TAORMINA. PROGETTO RIPASCIMENTO ISOLA BELLA. NOTA DEL MINISTERO

TAORMINA. PROGETTO RIPASCIMENTO ISOLA BELLA. NOTA DEL MINISTERO In evidenza

Interviene anche il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nella vicenda del finanziamento concesso nell’ambito del piano di interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, in attuazione della procedura prevista dal DPCM del 14 luglio 2016 al comune di Taormina.

Il progetto era stato presentato dalla precedente amministrazione e riguardava la progettazione delle opere di salvaguardia e restauro geoambientale della spiaggia di "Isola bella" per un importo della progettazione di euro 161.734,98.

Un ottimo risultato in teoria… in pratica un possibile danno alla baia dell’Isola Bella.

L’intervento in questione infatti così come evidenziato da Legambiente, dal WWF e dall’attuale primo cittadino Mario Bolognari  risulta assolutamente inutile.

L'area coinvolta dall'intervento non sarebbe interessata da  alcun processo erosivo che giustifichi il ripascimento artificiale previsto, inoltre all'interno  della  baia oggetto di intervento sarebbero presenti numerosi affioramenti di Posidonia oceanica, specie protetta, che sarebbe fortemente danneggiata dall'intervento in progetto.

Con nota Prot. n. 18287 del 7 agosto 2018 il Comune di Taormina aveva fatto presente che l'intervento di cui trattasi era stato proposto  dalla precedente  amministrazione  e, nell'esprimere forte perplessità  sull'intervento medesimo, rappresenta la necessità di un approfondimento.

Con la successiva nota prot n. 190/2018 del 9 agosto 2018 il WWF Italia evidenziava, in particolare, come il previsto ripascimento della spiaggia non solo non appariva motivato da alcun processo erosivo ma progettato in assenza  della  necessaria procedura di Valutazione di incidenza di cui all'art. 5 del DPR 357/97 e smi, a tutela delle caratteristiche della spiaggia e dei fondali caratterizzati dalla presenza di Posidonia oceanica.

Con la ulteriore nota Prot. n. 17179 del 27 agosto 2018,  infine il  Comune di Taormina, preso atto delle criticità emerse, aveva comunicato in ultimo la rinuncia alla progettazione dell'intervento in questione.

Alla luce di ciò il Ministero ha inviato una nota alla Regione Siciliana chiedendo di valutare gli elementi trasmessi e di procedere, ove ritenga opportuno, alla richiesta di revoca del finanziamento della progettazione dell'intervento in oggetto, e della conseguente riprogrammazione  delle risorse.

 

000
Letto 540 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA. LE MANI DELLE DONNE. PENSIERI, MUSICA, MANUFATTI, IMMAGINI. COSÌ IL CLUB SOROPTIMIST CELEBRA LA DONNA

    Si è svolta giovedì 7 marzo la manifestazione organizzata dal club Soroptimist di Messina presieduto dalla Prof.ssa Rossella Musolino in collaborazione con il Teatro Vittorio Emanuele.

    Un importante momento dedicato alle donne e ai loro saperi in occasione della giornata internazionale della Donna.

    Il foyer del Teatro V. Emanuele ha accolto per l’occasione una mostra ispirata alle mani della donna. Pensieri, musica, manufatti, immagini che hanno raccontato attraverso un viaggio a ritroso l’arte femminile. Ad inaugurare l’esposizione il prefetto S.E. Maria Carmela Librizzi e l’assessore ai servizi sociali del comune di Messina Alessandra Calafiore.

    “L’idea, ha spiegato Patrizia Billè nella sua introduzione, è nata aprendo un cassetto nel quale mia madre custodiva la sua biancheria. Ho trovato un antico copriletto realizzato a mano ed ho pensato alle mani delle donne, a quanta fatica ci fosse dietro la sua realizzazione, quanto lavoro. Un’antica coperta scovata per caso ha dato l’avvio ad una riflessione di più ampio respiro. Ho pensato a quelle donne che potevano esprimersi solo nel microcosmo delle loro case, nel silenzio e nell’oscurità. A quelle donne che hanno avuto nelle loro mani la forma di sostentamento primario.”

    E’ nata così dunque l’idea di mettere in scena una mostra tesa a valorizzare gli antichi saperi delle donne, la loro precisione manifatturiera. Una sorta di riscatto rispetto all’epoca in cui quelle donne non avevano potuto scegliere di fare altro.

    Delle mani che cambiano e del confronto con le generazioni passate si è occupato il Prof. Mario Bolognari, antropologo e direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne.

    “Oggi, ha affermato Bolognari, le donne hanno conquistato nuovi ruoli, nuove conoscenze. Il numero di donne laureate e diplomate è superiore a quello degli uomini. Nonostante ciò il progresso sembra essere solo apparente e non colpire i reali processi di crescita. Le mani fortemente lavorative di un tempo oggi sono mani esposte, fotografate, mani che giocano sulla scena sociale. E parlando degli antichi saperi delle donne, ha proseguito Bolognari, il rischio è di consegnare all’oblio un pezzo di storia dell’800.”

    La mostra ha rappresentato un momento per recuperare storie e tradizioni e celebrare i saperi delle donne partendo dalla consapevolezza che oggi le donne hanno la libertà di scegliere di riappropriasi di quei saperi.

    Le mani che curano è stato il tema dell’intervento della Prof.ssa Marianna Gensabella, ordinario di Filosofia morale presso il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell'Università degli Studi di Messina. Nel suo intervento la Prof.ssa Gensabella ha ripercorso il legame tra mani e cura, riportandoci al rapporto intimo tra donna e cura e alle mani della madre, che rappresentano quel grande altro che da un senso alla nostra vita.

    Soddisfazione è stata espressa dalla Presidente Rossella Musolino che ha concluso i lavori con una riflessione sulla necessità di riappropriarsi delle proprie scelte evidenziando ancora una volta come l’evento sia stato pensato quale omaggio alle donne fuori da ogni stereotipo per un 8 marzo non solo celebrativo ma costruttivo, con il cuore ed il pensiero ad Alessandra, l’ennesima vittima di femminicidio.

  • Taormina, Isola Bella. Studenti “Erasmus” a lezione di gestione e utilizzo efficace delle risorse naturali

    Una giornata ecologica per scoprire la “Perla del Mediterraneo” e soprattutto per conoscere e approfondire le attività di gestione mirate alla valorizzazione e alla fruizione eco-sostenibile della Riserva naturale orientata “Isola Bella” anche grazie alla tecnologia di oggi.

    A vivere questa esperienza sono stati 50 studenti provenienti da diversi istituti scolastici della Slovacchia, Norvegia, Macedonia, Romania e Turchia e del Liceo scientifico “Fermi” di Paternò nell’ambito del Progetto Erasmus KA2 “We are smarter than technology” finalizzato alla conoscenza, consapevolezza e responsabilità nell’uso della tecnologia grazie anche alla visita guidata alla Riserva naturale orientata “Isola Bella” gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania.

    Un progetto che ha come obiettivo anche la sensibilizzazione verso un uso corretto degli strumenti digitali.

    Gli studenti dell’istituto di Paternò, accompagnati dalla referente del progetto, la prof.ssa Maria Nicolosi, sono stati guidati nell’area protetta dal direttore della riserva Anna Abramo e dagli esperti Emilia Musumeci, Giovanni Sturiale e Sergio Aleo del Cutgana che si sono soffermati sulle buone pratiche gestionali, attività di monitoraggio e sulle criticità ambientali che insistono sull’area oltre sugli aspetti geologici del sito. Ma anche sul progetto “CET - Fruizione sostenibile di Circuiti EcoTuristici”, e la sua applicazione, tramite cui il Cutgana ha realizzato i virtual tour in 2D e 3D della riserva naturale “Isola Bella”, un sistema informativo che permette una fruizione assistita dei circuiti eco-turistici mediante la distribuzione di informazioni utili alla conoscenza delle risorse naturalistiche del territorio visitato.

    Il sistema, infatti, permette di ottenere informazioni dettagliate (storiche, naturalistiche, culturali) inerenti i percorsi eco-turistici selezionati e prevede la possibilità di integrare la fruizione di diverse tipologie di circuiti eco-turistici e di usufruire in modo virtuale di percorsi selezionati tra quelli disponibili all’interno di strutture predisposte a tale scopo.

     

  • Taormina. Al via dal 18 febbraio il “Porta a Porta”. Firmata l’ordinanza

    Il primo cittadino Mario Bolognari ha firmato questa mattina l’ordinanza con la quale da il via alla nuova gestione del ciclo integrato dei rifiuti avviando il “Porta a Porta” per le utenze domestiche e non domestiche.

    “La corretta gestione ambientale dei rifiuti e il recupero di materiali finalizzato al riciclaggio, ha affermato il primo cittadino Mario Bolognari,costituiscono un prioritario obiettivo dell’Amministrazione comunale di Taormina, anche in virtù degli obblighi di legge previsti sul raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata. Il nostro obiettivo, ha proseguito, è quello di migliorare in termini di efficienza e di recupero la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, e la tutela del decoro dell’igiene ambientale.”

    Per raggiungere questi obiettivi l’Amministrazione Comunale amplierà su tutto il territorio comunale,  dal 18 febbraio, la modalità del conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati in regime di raccolta differenziata, attivando altresì il sistema di raccolta “porta a porta”.

    Con decorrenza dal 18 febbraio dunque, tutte le utenze domestiche (privati cittadini) e non domestiche (attività commerciali, artigianali, studi professionali, uffici pubblici, istituti scolastici, ecc...) dovranno  conferire i rifiuti solidi urbani e assimilati al regime pubblico di raccolta, mediante il servizio di raccolta e/o smaltimento col sistema "PORTA A PORTA".

    Ecco il calendario:

    FRAZIONE ORGANICA- UMIDO :

    1 rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno del bidoncino utilizzando gli appositi sacchi compostabili chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale e dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: LUNEDÌ – GIOVEDÌ - SABATO

    Utenze non domestiche: Tutti i giorni

    CARTA E CARTONE

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno di un sacchetto di carta, riducendo il cartone, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: MARTEDÌ

    Utenze non domestiche:  MARTEDÌ - GIOVEDÌ – SABATO

    PLASTICA e LATTINE:

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno del sacchetto trasparente, chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche: VENERDÌ

    Utenze non domestiche : LUNEDÌ – VENERDÌ

    VETRO:

    Utenze domestiche: PUNTI DI RACCOLTA (CAMPANE)

    Utenze non domestiche: tutti i giorni, inserito nell’apposito cassonetto a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    RIFIUTO SECCO NON RICICLABILE - INDIFFERENZIABILE

    I rifiuti devono essere esposti davanti alla propria abitazione, posti all’interno dei sacchetti trasparenti, che rendano visibile il contenuto, chiusi accuratamente, la sera prima del giorno previsto per la raccolta a partire dalle ore 20,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo invernale, dalle ore 22,00 e non oltre le ore 04,00 nel periodo estivo.

    Giorni di raccolta:

    Utenze domestiche MERCOLEDÌ

    Utenze non domestiche: MERCOLEDÌ – DOMENICA

    MATERIALI INGOMBRANTI - RAEE e SFALCI DI POTATURA

    La raccolta di elettrodomestici, materassi, sfalci di potatura, rifiuti ingombranti, mobili e legno, RAEE avverrà previa prenotazione concordata col gestore del servizio al numero telefonico n° 0942/36043 oppure lo si può conferire nelle aree che saranno designate dall’Amministrazione, nei giorni dal Lunedì al Sabato dalle ore 7:00 alle ore 12:00.

    PANNOLINI E PANNOLONI:

    Per esigenze di ritiri supplementari di rifiuti, quali pannolini e pannoloni, presentare formale richiesta, presso gli uffici Ecologia e Ambiente del Comune.

     

    PILE ESAUSTE

    Le pile esauste devono essere conferite negli appositi contenitori installati lungo il territorio comunale.

    FARMACI SCADUTI

    I farmaci scaduti devono essere conferiti negli appositi contenitori posizionati presso le farmacie.

    L’ordinanza dispone che il conferimento dei rifiuti debba avvenire di norma su area pubblica, esponendo i contenitori solo negli orari consentiti e in maniera ordinata, nelle immediate vicinanze del singolo numero civico, posizionandoli sul limite tra la proprietà pubblica e quella privata (marciapiede, soglia, ecc.) in luogo accessibile ai mezzi di raccolta.  Una volta svuotati, i contenitori devono essere ritirati a cura degli utenti entro e non oltre le ore 11,00 del giorno della raccolta. Tutti i contenitori in dotazione degli utenti devono essere tenuti ed esposti in condizioni di normale cura e pulizia. I cittadini devono consegnare esclusivamente la frazione di rifiuti la cui raccolta è prevista in quella specifica giornata sulla base del calendario consegnato, conferendola nell’apposito contenitore e/o sacchetto e saranno ritirati dalla ditta affidataria del servizio solo i rifiuti conformi alla tipologia di raccolta prevista per la giornata.

    ACCESSIBILITÀ DEI SITI DI CONFERIMENTO: 

    Nel caso di utenze ubicate in edifici condominiali, sarà cura dell’Amministratore del condominio autorizzare e concordare con il gestore del servizio l’eventuale accessibilità dei mezzi di raccolta all’interno delle aree condominiali in cui sono posizionati i contenitori.

    Ciascun Condominio dovrà regolamentare, con specifiche disposizioni interne, il posizionamento da parte dei condomini dei contenitori di raccolta e risponderà di eventuali danneggiamenti o sottrazioni dei contenitori, fatti salvi i casi di oggettiva e comprovabile assenza di responsabilità dirette o di forza maggiore.

    Nel caso in cui l’accessibilità ai mezzi di servizio non venga autorizzata dal condominio o il gestore del servizio non ritenga l’area destinata all’esposizione dei cestelli agevolmente accessibile ai mezzi di raccolta, l'amministratore del condominio dovrà reperire apposita area, anche pubblica, in cui gli utenti condominiali dovranno posizionare i cestelli con rifiuti nei giorni e negli orari stabiliti nel calendario. Immediatamente dopo lo svuotamento, i contenitori dovranno essere ricollocati all’interno del condominio a cura del condominio interessato.

    I condomini a propria scelta potranno anche conferire, presso le aree individuate dal Comune, nelle aree che saranno designate dall’Amministrazione, nei giorni dal Lunedì al Sabato dalle ore 7:00 alle ore 12:00.

     Resta il divieto assoluto di:

    1.  esporre rifiuti nei giorni e in orari diversi da quelli stabiliti dalla presente ordinanza;
    2.  l’uso di sacchetti neri;
    3.  abbandonare o depositare sul territorio comunale, nel suolo o sul suolo, qualsiasi rifiuto non pericoloso, anche racchiuso in sacchetti o in recipienti;
    4.  abbandonare o depositare sul territorio comunale, nel suolo o sul suolo, rifiuti pericolosi;
    5.  immettere rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterrane;
    6.  immettere nel normale circuito di raccolta dei rifiuti urbani imballaggi terziari di qualsiasi natura, rifiuti speciali e pericolosi e/o non assimilati agli urbani;
    7.  introdurre nei contenitori materiale ardente, tagliente e pericoloso;
    8.  non provvedere al ritiro dei contenitori già svuotati oltre l'orario indicato dall'ordinanza;
    9.  abbandonare i bidoni e i contenitori sul suolo pubblico.

    I rifiuti  che non saranno correttamente conferiti non saranno raccolti dal Gestore del Servizio e sugli stessi sarà applicato un avviso di non conformità.

    All'utenza a cui è stato contestato l'errato conferimento (sia essa domestica singola, non domestica o condominiale nella persona dell’Amministratore di Condominio o del legale rappresentante), spetterà in ogni caso provvedere al ritiro dei rifiuti stessi, procedendo ad una corretta differenziazione prima di smaltirli nuovamente attraverso le giuste modalità

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI