TAORMINA. ISOLA BELLA. INGRESSO A PAGAMENTO? CALTABIANO “GRAVE DANNO PER IL TURISMO”

TAORMINA. ISOLA BELLA. INGRESSO A PAGAMENTO? CALTABIANO “GRAVE DANNO PER IL TURISMO” In evidenza

L’accesso alla Riserva Orientata dell’Isola Bella potrebbe essere subordinato al pagamento di un biglietto. E’ la novità contenuta nel decreto emanato dal Presidente della Regione Rosario Crocetta .

La notizia ha, com’era prevedibile, suscitato un vespaio di polemiche.

In pratica l’area della spiaggia fino ad oggi libera potrebbe essere regolamentata da un tornello. Una novità che non è andata giu’ agli operatori economici della baia. L’unico biglietto che al momento i turisti pagano è quello che consente l’accesso all’isolotto ma la fruizione della spiaggia è sempre stata libera considerando anche la presenza di numerosi lidi e attività di ristorazione.

“Al momento – spiega Anna Abramo, direttore del Cutgana, che gestisce l’Isola Bella - siamo in una fase di informazione dedicata agli operatori economici di quanto deciso a livello regionale. Si parla di un biglietto da quattro euro con una possibile riduzione del 50%. Un ticket – aggiunge - che potrebbe tuttavia garantire servizi aggiuntivi. È certo – conclude Anna Abramo - che dobbiamo trasformare questo decreto in un'opportunità per Isola Bella, non in senso limitativo".

Non è dello stesso avviso la presidente della sottocommissione al Turismo Alessandra Caltabiano. “Il rischio, afferma Caltabiano, è che si crei un danno per il turismo e soprattutto per le attività commerciali.   Inoltre, incalza la Caltabiano, non è pensabile svegliarsi la mattina scoprire che sono stati presi provvedimenti importanti che condizionano l’economia della nostra città. Ancora una volta, conclude, le decisioni della Regione sono state prese senza alcun tipo di concertazione con il comune di Taormina.”

000
Letto 1771 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. ISOLA BELLA. ALBERI DA ELIMINARE E SPIAGGIA DA INTERDIRE

    Eliminare la situazione di pericolo procedendo a tagliare anche altri rami pericolanti. E’ quanto segnalato dal maresciallo della Guardia Costiera di Giardini Naxos Cosimo Roberto Arizzi in seguito al grave incidente verificatosi lo  scorso 4 agosto all’Isola Bella.

    Come noto domenica scorsa parte di un albero posizionato nell'area di competenza della struttura ricettiva "La Plage" rompendosi, è caduto sulla spiaggia ferendo sette bagnati.

    Il personale dei Vigile del Fuoco intervenuti hanno constatato che altri rami degli alberi presenti, posizionati all'interno della struttura, potrebbero rompersi cadendo sulla sottostante spiaggia.

    Da qui la necessità di intervenire prontamente al fine di scongiurare possibili pericoli per l'incolumità pubblica.

    Intanto il maresciallo Arizzi invita l’amministrazione comunale e l’ente gestore della riserva, il Cutgana,  a voler procedere all’interdizione della parte di arenile interessato.

    Non è la prima volta che la Plage deve fare i conti con le condizioni di “salute” dei pini marittimi che sono stati inglobati a suo tempo nel complesso alberghiero. Una vera è propria maledizione più per i pini però, ormai decimati negli ultimi anni, tra improvvise morie e rami cadenti. Mal che vada ci sarà spazio per un bungalow in più!

  • Isola Bella, al via la campagna estiva #MicroplasticRisk#. Un drink gratis a chi pulisce la spiaggia dalla plastica

    Coinvolgere i bagnanti a mantenere pulita la spiaggia dell’Isola Bella, con tanto di premio.

    Il tutto grazie alla collaborazione e alla disponibilità degli esercizi commerciali presenti sul territorio che offriranno da bere ai bagnanti “ecologisti”.

    Nasce così l’iniziativa “Un Drink gratis a chi pulisce la spiaggia dalla plastica” che apre la campagna estiva “#MicroplasticRisk” contro l'abbandono delle plastiche sulle spiagge, per promuovere il corretto smaltimento e per sensibilizzare i cittadini sui gravi effetti che l’ingestione di microplastiche determina sull’uomo e sulla sua salute.

    Una campagna promossa dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, ente gestore della Riserva naturale orientata “Isola Bella”, nell’ambito del progetto “Pianeta&Salute”, quest’ultimo diretto dalla prof.ssa Margherita Ferrante e coordinato dalla dott.ssa Natalia Leonardi.

    Grazie all’iniziativa i promotori invitano i bagnanti a raccogliere un sacchetto di rifiuti di plastica dalla spiaggia e a consegnarlo ai bar aderenti che provvederanno successivamente allo smaltimento.  In cambio, in segno di riconoscimento, i bagnanti “ecologisti” riceveranno un drink.

    La campagna “#MicroplasticRisk” è stata presentata nel mese scorso dalla dott.ssa Leonardi Natalia del Cutgana ed ha già visto coinvolti numerosi giovani studenti impegnati nella pulizia delle spiagge.

    «La campagna di sensibilizzazione #Microplastic Risk# è un’importante occasione per far riflettere i cittadini sul grave problema delle plastiche che purtroppo affligge il nostro pianeta e per invogliarli ad affrontare delle scelte corrette e consapevoli» ha spiegato la dott.ssa Leonardi. Soddisfazione è stata espressa anche da Anna Abramo, direttrice dell’Isola Bella: “Preservare la biodiversità ecologica e la vitalità del mare e far sì che l'ambiente costiero e marino sia utilizzato in modo sostenibile salvaguardandone le potenzialità per gli usi e le attività delle generazioni presenti e future è uno dei principali obiettivi delle nostre pratiche di buona gestione della riserva”.

    L’iniziativa estiva “Un drink gratis per chi pulisce la spiaggia dalla plastica” sarà promossa anche in altre spiagge e aree protette.

    Nell’ambito della campagna di sensibilizzazione #MicroplasticRisk, inoltre, saranno organizzati incontri e conferenze per coinvolgere la cittadinanza.

  • TAORMINA. D'AVENI "LA CITTÀ E' SICURA"

    “Respingiamo con forza il messaggio secondo cui Taormina è luogo di malaffare e illegalità.” A dichiararlo è il consigliere comunale Antonio D’Aveni, ex Presidente del Consiglio e candidato alle scorse elezioni regionali con Nello Musumeci.

    Il riferimento è ai recenti fatti di cronaca che hanno posto la Perla dello Jonio sotto una luce ambigua e poco aderente alla realtà.

    “ Siamo grati alle Forze dell’ordine, afferma D’Aveni, per la costante azione a tutela del territorio e della legalità ma non possiamo accettare che un singolo episodio getti un’ombra sull’onestà che contraddistingue Taormina e i suoi cittadini. Taormina è un luogo tranquillo, in cui il tasso di criminalità è limitato a sporadici e singoli episodi che neanche lontanamente minano la sicurezza della città. Alcune dichiarazioni, non ultime quelle del sindaco che parla di presenza pesante e insopportabile come se fosse cosa risaputa, sono inaccettabili. Da consigliere comunale respingo con forza l’immagine di una Taormina stretta nella morsa dell’illegalità. Taormina è  un luogo sicuro in cui venire per trascorrere le vacanze e in cui operatori economici anche importanti possono pensare di investire senza alcun timore.”

     

1 Response Found

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI