MALTEMPO. ALLERTA METEO. DOMANI SCUOLE CHIUSE IN MOLTI COMUNI

MALTEMPO. ALLERTA METEO. DOMANI SCUOLE CHIUSE IN MOLTI COMUNI In evidenza

Nuova allerta meteo per i comuni della fascia jonica della provincia di Messina.

La Protezione civile regionale ha diramato un livello d’allerta arancione per la giornata di domani venerdì 12 ottobre.  L’allarme scatta  già dal pomeriggio di oggi. precipitazioni da sparse a diffuse, a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità e frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Alla luce dell’allarme lanciato dalla protezione civile e dei numerosi disagi che si stanno registrando in queste ore in altre regioni d’Italia, molti comuni stanno  predisponendo la chiusura delle scuole.

Al momento l’ordinanza di chiusura dei plessi scolastici riguarda Santa Teresa di Riva, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Furci,  Giardini Naxos e Taormina.

Ricordiamo le norme comportamentali in caso di allerta meteo e forti piogge :

Non sostare sui ponti o lungo gli argini o le rive di un corso d'acqua in piena

Non percorrere un passaggio a guado durante e dopo un evento piovoso, soprattutto se intenso, né a piedi né con un automezzo

Allontanarsi dalla località in caso si avvertano rumori sospetti riconducibili all'edificio (scricchiolii, tonfi) o in caso ci si accorga dell'apertura di lesioni nell'edificio

Allontanarsi dalla località in caso ci si accorga dell'apertura di fratture nel terreno o nel caso si avvertano rimbombi o rumori insoliti nel territorio circostante (specialmente durante e dopo eventi piovosi particolarmente intensi o molto prolungati)

Nel caso si debba abbandonare l'abitazione, chiudere il gas, staccare l'elettricità e non dimenticare l'animale domestico, se c'è

Non sostare al di sotto di una pendice rocciosa non adeguatamente protetta (sempre) o argillosa (durante e dopo un evento piovoso)

Allontanarsi dalle spiagge, dalle coste, dai moli durante le mareggiate

Non sostare, non curiosare in aree dove vi è stata una frana o un'alluvione: possono esserci rischi residui e si intralcia l'operazione dei tecnici e dei soccorritori

000
Letto 2679 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MALTEMPO. A CATANIA NECESSARIO INTERVENTO VIGILI DEL FUOCO. TEMPESTA A GIAMPILIERI

     Una violenta ed improvvisa ondata di maltempo ha colpito ieri la fascia Jonica della Sicilia. La provincia etnea è stata sorpresa da una bomba d’acqua. Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Catania.

    In particolare sono stati tratti in salvo gli occupanti di due autovetture rimaste intrappolate in un sottopasso allagato a Valcorrente, dove sono intervenuti i Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Catania in supporto alla squadra del Distaccamento di Paternò.

    Da ieri sera vigili del fuoco sono al lavoro per mettere in sicurezza alberi abbattuti o pericolanti.

    Disagi Anche nel messinese. A Giampilieri una vera e propria tempesta ha causato diversi danni a insegne e tettoie.

  • STUDENTI A SCUOLA DI LEGALITÀ. LA POLIZIA POSTALE INCONTRA GLI STUDENTI

    Continua l’attività di informazione e sensibilizzazione della Polizia di Stato nelle scuole sui rischi legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. I vari servizi della Rete, ed in particolare i social network, sono ormai uno strumento del tutto integrato nella quotidianità dei minori e, in virtù del numero sempre maggiore degli adolescenti presenti sul web, hanno determinato una crescita esponenziale dei minori vittime di reati ma anche di ragazzi che si rendono autori di condotte criminose.

    Ieri, presso il Salone delle Bandiere del Comune di Messina, personale della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Compartimento di Catania ha incontrato centinaia di studenti dell’Istituto comprensivo “Mazzini”, accompagnati dai loro insegnanti. L’evento, organizzato dalla Questura di Messina, ha visto ragazzi e docenti coinvolti in due ore intense con i poliziotti che hanno attirato l’attenzione con racconti, consigli e risposte alle tante domande.

    L’attività di prevenzione negli istituti scolastici della provincia di Messina vede un impegno sempre maggiore degli esperti della Polizia Postale. Lo scorso 18 febbraio i poliziotti si sono recati all’Istituto comprensivo “Salvo d’Acquisto”. E l’attività nelle scuole prosegue: oggi i poliziotti saranno a Merì e a San Filippo del Mela, per dialogare con gli alunni delle scuole medie. Domani il Primo Dirigente Marcello La Bella sarà a Capo d’Orlando per un convegno con gli studenti del Liceo “Lucio Piccolo”.

     

  • MALTEMPO. ALLERTA ROSSA. MASSIMA ATTENZIONE NEI COMUNI DELLA RIVIERA JONICA

    Allerta meteo rossa oggi - venerdì 25 nella Sicilia orientale e gialla in quella occidentale.  I sindaci dei comuni jonici hanno provveduto ad emanare ordinanza di chiusura delle scuole. Massima attenzione per i corsi d’acqua. Il comune di Furci Siculo ha provveduto a mettere in sicurezza l’alveo del torrente Savoca posizionando blocchi di cemento a protezione della sede stradale e del centro abitato.

    Le Ferrovie dello Stato hanno diffuso una nota con la quale informano che la circolazione ferroviaria sulle linee Lentini-Caltagirone, Siracusa-Modica-Gela-Canicattì, Canicattì-Caltanissetta e Agrigento-Canicattì è sospesa. Inoltre, a causa dei danni dovuti al maltempo, la linea Palermo - Trapani, interrotta dalle 19 di ieri, rimarrà chiusa fino alle 12 di oggi. A Licata un uomo risulta disperso da ieri, giovedì 24.

    Il meteorologo Samuele Mussillo mette in guardia sulle prossime ore: “A suscitare preoccupazione , scrive sulla sua pagina facebook, è il sistema temporalesco a mesoscala "V-Shaped" cioè a forma di V, che è quasi stazionario tra Malta e lo Ionio. Potrebbe ricevere "linfa" dalle correnti instabili che ruoteranno intorno al minimo in quota e procedere verso lo Stretto. Questo sviluppo potrebbe indurre un severo peggioramento nelle prossime 12 ore, con temporali a carattere di nubifragio sul versante ionico e sul comparto tirrenico tra Patti e Milazzo. Da questo movimento, scrive Mussillo, dipenderà tutto l'esito tra una normale perturbazione autunnale e una fase di severo e forte maltempo.”

    Le norme comportamentali da seguire sono sempre le stesse:

    - se risiedi o lavori in zona a rischio esondazione, non sostare o pernottare in locali seminterrati o situati al piano strada

    - proteggi con paratie o sacchi di sabbia i locali che si trovano al piano strada e chiudi le porte di cantine, garage, seminterrati

    - sposta l’auto e/o moto in una zona alta non soggetta ad allagamenti

    - limita gli spostamenti

    - tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una radio a pile, una torcia elettrica

    - iscriviti al servizio gratuito di informazioni emergenza su SMS

    Durante l’Allerta e con alluvione in atto

    - segui le evoluzioni meteo e Allerta sui siti (raggiungibili anche dalle home page dei Comuni):

    - non accedere o soggiornare in cantine, garage, locali seminterrati o al piano strada, sino alla fine dell’evento e sali ai piani superiori

    - proteggi con paratie o sacchetti di sabbia i locali al piano strada; chiudi le porte di cantine, seminterrati o garage solo se non ti esponi a pericoli

    - non transitare a sostare su ponti, passerelle, argini di torrenti e sottopassi

    - non cercare di raggiungere la tua destinazione, ma cerca riparo presso lo stabile più vicino e sicuro

    - esci solo se necessario e usa i mezzi pubblici, viaggerai in modo più sicuro e non intralcerai i mezzi di soccorso

    - aggiornati sulle modifiche alla circolazione dei mezzi pubblici

    - stacca gli interruttori della corrente e del gas purché tali dispositivi siano collocati in zone sicure della casa

    - limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi

    - non abbandonare un luogo sicuro prima che sia stata dichiarata la fine dell’Allerta

    Dopo l’Allerta e l’evento alluvionale:

    - prima di allontanarti da un posto sicuro, accertati che sia stata dichiarata la cessazione dell’Allerta

    - prima di bere l’acqua del rubinetto assicurati che Ordinanze comunali non lo vietino

    - non transitare lungo strade allagate: l’acqua potrebbe celare voragini, buche, tombini aperti

    - verifica se puoi riattivare il gas e l’impianto elettrico, se necessario chiedendo il parere di un tecnico

    - prima di utilizzare i sistemi di scarico, assicurati che le reti fognarie, le fosse biologiche, i pozzi non siano danneggiati

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI