Il G7 è finito, i quadri di Antonello da Messina sono stati già portati via e da mercoledì potranno essere ammirati al Museo Mandralisca di Cefalù, l'assessore alla Cultura di Taormina, Mario D'Agostino, si è dimesso e la Procura di Messina ha aperto un'inchiesta. Nel giro di qualche giorno la Perla dello Ionio è tornata a far parlare di se, anche se per motivi meno nobili. Le opere d'arte ammirate dai potenti della Terra non potranno essere visitate dai tanti turisti che come da tradizione popolano Taormina. Si, perchè i dipinti sono stati portati via prima del previsto da Palazzo Corvaja visto che erano stati concessi nelle stesse date ad un'altra mostra. Come se non bastasse sono state esposte opere finte e spacciate per chissà quali quadri. «Mi chiedo come abbiano potuto esporre a Taormina, durante il G7, una crosta inguardabile come la «Tavola lucana», spacciata come l'autoritratto (ovviamente finto) di Leonardo. Fossero andati a Porta Portese con mille euro avrebbero trovato di meglio. Sarebbe bastato esporre il solo “Ritratto d'ignoto marinaio”, il capolavoro di Antonello da Messina, per omaggiare degnamente gli illustri ospiti istituzionali, la città e i turisti. Ma hanno prevalso fretta e incompetenza», ha dichiarato Vittorio Sgarbi. Più trascorrono le ore, però, e maggiori sono i particolari che emergono da una vicenda post G7 destinata a scombussolare la politica locale. La Beni culturali srl, la società che aveva portato i quadri di Antonello da Messina e Caravaggio a Taormina come evento collaterale del G7 e che aveva già prenotazioni per tutto il mese di giugno, non ci sta di fronte a questo imprevisto spostamento e si è rivolta alla magistratura portando in Procura tutti gli atti, dal protocollo d'intesa siglato con la Regione a quello, firmato ad agosto dell'anno scorso, con il sindaco Eligio Giardina che aveva concesso Palazzo Corvaja fino al 30 giugno, con un accavallamento di venti giorni con un'altra società che dall'11 giugno porta a Taormina la "Van Gogh multimediale". In un contesto del genere il vicesindaco e assessore alla Cultura di Taormina, questa mattina, ha rassegnato le proprie dimissioni negando, però, un eventuale legame con il pasticciaccio di Palazzo Corvaja. «Questa esperienza politica è giunta al capolinea. Tale scelta, che non ha nulla a che fare con le polemiche di questi giorni, ma è piuttosto il frutto di una riflessione da più tempo ponderata, ha, inevitabilmente, una componente personale e una politica». Sembra una scena del film “Totò Truffa”. Si, perchè la Beni culturali srl ha chiesto l'annullamento della delibera del novembre scorso con la quale il Comune di Taormina ha concesso i locali di Palazzo Corvaja ad una società che dovrebbe portare la mostra di Van Gogh, attualmente a Bologna. Peccato, però, che a detenere i diritti a livello mondiale di questa esposizione è la Grande Exhibitions che nulla ha a che fare con la società con cui il Comune di Taormina ha stretto l'accordo. Non c'è che dire, il G7 sta continuando ad incidere sulla cittadina in provincia di Messina.

Valerio Morabito

Pubblicato in Attualità

Com’è noto,  Taormina sarà “palcoscenico del mondo” con il G7, e naturalmente questa Amministrazione ha  previsto alcuni eventi culturali di grandissimo spessore che apriranno la stagione primaverile, e rimarranno in prosecuzione sino al grande evento mediatico di maggio.

Abbiamo immaginato un percorso che possa esprimere alcune vere eccellenze italiane dell’arte, un viaggio in cui il visitatore immerso nei luoghi simbolo dell’arte, della bellezza e del paesaggio scoprirà alcuni emozionanti protagonisti della cultura italiana.

All’interno del prezioso progetto "Unescosites / Italian Heritage and Arts" che verrà allestito al Palazzo corvaja, che  mostra al mondo intero la bellezza della Sicilia e dell'Italia, saranno esposti, ad esempio,  capolavori assoluti di Caravaggio e Antonello da Messina.

Scegliendo di puntare sull’arte e sulla cultura, il visitatore verrà condotto nelle meravigliose atmosfere di alcuni tra i più affascinanti luoghi riconosciuti dall’UNESCO come patrimonio mondiale dell’Umanità, ma conoscerà anche la straordinarietà degli artisti italiani.

Ancora,  dall’11 marzo Taormina ospiterà all’interno dell’Ex Chiesa del Carmine “Il Futuro sopravvenuto” un evento internazionale che metterà in mostra le opere degli artisti di spicco del futurismo italiano. Una grande mostra con 70 opere uniche provenienti principalmente dall’archivio Futur-Ism, dalla Collezione Ventura, dalla Fondazione Cirulli e dalla Collezione Trust Aletta. In esposizione, alcune tra le più interessanti espressioni artistiche di artisti di spicco del movimento futurista italiano come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Julius Evola, Giulio D’anna ed altri. Particolarmente attesa è l’opera  “Complesso plastico colorato di frastuono + Velocità” di Giacomo Balla.

Straordinario evento, infine, l’esposizione dal 24 maggio nella cripta dell’Ex Chiesa del Carmine della “Tavola Lucana”, di Leonardo Da Vinci,  un pannello di 60 x 44 cm rappresentante l’autoritratto del grande artista italiano.  La mostra è prodotta da Fenice e l’opera è gentilmente concessa dal proprietario professore Nicola Barbatelli.

Pubblicato in Cultura

Si programma già, nella "città del centauro", la stagione dei grandi eventi internazionali che vedranno come palcoscenico, ancora una volta, il centro storico. "La programmazione è fondamentale - sostiene l'assessore al Turismo, Salvo Cilona - la nostra città si sta muovendo un tal senso per accogliere, fin da ora, momenti culturali che possono essere di richiamo per il movimento turistico".
"Noi riteniamo che sia importante - prosegue l'assessore alla Cultura, Mario D'Agostino – una programmazione efficace in campo culturale in cui la sinergia con il nostro comune può condurre a risultati eccellenti. In particolar modo i grandi eventi in programmazioni nel 2017 rappresenteranno un'offerta culturale e turistica di grande richiamo".  Ed infatti, immediatamente dopo il G7 di fine maggio 2017, è previsto l'avvio di "Van Gogh Multimedia Experience" che proseguirà il naturale feeling della cittadina turistica con i momenti internazionali. È questa un'esperienza unica allestita dalla "BiCubo"
digital marketing. Si proporranno vita e opere in un percorso multimediale dedicato al grande pittore olandese. La mostra che farà "immergere” i visitatori nelle opere d’arte, unisce la straordinaria
arte del pittore olandese alla tecnologia innovativa. Taormina si è avviato un percorso che va, dunque, oltre l'arte in se stessa, proponendo una via che guarda alla naturale predisposizione all'accoglienza internazionale. Un’emozione questa che gli amanti dell’arte potranno provare a partire, appunto, dal 11 giugno fino al 17 settembre 2017 nella suggestiva cornice di Palazzo Corvaja, palazzo storico ubicato nel cuore pulsante di Taormina. Il progetto "Van Gogh Multimedia" è un viaggio multimediale strutturato con un sapiente mix di tecnologia digitale e contenuti storici e culturali per coinvolgerei visitatori in un'esperienza spettacolare e indimenticabile. Il tutto in stretta collaborazione con Palazzo dei Giurati, sede della casa municipale taorminese che ha immediatamente percepito il valore del progetto culturale.

Pubblicato in Cultura

Da giorno 17 ottobre 2016 il Comune di Taormina emette la nuova Carta d’Identità Elettronica (D.L. 78/2015),  così come previsto dal Ministero dell’Interno.

Attualmente l’emissione di tale documento avverrà solo presso l’ufficio anagrafe di Taormina in Via Damiano Rosso n.1, che osserverà i seguenti orari:

Dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00  alle ore 12,00

Il mercoledì esclusivamente su prenotazione sempre dalle ore 9,00 alle ore 12,00 da effettuarsi tramite il collegamento al sito del Ministero dell’interno al seguente indirizzo web: http://www.cartaidentita.interno.gov.it/prenotazione-della-richiesta/

Il giovedì anche dalle ore 15,30 alle 17,30

Secondo l’assessore alle innovazioni tecnologiche, Mario D’Agostino, “questo è un ulteriore passo avanti nella interazione tra pubblica amministrazione e utente. L’informatizzazione dovrà progressivamente improntare e migliorare tutti gli aspetti della burocrazia, specialmente quelli anagrafici, con il fine di agevolare e semplificare sempre più nella quotidianità il cittadino.”

 

Informazioni utili per l’ottenimento del nuovo documento elettronico:

 

L’interessato, sia maggiorenne che minorenne, dovrà presentarsi allo sportello munito della seguente documentazione:

  • Carta d’Identità scaduta, nel caso in cui il cittadino non sia più in possesso della vecchia Carta di Identità, per smarrimento o furto, è necessario che il richiedente porti la relativa denuncia effettuata presso le competenti autorità di pubblica sicurezza;
  • di una sola foto formato tessera (in bianco e nero o a colori), in formato cartaceo o elettronico su supporto USB che rispetti le seguenti caratteristiche
    • sia recente (non più vecchia di sei mesi);
    • ripresa con vista frontale, viso non inclinato con sfondo uniforme e chiaro;
    • lo sguardo deve essere rivolto verso l’obiettivo e deve essere inquadrata la testa e la sommità delle spalle;
    • gli occhi siano aperti e ben visibili e il viso senza particolari espressioni;
    • assenza di qualsiasi copricapo, occhiali scuri o troppo grandi da coprire il viso;
    • assenza di capelli che coprono gli occhi.
  • Bollettino di CCP (può essere ritirato presso lo sportello precompilato) che attesti il versamento della somma di € 22,21 effettuato sul CCP n. 11218989 intestato al Comune di Taormina – Servizio di Tesoreria, con causale: “Rilascio Carta d’Identità Elettronica”;

 

Ulteriori informazioni:

 

  • la nuova Carta d’Identità Elettronica sarà inviata, dall’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato (IPZS), entro sei giorni lavorativi, a decorrere dalla data di trasmissione dei dati al Ministero dell’Interno da parte del Comune di Taormina, all’indirizzo indicato dal cittadino o presso gli Uffici del Comune, dove sarà cura del richiedente ritirarla;
  • per i cittadini maggiori di 12 anni vi è l’obbligo, per il Comune, di acquisire le impronte digitali;
  • per i minori di anni 18, occorre il riconoscimento e l’assenso per la validità all’espatrio di entrambi i genitori (muniti di documento valido). Qualora il minore sia accompagnato da un solo genitore, è necessario portare l’assenso all’espatrio sottoscritto dall’altro genitore con allegata la fotocopia firmata del documento di identità.
  • per i minori di anni quattordici l’uso della carta di identità ai fini dell’espatrio è subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci, o che venga menzionato – su una dichiarazione rilasciata da chi può dare l’assenso o l’autorizzazione, convalidata dalla Questura o dalla Autorità Consolare – in nome della persona, dell’ente o della compagnia di trasporto a cui il minore medesimo è affidato. Per un eventuale controllo da parte delle autorità di frontiera, si consiglia di munirsi di un certificato di nascita con indicazione di paternità e maternità;
  • per i cittadini comunitari, residenti nel Comune di Taormina, occorre presentare, al momento della richiesta, la carta d’identità del proprio stato di appartenenza o del passaporto in corso di validità;
  • per i cittadini extracomunitari, residenti nel Comune di Taormina, occorre presentare, al momento della richiesta, il passaporto o la carta di identità italiana e il permesso di soggiorno in corso di validità (oppure la ricevuta di richiesta di rinnovo di quest’ultimo);
  • contestualmente alla operazioni di inserimento dei dati il cittadino potrà fornire, se lo desidera, il consenso ovvero il diniego alla donazione degli organi;
  • non è possibile ottenere la Carta d’Identità Elettronica per i cittadini iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe italiani residenti all’estero) i quali potranno ottenere solo la carta d’identità in formato cartaceo ;
  • al completamento dell’acquisizione dei dati, verrà consegnato al cittadino un modulo di riepilogo che dovrà essere firmato, previa verifica dei dati riportati;

 

N.B.: nel caso in cui, per casi eccezionali, non si possa emettere la Carta d’Identità Elettronica, al suo posto sarà rilasciata la Carta d’Identità cartacea. Nella Delegazione di Trappitello, su indicazione del Ministero dell’Interno, sarà emessa la sola Carta d’Identità cartacea fin quando lo stesso Ministero  non fornirà la necessaria attrezzatura.

Per maggiori dettagli e approfondimenti sul progetto collegarsi all’indirizzo internet www.cartaidentita.interno.gov.it oppure telefonare ai numeri 0942-610.351/352/354/357 o inviare una e-mail a:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Pubblicato in Attualità

Si terrà domani venerdì 20 Maggio 2016, alle ore 12.00, presso il Palazzo Comunale di Taormina la Conferenza Stampa di presentazione del progetto “Tao For Families”, cui interverranno la curatrice, Alessandra Caruso, il vice sindaco ed assessore alla Cultura, Mario D’Agostino, l’assessore alle Pari Opportunità, Pina Raneri, ed il presidente dell’associazione “Arte&Cultura a Taormina, MariaTeresa Papale. Alla base del progetto “Tao For Families”, la promozione della famiglia in tutte le sue forme ed il rilancio di Taormina come città dell’accoglienza e meta turistica lontana da ogni tipo di pregiudizio: luogo ideale, nel panorama nazionale, dove realizzare incontri, manifestazioni e convegni volti ad affermare il diritto di ogni singolo cittadino a godere dei pieni diritti civili “senza distinzione di sesso, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”( art.3 Costituzione Italiana).

Pubblicato in Attualità

Il futuro dell’Isolabella è stato al centro di un incontro promosso dal vicesindaco ed assessore alla Cultura di Taormina, Mario D'Agostino, ed organizzato in sede dall’Assessore Regionale Territorio e Ambiente Maurizio Croce.

Alla riunione hanno partecipato Maurizio Croce, assessore al Territorio e Ambiente, Nunzio Anastasi, capo della segreteria tecnica dell’assessore Carlo Vermiglio, la direttrice del parco archeologico di Giardini (con competenza diretta su Isolabella), il capogruppo all’Ars di Sicilia Futura, on. Beppe Picciolo, Maria Costanza Lentini, il direttore del centro universitario “Cutgana” che gestisce la riserva, prof. Giovanni Signorello e la direttrice della riserva naturale, Anna Abramo oltre al consigliere comunale Nino Moschella ed il presidente del comitato "La Voce del Mare", Giovanni Aucello.

"La nostra richiesta, spiega D’Agostino, era che non si pagasse un ticket nella pre-riserva , e possiamo dire di aver centrato questo fondamentale obiettivo, che era non soltanto quello della politica ma anche di tutti gli operatori economici della zona di Mazzarò-Isola Bella. Per questo ci siamo opposti ad un “doppio ticket”, eventualità che l'assessore regionale – comprendendo bene le specificità dell’Isolabella rispetto alle altre riserve regionali – ha affermato di non voler perseguire, “congelando” quindi ogni questione relativa ad un pagamento per la fruizione della pre-riserva e rimandando la gestione della vicenda all'avvio di un tavolo tecnico. Credo che questo risultato, ha proseguito il vicesindaco, sia davvero straordinario perché le opposizioni della nostra comunità hanno trovato accoglimento, e si è usciti dalla riunione infine con una proposta condivisa da tutti i presenti. Non è secondario, infatti, che i due assessorati regionali dei Beni culturali e Territorio ed Ambiente, dopo anni di non-dialogo sull’Isolabella, hanno affermato una piena sintonia così da poter procedere verso la conclusione di una lunghissima fase, almeno ventennale, in cui le posizioni erano state differenti e spesso in contrasto.”

Verrà adesso formalizzato un tavolo tecnico in cui saranno presenti anche l’Ente gestore Cutgana, che ha garantito la massima disponibilità per il raggiungimento di ogni soluzione ottimale per la gestione dell’Isolabella, il Parco archeologico di Naxos e naturalmente il Comune di Taormina.

 “ Il ringraziamento, ha concluso D’Agostino, va ovviamente a tutti i protagonisti per l’intenso lavoro di mediazione svolto, e per la voglia “costruttiva” che hanno dimostrato”.

“Con la nostra legge regionale, ha affermato l’ assessore Regionale Croce, siamo stati precursori della legge nazionale, dunque abbiamo visto giusto. L’Isola bella però fa eccezione al quadro generale delle riserve, e deve essere considerata con tutte le specificità del caso. Ipotizziamo un ticket unico integrato, in luogo del “doppio ticket” paventato, ma, ha concluso, demanderemo tutto ad un tavolo tecnico ove identificare il miglior percorso condiviso.”

Soddisfazione è stata espressa anche dall’on. Beppe Picciolo, leader di “Sicilia futura : “Basta agli scontri sterili tra le istituzioni , bisogna preservare questo inestimabile patrimonio ambientale e culturale, unico al mondo: un sito che potrebbe essere inserito a pieno titolo tra i siti patrimonio della umanità. Bisogna valorizzare le enormi potenzialità di Isolabella - ha proseguito il deputato -, ottimizzandone le risorse. L’amministrazione comunale si confronti esclusivamente sul piano politico, e non giudiziario, con la Regione Siciliana e con la mediazione del nostro assessore Maurizio Croce, che desidero ringraziare assieme al suo collega Carlo Vermiglio, sono chiamati per le loro rispettive competenze a trovare un punto di mediazione che consenta la massima fruizione del patrimonio di Isola Bella, coniugando le esigenze di tutela e conservazione con quella di valorizzazione e sviluppo economico del territorio. Ticket unico in primis. La soluzione – ha concluso Picciolo - è a portata di mano e tutti sembrano voler remare nella stessa direzione".

Pubblicato in Attualità

Metti una sera al Palazzo Duchi di S. Stefano, aggiungi una festa di compleanno e moltiplica per una serie di invitati d’eccezione… a tutto ciò sottrai però la richiesta di autorizzazione…

care amiche e cari amici ciò che ne esce fuori è l’ennesimo pasticcio elevato al cubo.

Già perché non si può utilizzare un bene pubblico come fosse casa propria e pensare di non dovere poi dare spiegazioni alla città.

Oggi è toccato ai locali del Palazzo Duchi di S. Stefano ma domani potrebbe essere il Teatro Greco o l’Isola Bella o chissà …

Fatto sta che il compleanno di Giuseppe Caudo, membro del Cda della Fondazione e discendente della famiglia Mazzullo, festeggiato il 3 gennaio scorso proprio presso il salone del Palazzo Duchi di S. Stefano non è passato inosservato. Le foto pubblicate dallo stesso Caudo sul suo profilo facebook hanno in poche ore fatto il giro di numerose bacheche pubbliche e di siti locali.

E come non notare tra gli invitati il presidente della Regione Rosario Crocetta, il senatore del Partito Democratico Beppe Lumia e il vicesindaco di Taormina Mario D’Agostino? Le foto non lasciano spazio ad alcun dubbio.

Una festa di compleanno in piena regola, con tanto di buffet, champagne, torta e regali.

Ma si può utilizzare il Palazzo Duchi di S. Stefano per festeggiare un compleanno? E’ previsto nel regolamento? Chi ha dato l’autorizzazione? Sono questi gli interrogativi che in questi giorni stanno animando il dibattito politico a Taormina e che ieri sera hanno animato anche la seduta del civico consesso.

Interrogativi che l’opposizione ha rivolto proprio al vicesindaco Mario D’Agostino dal momento che anche lui era alla festa. Ma non solo. L’opposizione ha fatto di più. Ha chiesto le dimissioni di D’Agostino e del presidente della Fondazione Mazzullo Alfio Auteri. E poi in base al principio secondo cui la legge è uguale per tutti ciascuno consigliere di opposizione ha anche presentato una richiesta, indirizzata al presidente del CDA della Fondazione Mazzullo, di concessione della sala del Palazzo per poter festeggiare il proprio compleanno.

Si attende adesso ovviamente la risposta. Intanto una risposta immediata l’ha data Mario D’Agostino che a dire il vero si è limitato a dire: “ Noi non c’entriamo nulla ” rimbalzando le responsabilità sul Presidente della Fondazione che a suo dire “ ha accettato la richiesta dal membro del Cda in buona fede”.

In pratica D’Agostino dice di essere andato un “attimo” al Palazzo Duchi di S. Stefano perché aveva saputo che era presente il Presidente della regione Rosario Crocetta. Uno sforzo di educazione istituzionale quello D’Agostino chiamato a fare gli onori di casa in assenza del sindaco.

Dal canto suo il presidente del Cda della Fondazione Alfio Auteri, attraverso una nota fatta giungere in consiglio, dice di aver accettato la richiesta di Caudo perché sapeva che avrebbe portato a Taormina personaggi di spicco della politica come ad esempio il presidente della Regione Crocetta.

La città dunque , udite udite, quasi quasi dovrebbe ringraziarlo.

Chiara oggi la posizione del locale circolo del Partito Democratico. “Una festa di compleanno, afferma la coordinatrice Lisa Bachis, non è un incontro pubblico ma privato, pur se tra gli invitati ci sono figure istituzionali di rilievo. Un edificio pubblico, quale è la Fondazione Mazzullo, regolamentata da norme statutarie precise e con finalità che privilegiano l'arte e il bello, non può essere svenduto e deprezzato per la felicità di un singolo. Qui, conclude Bachis, si tratta di pubblico interesse e non si possono confondere le carte in tavola perché i fatti parlano chiaro ed esiste anche una documentata rassegna fotografica sull'evento. Non si prendano in giro i cittadini.”

Intanto la richiesta di dimissioni presentata ieri sera nel corso del consiglio comunale dai consiglieri di opposizione non è passata. I numeri non sono bastati.

Al di là di tutto però bisognerebbe davvero riflettere su quest’ennesimo episodio di gestione personale della cosa pubblica. Bisognerebbe indignarsi un po’ di più.

E se domani ogni cittadino di Taormina e non solo presentasse richiesta al Presidente del Cda della Fondazione Mazzullo per poter utilizzare la sala del Palazzo Duchi di Santo Stefano per festeggiare il proprio compleanno?

La mia richiesta è pronta.

P.s. Inviterò anche il Presidente della Regione Rosario Crocetta… non so se vorrà accettare il mio invito ma nel dubbio caro Presidente Auteri le conviene autorizzarmi… si tratta di un occasione unica per Taormina.

 

 

 

Pubblicato in Politica

 E’ stata riportata alla luce la Cripta della Chiesa del Carmine. Un operazione frutto dell’impegno e della passione dei volontari della Associazione TraOrmina forum, con il coordinamento delle istituzioni.

“Un pizzico di umile orgoglio per la nostra associazione,  commenta il Presidente Alessandro Cardente, che si era prefissata, inizialmente senza averne certezza, di dare il proprio contributo per riaprire la piccola cripta della Chiesa del Carmine di Taormina e così donarla nuovamente, da domenica 3 Gennaio, ai cittadini taorminesi e ai tanti turisti in visita alla Città.”

L’associazione si è già distinta in passato per aver portato avanti iniziative volte a valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Taormina. Tra gli ultimi eventi ricordiamo la mostra "Taormina, Volti Arte Vita Luoghi" patrocinata dall' Assessorato ai Beni Culturali e dalla Presidenza del Consiglio del Comune di Taormina, che ha riscosso notevole successo; ma anche alcune iniziative aggreganti nel Natale scorso con gli anziani, a Carnevale con iniziative dedicate ai bambini e successivamente con l' abbellimento urbano con il posizionamento di fioriere e palme, in via Francavilla a Trappitello.

“ La mostra a Taormina e la riapertura della Cripta, spiega il presidente Cardente, sono solo alcuni dei progetti realizzati ma solo una minima parte in proporzione alle idee e agli stimoli che nascono dalla passione dei nostri iscritti per l' arricchimento del territorio : sul piano culturale, sociale ma anche civico! La gioia di questa operazione per noi di TraOrmina forum è dovuta non solo dalla riconsegna ai visitatori e alla città di Taormina della cripta, ma anche per le modalità utilizzate: confronto virtuoso con le istituzioni, passione, volontariato e amore per Taormina. Proprio per questo non possiamo non ringraziare il Sindaco Eligio Giardina che ci ha sostenuto nell' operazione, la sovrintendenza di Messina, l’Assessore alla cultura Mario D'Agostino che ci ha fortemente collaborato. Ma non potremmo dimenticare l' amica Cettina Rizzo per la sua competenza e per la sua supervisione iniziale e  Giovanni Felis esperto con specializzazione in Beni Culturali che ha supervisionato i lavori di pulizia della Cripta , facendo riemergere lo spazio originale. Questa operazione, conclude Cardente,  magari non ha un valore enorme sul piano artistico e archeologico, ma certamente lo riveste sul piano civico e sociale. E dimostra che quando i cittadini e le istituzioni instaurano un dialogo e condividono buone idee, per realizzarle,  non sempre sono necessarie risorse economiche ingenti, ma la voglia di fare, la passione,  una responsabilità civica e la condivisione delle progettualità.”

La cripta, dovrebbe risalire al XVII - XVIII Secolo. In quel periodo le Cripte venivano usate per l'essiccazione degli scheletri e quindi per la preparazione della mummificazione. Un esempio più rilevante è la Cripta di Santa Caterina sempre a Taormina. A cambiare il culto della sepoltura fu il sopraggiungere di Napoleone Bonaparte con l' approvazione di una nuova leggi.

Pubblicato in Attualità

L'impianto di Videosorveglianza "Tauromenium Sicura" è già funzionante. L'impianto, finanziato dal Ministero dell'Interno con i fondi PON Sicurezza, prevede l'utilizzo di ben 25 telecamere distribuite su tutto il territorio comunale, frazioni comprese, con la centrale di controllo situata presso il comando vigili urbani (vedi foto allegata). L’iter, avviato nel 2012, è stato seguito da Giuseppe Cacopardo, R.U.P. del procedimento; l’assessore con delega ai Servizi informatici ed alla programmazione, è Mario D’Agostino.
Per opportunità strategica la Sala Apparati, cuore del sistema, si trova presso il Centro Servizi Informatici "Alfonso Grandmont". Prima della completa messa in esercizio mancano solo alcune verifiche tecniche e le opportune autorizzazioni, da parte delle autorità competenti, per la registrazione e conservazione delle immagini.
"Il sistema di videosorveglianza territoriale, spiega il vice sindaco Mario D'Agostino, risponde ad una precisa esigenza di maggior tutela da parte del cittadino. Al di la della straordinaria importanza che può rivestire per le forze dell’Ordine per una repressione efficace, che si tratti di atti vandalici o piccoli furti, è l’effetto “deterrente” l’elemento chiave del progetto.  Una città videosorvegliata, conclude D'Agostino, è semplicemente, infatti, una città più sicura, e come tale permette una migliore vivibilità per il cittadino, ma è anche premessa di maggior sviluppo economico per la attrattività territoriale."


Pubblicato in Attualità

Prevenire, si sa, è meglio che curare. Con questo spirito il comune di Taormina, su iniziativa del vicesindaco e medico Mario D’Agostino, ha avviato il progetto di educazione sanitaria dedicato agli anziani.
“L’obiettivo, spiega Mario D’Agostino, è quello di aiutare la terza età ad “acquisire salute” investendo sulla prevenzione. SosteniaAmo la salute, prosegue, mira ad incentivare un miglioramento della qualità della vita e del benessere degli individui e della società in generale, promuovendo stili di vita sani, favorendo controlli sanitari ed una maggiore consapevolezza delle patologie ad alto rischio nel delicato settore di vita della terza età.”
Il progetto si articola in più incontri che si terranno presso il Centro Anziani di Taormina e di Trappitello.
Il primo incontro che riguardava le Patologie del Polmone si è già svolto lo scorso 10 novembre presso il Centro Anziani di Trappitello. L’appuntamento adesso è per Giovedì 19 presso il Centro Anziani di Taormina alle  ore 17,00.
Il calendario prevede poi Visite senologiche: Martedì 17 Centro Anziani di Trappitello h 17,00 e Mercoledì 18 Centro Anziani di Taormina h 17,00.
In prossima programmazione: - Patologia cardiaca e visita cardiologia - Patologia della tiroide

 

Pubblicato in Salute
Pagina 1 di 2

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI