Foto dal web Foto dal web Foto dal web

TAORMINA. IN UN DOCUMENTO LA RICETTA PER LA RINASCITA In evidenza

È stato approvato nelle scorse ore a Taormina un documento programmatico denominato Piattaforma Taormina. Si tratta di un documento che sarà inviato al Governo nazionale e regionale, ai parlamentari nazionali e regionali, affinché si tenga conto delle peculiarità di Taormina

Ad approvarlo un tavolo di concertazione, strumento promosso dal Comune di Taormina al quale hanno aderito gli enti pubblici che insistono sul territorio e le organizzazioni degli imprenditori e dei lavoratori dipendenti della filiera turistica.

Ecco cosa prevede:

 

Specificità di Taormina, Sorrento e Venezia

Il tasso di internazionalità del turismo italiano è del 50,5%, mentre di quello siciliano è del 50,9%. Le regioni e le località che segnano un tasso superiore sono virtuose perché svolgono un ruolo simile alle industrie dell’esportazione. Purtroppo, a seguito della crisi da Covid19, queste realtà privilegiate subiscono una penalizzazione superiore alla media, essendo dipendenti dal turismo straniero. In una graduatoria stilata dal TCI Taormina risulta l’ottava località turistica più penalizzata con l’83,5% di tasso di internazionalità. Si trova in compagnia di Sorrento (89,1%) e di Venezia (86%). Tra le prime 11, soltanto Taormina e Sorrento sono collocate al Sud.

Ora, questo tipo di località non possono ricevere lo stesso sostegno del turismo italiano e siciliano, perché le misure adeguate per le località con pari turisti italiani e stranieri non possono funzionare per località con questi tassi di internazionalizzazione. Si propone di istituire una sorta di “zona rossa” del turismo da sostenere con misure specifiche, come proposto dall’ANCI.

Voucher, gratuità di pernottamenti, sostegno al turismo di prossimità sono inadatti e inefficaci. Chiediamo che parte delle risorse vengano impegnate per finanziare azioni di co-marketing con tour operator stranieri e con compagnie aeree e navali.

Il Teatro antico e la programmazione degli eventi culturali devono finalmente essere commisurati alla reale esigenza della città, di avere elevati standard di qualità, per tutto l’anno, alleggerendo il carico estivo, spesso inutile o dannoso. Nel rispetto delle doverose restrizioni imposte dai protocolli sanitari, va ripensata la programmazione con la centralità di Taormina Arte.

Interventi strutturali e infrastrutturali

Auspichiamo l’istituzione di un Tavolo siciliano tra Stato, Regione e comuni, in ragione della specificità dell’Autonomia, soprattutto in tema di finanza locale e normativa sugli enti locali. In questo tavolo vanno decise le misure per la valorizzazione degli ospedali cosiddetti minori, come quello di Taormina, che merita maggiore attenzione, così come la merita tutta la Medicina sul territorio (medici di famiglia, guardia medica e punto di primo intervento), anche in ragione della grande quantità di turisti presenti in almeno otto mesi dell’anno.

È del tutto evidente che, se si vuole fare ripartire il mercato del lavoro, si deve agire sulle imprese, incidendo sul costo del lavoro, anche rimodulando leggi già esistenti nella Regione Siciliana. Non v’è dubbio, però, che si deve ridare dignità al lavoro messo in crisi dal ricorso alla esternalizzazione di servizi nel settore alberghiero, che ha causato danni ai lavoratori allorché si deve accedere agli ammortizzatori sociali, come accaduto in occasione del COVID 19. Così come la mancata applicazione dei contratti collettivi firmati dalle organizzazioni imprenditoriali e sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale.

 

Il Comune

Il comune di Taormina è in predissesto e ha urgente bisogno di liquidità, ma anche di una sospensione della previsione nel bilancio 2020 della rata di pagamento del piano di riequilibrio adottato nel 2018. Chiediamo l’anticipazione dei trasferimenti relativi all’ex fondo delle autonomie locali, con certezza prima della formulazione del bilancio 2020, lo sblocco dei 130 milioni vincolati all’accordo Stato-Regione, il chiarimento sui 115 milioni per investimenti, sui 300 milioni del fondo perequativo, nonché nuove norme in materia di riscossione dei tributi locali.

Essenziale per la sopravvivenza del Comune è la modifica della percentuale di accantonamento del fondo crediti di dubbia esigibilità e degli avanzi di amministrazione, misura che non comporta oneri aggiuntivi per lo Stato e la Regione. Inoltre, vanno trovate soluzioni all’altezza della attuale crisi al problema del personale e ai vincoli normativi che ne bloccano l’adeguamento quantitativo. Importante portare la previsione dell’art. 180 del DL Rilancio da 100 a 400 milioni per il recupero dell’imposta di soggiorno.

Per la grave situazione occupazionale è necessario il rifinanziamento dell’ordinanza della Protezione civile nazionale per il sostegno alle famiglie disagiate, essendosi esaurito il primo contributo. Altrettanto vale per l’analoga misura regionale, assegnata ai comuni per il 30%

Turismo Regione

La norma sui suoli pubblici deve essere chiarita, compensando i comuni sulla base del gettito consolidato del 2019, consentendo a questi di mantenere gli equilibri di bilancio, pur alleggerendo gli esercizi commerciali fruitori del suolo pubblico.

Si auspica che il voucher regionale venga utilizzato prevalentemente per l’abbattimento dei costi di viaggio.

All’interno della promozione regionale un particolare riguardo alle località, come Taormina, che hanno guidato per oltre un secolo il turismo siciliano e che oggi pagano un prezzo più alto per la struttura stessa della loro economia così come si è formata nel corso del tempo.

Chiediamo, nel quadro di un riordino della normativa delle attività complementari, l’istituzione di un Codice identificativo regionale delle attività ricettive turistiche extralberghiere, al fine di censire le strutture ufficialmente autorizzate e per combattere il fenomeno dell’abusivismo che tanto nuoce alla qualità dei servizi offerti e alla reputazione degli imprenditori del settore turistico.

Turismo Stato

Le imprese della filiera turistica vanno aiutate immediatamente ed efficacemente. Lo stato di indebitamento causato dai fitti e dal costo del lavoro, senza un adeguato introito per mancanza di turisti, non può essere affrontato con mutui o ulteriore indebitamento, ma con contributi a fondo perduto, in ragione del fatturato degli ultimi tre anni e con sgravi contributivi sul personale addetto, notoriamente più rilevante per unità di prodotto.

I voucher turistici, se proprio devono permanere, vanno distribuiti sul territorio in proporzione alle presenze turistiche del 2019, per evitare spiacevoli concorrenze tra località e finire per vanificare i benefici di tale misura. In ogni caso appare scarsamente appetibile un credito d’imposta sulla base di 150 euro per persona, soprattutto se riferiti alla Sicilia e a Taormina in particolare.

Scarsamente incisivi appaiono i 130 milioni per le imprese turistiche, suddivisi per sanificazione e adeguamento delle strutture, che comunque sono nuove e aggiuntive spese non previste, fondi d’investimento per la valorizzazione degli immobili, che a Taormina non sembrano necessitare particolarmente di tali interventi, e la tax credit sotto forma di credito d’imposta.

La cancellazione dell’acconto IMU di giugno per gli alberghi pone come condizione che proprietario e gestore coincidano, riducendone la portata, mentre l’esenzione della tassa di occupazione del suolo pubblico, oltre ad essere limitata al 31 ottobre, riguarda solo la parte eccedente la concessione già rilasciata.

Per la necessità di assicurare alle imprese della filiera del turismo una pronta ripresa, evitando che la contrazione economica si traduca in un maggiore indebitamento e minori investimenti, è opportuno assicurare, nella programmazione pluriennale nazionale e comunitaria, misure di finanziamento dedicate alla riqualificazione ed efficientamento delle aziende, oltre che alla promozione dell’offerta turistica.

Iniziative locali

Affinché risulti chiaro ai diversi livelli decisionali di governo che la città di Taormina non rivendica soltanto, ma propone e, soprattutto, si impegna a superare la crisi anche con le proprie forze, si elencano gli impegni assunti in forma unitaria dal Tavolo di concertazione:

  1. Concessione a privati del Palazzo dei Congressi in chiave polifunzionale
  2. Utilizzo concordato dell’imposta di soggiorno
  3. Campagna di promozione sui social
  4. Promozione del trasporto taxi con l’iniziativa TaxiBeach
  5. Programmazione autunno-inverno 2020-2021 di eventi culturali e di spettacolo
  6. Protocollo di sicurezza sanitario nei luoghi pubblici all’aperto
  7. Proposta di offerte speciali per il 2020 e il 2021
  8. Codice identificativo comunale
  9. Condizionare il rilascio di autorizzazioni, concessioni e ogni altro beneficio ai privati al rispetto dei contratti collettivi nazionali e territoriali firmati dalla OO.SS. Maggiormente rappresentative
  10. Confronto sulle misure previste e sulle prospettive economiche con i professionisti e i rappresentanti degli istituti di credito
  11. Estensione dell’APP comunale, dell’APP Ansa e di altri strumenti di comunicazione per un uso turistico

 

 

000
Letto 289 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. QUANTO COSTA PROMUOVERE LA CITTÀ?

    Prosegue il rapporto contrattuale per il servizio di web marketing e commercializzazione social per la città di Taormina - progetto "Taormina for you”.

    Lo stabilisce una determina dirigenziale dello scorso 11 settembre. Ma di cosa si tratta?  Se a qualcuno fosse sfuggito la città di Taormina in piena crisi pandemica, con voli esteri cancellati, lockdown in corso e difficoltà logistiche varie ha pensato di promuovere la città adottando “Misure mirate alla ripresa delle attività turistiche nella città”.

    Proprio a questo scopo il sindaco Mario Bolognari ha costituito un “Tavolo Tecnico” formato da esperti multidisciplinari per la elaborazione di un piano di comunicazione a sostegno del prodotto “Taormina”. Era il 28 aprile 2020. Neanche un mese dopo, il 14 maggio 2020, la giunta municipale approvava una delibera con la quale assegnava 25 mila euro per le misure di ripresa delle attività turistiche nella città di Taormina.

    Ecco che a giugno viene affidato il servizio di Web Marketing e Commercializzazione Social per la Città di Taormina con la creazione del progetto “Taormina for you”, brand ideato dalla BP Consulting Hotels Sales and Marketing della Dott.ssa Barbara Pardini, al fine di contrastare la grave crisi economica causata dalla pandemia da Covid19 che ha colpito il settore turistico.

    L’obiettivo è la creazione e messa on line di un blog tecnologicamente avanzato per pubblicizzare, promuovere e incentivare il turismo in generale per   dare seguito al progetto “Taormina for you” contenente tutte le informazioni sulla città, un “archivio” che evidenzi le ricchezze di Taormina in termini di fattore umano e che costituiscono la memoria storica di Taormina, attraverso le testimonianze raccolte sul territorio utilizzando video, interviste e documenti fotografici.

    In attesa di ciò il progetto “Taormina for you”, come si legge nella determina “si è sviluppato attraverso la creazione e realizzazione di 40 interviste per creare il corpo del blog, la creazione e il lancio di 142 posts sulla pagina FB con il post “regina” in francese che ha raggiunto tantissime persone, il lancio del video che è stato visto da migliaia di persone e condiviso 125 volte.”

    Adesso, fermi tutti. Prima di proseguire soffermiamoci su questo primi dati. La riflessione è la seguente. Quanto è costato il progetto davvero? Lo abbiamo chiesto all’assessore al turismo Andrea Carpita.

    “ Con la delibera 120 del 14/05/2020, spiega Carpita, sono state assegnate somme per il progetto "Taormina for you" pari a 25mila euro, di cui 5 mila euro  (delibera n°188 del 27/07/2020, euro 2mila) destinati in parte alle campagne di promozione sui social (determina di impegno n° 70 del 10/08/2020, euro 2mila) e la restante parte (determina di impegno n°72 del 11/08/2020, euro 3mila) alle spese a copertura dei voli aerei effettuati dalle agenti di viaggio in visita nella nostra citta (fam trip). Ad oggi, spiega Carpita, di questa somma:  2.854,80euro a copertura di tre mesi delle attività di progettazione, creazione, implementazione di tutte le attività sopra descritte, della Dott.ssa Barbara Pardini,della BP Sales&Marketing, che oltre a quanto sopra indicato ha anche accompagnato fisicamente le agenzie, appartenenti al suo data base personale, sul territorio ed ha realizzato, in collaborazione con la Dott.ssa Manganaro, le interviste finalizzate al blog e il loro concept; 150,00 euro di Campagne Fb ; 500,00 euro per la realizzazione del blog di cui sopra curato da C. Beduschi.”

    Adesso, un progetto costato 25 mila euro con il compito ambizioso di risollevare le sorti economiche della città a seguito di una crisi pandemica mondiale può davvero essere costituito da numeri  social così irrisori.

    Signori, adesso, fermatevi e riflettete su questi numeri.

    Viene presentato come risultato straordinario una pagina facebook che conta 1662 mi piace. Altro risultato straordinario, da 25 mila euro, un post condiviso ben 125 volte. Ogni singolo post non supera i 20 mi piace.

    Si tratta di numeri ridicoli. Diamo un nome alle cose.

    “Likes or not likes, il dilemma, afferma Carpita, non esiste perché, comprare likes nell’epoca del 4.0 sarebbe totalmente inutile perché come tutti coloro che lavorano nel social media marketing sanno bene, sono ormai da tempo definiti vanity metric. A noi interessa la copertura, l’engagement, l’interesse che i Tour operators e le Travel Agents come Tzell Travel, Protravel e lo stesso circuito virtuoso dimostrano nei confronti della nostra pagina, perché sono loro che manderanno turismo di qualità a Taormina. L’assessorato al turismo ha dunque deciso di intraprendere un nuovo cammino, che ha portato al proseguimento del progetto per altri tre mesi, inizialmente trimestrale.”

    Nulla da eccepire assessore. Neanche l’avevamo presa in considerazione la possibilità di acquistare i likes che ovviamente si tradurrebbe in un autoinganno. Chi investe in un progetto di promozione lo fa perché vuole raggiungere il pubblico più ampio possibile. Immaginiamo che strumenti come Instagram, piattaforma in cui Taormina for you conta 333 followers, o facebook servano per raggiungere ad esempio l’avvocato newyorkese direttamente nel suo studio a Manhattan o gli studenti seduti in un caffè a Parigi a programmare le prossime vacanze. Insomma non crediamo che tour operators importanti come Tzell Travel, Protravel scelgano dove portare i turisti basandosi su quelle pagine.

    Anche perché discutibile poi è anche la qualità dei post dal punto di vista contenutistico. Alcune necessarie precisazioni arrivano dalla scrittrice Lisa Bachis.

    In un seguitissimo gruppo facebook, rispetto ad esempio al post in cui si parla della Cattedrale, Lisa Bachis spiega che “La prima cattedrale di Taormina fu la ex chiesa di San Francesco di Paola dove attualmente ha sede il Museo di Arti e Tradizioni Popolari. L'attuale è il cosiddetto Duomo poiché ha titolo di Basilica Minore, titolato a San Nicola di Bari. La chiesa di San Giuseppe, pregevole architettura di fattura barocca, posta di fronte alla scenografica Piazza IX aprile già piano di Sant'Agostino non è cattedrale.”

    C’è poi il post che pubblicizza Isola Bella e suggerisce ai turisti di armarsi di pinne ed occhiali per una bella immersione alla Grotta azzurra, peccato però che come spiega sempre Lisa Bachis “ad Isola Bella nella zona Grotta Azzurra non si possono svolgere attività come lo snorkeling poiché interdetta per ragioni di sicurezza.”

    Il meglio deve ancora venire. Un post parla addirittura di romantici tramonti all’Isola Bella ma prosegue Lisa Bachis “le spettacolari albe di Taormina si godono lato mare mentre i tramonti si ammirano lato monte con l'Etna che abbraccia il sole quando scompare alla nostra vista.”

    Nonostante ciò “da un’analisi effettuata sul lavoro svolto dalla Dott.ssa Barbara Pardini, l’ufficio comunale competente ha ritenuto  necessario ed opportuno dare seguito al rapporto contrattuale con la professionista al fine di realizzare ulteriori e più approfonditi sviluppi del progetto “Taormina for you”, tali da mantenere e integrare gli importanti risultati raggiunti con un nuovo “action plan” contenente altri progetti da sviluppare nel prossimo futuro, evitando in tal modo che il progetto possa subire una inevitabile battuta di arresto”. Il comune di Taormina ha quindi investito un ulteriore somma pari a € 3.806,40. In totale è costato quindi 28 mila euro questo progetto di promozione che ad oggi non sembra aver prodotto risultati tangibili se escludiamo ovviamente gli strafalcioni.  Eppure si è scelto di prolungare il progetto fino a dicembre. Perché?

    “Nei prossimi mesi, spiega Carpita, verranno creati dei testi per il Blog inteso come memoria storica della città, sulla base dei punti sopra indicati; verrà creato  un piano editoriale in lingua inglese e in italiano suddiviso in tre macro-temi: 1) La storia di Taormina. 2)L’architettura di Taormina. 3)La gente di Taormina,con finalità di story telling. Creazione, scrittura e lancio dei posts. Gestione ed implementazione dei video realizzati. Ma soprattutto, spiega carpita, puntiamo alla partecipazione all’evento BTOB Meet The Best, con la creazione di 30 appuntamenti, in modalità on line, per la presentazione della destinazione a event planners aziendali, incentive houses, wedding planners ad agenzie provenienti da Europa, Russia, Cis, Medio Oriente, Asia e Usa.”

    Forse però, alla luce dei numerosi errori commessi, dell’approssimazione e della qualità delle immagini e video, una revisione seria del progetto, dei suoi risultati, degli obiettivi raggiunti servirebbe. Per correttezza nei confronti di chi fa davvero promozione.

    Prendo in prestito a conclusione la riflessione ancora una volta di Lisa Bachis: “Fare promozione turistica prevede conoscenza attenta di luoghi e territori. Necessita di accurate analisi e ricerche. Il marketing vuol cura e le informazioni che diamo agli ospiti vanno prima verificate.”

    E vi lasciamo con il romantico e miracoloso tramonto sull’ Isola Bella. Forse è vero che alla fine i soldi comprano tutto… anche albe e tramonti… ah, no… per quello basta Photoshop o semplicemente non conoscere il territorio che si vuole promuovere.

     

  • TAORMINA. DIPENDENTE POSITIVO CHIUDE IN VIA PRECAUZIONALE UN RISTORANTE

    Dopo i due hotel costretti a chiudere per la positività di alcuni dipendenti adesso tocca ad un risotrante.

    A comunicarlo con un post su facebook è la direzione del locale.

    “Lo staff de La Zagara tiene a comunicare ai propri clienti e agli amici che a seguito di una positività riscontrata e in attesa delle ulteriori verifiche da parte dell'Asp, il soggetto interessato sta seguendo il protocollo necessario. Sono stati inoltre effettuati i tamponi al resto del personale, tutti con esito Negativo. Il locale, temporaneamente chiuso, verrà sottoposto a sanificazione da una ditta specializzata per riaprire a breve in totale sicurezza.”

    Un episodio che va ad aggiungersi al preoccupante quadro sanitario oggetto ieri di un confronto in Prefettura tra vertici dell’Asp e amministratori locali. 

    Proprio ieri durante incontro il sindaco di Taormina Mario Bolognari ha chiesto una corretta procedura da seguire. " La reazione di molte persone, ha affermato Bolognari,  che pensano di risolvere il problema sottoponendosi al tampone sta diventando un grande spreco di tempo e di risorse professionali ed economiche. La prefetto ha sollecitato i responsabili della sanità provinciale a fare una corretta e capillare opera di informazione su questo punto, rafforzando la necessità di comportamenti corretti e cioè, di fronte a un sospetto, di porsi in isolamento. Saranno le autorità sanitarie a disporre chi e quando deve sottoporsi al test. Per completezza di informazione, conclude Bolognari,  va aggiunto che allo stato attuale delle cose i casi complessivamente rilevati a Taormina sono 16, compresi quelli nel frattempo ritornati negativi. Tengo anche a precisare che nel corso della riunione nessuna nuova misura è stata decisa."

     

  • OSPEDALE DI TAORMINA, PRONTO IL PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE

    A lungo atteso e ripetutamente invocato da operatori sanitari e utenti, il restyling dell'ospedale San Vincenzo di Taormina adesso appare davvero più vicino. Dopo avere siglato un'apposita convenzione con l'Asp di Messina, l'Ufficio speciale della presidenza della Regione Siciliana ha infatti elaborato il progetto di fattibilità tecnica ed economica che prevede la realizzazione di due nuovi corpi, uno a monte e l'altro a valle, destinati a ospitare parcheggi, nuovi servizi e una elisuperficie in grado di rispondere con tempi di intervento molto rapidi alle situazioni di emergenza. La Struttura voluta dal governatore Nello Musumeci e diretta da Leonardo Santoro ha impresso in tal modo una significativo impulso a un iter arenatosi nel 2012 e che può ripartire con tempi definiti e obiettivi precisi, facendo compiere al nosocomio un ulteriore salto di qualità.

    «Quello redatto dai nostri tecnici - spiega il presidente Musumeci - è un progetto che porta in dote tutta quella funzionalità che finora è mancata a una struttura sanitaria di così alto livello. Si potrà, infatti, ovviare alla cronica carenza di posti auto e alle strutturali deficienze che riguardano l'accessibilità, rendendo un servizio adeguato ai cittadini che raggiungono l'ospedale di contrada Sirina. L'elipista, inoltre, andrà a colmare un vuoto e a soddisfare un'esigenza che si avverte continuamente».

    In particolare, la piazzola per l'elisoccorso sarà realizzata nel corpo a monte composto da sette piani e dove, tra l'altro, troveranno spazio anche un centro direzionale, alcuni locali per ospitare i familiari dei degenti, una cucina con self-service e un auditorium. Sette piani anche per il fabbricato a valle che sarà adibito a parcheggio. Potrà contenere fino a 283 auto e 76 motocicli. L'impegno di spesa previsto è di oltre 26 milioni e mezzo di euro.

    Un unico dettaglio non proprio trascurabile riguarda il fatto che il progetto dovrà essere approvato in consiglio comunale. 
     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI