Savoca. Il Commissario Regionale ad Acta ha adottato il Piano Regolatore Generale.

Savoca. Il Commissario Regionale ad Acta ha adottato il Piano Regolatore Generale. In evidenza

Il commissario ad acta, arch. Massimo Giuseppe Aleo, nominato con Decreto dell’Assessore Regionale Territorio ed Ambiente n. 335/GAB del 27.8.2019  ha adottato il Piano Regolatore Generale con annesse Norme Tecniche di Attuazione e Regolamento Edilizio del Comune di Savoca. Sono state sufficienti due sedute per esaminare la bontà degli atti fin qui prodotti dall’amministrazione e per redigere lo schema di proposta di deliberazione e in data odierna, alla presenza del segretario comunale, dott.ssa Milena Gaglio, del progettista, arch. Gaetano Scarcella e del Responsabile del procedimento, geom. Luciano Saglimbeni, il commissario ad acta ha adottato la deliberazione con la quale prende il via il percorso procedurale che, dopo il decorso del periodo della pubblicazione nelle forme di legge e la presentazione delle eventuali osservazioni, porterà il PRG savocese all’esame finale della Commissione Regionale Urbanistica.

Dopo l’adozione del Piano, nella sala di rappresentanza dell’ente il commissario ad acta ha ricevuto i saluti e i ringraziamenti per il fattivo e celere lavoro svolto, da parte del Sindaco Nino Bartolotta, del Presidente del Consiglio Comunale, Massimo Stracuzzi e del capogruppo di maggioranza, Sergio Trimarchi.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco per un altro importante obiettivo di mandato che è stato portato a termine nel corso della presente legislatura. " Adesso – ha dichiarato Bartolotta – è nostro impegno organizzare dei momenti di incontro pubblici,  al fine di illustrare il piano ed informare cittadini, operatori produttivi e sociali del territorio, i merito alle opportunità che il nuovo documento urbanistico offre al territorio, ma anche per raccogliere eventuali osservazioni che il progettista potrà valutare per il miglioramento del piano stesso. L’adozione del PRG da parte di un commissario ad acta regionale, estraneo all’ambiente, è per noi amministratori e per la cittadinanza tutta, motivo di assoluta garanzia ed imparzialità."

Il Piano Regolatore Generale di Savoca era stato bocciato con il voto CRU del 1996, da quella data ha operato il programma di fabbricazione risalente al 1979.

000
Letto 103 volte

Articoli correlati (da tag)

  • QUANDO LA MAFIA DIVENTA UN BRAND. DAL CINEMA ALLA REALTÀ. IL TURISMO SULLE TRACCE DEL “PADRINO”

    Il brand “Mafia” suscita polemiche.  Stavolta sono alcuni dolcetti soprannominati "mafiosi al pistacchio" e “cosa nostra alle mandorle” in vendita in una pasticceria di Taormina a scatenare le proteste.

    D’improvviso tutti indignati per l’uso brandizzato del  termine mafia. Come se gadget, tour, tshirt e altro ancora a tema fino a questo momento non fossero mai esistiti. E invece esistono… a Taormina come in altri comuni della Sicilia. Nei mesi scorsi ho affrontato la questione con riferimento al comune di Savoca.  Proprio la foto del Bar Vitelli, all’ingresso di Savoca, piccolo borgo collinare in provincia di Messina, trova infatti spazio sulla brochure turistica di numerose compagnie di crociera. “In the Godfathers Footsteps” è il nome dell’escursione proposta ai tanti turisti stranieri che raggiungono la Sicilia a bordo delle lussuose navi e scelgono di visitare Savoca per ripercorrere i luoghi in cui sono state girate alcune delle scene del celebre film “Il Padrino” di Francis Ford Coppola. Protagonista è il giovane Michael Corleone interpretato da Al Pacino. “The Godfather Tour” è il nome invece della linea turistica regionale che collega i comuni di Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo, Savoca e Casalvecchio Siculo, inaugurata nel maggio del 2016 a Letojanni alla presenza dell’allora assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo. Per i turisti che arrivano la maggiore attrazione è dunque il tour sulle orme del film. Si inizia dal famoso Bar Vitelli dove vennero girate le scene chiave dell’incontro tra Micheal Corleone e il padre della futura moglie. Il tour prosegue alla Chiesa di San Nicolò che fa da sfondo al matrimonio tra Michael e Apollonia. I piccoli ritrovi del paese espongono souvenir in tema come t-shirt, tazze, grembiuli da cucina. “The Godfather” è un brand. Per il piccolo borgo collinare di Savoca, eletto tra i più belli d’Italia, a prescindere dalla storia cinematografica che l’ha reso famoso nel mondo, è boom di presenze. Il binomio Sicilia/mafia grazie al contributo della tradizione cinematografica è servito. Il volto di Don Vito Corleone stampato su decine di souvenir finisce per rappresentare la Sicilia nel mondo, ma molti siciliani sono stanchi ormai di questo accostamento. Anche Fulvio Alfano, figlio del giornalista Beppe ucciso dalla mafia, è intervenuto tempo fa sulla polemica. Più volte Fulvio Alfano si è detto “ basito di come il nome della mafia continui ad essere un marchio pubblicitario. In qualsiasi parte del mondo non si può fare ameno di vedere t-shirt con la scritta “ The Godfather” – Il Padrino … Io pretendo solo che certa gente capisca che la mafia è la vergogna del nostro Paese e il cancro della nostra regione.”

    Anche la Regione Siciliana però approfitta della forza del brand legato al concetto di mafia e al film ed ecco che lancia la linea turistica regionale The Godfather Tour. Un turismo discutibile, certamente non immune da critiche, ma in grado di arrivare a scomodare anche la stampa estera. Il quotidiano inglese Daily Mail tempo fa ha dedicato largo spazio al fenomeno che nonostante tutto affascina. Addirittura la compagnia statunitense Overseas Adventure Travel propone un tour che comprende un incontro con Angelo Provenzano, figlio del boss Bernardo Provenzano. Perché, si legge nel sito, la Sicilia è conosciuta per la mafia e per il cibo. Anche molti siti di e-commerce come aliexpress.com e alibaba.com vantano una vasta collezione di gadget a tema. Dalla t-shirt con la scritta “mafia member” (membro della mafia) agli steackers “insured mafia” (assicurato dalla mafia). Tra tutti c’è né uno in particolare sul quale voglio soffermarmi. Si tratta di una toppa per t-shirt o jeans che ritrae una famiglia. Mamma, papà e due bambini. Il look è inequivocabile. È la riproduzione di una “Italy Mafia family” . Ma la mafia stride con il concetto di famiglia. La mafia le famiglie le ha distrutte, uccidendo padri e madri innocenti ed in molti, troppi casi anche bambini. Il fenomeno mafioso è stato stereotipato senza comprenderne le reali conseguenze. Da anni contro l’uso del brand mafia si batte la Rete 100 passi che già in passato ha lanciato la petizione su change.org “Io non sono mafioso” chiedendo di ritirare dal mercato gadget e articoli a tema. La famosa immagine di Al Pacino nei panni del giovane Michael Corleone appare anche in un articolo pubblicato il 20 marzo 2017 sul sito della Cnn nella sezione travel. Il titolo del pezzo di Lisa Gerard-Sharp “Andare in Sicilia? 10 cose da sapere prima del viaggio”. “E la mafia?” Si legge ad un certo punto. “Se la incontri, prosegue l’articolo, non la riconoscerai. La mafia non si veste come Al Pacino nel film, ma questo non significa che i mafiosi se ne siano andati.” L’articolo prosegue invitando i turisti a scegliere i locali "free pizzo", non prima però di averli rassicurati circa il fatto che “difficilmente saranno toccati direttamente dalla violenza della mafia.” Il riferimento è all’iniziativa lanciata da Addiopizzo che ha deciso di promuovere e sostenere un turismo etico per chi dice no alle mafie con il progetto Addiopizzo Travel. Tra le tappe proposte Savoca c’è. Ed è giusto che ci sia. L’obiettivo è iniziare un percorso che porti a svuotare di significato quel “Godfather” che aleggia come un fantasma sul paese, spogliarlo dal suo alone di mistero. Per fare questo Savoca dovrebbe chiedere ai tour operator di modificare le escursioni, dovrebbe smettere di far veicolare gadget. Dovrebbe pretendere di inserire come tappa, accanto al Bar Vitelli, piazza G. D’Annunzio dove si erge il monumento alla legalità “Luna crescente” del maestro Nino Ucchino, dedicato a “Rocco Chinnici, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e a tutti i caduti in difesa della giustizia e della libertà”. Bisognerebbe spiegare ai turisti che ogni anno visitano Savoca che non c’è nulla di affascinante nell’immagine della mafia, perché come disse Peppino Impastato “la mafia è una montagna di merda!” Deciso a seguire questa strada il sindaco del comune Nino Bartolotta che afferma “nella celebre opera cinematografica de "Il Padrino" Savoca rappresenta solo una suggestiva location. Siamo contro la mafia e contro ogni forma di "mitizzazione" della stessa e la scultura "luna crescente" dedicata a Chinnici, Falcone, Borsellino rappresenta l'emblema del nostro comune, anche e soprattutto per i visitatori!"

    Il prossimo passo dovrebbe essere quello di sostituire tutti i souvenir legati al mito mafioso con i prodotti realizzati nelle terre confiscate alla mafia. Su questo dovrebbero puntare gli amministratori locali dei comuni siciliani.  

  • SAVOCA. RIFIUTI LUNGO LA SP 23. INDIVIDUATI RESPONSABILI

     In una zona compresa tra il territorio di Savoca e quello di Santa Teresa, nelle immediate adiacenze della s.p. 23, è stata individuata l’ennesima discarica abusiva, in questo caso composta da masserizie parzialmente date alle fiamme, provenienti dallo svuotamento di una casa. Tra i rifiuti è stato rinvenuto, perfettamente integro, un quaderno di scuola media di oltre 50 anni fa, attraverso il quale è stato possibile risalire ai proprietari dell’immobile e, loro tramite, al soggetto cui era stato dato l’incarico di svuotare la casa, cui era stato pagato oltre al lavoro, anche quanto previsto per il corretto smaltimento in discarica, che ha ritenuto, invece, di abbandonare i rifiuti sul suolo pubblico Al responsabile dell’illecito, convocato nella sede Polizia Metropolitana, è stato contestato l’abbandono di rifiuti non pericolosi sul suolo pubblico, ai sensi degli artt. 192 e 255 del d. leg n. 152/2006 con la contestuale erogazione di una multa di 600 euro e l’obbligo di ripristino dello stato dei luoghi e del corretto smaltimento dei rifiuti in discarica autorizzata.

  • Savoca. Maltratta l’ex convivente, arrestato dai Carabinieri di Taormina

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina, hanno arrestato a Savoca un 40enne, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti nei confronti dell’ex convivente.

    Nella notte di lunedì, la Centrale Operativa della Compagnia di Taormina ha ricevuto una richiesta di soccorso da parte di una donna ed ha inviato una pattuglia presso la sua abitazione. I militari, giunti sul posto, hanno constatato la presenza di un uomo che con tono di voce alto e bussando insistentemente al portone dell’abitazione della donna pretendeva di entrare. Anche dopo l’intervento dei Carabinieri,che tentavano di riportare l’uomo alla calma, questi, imperterrito, ha continuato a rivolgere alla donna parole ingiuriose e minacciose.

    La vittima ha riferito ai militari che, poche ore prima, il suo ex convivente era già andato a casa sua e l’aveva aggredita fisicamente, aggiungendo di aver convissuto con lui per circa 4 anni e che gli episodi appena accaduti non erano gli unici. Altre volte infatti  nel corso della loro relazione, l’uomo era stato violento nei suoi confronti e proprio per questi comportamenti aveva deciso di porre fine alla convivenza. Anche nel gennaio 2019 i militari dell’Arma erano intervenuti, su richiesta della donna. In quell’occasione al culmine dell’ennesima lite il quarantenne, con un calcio aveva infranto il vetro della porta di accesso all’abitazione.

    I Carabinieri hanno pertanto arrestato l’uomo per il reato di maltrattamenti. L’arrestato è comparso avanti al Giudice per le indagini preliminari che ha convalidato l’arresto operato dai militari e, su richiesta della Procura della Repubblica di Messina, ha applicato nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari, ritenendo sussistere le esigenze cautelari di reiterazione del reato, desumibili dalle stesse modalità delle condotte poste in essere nel tempo.

    Le denunzie da parte delle vittime di maltrattamenti in famiglia, stalking, violenze di genere e nei confronti di minori, sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti  poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela.

    L'immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell'affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina, che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI