TAORMINA. PROGETTO RIPASCIMENTO ISOLA BELLA. NOTA DEL MINISTERO

TAORMINA. PROGETTO RIPASCIMENTO ISOLA BELLA. NOTA DEL MINISTERO In evidenza

Interviene anche il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nella vicenda del finanziamento concesso nell’ambito del piano di interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, in attuazione della procedura prevista dal DPCM del 14 luglio 2016 al comune di Taormina.

Il progetto era stato presentato dalla precedente amministrazione e riguardava la progettazione delle opere di salvaguardia e restauro geoambientale della spiaggia di "Isola bella" per un importo della progettazione di euro 161.734,98.

Un ottimo risultato in teoria… in pratica un possibile danno alla baia dell’Isola Bella.

L’intervento in questione infatti così come evidenziato da Legambiente, dal WWF e dall’attuale primo cittadino Mario Bolognari  risulta assolutamente inutile.

L'area coinvolta dall'intervento non sarebbe interessata da  alcun processo erosivo che giustifichi il ripascimento artificiale previsto, inoltre all'interno  della  baia oggetto di intervento sarebbero presenti numerosi affioramenti di Posidonia oceanica, specie protetta, che sarebbe fortemente danneggiata dall'intervento in progetto.

Con nota Prot. n. 18287 del 7 agosto 2018 il Comune di Taormina aveva fatto presente che l'intervento di cui trattasi era stato proposto  dalla precedente  amministrazione  e, nell'esprimere forte perplessità  sull'intervento medesimo, rappresenta la necessità di un approfondimento.

Con la successiva nota prot n. 190/2018 del 9 agosto 2018 il WWF Italia evidenziava, in particolare, come il previsto ripascimento della spiaggia non solo non appariva motivato da alcun processo erosivo ma progettato in assenza  della  necessaria procedura di Valutazione di incidenza di cui all'art. 5 del DPR 357/97 e smi, a tutela delle caratteristiche della spiaggia e dei fondali caratterizzati dalla presenza di Posidonia oceanica.

Con la ulteriore nota Prot. n. 17179 del 27 agosto 2018,  infine il  Comune di Taormina, preso atto delle criticità emerse, aveva comunicato in ultimo la rinuncia alla progettazione dell'intervento in questione.

Alla luce di ciò il Ministero ha inviato una nota alla Regione Siciliana chiedendo di valutare gli elementi trasmessi e di procedere, ove ritenga opportuno, alla richiesta di revoca del finanziamento della progettazione dell'intervento in oggetto, e della conseguente riprogrammazione  delle risorse.

 

000
Letto 509 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Villa San Pancrazio. Le perplessità di Legambiente

    Un conflitto di interessi tra pubblico e privato nei lavori di ristrutturazione dell’ex Villa San Pancrazio. E’quanto evidenzia in una nota il circolo di Legambiente.

     “L’ingarbugliato groviglio di interessi privati sbandierati come mecenatismo, desideri di prestigio condotti sotto il vessillo della ricerca pura con la partecipazione di Università, Soprintendenza e Amministrazione comunale, caratterizza dagli inizi il progetto di ristrutturazione dell'ex Villa San Pancrazio.” Inizia così la nota a firma della presidente Annamaria Nossing.

    “In questa vicenda, prosegue,  si è creato un peculiare conflitto di interessi scaturito dalla confusione fra pubblico e privato, archeologia e commercio, ambizioni personali e ricerca scientifica, particolarmente pericoloso in una città come Taormina così esposta agli attacchi speculativi e priva di qualsiasi attività di adeguamento del piano regolatore e alcuna stesura del piano e regolamento del verde.

    Il progetto di coinvolgere le società private che intendono investire a Taormina nel finanziamento di attività di restauro o valorizzazione di beni pubblici della città è senz’altro un progetto con grandi potenzialità.  Ma naturalmente può divenire una pratica proficua per la città solamente se realizzato con assoluto rigore, eseguito da partner di grande competenza, con controlli accurati e severi facendo sì che l’interesse privato rimanga in ogni momento subordinato al bene pubblico. Insomma se si riesce ad evitare che divenga il solito do ut des, la squallida politica di scambio di favori in cui una mano lava l’altra per distrarre gli elettori lanciando loro il profumato osso di un’opera pubblica fatta male o addirittura inutile, ma la cui suggestiva narrazione, la presentazione coreografica permette di poter impunemente speculare, costruire dove è proibito. Speriamo che non sia questo il caso e che le ricerche archeologiche non divengano un pretesto per continuare il sacco di Taormina. La nuova (ma anche di lunga, pregressa esperienza) amministrazione ha certamente a cuore i valori culturali e il patrimonio artistico e monumentale della città ed è senz’altro in grado di distinguere fra una sua vera valorizzazione ed un uso improprio. Speriamo dunque, conclude Annamaria Nossing,  che non si lascerà fuorviare deviando dalle norme del piano paesaggistico, fra le poche, vere difese del nostro fragile territorio, per accontentare appetiti privati che non portano altro che degrado in un comprensorio magnifico ma che necessita di una tutela attenta e instancabile poiché è sempre più sotto attacco.”

  • Parco Naxos Taormina e Politecnico di Torino WORKSHOP su ISOLABELLA

    Nell’ambito del programma di valorizzazione dell’Isolabella, si è concluso il workshop di progettazione organizzato dal Parco Archeologico Naxos Taormina e in collaborazione con il Politecnico di Torino. Il corso è stato tenuto  dalla prof.ssa Valeria Minucciani, titolare dell’Atelier di Architettura degli interni e Museografia, dal prof. Emanuele Romeo , docente di Restauro e coordinatore del dottorato in beni Architettonici e paesaggistici del Politecnico di Torino,  dalla prof.ssa Anna Pellegrino, titolare del corso di Illuminotecnica, e dai tutor arch.Riccardo Rudiero, e arch. Lodovica Valetti.  Il workshop ha offerto agli studenti l’opportunità di confrontarsi con l’unicum naturale e paesaggistica e architettonico di Isolabella e con il tema complesso della sua conservazione e valorizzazione in un contesto a vocazione spiccatamente turistica.

    Il Cutgana, Ente gestore della Riserva ha partecipato con grande interesse, apportando il suo qualificato contributo  per gli aspetti naturalistici che caratterizzano la Riserva Naturale Isola Bella.

    La collaborazione tra Parco Archeologico Naxos Taormina, Politecnico di Torino e Università di Catania  ha voluto così offrire un qualificatissimo contributo per il costituendo museo di Isolabella.

     Nei 5 giorni di workshop, svoltosi dal 19 al 23 novembre, quindici ragazzi, scelti in base ad una preselezione qualitativa effettuata dal gruppo docenti, si sono  “immersi” nella realtà dei luoghi, e hanno proposto, divisi in gruppi, diverse soluzioni progettuali inerenti gli spazi interni e quelli esterni di Isolabella, volti a comunicare ad un pubblico vasto non solo la storia dei luoghi ma anche le soluzioni architettoniche che, non alterando la naturalità dell’isola, ne hanno aumentato il fascino e determinato la peculiarità.

    Il workshop proseguirà nei mesi successivi presso le sedi del Politecnico di Torino per perfezionare quanto prodotto  nella settimana svoltasi a Taormina.

     

  • GIARDINI NAXOS. Castello di Schisò di Giardini Naxos. Le perplessità di Legambiente, l’entusiasmo della Regione. In mezzo i conti che non tornano.

    “Come si è oggi arrivati a comprare il Castello per una cifra quasi tre volte superiore a quella fissata nel marzo scorso? C’è una nuova valutazione del valore dell’immobile? Chi l’ha fatta? Chiediamo chiarezza, perché continueremo a batterci per salvare il patrimonio culturale della nostra regione, ma, con la stessa forza e determinazione, vogliamo affermare i valori di legalità e trasparenza”. A dichiararlo è Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

    “Ci siamo battuti e chiesto da tempo che la Regione acquisisca il Castello di Schisò. L’ultima volta nella tappa di Salvalarte, lo scorso 12 maggio, durante un convegno a Giardini Naxos, evidenziando però, in quella sede, alcune anomalie nella decisione di un giudice del Tribunale di Messina di annullare la procedura di vendita all’asta.

    Queste perplessità furono rilanciate in un’intervista dalla storica dell’arte Silvia Mazza che, durante le procedure di vendita nei mesi precedenti, aveva interessato l’allora Assessore Sgarbi, chiedendogli, giustamente, di non far partecipare la Regione all’asta.

    La vendita del Castello fu stabilità alla cifra di 1.615.000,00  euro, unico possibile acquirente la società Hotel Palme srl; cifra che avrebbe dovuto sborsare la Regione esercitando il diritto di prelazione, essendo un bene vincolato. Infatti, gli organi del Parco archeologico di Naxos, nella delibera del 30 dicembre 2017, avevano stanziato questo importo per l’acquisto del bene.

    Ma, il 12 marzo 2018, questo giudice di Messina decide sia di bloccare la vendita sia la successiva base d’asta  di 4.100.000,00  euro, per stabilire la quale ha individuato come “utile parametro  l’ammontare dello stanziamento all’uopo di recente disposto dal Parco archeologico di Naxos”. Inoltre, il giudice, rincarando la dose, parla nell’ordinanza di un “intervenuto stanziamento del complessivo importo di 3.413.473 euro” finalizzato dal Parco “all’acquisto del Castello”.

    Peccato che, agli atti del Parco, così come confermò pubblicamente la direttrice del Parco, l’architetto Vera Greco, alla nostra iniziativa del 12 maggio, non risulta nulla di tutto questo, ma solo la delibera che stanziava 1.615.000,00 euro.

    Ora mi chiedo e chiedo all’Assessore Tusa: come si è oggi arrivati a comprare il Castello per una cifra quasi tre volte superiore a quella fissata nel marzo scorso? C’è una nuova valutazione del valore dell’immobile? Chi l’ha fatta? Spero che la base della nuova determina non sia l’astruso e disinvolto ragionamento fatto dal giudice nell’ordinanza. Sarebbe uno scandalo.

    Chiediamo chiarezza, perché continueremo a batterci per salvare il patrimonio culturale della nostra regione, ma, con la stessa forza e determinazione, vogliamo affermare i valori di legalità e trasparenza”.

    Dall’altra parte l’annuncio entusiastico del governatore della Sicilia Nello Musumeci: «Si è realizzato un obiettivo di grande significato, non solo culturale. Acquisizioni come queste esaltano il valore della tutela del bene, un "simbolo" per quel territorio».

    La direttrice del Parco archeologico di Naxos-Taormina, Vera Greco, in rappresentanza dell’assessorato regionale dei Beni culturali, ha sottoscritto l’atto notarile di acquisto per un importo pari a 3,4 milioni di euro, utilizzando i fondi del Parco.

    «E' un’acquisizione di cui si parla da decenni -evidenzia l’assessore regionale dei Beni culturali Sebastiano Tusa- e in cui non credeva più nessuno. E un passo decisivo per la nascita di un grande Museo archeologico nella città che fu la prima colonia greca di Sicilia e che adesso potrà avrà sede degna, dopo gli interventi di restauro necessari sull'immobile storico. Questa, fin dall’inizio, è stata la visione e la destinazione immaginata da me e dal presidente Musumeci. Considero l’acquisizione del Castello di Schisó una delle realizzazioni più qualificanti del mio mandato di assessore. Ringrazio la direttrice del parco di Naxos Vera Greco, per l’impegno che ha trasfuso in questa iniziativa e con lei il commissario Giuseppe Valentino, Giovanni Angileri e Carmelo Briguglio del mio staff, che hanno lavorato dall’inizio del mio mandato a questo progetto che conferisce alla comunità regionale e al territorio un bene pubblico che adesso è a disposizione di tutti i siciliani e dei visitatori dell’Isola».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI