Il Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo per l’anno 2020 accoglierà 15 medici provenienti da Spagna, Libia, Tanzania, El Salvador, Namibia e Mauritius che potranno completare e perfezionare a titolo gratuito la loro formazione in cardiologia pediatrica, cardiologia neonatale, cardiochirurgia pediatrica ed anestesia e rianimazione cardiologica sia neonatale che pediatrica, pediatria, neonatologia e terapia intensiva neonatale. Oltre al personale medico sono attesi professionisti dell’area infermieristica specializzata e tecnici di perfusione cardiocircolatoria.

La formazione sarà centrata sull’attività didattica e pratica, l’acquisizione delle nuove tecniche procedurali ed i percorsi diagnostici dal periodo fetale all’età adulta.

Tutti i medici verranno accolti in regime di volontariato e verranno ospitati grazie al progetto di accoglienza #metticiilcuore del CCPM in collaborazione con Avulss Taormina.

Un grande progetto reso possibile grazie al supporto del dott. Gaetano Sirna, direttore Sanitaria dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina, della dott.ssa Flavia Alessi dell’Ufficio Formazione dell’ASP 5 Messina e del dott. Paolo La Paglia, direttore generale ASP 5 Messina.

“Grazie, afferma il gruppo di lavoro del CCPM, per averci supportato e accolto favorevolmente le richieste dei medici stranieri. Un ringraziamento particolare agli Ambasciatori delle diverse nazioni coinvolte che hanno concesso tale opportunità. È un’emozione grande riuscire a portare a termine un progetto che si occuperà di formazione internazionale e ancor di più che nazioni così importanti abbiano scelto il CCPM come centro di confronto e crescita per il loro personale sanitario. È un risultato strepitoso frutto di una scelta ben precisa intrapresa dal CCPM ovvero di aiutare chi è in difficoltà con missioni umanitarie internazionali dedicate e promuovere la formazione del personale locale mediante stage formativi.”

Pubblicato in Attualità

La Giornata mondiale delle Cardiopatie congenite si celebra ogni anno il giorno 14 febbraio, festività di San Valentino. L'obiettivo di questa ricorrenza è quello di riportare l'attenzione su un problema che riguarda circa otto bambini su mille nati ogni anno. Quando si parla di Cardiopatie congenite si fa riferimento a un gruppo eterogeneo di patologie caratterizzate da alterazioni strutturali del cuore o dei grossi vasi, dovute ad un'anomala formazione delle strutture durante le primissime settimane dello sviluppo embrionale.

Numerosi sono gli eventi di sensibilizzazione che vengono organizzati.  Il  Ccpm di Taormina ha voluto dedicare uno spazio per affrontare la cura dei “Guch”, cardiopatie congenite dell’adulto.

Due giornate, quella di ieri lunedì 4 e di oggi martedì 5 dedicate ad approfondire la tematica grazie alla presenza di un ospite d’eccezione, Emre Belli – Direttore della Cardiochirurgia Pediatrica dell’ Ospedale “Marie Lanneloungue” di Parigi. Esperto Mondiale della Chirurgia del Congenito adulto, già da ieri ha avviato una serie di valutazioni cliniche e interventi a titolo gratuito.

Nel pomeriggio di ieri poi si è svolto un incontro con l’esperto. A moderare l’appuntamento, Iorio Fiore, Direttore del Dipartimento Medico-Chirurgico delle Cardiopatie Congenite dell’ Ospedale Pediatrico “Bambino Gesu’ di Roma.

Oggi ultima giornata di questa iniziativa promossa dal Centro cardiologico per il Mediterraneo.

 

Pubblicato in Attualità

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI