TAORMINA. RESTAURO GEOAMBIENTALE DI ISOLABELLA. IL PRF. ORTOLANI RIBADISCE LA NECESSITA’ DELL’INTERVENTO

TAORMINA. RESTAURO GEOAMBIENTALE DI ISOLABELLA. IL PRF. ORTOLANI RIBADISCE LA NECESSITA’ DELL’INTERVENTO In evidenza

La proposta era stata presentata dal Prof.Ortolani, senatore del Movimento 5 Stelle, geologo ed esperto di restauri ambientali, ordinario di Geologia presso l’Università Federico II di Napoli.

Già in contatto con l’amministrazione Giardina che gli aveva affidato l’elaborazione di uno studio completo del territorio per far fronte al dissesto idrogeologico, il Prof. Franco Ortolani oggi rivendica la  legittimità di un intervento che lui stesso aveva proposto.

Si tratta del progetto presentato dalla precedente amministrazione che  riguarda le opere di salvaguardia e restauro geoambientale della spiaggia di "Isola bella" per un importo della progettazione di euro 161.734,98.

Progetto che secondo Legambiente, il WWF e l’attuale primo cittadino Mario Bolognari  risulta potenzialmente dannoso per l’area perché come più volte evidenziato non ci sarebbe in corso alcun processo erosivo che giustifichi il ripascimento artificiale previsto, inoltre all'interno  della  baia oggetto di intervento sarebbero presenti numerosi affioramenti di Posidonia oceanica, specie protetta, che sarebbe fortemente danneggiata dall'intervento in progetto.

Il WWF Italia inoltre con nota prot n. 190/2018 del 9 agosto 2018 ha evidenziato, in particolare, l’assenza  della  necessaria procedura di Valutazione di incidenza di cui all'art. 5 del DPR 357/97 e smi, a tutela delle caratteristiche della spiaggia e dei fondali caratterizzati dalla presenza di Posidonia oceanica.

Da qui la scelta di chiedere la revoca del finanziamento.

Scelta ovviamente non condivisa dal Prof. Ortolani che oggi affida a facebook il suo sfogo:

“La proposta di restauro geoambientale del monumento naturale Isolabella nelle mani, scrive Ortolani,  delle pulci … d’acqua dolce e Taormina rinuncia al finanziamento. Fatti i rilievi preliminari anche subacquei e verificato che la posidonia, nella zona d’intervento, si trova a circa 50 metri dalla linea di riva avviammo una proposta facendo richiedere un finanziamento dal Comune di Taormina al quale, evidenzia Ortolani,  fornimmo gratuitamente gli elementi tecnici necessari.

Il Ministero dell’Ambiente, prosegue il geologo,  ha accolto la proposta di Taormina proponendo un sostanzioso finanziamento per consentire al Comune e quindi all’attuale amministrazione comunale di elaborare il progetto il cui costo previsto preliminarmente superava il milione di euro.

A finanziamento sicuro è successo il finimondo consistente in una "caciara di bassa lega" promossa da uno scienziato dell’Università della Sicilia Nordorientale, tale Prof. Randazzo da Messina, al quale si sono accodati i rappresentanti locali di alcune associazioni ambientaliste (sulla carta). Costoro hanno iniziato ad affermare cose non contenute nella proposta promossa dallo scrivente adducendo tragici problemi e impatti devastanti sulla posidonia (che inizia a circa 50 m dalla riva) causati da sedimenti sabbiosi che non erano assolutamente previsti.

Un argomento forte sostenuto dallo scienziato da Messina è stato che nella baia di Isolabella NON SI E’ VERIFICATA EROSIONE e che pertanto il ripascimento non è necessario.

Altro argomento forte, che taglierebbe la testa … alla proposta di restauro geoambientale, consiste nell’affermare che sedimenti simili a quelli esistenti non si trovano.

E’ con tristezza che scrivo queste righe, afferma ancora il Prof. Ortolani,  perché dispiace che una amministrazione comunale si sia dichiarata contraria a ricevere un finanziamento da utilizzare per migliorare la morfologia di Isolabella: principalmente per rendere non visibile lo ”sfregio” del muro di calcestruzzo e per recuperare i metri di spiaggia persi a causa dell’erosione.

Un monumento della natura come Isolabella, prosegue ancora il prof. Ortolani,  deve essere capito e si deve comprendere che come i monumenti fatti dall’uomo necessita di adeguati interventi di restauro geoambientale per fare in modo che il monumento possa essere ammirato anche nelle prossime decine di anni. Le ultime due immagini evidenziano i cambiamenti avvenuti ad Isolabella in 100 anni circa.”

Non dubitiamo della buona fede del prof. Ortolani ma non possiamo neanche credere che Legambiente e WWF agiscano in maniera insensata.

Ringraziamo il prof. Ortolani per questa immagine che ci mostra com’è cambiata  la baia in questi 100 anni.

E ci dà l’occasione per ricordare che quando i pini marittimi nella zona di pre riserva  iniziarono gradualmente ad ammalarsi e i bungalow iniziarono a comparire solo le associazioni ambientaliste hanno alzato la voce chiedendo chiarimenti.

Oggi l’Isola Bella andrebbe davvero tutelata e preservata con un accesso durante il periodo di alta stagione programmato e controllato per evitare un sovraccarico di presenze che non consente neanche di godere della bellezza del posto.

Nuova spiaggia a disposizione purtroppo ci fa pensare a nuovi lidi, a  nuovi bungalow.

E sinceramente crediamo che così basti.

 

 

000
Letto 509 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Isola Bella, al via la campagna #MicroplasticRisk#

    Ha preso il via la campagna #MicroplasticRisk# contro l'abbandono delle plastiche sulle spiagge, per promuovere il corretto smaltimento e per sensibilizzare i giovani sui gravi effetti che l’ingestione di microplastiche determina sull’uomo e sulla sua salute.

    Protagonisti della campagna – promossa dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania nell’ambito del progetto “Pianeta&Salute”, quest’ultimo diretto dalla prof.ssa Margherita Ferrante e coordinato dalla dott.ssa Natalia Leonardi – gli oltre 100 studenti dell’Istituto comprensivo “Parini” di Catania in visita alla Riserva naturale orientata “Isola Bella”.

    Nell’area protetta gestita dal Cutgana, gli studenti – accompagnati dagli esperti Fausto Ronsisvalle e Sergio Aleo del centro di ricerca – hanno ammirato le caratteristiche naturalistiche e paesaggistiche della riserva naturale e appreso le azioni di tutela e salvaguardia della biodiversità presente in riserva oltre alle buone pratiche gestionali.

    Successivamente la dott.ssa Leonardi, insieme con il direttore dell’area protetta, Anna Abramo, ha spiegato l'importanza della corretta gestione dei rifiuti di plastica e del pericolo per l'Uomo del loro ingresso nella catena alimentare. I partecipanti, infine, sono stati coinvolti nella raccolta di materiale plastico presente sull'arenile della zona B dell’area protetta.

    “La campagna di sensibilizzazione #Microplastic Risk# è un’importante occasione per far riflettere i cittadini sul grave problema delle plastiche che purtroppo affligge il nostro pianeta e per invogliarli ad affrontare delle scelte corrette e consapevoli – ha spiegato la dott.ssa Leonardi -. Nei prossimi giorni saranno organizzati altri momenti di promozione della campagna estiva di sensibilizzazione anche in altre riserve e aree marine protette”.

    Soddisfazione è stata espressa anche dalla direttrice Anna Abramo: “Preservare la biodiversità ecologica e la vitalità del mare e far sì che l'ambiente costiero e marino sia utilizzato in modo sostenibile salvaguardandone le potenzialità per gli usi e le attività delle generazioni presenti e future è uno dei principali obiettivi delle nostre pratiche di buona gestione della riserva”.

    “Già da anni applichiamo il protocollo comunitario Marine Strategy, raccogliendo e monitorando il beach litter – ha aggiunto la dott.ssa Abramo -. Campagne di sensibilizzazione come questa non possono che rafforzare il percorso già intrapreso, reso oggi più efficace dalla recente ordinanza del sindaco di Taormina, prof. Mario Bolognari, che con sensibilità ha aderito all'impegno mondiale per salvare il Pianeta dalla plastica. L'auspicio come direttrice della riserva è che questo sito, tra gli attrattori turistici più conosciuti al mondo della nostra splendida Regione, possa raggiungere presto, con la sinergica collaborazione degli operatori economici, dei fruitori e di tutti gli stakeholder del territorio, l'importante obbiettivo prefisso”.

  • Taormina, l’Isola Bella sul programma “Linea Verde Life”

    Le bellezze naturalistiche e paesaggistiche dell’Isola Bella “sbarcano” su “Linea Verde Life”, la nota trasmissione di Rai 1 dedicata alla scoperta del territorio italiano, della biodiversità e della salvaguardia ambientale.

    Nei giorni scorsi i conduttori Chiara Giallonardo e Marcello Masi con l’autrice Sabrina Zappetta del programma di Rai 1 hanno immortalato la Perla del Mediterraneo – la riserva naturale gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania – per la puntata che andrà in onda sabato 6 luglio.

    A “guidare” la troupe di Rai 1 la direttrice della riserva naturale, Anna Abramo, e gli esperti Natalia Leonardi e Fausto Ronsisvalle del Cutgana.

    L'Isola Bella rappresenta un'area di straordinaria bellezza, dichiarata, nel 1984, monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio, mentre nel 1998 è stata istituita la Riserva naturale orientata “Isola Bella” al fine di tutelarne il particolare valore paesaggistico. Nel 2005 è stata inclusa tra i Siti di Interesse Comunitario con il Sic "Fondali di Taormina - Isola Bella" per tutelare il tratto di mare prospiciente la riserva caratterizzato da praterie sottomarine di Posidonia oceanica, habitat prioritario di conservazione. Successivamente è stato istituito anche il Sic “Isola Bella, Capo Taormina, Capo S. Andrea” - per tutelare la “zona costiera di notevole valore paesaggistico con falesie che ospitano una tipica vegetazione rupicola ricca di endemismi” – che dal 2015 è stato designato Zona Speciale di Conservazione della regione biogeografica mediterranea insistenti nel territorio della Regione Siciliana.

    Nonostante le modeste dimensioni la riserva conserva elementi naturalistici esclusivi, come la piccola lucertola dalla tipica colorazione rossa del ventre, Podarcis sicula medemi, e numerose essenze floristiche di rilevante interesse scientifico.

  • : Taormina. Isola Bella, celebrata la “Green week”

    L’impatto delle normative europee in materia di gestione e tutela delle aree protette. Un tema che è stato al centro delle visite guidate alla Riserva naturale orientata “Isola Bella”, la Perla del Mediterraneo che ogni anno richiama migliaia di turisti, degli studenti dell’Istituto superiore “Bonaventura Secusio” di Caltagirone e del Liceo scientifico statale “Galileo Galilei” di Catania.

    Un’iniziativa realizzata nell’ambito della “Green Week”, la Settimana verde dell’Unione europea quest’anno dedicata al tema “Environmental Implementation Review” con un’analisi sullo stato di attuazione delle leggi ambientali in Europa a cui il centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania ha aderito.

    Nella riserva “Isola Bella”, incastonata nella splendida baia di Taormina, gli studenti hanno scoperto degli endemismi presenti sull’isolotto e approfondito i temi della fruizione sostenibile, salvaguardia e valorizzazione dei siti naturalistici, ma anche della qualità delle acque, della gestione dei rifiuti e protezione della natura.

    A guidare gli studenti la direttrice della riserva naturale Anna Abramo e gli esperti Emilia Musumeci, Alessia Marzo, Natalia Leonardi e Fausto Ronsisvalle del Cutgana.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI