Nella foto l'assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi Nella foto l'assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi

TAORMINA. L’APPELLO DELL’ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO CLEO LI CALZI: “FACCIAMO SISTEMA. NESSUNO VUOLE PERDERE LE PROFESSIONALITÀ DI CHI HA LAVORATO SINORA.” In evidenza

“Nessuno ha mai detto di voler  chiudere il Teatro ...anzi !! Vogliamo solo chiudere la stagione del Comitato che doveva essere transitorio, una transitorietà che dura da 13 anni !!” Replica cosi l’assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi alla nota del circolo del partito democratico di Taormina che nelle scorse ore era intervenuto ufficialmente sulla querelle nata per alcune dichiarazioni dello stesso assessore circa la proprietà del Teatro Antico. La replica dell’assessore Li Calzi arriva attraverso facebook, sulla pagina ufficiale di Jonicareporter, dimostrando ancora una volta la potenza e l'utilità dei social, capaci al momento opportuno di dar vita ad una piazza virtuale e favorire cosi il confronto con i cittadini. L’assessore Li Calzi ha spiegato che la volontà della Regione è quella di “ arrivare  rapidamente e finalmente alla Fondazione che ovviamente avrà la governance del Teatro e quindi la disponibilità. Nell'intervento di ieri , ha poi spiegato l’assessore,  stavo rispondendo al Sindaco che richiamava "non so quale accordo" che prevedeva che la fondazione Piccolo versasse parte del biglietto di utilizzo del teatro come sede della mostra al Comune. In ogni caso, ha proseguito la Li Calzi,  la volontà del Governo Regionale e quindi della medesima è intesa proprio a <FARE SISTEMA> superando tutte le criticità che nel territorio ben conoscete e che hanno sin qui portato solo a far sopravvivere un comitato senza assicurare un futuro ai lavoratori e alla gestione del Teatro di Taormina”. E proprio in merito al futuro dei lavoratori l’assessore Li Calzi ha poi affermato: “Nella norma proposta è esplicitato che la mission sia dare continuità, sostenibilità e valore all'attività di Taormina Arte assicurando però una governance, che il comitato, che aveva appunto natura transitoria, non ha dato.” L’assessore Li Calzi ha poi evidenziato l’importanza che Taormina possa iniziare a contare anche su altre strutture, come ad esempio il Palacongressi. Una struttura che consentirebbe davvero di pensare ad un programma di destagionalizzazione garantendo una continuità lavorativa anche ai dipendenti del Comitato Taormina arte. “ I dipendenti, ha però subito precisato l’assessore, sono stati assunti dal comitato in cui la regione non ha titolo.” Di fronte alla richiesta di garanzie sul loro futuro l’assessore ha però chiarito che “ la volontà del governo regionale è di valorizzare le loro professionalità acquisite nella costituenda Fondazione.” A chi poi chiedeva informazioni riguardo la norma proposta l’assessore ha risposto spiegando che “è contenuta  nel maxi emendamento alla Finanziaria approvato dalla giunta Regionale del 20/03. E’ possibile dunque trovarla sul sito della regione. La stessa, ha poi aggiunto, essendo stata stralciata dalla commissione bilancio seguirà il percorso della norma cosiddetto  “ Sbloccasicilia” che andrà in discussione in aula a maggio dopo che sarà stata chiusa la finanziaria.”“Purtroppo,  ha affermato, oggi possiamo parlare di salvaguardare le professionalità e non di garantire la continuità dei rapporti lavorativi; cosa, ha aggiunto, che sarebbe stato possibile fare se fosse stata rispettata la norma che nel 2002 prevedeva il comitato con l'unica finalità di costituire la fondazione e quindi con carattere di immediatezza ...e invece sono passati 13 anni.”Incalzata più volte sul futuro dei lavoratori l’assessore regionale al turismo Li Calzi ha risposto con fermezza: “Nessuno vuole perdere le professionalità di chi ha lavorato sinora. Comunque il tema sarà oggetto a breve di approfondimento. Vi terrò informati ma ribadisco si vuole dare sostenibilità economica e certezza ai lavoratori. Nelle attuali situazioni di bilancio, ha poi spiegato,  un "comitato" (forma giuridica dai contorni labili e per sua natura transitori) non potrebbe più avere un capitolo di contribuzione mentre una fondazione avrebbe come presupposto la sostenibilità economica e una dotazione organica congrua con le sue attività - per questo diventa essenziale che la fondazione non si occupi solo del Teatro Antico (di per se fruibile solo nella stagione estiva) ma abbia un'operatività più estesa così da garantire un'occupazione stabile e certezza economica.” “Il passaggio dei lavoratori di Taormina Arte nella nascente fondazione non è per nulla scontato soprattutto, ha spiegato l’assessore Li Calzi, data la situazione debitoria che caratterizza oggi il comitato e che è la causa del perdurare per ben 13 anni di una situazione che per sua ratio doveva essere transitoria.” Infine l’appello dell’assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi : “ Dobbiamo fare sistema proprio per costruire le condizioni per garantire la ricollocazione dei lavoratori nella Fondazione. Uniamo gli sforzi per rendere possibile tutto ciò. Se non agiamo, insieme, verso una sostenibilità economica credibile non avremo nessuna possibilità di ottenere, in questa situazione di crisi,  risorse economiche a sostegno delle attività di arte e spettacolo di Taormina organizzate nella transitoria forma del <comitato>. Nulla è ancora deciso. Non mi sentirete mai promettere un posto di lavoro se non sono sicura di poterlo garantire - senza la modifica della legge il comitato ha comunque una situazione di passività che non garantisce futuro se non sono garantite adeguate risorse in bilancio - per questo se non modifichiamo la legge sarà impossibile ottenere dall'assessore ai beni culturali Baccei le necessarie risorse.” Infine ha concluso l’assessore “ Richiamo l'attenzione di tutti verso la difficile situazione che caratterizza la formazione del bilancio Regionale e ribadisco la norma in questa fase è stata stralciata dalla finanziaria ed andrà appunto in un provvedimento normativo successivo.”

 

 

 

000
Letto 1539 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. TURISMO. ALLARME DELLA FISASCAT CISL: LAVORATORI RIDOTTI ALLA FAME

     "A Taormina e nell'intero comprensorio ionico, nella zona tirrenica e nell'intero comprensorio i lavoratori stagionali sono ormai ridotti alla fame, costretti a vivere nella drammatica condizione di miseria senza lavorare più ormai dallo scorso autunno. Dovranno affrontare il 2021 senza indennità e senza contribuzione ai fini pensionistici ma il Governo di questo non si preoccupa. Forse non si riesce a comprendere che siamo di fronte ad una bomba ad orologeria, una vera e propria polveriera sociale che rischia di esplodere e riguarda il dramma di migliaia di famiglie". L'allarme viene rilanciato dalla Fisascat Cisl Messina.

    "La maggior parte dei lavoratori da dicembre sono senza indennità, avendo usufruito l’indennità di disoccupazione Naspi - spiegano i responsabili della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D'Agostino e Pancrazio Di Leo -, una riforma scellerata che ha ridotto il periodo e quindi l’indennità penalizzato gli stagionali del turismo commercio e servizi. Tale riforma è stata contesta ai precedenti governi più volte dalla Fisascat Cisl e dai lavoratori. I lavoratori stagionali del Commercio e Turismo erano in attesa che iniziasse la stagione turistica per riprendere a lavorare, ma con la situazione esistente le aziende aperte hanno già chiuso, e chi doveva aprire ad inizio aprile non ha potuto aprire. La chiusura e la mancata apertura delle attività Turistiche e Commerciali ha prodotto lavoratori disoccupati, senza lavoro e senza un reddito minimo per poter sopravvivere con le proprie famiglie, non dimentichiamo che la maggior parte dei nuclei familiari è monoreddito al Sud".

     "Il "Decreto Cura Italia" mortifica, ancora una volta, i lavoratori del turismo. Ci aspettavamo un segnale di sostegno ai lavoratori stagionali e invece è arrivato soltanto un assegno di 600 euro che equivale ad una "mancia", o per meglio dire "un'elemosina". Un altro caso emblematico sono i lavoratori stagionali che erano stati assunti dopo il 23 febbraio e oggi si trovano esclusi dalla cassa integrazione ordinaria e in deroga, rimanendo sospesi, senza salario e senza indennità, attualmente senza salario attendono che sia effettuata l’estensione del decreto potendo cosi usufruire anche loro degli ammortizzatori. Ancor più eloquente e drammatica appare la situazione degli stagionali nelle Isole Eolie, importante realtà turistica dove a fronte di un periodo medio di lavoro pari a circa 3 mesi, i lavoratori hanno percepito solo un mese e mezzo di Naspi".

     "I lavoratori stagionali del settore Turismo Commercio e Servizi i quali dovevano riprendere a lavorare per la stagione 2020 non sono stati minimamente considerati ed esclusi anche loro dal poter usufruire degli ammortizzatori-sociali ordinari o in deroga, è stato previsto un piccolo contributo di 600 euro per il mese di marzo per i lavoratori stagionali del Turismo, mentre i lavoratori stagionali del Commercio oggi disoccupati nulla non sono italiani anche loro? Lo Stato, ed in Sicilia la Regione non ha per nulla considerato i lavoratori stagionali, intere famiglie ridotte alla miseria e in difficoltà anche per poter acquistare le materie prime per poter sopravvivere. La Sicilia vive di Turismo, ma molto spesso la politica si dimentica dei lavoratori del comparto Turistico e delle aziende del settore che producono e contribuiscono a far crescere l'economia della Regione. I lavoratori stagionali oggi sono stati ridotti alla miseria. E' opportuno che il Governo Nazionale e Regionale intervenga, e eviti di creare disparità nei loro confronti, non è giusto che siano trattati in modo diverso rispetto ad altri settori oggi privilegiati. L'emergenza sanitaria impedisce, al momento, di manifestare in piazza ma non vi è alcun dubbio che i lavoratori già si preparano a una protesta senza precedenti nei confronti di quest'Italia che li mortifica e li snobba, ma della quale fanno parte a pieno titolo e che a tutti loro deve garantire i diritti e le risorse necessarie per vivere in condizioni dignitose".

  • TAORMINA. Ulteriormente ridotte le corse urbane di Asm

    Da domani (25 marzo) saranno ridotte le corse per il trasporto urbano. L'azienda servizi municipalizzata della città del centauro, diretta dal commissario, Antonio Fiumefreddo, informa la gentile Utenza che in ottemperanza ai Dpcm del 9 marzo e del 22 marzo 2020 e alle Ordinanze contingibili ed urgenti del Presidente della Regione Siciliana n. 5 del 13 marzo 2020 e n. 6 del 19 marzo 2020, a partire da mercoledì, saranno ulteriormente ridotte le corse giornaliere di tutti i servizi di trasporto urbano. Sarà possibile consultare le nuove tabelle orarie di "Linea rossa circolare", "Linea verde ospedale Madonna della Rocca", "sostitutivo funivia di Taormina - Mazzarò", "Linea Beachbus", "Linea verde Taormina centro - Trappitello", nel sito di Asm: "www.taorminaservizipubblici.it".

  • TAORMINA. IL LOCALE CIRCOLO DEL PD ESPRIME PREOCCUPAZIONE PER LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DELLA CITTA’

    Preoccupazione per la condizione occupazionale e lavorativa della comunità di Taormina. In particolare per tutti i lavoratori del comparto turistico.  La esprime in una nota il circolo del Partito Democratico di Taormina.

    “In questo grave momento di stasi e preoccupazione per lo sviluppo degli eventi siamo chiamati all’osservanza ed al rispetto delle regole, non solo per la percettività degli obblighi imposti ma per il loro significato di presidio di solidarietà volto alla tutela dei più deboli. Ciò soprattutto per ricostruire, sin d’ora, un immediato domani economico, anch’esso oggetto di preoccupazione, con particolare riferimento alla condizione occupazionale e lavorativa della nostra comunità: guardiamo con innegabile apprensione, infatti, ai risvolti sull’intero comparto del turismo che Taormina rappresenta, soprattutto ai lavoratori stagionali, ai fruitori della NASpI, alle loro famiglie, che in questo momento vivono con grande inquietudine l’evolversi dell’emergenza, auspicandoci il rafforzamento di misure specifiche a sostegno del reddito e di promozione del settore che è oggi l’immagine di una Sicilia emancipata ed accogliente.”

    La nota del locale circolo del Pd prosegue ponendo l’attenzione sugli episodi di sensazionalismo e sciacallaggio che purtroppo si stanno registrando.

    “Constatiamo con amarezza, si legge,  che si sono diffuse, sin dai primi momenti, catene di false informazioni a carattere medico, del tutto inattendibili, notizie che speculano sui nostri crescenti diffusi timori e – peggio – complottismi che denunziano e sobillano contro malevoli poteri occulti, alimentando un dibattito politico a volte fuori luogo e spesso pretestuosamente anticomunitario. Tutto ciò confonde e disorienta: dobbiamo invece diffidare delle scorciatoie, anche intellettuali, ed affidarci alla competenza delle autorità politiche e sanitarie, attingendo dall’informazione proveniente dalle nostre istituzioni e da fonti verificate ed accreditate."

    Infine la vicinanza alle istituzioni chiamate in questo momento ad un ruolo così delicato.

    "Esprimiamo massima solidarietà alle Istituzioni civiche, che hanno prontamente dato corso alle prescrizioni emergenziali, attivando canali di comunicazione diretta ed un circuito di solidarietà – tramite il Centro Operativo Comunale – che invitiamo tutti i cittadini a sostenere; siamo consapevoli della necessità di ripartire, domani, con misure economiche peculiari, compatibili con le discipline vigenti ed il percorso di risanamento intrapreso, e con attività promozionali specifiche, rivolgendo al Tavolo tecnico l’invito alla massima collaborazione ed ascolto di tutte le parti sociali. Tra i molti dubbi di questi recenti giorni, ci rassicura la convinzione di essere un popolo in grado, per arte ed inventiva, di alimentarsi con inaspettate energie, perciò, con il contributo di ciascuno, non v’è alcun dubbio che ce la faremo.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI