NIZZA DI SICILIA. SPORT, AGENZIA GIOVANI - FIDAL - ANCI E COMUNE DI NIZZA DI SICILIA PRESENTANO "PROGETTO PARCHI"

NIZZA DI SICILIA. SPORT, AGENZIA GIOVANI - FIDAL - ANCI E COMUNE DI NIZZA DI SICILIA PRESENTANO "PROGETTO PARCHI" In evidenza

Si terrà sabato 5 maggio, alle ore 15.00, presso lungomare di Nizza di Sicilia l’inaugurazione del “Progetto Parchi” per la valorizzazione delle aree verdi.

L’iniziativa, promossa dalla FIDAL (Federazione Italiana Atletica Leggera) ed ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), sostenuta dall’Agenzia Nazionale per i Giovani, ha l’obiettivo di promuovere interventi di arredo urbano del Lungomare di Nizza di Sicilia al fine di promuovere ed incoraggiare la pratica sportiva.

All’inaugurazione saranno presenti il Sindaco di Nizza di Sicilia, Piero Briguglio, il Segretario Generale della FIDAL Fabio Pagliara, il Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Giacomo D’Arrigo,Gabriella Dorio (ex mezzofondista italiana, medaglia d'oro nei 1500 metri piani alle Olimpiadi di Los Angeles 1984) e Giacomo Leone (ex maratoneta italiano, vincitore nel 1996 della maratona di New York), in qualità di testimonial.

ll “Progetto Parchi” ha tra gli obiettivi quello di valorizzare le aree verdi con interventi di arredo urbano, incoraggiando la pratica sportiva con lo scopo di promuovere la salute. La corsa è tra tutte le attività fisiche la più semplice, la più economica e la più facile da mettere in pratica.

Obbiettivi


  • Accrescere il valore dello sport come benessere, salute autostima e inclusione sociale.

  • Ridurre i rischi per la salute che comporta uno stile di vita poco orientato al benessere

fisico(patologie cardiovascolari, obesità, ipertensione, diabete e ipercolesterolemia).
• Valorizzare i parchi pubblici.

 


  • Creare circuiti permanenti nei parchi più importanti d’Italia.

  • Fare attività di gruppo e favorire lo sport a Km 0.

  • Educare ed ispirare i giovani con un modello di vita sportiva.

 “Abbiamo sostenuto da subito il “Progetto Parchi” della FIDAL perché lo Sport è da sempre lo strumento per eccellenza per favorire l’inclusione sociale dei giovani, le pari opportunità, il contrasto alla dispersione scolastica e per incentivare l’adozione di stili di vita salutari. Questo infatti rientra nella più ampia strategia di promuovere lo sport, anche tramite Erasmus+, come strumento di educazione non formale indispensabile per la crescita socio-culturale dei nostri ragazzi, con lo scopo di trasmettere loro alcuni valori fondamentali nella vita di tutti i giorni   come la solidarietà, la partecipazione attiva, lo spirito di squadra, la tolleranza e la coesione sociale.” Dichiara Giacomo D’Arrigo, Direttore Generale Ang “La realizzazione di questi interventi – continua -  favorisce inoltre la nascita di centri di aggregazione per le nuove generazioni diventando quindi preziosa occasione di rigenerazione delle città”.

 “FIDAL ha iniziato da tempo un percorso per promuovere il benessere fisico e la gioia di correre e riappropriarsi di spazi naturali che appartengono alle nostre città. Con il "Progetto Parchi" l'atletica, intesa come running ma anche come semplice camminata, diventa davvero uno sport per tutti, con un orizzonte che va al di là del puro agonismo e un’attenzione speciale al benessere. Creare circuiti permanenti nei parchi più importanti di Italia significa promuovere lo sport e la socialità e, soprattutto, gettare le basi per uno stile di vita sano che possa essere interiorizzato da tante persone, a partire dai giovani. Il Progetto Parchi è un investimento sul nostro futuro, e sono particolarmente felice di avere l’opportunità realizzarlo in Sicilia, nella mia terra” dichiara Fabio Pagliara, Segretario Generale FIDAL.

 “Siamo molto soddisfatti ed entusiasti di accogliere nel nostro paese il Progetto Parchi con la realizzazione di un percorso certificato FIDAL , in una cornice suggestiva quale la nostra riviera Jonica, volto alla promozione dell’attività sportiva anche attraverso appositi interventi di arredo urbano e di valorizzazione delle aree verdi. Un’occasione che consentirà di promuovere, con maggiore incidenza, la pratica dello sport e dell’atletica attraverso questa e successive iniziative già in cantiere, aperte a tutti”, commenta il Sindaco di Nizza di Sicilia, Antonino Pietro Briguglio

000
Letto 506 volte

Articoli correlati (da tag)

  • NIZZA DI SICILIA. INCENDIO IN ABITAZIONE. MORTE 2 SORELLE. DOMANI LUTTO CITTADINO

    Sono due sorelle, Cosima Pellizzeri di 97 anni e Sara Manoti di 90, le vittime dell’incendio scoppiato all’alba di stamattina in un’abitazione sul lungomare di Nizza di Sicilia.

    Erano da poco trascorse le 5 quando le fiamme hanno avvolto la piccola casa nella quale vivevano tre sorelle. Soltanto una di loro è riuscita a mettersi in salvo scappando da una finestra, per le altre due ultranovantenni, una addirittura allettata e cieca non c’è stato purtroppo nulla da fare.

    La vecchia casa con le travi in legno si è trasformata velocemente in una trappola di fiamme e fumo. Sono in corso le indagini per stabilire le cause dell’incendio, presumibilmente alla base ci sarebbe un corto circuito.

    L’intera comunità di Nizza di Sicilia è sconvolta da quanto accaduto. Le due donne erano conosciute in paese e ben volute.

    “La tragedia di oggi, afferma il sindaco Pietro Briguglio, non ha colpito solo le famiglie Manoti e Pellizzeri ma tutta la comunità di Nizza di Sicilia. Si rimane sempre attoniti al cospetto della morte, non si è mai preparati. È il dolore di un intero paese che si stringe alle famiglie in questo triste e tragico evento. Esprimo insieme all’amministrazione il cordoglio alle famiglie per le gravissime perdite, un abbraccio forte. Domani 13 febbraio 2020 è stato indetto lutto cittadino dalle ore 12 alla fine delle esequie.”

  • NIZZA DI SICILIA. CHIUSURA PONTE NISI. IL SINDACO BRIGUGLIO : CITTADINI ESASPERATI. LETTERA ALL'ASSESSORE FALCONE

    Il primo cittadino di Nizza di Sicilia Piero Briguglio ha inviato nelle scorse ore una nota all’assessorato alle infrastrutture e mobilità chiedendo chiarimenti in merito alla prolungata chiusura del ponte Nisi.

    La chiusura del ponte che collega i comun di Nizza di sicilia ed Alì terme come ricorderete era stata disposta dall’Anas nel settembre dello scorso anno.

    Ad oggi però il ritardato appalto dei lavori e il conseguente mancato avvio dei lavori di demolizione e ricostruzione del ponte causano notevoli disagi e pregiudicando la situazione economica delle attività commerciali di Nizza di Sicilia.

    La situazione attuale infatti a seguito del dirottamento del transito veicolare dalla ss114 sulla via Lungomare penalizza le attività commerciali.

    “Stiamo registrando, afferma Briguglio, gravi perdite per i nostri commercianti con conseguenti pesanti ricadute socialmente negative per tutti i cittadini. Sono amareggiato e preoccupato per il disagio che tale chiusura sta provocando sia in termini di viabilità che in ordine ai disservizi subiti. Per questo, prosegue Briguglio, ritengo che sia arrivato il momento che l’Anas e l’assessorato mi informino sull’iter procedurale dei lavori. Vogliamo sapere i tempi di esecuzione dei lavori e la conseguente riapertura del ponte Nisi.”

    A breve, come ha anticipato il sindaco di Nizza di Sicilia,  sarà indetta una riunione unitamente al comune di Alì Terme e a tutte le forze politiche, le associazioni, i commercianti e i cittadini affinché si faccia chiarezza su tempi e modalità di esecuzione dei lavori.

  • NIZZA DI SICILIA. IN MANETTE UN UOMO CON LE ACCUSE DI MALTRATTAMENTI. MINACCE GRAVI ALLA MOGLIE E AL SUO AVVOCATO

    Nella giornata di oggi il gip del tribunale di Messina, Monica Marino ha convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri di S. Teresa di Riva, nella notte tra il 7 e 8 settembre nei confronti di C.F. di Nizza di Sicilia a seguito dei maltrattamenti reiterati nei confronti della moglie.

    Questi i fatti:

    L’uomo non ha accettato la decisione della moglie di volersi separare, decisione dettata dai reiterati maltrattamenti subiti negli anni e del carattere irascibile e violento del marito. Di fronte alla scelta della moglie l’uomo, oltre alle liti violente in casa, ha iniziato a seguirla e pedinarla , anche nelle ore notturne, presentandosi addirittura più volte sul posto di lavoro, umiliandola con continue scenate e minacciandola di rovinarla se lo avesse denunciato. Nei giorni scorsi C.F.  aveva anche seguito la moglie mentre si recava presso lo studio del suo avvocato, a Roccalumera, proprio per formalizzare la domanda di separazione. L’uomo ha fatto irruzione nello studio della professionista minacciando ed insultando sia la moglie, sia l’avvocato, una professionista donna che si occupa di violenza sulle donne. L’avvocato ha dovuto, a fatica, costringere l’uomo ad andare via dallo studio, provando a chiamare i carabinieri della locale Stazione di Roccalumera, ed informandoli dell’aggressione verbale subita con violazione del proprio domicilio. Come se non bastasse, la donna, uscita dallo studio mentre si recava alla propria auto, parcheggiata nella vicina piazza Mazzullo, si è ritrovata nuovamente il marito, appostato con il motorino che l’aspettava. Fortunatamente la donna era stata accompagnata dal suo avvocato, proprio per il timore, rivelatosi fondato, che il marito fosse fuori ad aspettarla. Di fronte alle nuove minacce dell’uomo che continuava a ripetere che “sarebbe finita male e che entrambe l’avrebbero pagata cara” l’avvocata ha richiesto nuovamente l’intervento dei carabinieri. Anche in presenza dei Carabinieri, nel frattempo intervenuti sul posto, e di numerosi passanti l’uomo ha continuato ad insultare e a minacciare le due donne con gravi e pesanti espressioni.

    I militari in quell’occasione si sono però limitati ad invitare l’uomo ad allontanarsi, sottovalutando evidentemente il rischio per la donna che nel frattempo aveva formalizzato in caserma la denuncia per i reiterati maltrattamenti subiti e le minacce. Nonostante ciò i carabinieri hanno rilasciato l’uomo che ha proseguito nelle ore successive a seguire la moglie. Spaventata e stremata dai continui appostamenti ed inseguimenti per la donna la parola fine l’hanno scritta i carabinieri della compagnia di Santa Teresa di Riva che sabato, 7 settembre, sono intervenuti traendo in arresto il marito violento C.F. per il quale sono stati confermati gli arresti domiciliari. La donna è seguita dal Centro Antiviolenza “Al Tuo Fianco” di Roccalumera che l’ha assistita durante questo travagliato iter che ha portato all’arresto del marito.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI