TAORMINA.  C4Y PROJECT.  TAOBUK E ANG PROMUOVO LA PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI GIOVANI ALLA VITA DEMOCRATICA

TAORMINA. C4Y PROJECT. TAOBUK E ANG PROMUOVO LA PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI GIOVANI ALLA VITA DEMOCRATICA In evidenza

L'Associazione Taormina Book Festival – Taobuk ha visto l’approvazione da parte dell’Agenzia Nazionale peri Giovani di un Seminario Nazionale dal titolo “Challenges 4 Youth: Structured Dialogue for Integration”, afferente al programma comunitario Erasmus Plus, nell’ambito dell’Azione Chiave 3 - Incontro fra giovani e Decision makers.

Dopo la fase preparatoria alle attività progettuali che si è aperta a Giugno scorso, l’evento si terrà a Taormina dal 10 al 13 Settembre 2018 ed è finalizzato a sostenere la partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica, creando un’occasione di incontro e di dialogo tra i giovani e i responsabili per le politiche giovanili.

Gli ambiti tematici che il progetto si propone di indagare riguarderanno: il futuro dei giovani in EU, Partecipazione e Inclusione sociale, Politiche di Integrazione dei migranti e rifugiati e Diritti Umani, Volontariato giovanile e Corpo europeo di solidarietà, Erasmus Plus e opportunità di mobilità per i giovani in UE. Obiettivo generale del progetto è quello di offrire ai partecipanti la possibilità di creare spazi di confronto e dialogo attivo ad oggi sempre più indispensabili per promuovere la partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica del Paese, l’integrazione e l’inclusione di soggetti svantaggiati, anche in vista delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo nel 2019.

La partecipazione delle nuove generazioni è infatti sempre più fondamentale nel percorso di crescita e sviluppo sociale, culturale ed economico del Paese, è necessario promuovere iniziative di solidarietà in tempi di crisi con il supporto del volontariato partendo proprio dall'energia, l’entusiasmo, l’empatia e le motivazioni delle nuove generazioni.

Obiettivi specifici del progetto, in linea con gli scopi del programma e dell’Azione Chiave 3 sono:

- Permettere ai giovani di capire e sperimentare il processo di formazione del dialogo strutturato, fornendo il proprio personale contributo, divenendo abili a rispondere alla sfida di costruire una società più inclusiva;

- Allargare la platea di giovani che, pur non essendo direttamente coinvolti in pratiche quotidiane di partecipazione attiva, possono contribuire al processo decisionale, sfruttando la possibilità di un dialogo diretto con i decision makers, in uno spazio facilitato di prossimità e d’interazione face to face.

Le tematiche affrontate e le attività programmate, permetteranno una partecipazione molto ampia al progetto, infatti, l'approccio “dal basso”, fornirà ai partecipanti la consapevolezza del loro diritto di iniziativa su questioni di rilevanza europea, ponendo sotto i riflettori la profonda democraticità della costruzione comunitaria, partecipando più da vicino al processo di definizione delle politiche, per promuovere dibattiti approfonditi e scambi di buone prassi.

 

Il primo appuntamento è previsto Lunedi 10 Settembre alle ore 15,30 presso l’Archivio Storico del Comune di Taormina, durante il quale, in occasione della Conferenza Stampa vi sarà la Presentazione del progetto, del programma delle attività e sarà dato Avvio alle attività progettuali.

I due momenti salienti riguardano il Workshop pubblico interattivo di martedì 11/09/2018 alle ore 16,00 presso l’Aula Consiliare del Comune di Taormina, durante il quale insieme al Sindaco di Taormina Prof. Mario Bolognari e ad un nutrito numero di amministratori dei comuni del comprensorio, saranno discusse e dibattute insieme ai giovani partecipanti tematiche relative a Democrazia partecipativa, Dialogo strutturato e strumenti a supporto della partecipazione giovanile nelle scelte decisionali a livello locale ed europeo, condividendo idee e scambiando buone prassi fra gli amministratori del territorio.

Il secondo importante momento progettuale sarà caratterizzato dal Convegno, dal titolo “Giovani e Migranti: Politiche d’inclusione sociale e Storie d’Integrazione” che si terrà giovedì 13/09/2018 alle ore 16,30 presso l’Aula consiliare del Comune di Taormina.

 

000
Letto 169 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. IL 13 LUGLIO IN SECONDA SERATA SU RAI3 TAOBUK

    Si è svolto dal 21 al 25 giugno Taobuk - Taormina International Book Festival, ideato e diretto da Antonella Ferrara. Tema di questa nona edizione il desiderio: anelito che mette le ali alla volontà, fiamma che accende più della ragione, ricerca della felicità che ha nell’appagamento del piacere la ricompensa. Lo spettacolo, l’arte, la letteratura nascono proprio dal desiderio di narrare e lasciarsi affascinare da una storia.

    Seguendo questo filo rosso, come ogni anno, l‘atteso gala al Teatro Antico di Taormina andrà in onda su Rai 3 sabato 13 luglio alle 23.50: una grande serata di letteratura, musica e cinema che accoglie gli interventi di molti nomi della cultura e dello spettacolo, italiani e internazionali, condotta dal giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, presidente di Taobuk.

    L’evento spettacolare, in una cornice unica al mondo, vede alternarsi sul palco il Premio Pulitzer Jhumpa Lahiri, scrittrice londinese di origini bengalesi, e Ian McEwan, uno dei più grandi autori britannici contemporanei. La serata è accompagnata dal grande cantautorato e dalla musica internazionale più raffinata: diretti da Valter Sivilotti e accompagnati dall’orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, si sono esibiti Simone Cristicchi, autore di tanti brani di spessore anche sociale, e Nina Zilli, una delle voci più soul della musica italiana contemporanea. E ancora, la violinista Anastasiya Petryshak, sulle note del brano Zigeunerweisen di Pablo de Sarazade, e il mezzosoprano georgiano Nino Surguladze, sul palco ad affascinare il pubblico con la Chanson Bohème dalla Carmen di Bizet. Ancora tanto spettacolo con gli interpreti di spicco in ambito cinematografico, teatrale e televisivo Massimo Ghini, Nancy Brilli e Fabrizio Ferracane, quest’ultimo premiato per la sua magistrale interpretazione nel ruolo del cassiere della mafia Pippo Calò nel film Il traditore di Marco Bellocchio.

    Infine, non è mancata la più sofisticata moda italiana, con la stilista Marella Ferrera, e uno spazio dedicato alla letteratura esordiente con il Premio TaoTIM -  riconoscimento ideato da Taobuk in collaborazione con TIM e riservato a giovani under35 - consegnato da Carlo Nardello, Chief Strategy, Customer Experience & Transformation Officer di TIM, a Eleonora Bufalino, giovane vincitrice del premio grazie a un elaborato sul tema “La tecnologia ispira il desiderio”.

    Danno il proprio contributo al format gli autori Federico Zatti e Valerio Callieri con la collaborazione di Paola Rosmini, il regista Stefano Sartini, il direttore della fotografia Marco Lucarelli e il direttore di produzione Sara Scotti.

  • TAOBUK. TESTIMONIANZA DI BELLEZZA E UMANITA'

    Sabato 22 Giugno, al Teatro Antico di Taormina, nella serata di gala del Taobuk, dedicato al desiderio, si è esibito in un breve recital finale Simone Cristicchi, con l'orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania. E' stata una performance speciale, una vera perla, che ha reso l'evento gradito e prezioso per il pubblico presente che gli ha riservato una calorosa accoglienza. Cristicchi è subito entrato in empatia, nei confronti degli intervenuti, con la lettura di un brano letterario, tratto da "Novecento" di Alessandro Baricco, suscitando interesse e partecipazione sincera sul tema del desiderio a misura d'uomo. L'artista ha presentato un repertorio di canzoni significative, caratterizzate da una cultura profonda, sofferta ed umana . Ha interpretato "Lo chiederemo agli alberi", "Mi manchi", " L'ultimo valzer", " La prima volta che sono morto", " Ti regalerò una rosa" ed " Abbi cura di me", pezzi rilevanti nella descrizione della condizione dell'uomo di oggi dentro la nostra società, evidenziando sensibilità ed attenzione nei riguardi degli emarginati, della solitudine, della natura e dell'esistenza quotidiana. In realtà nel clima incantevole e suggestivo del Teatro, con una platea coinvolta e concentrata, il cantautore, sostenuto dall'arrangiamento accurato del direttore d'orchestra, si è trasformato in un messaggero di belle parole: vita, tenerezza, cura, attenzione, gioia, gentilezza, fede, in contrapposizione a morte, indifferenza, isolamento, individualismo. Tutta la serata si è rivelata una vera e propria carica di fiducia, in un momento di crisi deprimente, per risollevare il morale di una società che può contare sul contributo di artisti che vivono con passione ed impegno, grazie al coraggio della propria ispirazione e dell'azione. In tal modo diventano testimoni creativi e credibili del nostro tempo, evocando valori e principi di bellezza, di libertà, di pace, di vita, di umanità e di cittadinanza nella comunità in cui si opera. Un titolo di merito va sottolineato in generale per l'organizzazione della manifestazione culturale del Ta@buk, per l'animatrice del festival e per tutta la città di Taormina, in grado di far intervenire personaggi che svolgono un ruolo di primo piano nel campo della letteratura connessa alla realtà che si sta vivendo in questo mondo ed orientata a narrare possibili percorsi di promozione umana.

  • TAORMINA. A TAOBUK "PIRATERIE" DI FRANCESCO PIRA

    Approda a Taobuk, il festival del libro ideato e diretto da Antonella Ferrara, il libro  PIRATERIE , edito da Medinovba, e scritto da Francesco Pira, sociologo e professore di comunicazione e giornalismo all’Università di Messina. A Taobuk è venuta fuori una presentazione vivace in cui il pubblico ha interagito ponendo tantissime domande al sociologo. L’autore, Francesco Pira, ha spiegato il senso di questo progetto editoriale, molto apprezzato dal pubblico aiutandosi con aneddoti sulla nostra vita social.

    “Gli articoli sono stati raccolti in dodici sezioni che sottolineano i tratti salienti del mutamento sociale in atto e per ogni macro-area è stata offerta una chiave di lettura per mezzo della quale invitare il lettore a riflettere sui suoi comportamenti e in questo modo magari porsi in maniera critica nei confronti delle nuove tecnologie e della rete". "È il primo volume ha spiegato il professore Pira- che pubblico con Medinova, la casa editrice dell’intraprendente Antonio Liotta e ringrazio, chi ha dato il proprio contributo alla realizzazione dell’opera: Nicolò D’Alessandro, palermitano collaboratore di Repubblica, da vero maestro d’arte ed eccellente intellettuale, ha creato l’immagine di copertina, in cui dietro un pirata dagli occhi buoni ha nascosto il mio volto, giocando pure con il cognome; fotografa taorminese Lidia Bolognari, autrice di straordinari reportage in giro per il mondo, che ha scattato la foto della quarta di copertina. Da sociologo e giornalista ho ritenuto utile il contributo che ho potuto offrire su temi, sui quali ci soffermiamo poco perché li consideriamo altro da noi, eppure condizionano i nostri comportamenti e la nostra esistenza non solo di singoli individui, ma soprattutto le relazioni interpersonali, impostandole su nuovi codici e nuovi linguaggi che dobbiamo imparare a riconoscere ed utilizzare in maniera consapevole”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI