UNIONE DEI COMUNI. NOMINATA LA GIUNTA

UNIONE DEI COMUNI. NOMINATA LA GIUNTA In evidenza

Il Presidente dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, Davide Paratore, Sindaco del Comune di Antillo, con Determina n. 1 del 22 Maggio 2019, ha nominato i componenti della Giunta dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani.

Ad affiancarlo saranno Marco SAETTI, Sindaco del Comune di Casalvecchio Siculo, Sebastiano GUGLIOTTA Sindaco del Comune di Pagliara, Concetto ORLANDO Sindaco del Comune di Roccafiorita e Giovanni FOTI, Sindaco del Comune di S. Alessio Siculo.

Con Determina n. 3 del 30/05/2019 sono state assegnate anche le relative deleghe assessoriali:

Giovanni Foti si occuperà di Turismo, Sport e Spettacolo, Attività Produttive, Bilancio, Viabilità, Politiche Comunitarie e di Concertazione;

Sebastiano Gugliotta: Politiche giovanili e Pari Opportunità, Associazionismo, Patrimonio;

Concetto Orlando: Istruzione e Formazione Professionale, Salute, Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro, Risorse agricole e alimentari;

Marco SAETTI: Energia e servizi di Pubblica utilità, Beni culturali e Identità Locale, Programmazione Masterplan, Programmazione territoriale.

 Il Sindaco Davide Paratore trattiene le deleghe inerenti le seguenti materie: Rapporti con le istituzioni e Protezione civile.

Paratore ha provveduto anche alla nomina della Segreteria dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, si tratta della dott.ssa Chiara Morelli.

 Inoltre, la Giunta dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, nella seduta del 30 Maggio 2019, con Verbale n. 1 ha eletto all’unanimità Vice Presidente dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani il Dott. Marco SAETTI, Sindaco del Comune di Casalvecchio Siculo. Con verbale n. 2 stati nominati il Rag. De Salvo Giuseppe, quale Responsabile delle Aree Amministrativa e Finanziaria dell’Unione e l’Arch. Stracuzzi Sebastiano, quale Responsabile dell’Area Tecnica dell’Unione.

Con verbale n. 3, previa comunicazione agli organi competenti della Città Metropolitana, è stata assegnata la risorsa economica per effettuare degli interventi urgenti al fine di porre in essere un’adeguata manutenzione del manto stradale della SP 12 e SP 14, importante arteria che collega i Comuni di S. Teresa di Riva, Sant’Alessio, Forza D’Agrò, Casalvecchio Siculo, Limina ed Antillo, che attualmente versa in condizioni critiche per via delle numerose buche che rendono pericoloso per la collettività il suddetto tratto.

000
Letto 168 volte

Articoli correlati (da tag)

  • ANTILLO. IL SINDACO PARATORE: IN PAESE NESSUN CASO DI CORONAVIRUS. VOCI INFONDATE

    Nel paese di Antillo non vi è alcuna emergenza coronavirus, nessun caso, nessun cittadino in quarantena. È quanto specifica in queste ore il primo cittadino Davide Paratore tranquillizzando la comunità.

    Da ieri sera infatti voci sempre più insistenti circa un cittadino proveniente da Padova con sintomi riconducibili al coronavirus avevano fatto scattare il panico tra i cittadini.

    Secca la smentita del sindaco: “Ieri sera, scrive Paratore, ho appreso da un organo di stampa locale, con somma sorpresa, che nel mio paese si sarebbe registrato un caso di contagio da “Coronavirus” e, in conseguenza di ciò, l’Ente avrebbe provveduto alla sanificazione di strade e vie del centro abitato.

    A riguardo, tengo a precisare e a rassicurare tutti, smentendo categoricamente tale notizia, che nessun cittadino antillese, allo stato, risulta affetto da sintomatologia riconducibile all’epidemia che imperversa sull’intero territorio nazionale.

    L’intervento di sanificazione ha avuto una portata prettamente preventiva, e voglio specificare che, stando a quanto è a mia conoscenza, ad oggi nessun cittadino antillese s’è recato presso i locali nosocomi per essere sottoposto all’esame del “Tampone”.”

  • TAORMINA. L’UNIONE DEI COMUNI E’ REALTA’. IN FASE DI COMPLETAMENTO IL CONSIGLIO

     E’ in fase di  aggiornamento e completamento  la composizione del Consiglio dell’Unione dei Comuni “Comprensorio di Naxos e Taormina”. Con l’insediamento dei nuovi membri provenienti dal Comune di Taormina, che saranno nominati a breve in  seduta di consiglio comunale, si completerà il quadro geo-politico-amministrativo del comprensorio. L’assemblea attualmente risulta rappresentata dal Comune di  Giardini Naxos che è comune capofila, da Gallodoro, Mongiuffi Melia, Castelmola e Letojanni.

    “La nascita dell’Unione è stata concepita – ha sottolineato l’attuale Presidente del consiglio dell’Unione  Mario Amoroso – per razionalizzare i costi di gestione e migliorare i servizi del nostro vasto territorio.  Stiamo  predisponendo, con l’ausilio della segreteria, la proposta di delibera di consiglio per la modifica dello statuto dell’Unione dei comuni, che successivamente sarà inviata al Sindaco e al Presidente del consiglio di Taormina per gli ulteriori adempimenti di nomina dei rappresentanti. Unione significa anche dare più energia alle nostre iniziative, sviluppo e servizi più efficienti ed ad un minor costo per le nostre comunità. Certamente, continueremo a lavorare in linea con quanto fatto fino ad adesso anche perché  le varie direttive indicano sempre di più verso le gestioni associate. Tra gli obiettivi programmatici dell’Unione vi sono alcuni servizi che i Comuni dovranno demandare esclusivamente ad essa che si intendono concretizzare nel più breve tempo possibile quali: la promozione turistica e iniziative  storico-culturali,  protezione civile, piani programmatici riguardanti le problematiche disagio sociale, formazione professionale, servizio unico di Polizia municipale comprensoriale e il servizio di contrasto al fenomeno del randagismo. Con l’ingresso nell’Unione degli amici e colleghi della municipalità  di Taormina,conclude Amoroso  si completa un percorso significativo e affermerei  storico  di sinergia per l’importanza strategica dell’accoglienza turistica  e ulteriore crescita di tutto il comprensorio e di tutta la fascia Jonica."

  • TAORMINA. MARIO BOLOGNARI INCONTRA I SINDACI DEL COMPRENSORIO

    Ripartire da una visione comprensoriale per rilanciare il territorio. E’ la ricetta del sindaco di Taormina Mario Bolognari che tra i primi appuntamenti a Palazzo dei Giurati ha messo in agenda l’incontro con i sindaci del comprensorio e il presidente dell’unione dei comuni di Naxos e Taormina Rosario D'Amore, sindaco di Mongiuffi Melia.

    All’incontro, che si è svolto nella stanza del primo cittadino di Taormina, hanno preso parte il sindaco di Castelmola Orlando Russo, di Letojanni Alessandro Costa, di Giardini Naxos Nello Lo Turco e di Mongiuffi Melia Rosario D’Amore.

    Un’occasione per i sindaci di complimentarsi con il collega Bolognari per il risultato ottenuto e per fare al contempo un’analisi della situazione attuale, tracciando priorità e obiettivi che devono essere perseguiti insieme.

    In particolar modo si è posta la necessità di affrontare una volta per tutte la mancata adesione di Taormina all’Unione dei Comuni.

    Il primo cittadino di Castelmola Orlando Russo in particolar modo ha acceso i riflettori su questa contraddizione. Ovvero l’esistenza dell’Unione dei comuni di Naxos e Taormina che però non ha mai visto l’adesione della Perla dello Jonio.

    Un’anomalia che Russo ha più volte evidenziato nel corso degli anni chiedendo agli amministratori Taorminesi di prendere posizione.

    “Ad oggi dell’Unione dei Comuni, afferma Russo, fanno parte Giardini, Letojanni, Castelmola, Mongiuffi e Gallodoro e l’assenza di Taormina pesa. Non possiamo più continuare ad agire e pensare in maniera campanilistica. Dobbiamo invece iniziare davvero a mettere in campo una politica comprensoriale che possa consentirci di accedere a finanziamenti importanti anche nel contesto dei progetti con fondi europei.”

    Con una nuova amministrazione a Taormina i sindaci dell’Unione sperano dunque di poter dare finalmente la tanto attesa svolta all’organismo comprensoriale.

    “Mi auguro che finalmente, conclude Russo, con Mario Bolognari sindaco si possa avviare un dialogo che porti ad un cambiamento di direzione non solo per l’unione ma anche per la politica comprensoriale in generale. Sono fiducioso perché ho percepito da Mario Bolgonari la massima disponibilità ad avviare un dialogo che possa farci uscire da questo impasse definitivamente.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI