GIARDINI NAXOS. Gran finale del Supermarecross 2017 in Sicilia a Giardini Naxos

GIARDINI NAXOS. Gran finale del Supermarecross 2017 in Sicilia a Giardini Naxos In evidenza

Lo spettacolo del Supermarecross si avvia alla chiusura della stagione con l’atteso appuntamento Giardini Naxos di questo fine settimana, 28 e 29 ottobre: come tradizione da ormai quindici anni, il circus dei Campionati internazionali d’Italia su sabbia Trofeo Gaetano Di Stefano farà tappa sulla spiaggia delle splendida località siciliana dove andrà in scena la due giorni organizzata dal Moto Club Taornina New sotto l’attenta regia del suo presidente Marco Mainardi.

Sulla spiaggia di Lido di Naxos, gli ombrelloni lasceranno dunque spazio ad una pista di circa 900 metri che sarà modellata da  Angelo Cinquemani, l’abile track builder capace di garantire con la sua ruspa la realizzazione di un tracciato tecnico e scorrevole ed altamente spettacolare.

Dopo l’ultima prova di Paola di domenica scorsa, questa gara in Sicilia ha assunto una valenza importantissima per il Supermarecross 2017: nessuno dei titoli attesi è stato assegnato in anticipo sulla spiaggia calabrese, ed il punteggio di Giardini Naxos sarà pertanto determinante per la consegna di tutti i titoli in palio

Sono ad un soffio dalla conquista del titolo i due piloti di casa, i messinesi Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi Royal Pat) ed Antonio Mancuso (Husqvarna Messina Factory): Bertuccelli guida la classifica della MX1 con un vantaggio di 511 punti sul secondo piazzato Salvatore Runcio (Yamaha MC Roccavaldina), gli basterà pertanto partire e concludere la prima manche – ipoteticamente anche in ultima posizione –  per aggiudicarsi matematicamente il trono 2017; stessa situazione per Antonio Mancuso, leader della MX2, che di punti da colmare per la conferma matematica ne ha solo 16.

Ha già praticamente tra le mani lo scettro della classe 300 Manuel Iacopi (Yamaha Marradi), che gode di un vantaggio di 501 punti su Antonio Gizzi (KTM Cianfrocca), unico avversario ancora matematicamente in gioco per il titolo. Anche per Iacopi basterà chiudere a punti la prima manche per conquistare la stagione 300.

Nella 125 la matematica lasca spazio a tre contendenti, ma il leader di classifica Luca Milani (KTM Milani), grazie ad un vantaggio di 429 punti su Carmelo Ferla (Husqvarna Messina Factory), potrà agguantare facilmente il titolo già dalla prima manche infilando un quinto posto pari a 120 punti. Gli inseguitori ancora in gioco sono Carmelo Ferla e Michele Gaballo (TM), staccato quest’ultimo di 513 punti.

L’unico spareggio ancora aperto è quello della categoria minicross, dove Matteo Vantaggiato (KTM Montalbano Jonico) , passato al comando grazie alla vittoria nell’ultima gara di Paola, se la dovrà vedere con  Andrea Adamo (Honda – Team Pardi Royal Pat), scivolato in seconda posizione causa sua assenza in Calabria, ed ora staccato di soli 161 punti.

Nutrito il programma del fine settimana a Giardini Naxos: sabato, dopo le verifiche del mattino,  scenderanno in pista le moto cross d’epoca con le gare Veteran open; alle 14,15 le prove libere e crono, poi una  manche secca alle 15,15 che decreterà il vincitore assoluto. È prevista anche un’esposizione delle moto d’epoca ed entreranno in pista moto storiche e piloti che hanno fatto la storia del Supermarecross. Sempre sabato, dalle 16 alle 19, sarà il momento delle verifiche tecniche dei campionati Internazionali, che proseguiranno il mattino della domenica dalle 7:30 alle 9:00.

Domenica il ricco ed intenso programma prevede l’inizio alle ore 9:00; durante la giornata i piloti si alterneranno in pista ben 20 sessioni  tra prove libere, prove cronometrate, gara 1 e gara 2  e l’attesa Supercampione prevista alle 16,30 circa. Nel programma è inserita anche la gara riservata agli Amatori e Promorace Open.

000
Letto 552 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. Premio Azione Cattolica. Successo per la seconda edizione

    Una serata intensa, molto apprezzata dal numeroso pubblico presente, capace di coinvolgere e di interessare: la seconda edizione del “Premio Azione Cattolica Giardini Naxos” è stata un successo che ha gratificato l’impegno profuso da quanti si sono spesi sia nella fase preparatoria che in quella organizzativa del Premio. Il Teatro presso l’Oratorio “Don Bosco” di Giardini Naxos è stato degna cornice di un evento che è stato impreziosito dalla presenza di coloro che il Consiglio Parrocchiale di AC aveva individuato quali destinatari del riconoscimento: Pielugi Vito, giornalista di TV2000 e scrittore, l’Ufficio Diocesano Migrantes di Messina, Angelo Sicilia, creatore dei “Pupi antimafia”. Tre riconoscimenti assegnati, come ha spiegato il Presidente Sergio Visconti, a personalità che si sono distinte in tre ambiti di impegno: “artistico- culturale”, “ecclesiale”, “sociale e politico”. La serata è stata presentata da Sergio Visconti e da Carla Buda che ha anche “firmato” la regia dell’evento. A consegnare i premi Sandra Sanfilippo, Assessore comunale alle Politiche Sociali, in rappresentanza del Sindaco; Barbara Orecchio, Presidente diocesana dell’AC; l’intero Consiglio Parrocchiale di AC. Ben calibrato nei tempi, lo svolgimento della serata ha permesso al pubblico presente di seguire con autentica partecipazione, coinvolto dalla proiezione di brevi video di presentazione dei premiati, dalla lettura di poesie che hanno introdotto i vari momenti, dalle interviste.

    Così il pubblico, composto anche da persone provenienti da fuori città, ha potuto conoscere Pierluigi Vito, viterbese, autore del romanzo “Quelli che stanno nelle tenebre”, che ha ricevuto lusinghieri apprezzamenti dalla critica nazionale; ha potuto, grazie all’intervento di Domenico Pellegrino, responsabile dell’area formazione dell’Ufficio Migrantes, meglio rendersi conto del lavoro svolto dai volontari che operano con i migranti perché accoglienza e integrazione siano espressione di una società; ha conosciuto la bellissima e meritevole azione di educazione alla cultura della legalità e dell’antimafia operata da Angelo Sicilia, che, attraverso l’opera dei “pupi antimafia” svolge continua azione di formazione soprattutto presso le giovani generazioni di siciliani e, ormai si può certamente dire, di italiani. Dopo la consegna dei riconoscimenti, la serata è proseguita con la messa in scena dello spettacolo dei pupi dedicato alla vicenda di Don Pino Puglisi. Tutti i presenti sono stati colpiti dalla forza evocativa che dallo spettacolo emergeva con chiarezza: spettacolo dei pupi che sa parlare a bambini, a ragazzi, a giovani e anche agli adulti con una  immediatezza di linguaggio e di immagini che vanno diritte alla mente e al cuore. A conclusione della serata, dopo i saluti del parroco, don Giuseppe Di Mauro, si è conclusa con i ringraziamenti fatti dal Presidente Sergio Visconti a tutti coloro che hanno sostenuto l’impegno dell’AC: il Comune di Giardini Naxos, innanzitutto, e poi Carla Buda, vero e proprio cuore della manifestazione, Dario Allegra e Michele Bongiorno che dal banco regia hanno curato il servizio audio-video, Giancarlo Moschella, Franca Meo, Caterina Mancari, Pina ARamis e Rosario Meo che hanno sostenuto alcuni importanti aspetti organizzativi, Marlisa Russo che in maniera impareggiabile ha letto intense poesie di Erri De Luca, Mariangela Licosi che ha presentato i profili biografici dei premiati e, infine, l’intero Consiglio Parrocchiale, formato oltre che dalle già citate Carla Buda e Mariangela Licosi, da Fabrizio Gualtieri, Franca Falanga, Maria Concetta Giandinoto, Giuseppe Meo. A tutti i presenti, inviati a termine della serata a condividere un rinfresco per fare festa insieme, Sergio Visconti ha dato appuntamento alla edizione 2019 del Premio “Azione Cattolica Giardini Naxos”.

  • GIARDINI NAXOS. CASTELLO DI SCHISO’. ARRIVA L’INTERROGAZIONE DI BARBAGALLO SU ACQUISTO CASTELLO A “DOPPIO PREZZO DI MERCATO”

    “Mi complimento con la Regione Siciliana per l’acquisto del  Castello di Schisò. Un vero affare, concluso per una cifra doppia rispetto al prezzo di mercato”. Lo dice Anthony Barbagallo in relazione all’acquisizione al patrimonio della Regione del Castello di Schisò  nel comune di Giardini Naxos.

    “ Si tratta di  un immobile di alta valenza culturale la cui proprietà è stata la centro di una complessa vicenda giudiziaria. Poco meno di un anno fa, nel dicembre 2017, – aggiunge Barbagallo – il bene era stato battuto all’asta ad 1.615.000 euro. Adesso  – conclude – la Regione spende più del doppio, 3.400.000 euro per  fare un acquisto che lascia molte ombre”.

  • GIARDINI NAXOS. Castello di Schisò di Giardini Naxos. Le perplessità di Legambiente, l’entusiasmo della Regione. In mezzo i conti che non tornano.

    “Come si è oggi arrivati a comprare il Castello per una cifra quasi tre volte superiore a quella fissata nel marzo scorso? C’è una nuova valutazione del valore dell’immobile? Chi l’ha fatta? Chiediamo chiarezza, perché continueremo a batterci per salvare il patrimonio culturale della nostra regione, ma, con la stessa forza e determinazione, vogliamo affermare i valori di legalità e trasparenza”. A dichiararlo è Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

    “Ci siamo battuti e chiesto da tempo che la Regione acquisisca il Castello di Schisò. L’ultima volta nella tappa di Salvalarte, lo scorso 12 maggio, durante un convegno a Giardini Naxos, evidenziando però, in quella sede, alcune anomalie nella decisione di un giudice del Tribunale di Messina di annullare la procedura di vendita all’asta.

    Queste perplessità furono rilanciate in un’intervista dalla storica dell’arte Silvia Mazza che, durante le procedure di vendita nei mesi precedenti, aveva interessato l’allora Assessore Sgarbi, chiedendogli, giustamente, di non far partecipare la Regione all’asta.

    La vendita del Castello fu stabilità alla cifra di 1.615.000,00  euro, unico possibile acquirente la società Hotel Palme srl; cifra che avrebbe dovuto sborsare la Regione esercitando il diritto di prelazione, essendo un bene vincolato. Infatti, gli organi del Parco archeologico di Naxos, nella delibera del 30 dicembre 2017, avevano stanziato questo importo per l’acquisto del bene.

    Ma, il 12 marzo 2018, questo giudice di Messina decide sia di bloccare la vendita sia la successiva base d’asta  di 4.100.000,00  euro, per stabilire la quale ha individuato come “utile parametro  l’ammontare dello stanziamento all’uopo di recente disposto dal Parco archeologico di Naxos”. Inoltre, il giudice, rincarando la dose, parla nell’ordinanza di un “intervenuto stanziamento del complessivo importo di 3.413.473 euro” finalizzato dal Parco “all’acquisto del Castello”.

    Peccato che, agli atti del Parco, così come confermò pubblicamente la direttrice del Parco, l’architetto Vera Greco, alla nostra iniziativa del 12 maggio, non risulta nulla di tutto questo, ma solo la delibera che stanziava 1.615.000,00 euro.

    Ora mi chiedo e chiedo all’Assessore Tusa: come si è oggi arrivati a comprare il Castello per una cifra quasi tre volte superiore a quella fissata nel marzo scorso? C’è una nuova valutazione del valore dell’immobile? Chi l’ha fatta? Spero che la base della nuova determina non sia l’astruso e disinvolto ragionamento fatto dal giudice nell’ordinanza. Sarebbe uno scandalo.

    Chiediamo chiarezza, perché continueremo a batterci per salvare il patrimonio culturale della nostra regione, ma, con la stessa forza e determinazione, vogliamo affermare i valori di legalità e trasparenza”.

    Dall’altra parte l’annuncio entusiastico del governatore della Sicilia Nello Musumeci: «Si è realizzato un obiettivo di grande significato, non solo culturale. Acquisizioni come queste esaltano il valore della tutela del bene, un "simbolo" per quel territorio».

    La direttrice del Parco archeologico di Naxos-Taormina, Vera Greco, in rappresentanza dell’assessorato regionale dei Beni culturali, ha sottoscritto l’atto notarile di acquisto per un importo pari a 3,4 milioni di euro, utilizzando i fondi del Parco.

    «E' un’acquisizione di cui si parla da decenni -evidenzia l’assessore regionale dei Beni culturali Sebastiano Tusa- e in cui non credeva più nessuno. E un passo decisivo per la nascita di un grande Museo archeologico nella città che fu la prima colonia greca di Sicilia e che adesso potrà avrà sede degna, dopo gli interventi di restauro necessari sull'immobile storico. Questa, fin dall’inizio, è stata la visione e la destinazione immaginata da me e dal presidente Musumeci. Considero l’acquisizione del Castello di Schisó una delle realizzazioni più qualificanti del mio mandato di assessore. Ringrazio la direttrice del parco di Naxos Vera Greco, per l’impegno che ha trasfuso in questa iniziativa e con lei il commissario Giuseppe Valentino, Giovanni Angileri e Carmelo Briguglio del mio staff, che hanno lavorato dall’inizio del mio mandato a questo progetto che conferisce alla comunità regionale e al territorio un bene pubblico che adesso è a disposizione di tutti i siciliani e dei visitatori dell’Isola».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI