Hotel San Domenico di Taormina: la proprietà conferma i 35 licenziamenti assumendo impegni futuri vaghi che non tutelano tutto il personale impegnato

Hotel San Domenico di Taormina: la proprietà conferma i 35 licenziamenti assumendo impegni futuri vaghi che non tutelano tutto il personale impegnato In evidenza

Si è svolta questa mattina la riunione con l’azienda ed i sindacati in merito alla procedura di mobilità aperta dalla direzione aziendale della “Taormina hotel management s.r.l.” in cui l’azienda ha ribadito la necessità di licenziare tutto il personale attualmente impegnato nella famosa struttura alberghiera Taorminese. L’azienda ha inoltre confermato la trasformazione dell’offerta turistica, una volta completati i lavori di ristrutturazione di cui ancora oggi non si ha contezza precisa, da albergo annuale ad albergo stagionale. I vaghi impegni assunti dall’azienda – osserva la Filcams-Cgil di Messina - riguardano solo 19 lavoratori su 35 che potrebbero essere riassunti alla riapertura dell’albergo.

“La conferma dei licenziamenti – dichiarano Francesco Lucchesi segretario generale Filcams-CGIL Messina e Andrea Miano segretario provinciale Filcams – non può che vedere la nostra totale contrarietà alla luce del fatto che si sarebbe potuto attivare l’ammortizzatore sociale che avrebbe salvaguardato questi lavoratori durante la ristrutturazione. Non possiamo condividere che si perdano 35 posti di lavoro nella provincia di Messina e che, eventualmente, solo 19 persone vengano in futuro riassunte. Riteniamo profondamente discriminatorio che 16 persone non abbiamo garantita neanche la speranza di essere riassunti. Inoltre il cambio di politica aziendale proposto dall’azienda, in cui il San Domenico diventerà l’ennesimo albergo stagionale, cozza con le politiche di destagionalizzazione che le varie amministrazioni locali, pur tra mille difficoltà, stanno mettendo in campo per rilanciare il turismo locale”.

“Alla luce di ciò – dichiarano i sindacalisti della Filcams-CGIL di Messina – chiederemo l’attivazione di un tavolo tecnico alla presenza delle istituzioni locali al fine di individuare soluzioni alternative ai licenziamenti e non escludiamo la possibilità di coinvolgere l’Ispettorato del lavoro di Messina per verificare la correttezza della procedura di mobilità messa in atto dall’azienda”.

“La Filcams sarà accanto a tutti i lavoratori, ed in particolar modo alle 16 persone lasciate a casa senza alcuna speranza, affinchè il diritto al lavoro sancito dalla Costituzione Italiana, sia garantito anche nella provincia di Messina”, sottolineano Lucchesi e Miano.

 

000
Letto 1194 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA. FP CGIL: «Solidarietà e vicinanza agli uomini della polizia municipale e metropolitana impegnati nell’attività di controllo del territorio a Fondo Fucile»

    «Quanto accaduto la sera del 31 dicembre a Fondo Fucile, non può “ricevere” alcuna forma di giustificazione. Non solo per gli attacchi e le minacce rivolte agli uomini della polizia locale e della Messina servizi bene comune impegnati in servizio, ma anche per le conseguenze degli atti vandalici compiuti nella zona interessata dalla “guerriglia urbana”». Questo il commento del Segretario generale della FP CGIL Francesco Fucile, intervenuto non solo al fine di esprimere solidarità e vicinanza agli uomini finiti del mirino dei facinorosi protagonisti degli incresciosi fatti verificatisi, ed in primis del neo comandante Daniele Lo Presti della Polizia Metropolitana, che ha riportato una  frattura del polso, ma anche per stigmatizzare un comportamento che mostra disinteresse nei confronti della cosa pubblica. «Oltre a non essere accettabile l’atteggiamento di violenza messo in atto – conclude Fucile -, non è tollerabile,  assistere alla distruzione dell’arredo urbano, anche perché tutto questo si traduce in ulteriori spese a carico della collettività».

     

  • Taormina. Hotel San Domenico Palace. I sindacati tornano a chiedere garanzie per i lavoratori

    Il segretario della Fisascat CISL Messina Salvatore D’Agostino, in una nota indirizzata alla nuova proprietà dell’hotel San Domenico Palace e per conoscenza al primo cittadino Mario Bolognari, esprime preoccupazione e rammarico per il mancato rispetto degli accordi sottoscritti nel 2017 che prevedevano la riassunzione di tutto il personale impiegato nella precedente gestione. 

    Sulla vicenda si registra anche la presa di posizione del sindaco chiamato in causa dalla stessa organizzazione sindacale. 

    “Confermo, afferma Bolognari,  di aver avuto un incontro con una delegazione di lavoratori a tempo determinato e di aver preso visione dell’accordo sindacale che garantiva la riassunzione alla riapertura della struttura alberghiera. Esclusivamente nell’interesse pubblico e a tutela degli interessi dei lavoratori, ho chiesto delucidazioni alla Taormina Hotel Management, la quale mi ha assicurato di aver sottoposto l’accordo all’attenzione della Four Seasons, società con la quale ha sottoscritto un accordo per la gestione della struttura alberghiera denominata Hotel San Domenico. Ci tengo a precisare che non sono a conoscenza dei termini contrattuali intercorsi tra la Taormina Hotel Management e la Four Seasons, né li ho richiesti, non essendo di mia competenza questo tipo di relazioni economiche e commerciali intercorrenti tra società private. Mi è stato assicurato che sarebbe stato fatto tutto quanto nelle possibilità della Taormina Hotel Management per soddisfare le legittime richieste dei lavoratori, all’interno dei criteri di competenza professionale e di efficienza sul lavoro dettati da Four Seasons. Ci tengo a precisare, inoltre, che da parte mia non c’è stato, né ci sarà mai un interessamento per i casi personali, ma una semplice attenzione in difesa del principio di equità e di valorizzazione del merito.” 

  • Giardini Naxos. Polizia Municipale. La Fp Cgil denuncia problemi nell’organizzazione dei servizi COVID

    Il segretario della FP CGIL, Francesco Fucile e il coordinatore proviciale della Polizia locale, Otello Lo Prete, contestano la gestione dei servizi COVID effettuati su disposizione della Questura 

    La FP CGIL interviene sull’organizzazione dei servizi COVID nel Comune di Giardini Naxos, istituenda zona rossa. Secondo quanto disposto dal Questore di Messina, infatti, è stato previsto l’impiego di n.2 pattuglie giornaliere della Polizia Municipale, a presidio fisso di Ordine Pubblico per il controllo di due varchi d'ingresso della città. «Tale disposizione – affermano il segretario della FP CGIL, Francesco Fucile e il coordinatore proviciale della Polizia locale, Otello Lo Prete -, non tiene conto della carenza di organico del Corpo di Polizia Municipale di Giardini, che non consente l'impiego di quanto richiesto poiché devono essere garantiti anche gli altri servizi d'istituto. Il Comandante della Polizia Municipale, per ovviare a ciò ed al fine di ottemperare all'ordinanza, ha impiegato, per la formazione delle pattuglie, un solo agente più un volontario della Protezione Civile. E’ però necessario ricordare – continuano i dirigenti sidnacali -, che il volontario di Protezione Civile è una persona che mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri; che in certe attività può essere incaricato di un pubblico servizio; che tra le cose che non può assolutamente fare, c’è la  richiesta di documenti, l’intervento in ambito di Ordine Pubblico, la gestione, come singolo o squadra, della la viabilità stradale».  

    La FP CGIL chiede quindi che venga verificata la legittimità e/o conformità all’Ordinanza della Questura e chiede, pertanto, di predisporre un nuovo servizio con l'impiego soltanto di una sola pattuglia di Ordine Pubblico giornaliera, formata da due agenti di Polizia Municipale e, eventualmente, coadiuvata dai volontari della Protezione Civile». 

     

     

       

      

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI