SS114. IL COMITATO NO FRANE: DENUNCEREMO ANCORA

SS114. IL COMITATO NO FRANE: DENUNCEREMO ANCORA In evidenza

I Comitati No Frane e Divieto hanno depositato nelle scorse ore un documento di denuncia contenente una petizione popolare correlata da firme e materiale multimediale fotografico e video sulla frana al capo Alì.

"Infatti, scrivono in una nota,  nonostante le continue sollecitazioni alle autorità competenti i sottoscritti rammentano che la manutenzione del tratto statale in oggetto risulta inadeguata, così come dimostrano le ultime frane verificatesi il 20 Luglio 2018 (con il ferimento di un automobilista) e il 24 Dicembre 2018 con riversamento di massi e terriccio (smottamento verificatosi alle ore 04:30 del mattino). Si pongono quindi degli interrogativi inquietanti alle autorità competenti: in questi anni l’A.N.A.S., competente di tale tratto statale ovvero la SS 114 Orientale sicula nei pressi di Capo Alì, ha attuato il protocollo previsto dalla normativa vigente? Ha eseguito il piano di monitoraggio, di manutenzione e controllo, in particolare anche per l’ultimo intervento manutentivo post frana del 20 Luglio 2018? Secondo i tecnici, le reti di mitigazione, installate anche nel costone di Capi Alì, dovrebbero essere adese alla parete del costone stesso, ma come dimostra il materiale fotografico in nostro possesso le reti viciniori alla frana risultavano colme di pietre e terriccio. Per questi motivi i cittadini firmatari l’esposto invitano gli organi preposti nell’ambito delle rispettive competenze e responsabilità a porre in essere ogni provvedimento volto a ripristinare la sicurezza stradale, ricordando che in caso di incidente con morti e/o feriti a causa di dette insidie invierà istanza denuncia all’autorità giudiziaria, chiedendo di accertare l’esistenza obbiettiva di pericolo o di insidia della strada, dovuti a condotta colposa omissiva o commissiva dell’ente proprietario e l’eventuale nesso di causalità tra tale condotta e i danni subiti dagli utenti. Ma si aspetta una tragedia prima di intervenire?"

Questa la nota a firma  Giacomo Di Leo e Giovanni Automi, per il Comitato No Frane, Salvatore Ausino portavoce del Comitato Divieto e Francesco Aloisi per il Comitato Divieto

000
Letto 23 volte

Articoli correlati (da tag)

  • RIVIERA JONICA. DISAGI VIABILITA’. INTERVIENE L’ON. DE DOMENICO

    L’On. Francesco De Domenico, Deputato all'Assemblea Regionale Siciliana fa sapere di aver presentato una interrogazione all’assessore alle infrastrutture e alla viabilità, in relazione alla interdizione al traffico dei ponti in prossimità dei torrenti Agrò e Nisi sulla Strada Statale 114, a causa dell’insorgenza di problemi strutturali che ne pregiudicano la sicurezza. 

    L’iniziativa segue  gli incontri che l’ On. De Domenico ha avuto in questi giorni con amministratori e cittadini della Riviera Jonica.

    “E’ evidente, afferma De Domenico,  che la chiusura dei viadotti in questione produce gravi disagi alla circolazione e comporta pesanti ricadute negative sulla già fragile economia del territorio. Disagio tra l’altro, evidenza il deputato,  destinato ad aumentare nei mesi invernali, nei quali, per effetto delle piogge e del conseguente ingrossamento dei torrenti, è impedita l’unica via di attraversamento degli stessi.  Sulla base di quanto appreso dagli amministratori locali, i necessari lavori di adeguamento strutturale risulterebbero già finanziati ma non appaltati. Pertanto, ho chiesto di  sapere quali provvedimenti l’Assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità intenda adottare al fine di superare tale fase di stallo e di disagio e per quanto tempo ancora si protrarrà tale incomprensibile situazione e se esiste una programmazione, un censimento delle opere sulle quali intervenire, nonché l’ordine di priorità degli interventi.  Vogliamo essere vigili, conclude De Domenico,  a tutela delle esigenze del territorio!”

  • FRANA ALÍ. IL BUSINESS DELLE RETI PARAMASSI A DISCAPITO DELLA SERIA MESSA IN SICUREZZA. CATENO DE LUCA: “ ORA BASTA. O GALLERIA O RIVOLTA”.

    Capo Alì è l’esempio della politica mafiosa che mortifica il territorio”, è quanto affermato dal sindaco della città metropolitana Cateno De Luca commentando la frana verificatasi sul tratto di strada statale al km 22,700 in direzione Alí Terme.

    “ Nel 2009, prosegue De Luca, avevo fatto sviluppare un progetto preliminare per realizzare una galleria paramassi ma le mafie delle reti è  prevalsa! Vergogna ! Ora basta, chiosa De Luca che annuncia un aut aut, o galleria o rivolta ”.

    Sulla vicenda è intervenuta anche  Elvira Amata,  deputata regionale di Fratelli D’Italia.

    “È una storia vecchia, già vista e alla quale, afferma Amata,  bisognerebbe dare risposte in modo netto mettendo mano in maniera capillare e organizzata alla questione principale: il dissesto idrogeologico. A tal proposito, fa sapere la deputata,  ho immediatamente preso contatto con l’Ing. Maurizio Croce, Commissario Straordinario per il dissesto idrogeologico, al fine di ragionare su misure che non rappresentino solo un tampone momentaneo ma che possano consentire quantomeno la garanzia di sicurezza a quanti attraversano o vivono in zone che possono essere considerate più a rischio”.

    Sulla vicenda si registra anche l’intervento di Giovanni Interdonato per il Comitato No Frane della riviera jonica messinese,  Francesco Urdì per la CUB ( Confederazione Unitaria di Base) , Comitato contrada Divieto Scaletta Zanclea, Giacomo Di Leo per il Partito Comunista dei Lavoratori sez. di Messina, Nino Miceli, presidente associazione Aiutiamoci Noi.

    “ L’Anas, scrivono in una nota,  ha deciso di riaprire la circolazione, deviandola su una sola corsia, dopo le verifiche tecniche eseguite. Saremmo felici e contenti se si fosse garantita definitivamente la sicurezza in questo tratto stradale, ma purtroppo non è così anche alla luce dei ripetuti e ciclici eventi franosi, che confermano la precarietà strutturale di Capo Alì. Infatti la fragilità strutturale di questa area dipende dalla sua composizione geologica, così come viene confermato dal Piano di Assetto Idrogeologico regionale, che colloca questa zona al livello di massimo rischio di eventi franosi. Pertanto la cittadinanza che transita sotto i costoni rocciosi di Capo Alì sarebbe più tranquilla se gli enti competenti si mettessero all’opera per dare una soluzione definitiva al problema. In questa direzione, proseguono,  noi proponiamo di costituire un tavolo tecnico dei vari rappresentanti degli enti competenti insieme a un nostro rappresentante tecnico dei comitati, per prospettare una soluzione strutturale e definitiva dell’annoso problema. Nelle prossime ore chiederemo all’Anas una rendicontazione delle spese effettuate negli ultimi decenni su Capo Alì, per capire, anche, se, con tutte le spese effettuate in reti para-massi e rattoppi di diversa tipologia, si poteva già molto tempo prima rimediare ai rischi dei costoni rocciosi di Capo Alì. Francamente vorremmo capire chi vuole coltivare il problema…e chi invece vuole risolverlo definitivamente, alla luce anche dei rischi per la vita dei cittadini, come dimostra l’ultima frana, che ha colpito un automobilista di passaggio, fortunatamente uscito vivo. E se fossero stati di passaggio gruppi di ciclisti o pedoni in quel momento della frana?  non vorremmo nemmeno immaginarlo”.

     

  • CAPO ALI'. STRADA INTERROTTA CAUSA FRANA

    Transito interrotto lungo la Strada Statale 114 a causa di una frana verificatasi  all'altezza del Capo Alì. L'ennesimo smottamento che interessa il costone roccioso e che stavolta ha rischiato di provocare seri danni.

    La frana infatti si è verificata proprio mentre transita un auto, una BMW che è stata colpita dai detriti che scivolavano dalla parete rocciosa lungo la carreggiata.

    L'automobilista, un giovane di Itala, è riuscito a superare lo smottamento  riportando solo qualche lieve ferita.

    Sul luogo sono giunti i carabinieri della locale stazione al comando del luogotenente Salvatore Garufi, i vigili urbani e gli amministratori comunali con in testa il sindaco Carlo Giaquinta e il suo vice Nino Melato.

    Il Capo Alì è stato chiuso al transito. L'autostrada A18 risulta l'unica via alternativa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI