognari,  sparano palesi menzogne che possono essere facilmente smentite, e lo saranno, in sede di Consiglio comunale all’atto della dichiarazione di dissesto. In particolare, si sostiene, senza alcuna argomentazione, che il Piano si sarebbe potuto correggere da parte di questa Amministrazione. Evidentemente non hanno letto bene le motivazioni ove si afferma, a pagina 49, che “il ricorso alla procedura di riequilibrio non può costituire un dannoso escamotage per evitare il trascinamento verso una situazione di dissesto, diluendo in un ampio arco di tempo soluzioni che andrebbero immediatamente attuate”. Quindi nel nostro caso non è sbagliato soltanto il Piano, ma è sbagliato persino il ricorso stesso al Piano, come strumento dilatorio di decisioni non rinviabili. La rimodulazione, che sarebbe stata la quarta in cinque anni, pertanto, sarebbe stato un errore ulteriore. Francamente pensavo di meglio, magari qualche commento più serio e responsabile. Ma tant’è.

    Tuttavia, conclude il sindaco di Taormina, accolgo l’appello di molti di evitare il teatrino del rimpallo di responsabilità. Ritengo che i cittadini e la più ampia opinione pubblica siano in grado da soli di capire e giudicare. Adesso tocca ai documenti parlare. Sulle responsabilità la palla passa alla Procura della Corte dei Conti. Il resto sono piccole beghe di paese."

     

  • TAORMINA. AD UN PASSO DAL DISSESTO. BOLOGNARI: "GIORNO NERO PER TAORMINA".

    Nell’adunanza di ieri, 25 maggio 2021, la Corte dei Conti, sezione di controllo per la Regione Siciliana, ha deliberato di non approvare il piano di riequilibrio finanziario pluriennale del Comune di Taormina, riservandosi di trasmettere la conseguente deliberazione.

    Si tratta di un esito che l'amministrazione comunale di Taormina  ancora ieri ha cercato di evitare durante il contraddittorio avvenuto nel corso dell’audizione, ma che purtroppo era tra le ipotesi prevedibili. Questa decisione, qualora diventasse definitiva, comporterà l’obbligatoria dichiarazione di dissesto finanziario. "Per Taormina, commenta il primo cittadino Mario Bolognari,  è un giorno nero."  Il Sindaco della Perla dello Jonio in una nota spiega che adesso si resta  in attesa della deliberazione – e quindi delle motivazioni – per valutare se presentare ricorso avverso la deliberazione stessa.

    "Intanto, prosegue,  desidero rassicurare tutti che non ci saranno conseguenze per i cittadini, in quanto imposte, tasse e tariffe locali sono già da molti anni al massimo e quindi non potranno essere ulteriormente innalzate. Anche il personale dipendente del Comune e delle partecipate non ha nulla da temere, vista la sensibile diminuzione dei costi per il personale registrata negli ultimi anni e la conseguente capacità assunzionale posseduta dall’ente.

    Con la dichiarazione del dissesto le manutenzioni e i sevizi essenziali saranno comunque garantiti, poiché la gestione commissariale riguarderà solo il pagamento dei debiti pregressi e il recupero dei crediti alla data del 31 dicembre 2020 e non intaccherà più di quanto non abbia già intaccato il bilancio annuale la cui gestione di competenza, come si evince anche dall’ultimo rendiconto 2019, risulta essere in equilibrio.

    Del resto, le motivazioni che leggeremo, ma che in parte già conosciamo, riguardano principalmente la mancanza di alcuni presupposti giuridici e la sussistenza di vizi procedimentali nell’approvazione del piano di riequilibrio, avvenuta nel febbraio 2018, e non la capacità reale di Taormina di reggere e ripianare l’indebitamento. Nessuno scenario catastrofico, dunque, e nessuna preoccupazione per il futuro.

    Faccio appello al senso di responsabilità dei cittadini perché guardino con ottimismo alla ripresa economica e spendano ogni loro energia a sostenere e portare avanti il loro lavoro e la loro impresa, con impegno e serenità."

     

  • TAORMINA. BOLOGNARI: PRONTI A RIPARTIRE, LA FORTUNA CI ASSISTERA'

    "Le opportune dichiarazioni del Presidente del Consiglio Mario Draghi rendono giustizia a un comparto dell’economia italiana tra i più penalizzati da quattordici mesi a questa parte. Per il Sud, la Sicilia e la città di Taormina si tratta di cogliere immediatamente il segnale: riapertura con prudenza, ma in modo irreversibile. Infatti, una riapertura come quella dell’estate del 2020 sarebbe un disastro sanitario ed economico." E' quanto dichiarato dal primo cittadino Maro Bolognari a commento delle dichiarazioni del Premier Draghi.

    "Taormina, prosegue Bolognari, come organizzazione pubblica, dal Comune all’ASM, dall’ospedale al centro vaccinale, è pronta ad accogliere i turisti. Sono sicuro che dalla seconda metà di maggio i bar e i ristoranti riapriranno a pieno regime per dare risposta al desiderio di libertà e svago dei tanti siciliani e italiani che conoscono Taormina. L’enogastronomia siciliana, rinomata nel mondo, potrà dimostrare tutto il suo potenziale valore. Pian piano anche gli alberghi riapriranno, grazie all’introduzione del Pass verde nazionale che consentirà da subito di muoversi tra una regione e l’altra e in attesa della possibilità che in Europa riprendano i viaggi a giugno grazie al Green Pass. Ricordiamo che ad oggi gli europei vaccinati sono ben 40 milioni.

    La società Belmond ha comunicato proprio oggi che l’Hotel Timeo aprirà il 13 maggio e l’Hotel Sant’Andrea il 16 maggio. Segnale confortante che deve spingere tutti a programmare le riaperture.

    Come noto, a metà maggio la Sicilia potrebbe tornare in colorazione gialla e contemporaneamente potrà partire la stagione balneare.

    Il cartellone degli spettacoli al Teatro Antico avrà inizio a metà giugno con Taormina Book Festival e Taormina Film Festival, con la serata della consegna dei Nastri d’Argento per il cinema italiano fissata per il 26 giugno.

    Sono fiducioso, prosegue Bolognari,  nelle nostre capacità di fare sistema e di reagire. Sono fiducioso perché le bellezze e il fascino di Taormina sono ancor più attrattivi di prima. Sono fiducioso per la voglia di lavorare che i taorminesi hanno oggi più di ieri. Sono fiducioso perché la fortuna ci assisterà, come avvenuto in altri momenti della lunga storia della Città." Infine l'augurio ai "lavoratori e agli imprenditori del settore, nella certezza, afferma Bolognari,  che l’Hub vaccinale del parcheggio Lumbi già dalla prossima settimana partirà con la somministrazione di consistenti dosi che superino l’attuale fase di incertezza. Lì sarà possibile vaccinare anche i cittadini stranieri, dando un ulteriore servizio ai turisti."

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI