TAORMINA.  AUTOSTRADA A18 RIAPERTA AL TRAFFICO. VERGOGNA SENZA FINE

TAORMINA. AUTOSTRADA A18 RIAPERTA AL TRAFFICO. VERGOGNA SENZA FINE In evidenza

Intervento lampo per ripristinare la carreggiata lato mare dell’autostrada A18 tra Giardini Naxos e Roccalumera. L’autostrada è rimasta chiusa alcune ore ieri pomeriggio per consentire alle squadre di pronto intervento del Cas di tappare alla meno peggio le grosse buche che si erano create a seguito delle forti piogge.

Intervento lampo appunto, eseguito in emergenza e lontano dall’essere risolutivo. Una situazione paradossale che ha registrato al presa di posizione dei sindaci dei comuni maggiormente coinvolti, Taormina, Giardini Naxos e Castelmola. Mario Bolognari, Nello Lo Turco, Alessandro Costa e Orlando Russo hanno espresso la loro preoccupazione per l’ennesima chiusura dell’Autostrada A18. “Il permanere della  pericolosità per i pendolari e l’approssimarsi della stagione turistica, in un quadro di incertezze sugli interventi da realizzare, hanno affermato i sindaci,  possono penalizzare gravemente il territorio comprensoriale. Denunciano anche che, ad oggi, i lavori non sembrano procedere come sperato, nonché l’uso della SS 114 come unica soluzione alternativa.”

Toccherà adesso al sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco, organizzare a breve un confronto con i vertici delle istituzioni responsabili. Il fatto è però che di vertici ce ne sono stati tanti, troppi. Parole e promesse che non hanno contribuito a velocizzare i lavori di ripristino delle condizioni di sicurezza dall’autostrada A18. Bisogna andare oltre. E’ il momento di passare alla fase operativa. A chiederlo sono i cittadini. Proprio oggi pomeriggio alcuni componenti del comitato spontaneo di denuncia nato su facebook saranno ricevuti dal presidente della Regione Nello Musumeci.

“Oggi, scrive Francesco Puglisi promotore del comitato,  siamo a Palermo per essere ricevuti dal presidente della regione Nello Musumeci,come da accordo preso il 26 gennaio scorso in occasione della sua venuta a Fiumedinisi abbiamo inviato un cronoprogramma delle nostre richieste per quanto riguarda la messa in sicurezza dellaA18 e A20, oggi avremo delle risposte in merito.”

Dura la presa di posizione del Pd messinese. Paolo Starvaggi, segretario provinciale del Pd di Messina, commenta così la chiusura lampo dell’autostrada di ieri pomeriggio:  “Qualsiasi governo regionale degno di questo nome dovrebbe vergognarsi di un’autostrada, ed è già un titolo usurpato, come la A18 Messina-Catania. Invece da palazzo D’Orleans solo silenzio. Speriamo almeno sia imbarazzato. Nel giro di dieci giorni, prosegue Starvaggi, abbiamo assistito a tre morti, una carambola tra dieci auto e un mezzo pesante, scontri in tangenziale e da ultimo, provvedimento di rara gravità, della chiusura di un tratto di autostrada. Quanto ancora ci vorrà prima che si prendano provvedimenti seri, e non palliativi come quello di ieri?”, è la domanda retorica che il Partito democratico di Messina pone.

E’ la domanda alla quale i cittadini chiedono venga data una risposta, una seria però.

Ma davvero cosa c’è di tanto complicato nel programmare ed eseguire degli interventi di manutenzione? Quali interessi si nascondo dietro tempi così lunghi, pause e attese inutili?

Ma i vostri figli, le persone che più amate, e questa è la mia domanda rivolta a chi ha responsabilità decisionali in tutta questa storia, non percorrono questa autostrada? Non temete per la loro incolumità?

Eppure basterebbe davvero così poco… solo maggiore serietà e senso del dovere.

000
Letto 523 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Temporali e dissesto idrogeologico: chiuso un tratto dell’autostrada A18
    A seguito delle intense precipitazioni registrate nelle scorse ore in Sicilia, un masso di considerevoli dimensioni (del peso di circa una tonnellata) si è riversato su una carreggiata dell’autostrada A18 Messina Catania, al km. 10,800. Il macigno è precipitato nelle prime ore della mattinata sulla corsia di valle che conduce in direzione Messina, all’altezza del Comune di Scaletta. Dalle prime ricostruzioni sembra che il blocco di pietra sia rotolato dalla cima del rilievo a seguito dell’erosione dei terreni collinari (di proprietà privata) determinata dai forti temporali e dalle abbondanti piogge. Il masso rotolando ha prima attraversato la collinetta che sovrasta la galleria autostradale di monte della carreggiata in direzione Catania (per la quale sono in corso i lavori di rifacimento del manto stradale), terminando poi la propria corsa, senza provocare danni a mezzi e persone, sulla corsia di valle in cui al momento vige il doppio senso di marcia. 
     
    Sul posto sono intervenute tempestivamente le squadre di sicurezza di Autostrade Siciliane, supportati dai Vigili del Fuoco e dalla Polizia Stradale, al fine di verificare le condizioni dell’autostrada e regolare il traffico. A seguito dei rilievi e delle indagini, condotte anche con l’ausilio dei droni, i tecnici di Autostrade Siciliane hanno già disposto a partire dalle prossime ore le prime operazioni di messa in sicurezza dell’area. Nel frattempo, anche in considerazione dell'allerta meteo diramata per le prossime ore, di concerto con le autorità di sicurezza territoriale è stata disposta l’immediata chiusura al transito del tratto autostradale e pertanto le automobili provenienti da Catania dovranno osservare l’uscita obbligatoria a Roccalumera, mentre quelle provenienti da Messina dovranno utilizzare l’uscita di Tremestieri.
     
  • AUTOSTRADA A18. TRAGICO INCIDENTE. A PERDERE LA VITA PADRE E FIGLIO 14 ENNE

    E' di 2 morti, un ragazzo di 14 anni e il padre  di 48 anni, e 4 feriti, il bilancio del terribile incidente  stradale che si è verificato sull'autostrada A18 Messina-Catania, tra Fiumefreddo e Giardini, in direzione di Messina. Ignota la dinamica dello scontro tra due auto.

    Le vittime originarie di Giardini Naxos. I feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni, farebbero parte  dello stesso nucleo familiare. Sono stati trasportati negli ospedali di Taormina, al Garibaldi Nesima di Catania e al San Marco.

  • “Estate Sicura” su A18 e A20: ancora per tutto giugno indagini strutturali su viadotti e cavalcavia
    Ancora un mese di approfondite indagini strutturali su viadotti e cavalcavia, prima di lasciare le autostrade Messina-Catania e Messina-Palermo in sicurezza e più libere da cantieri e attività di controllo, in previsione dell’aumento del traffico veicolare estivo.
     
    Nelle prossime settimane (fino alla fine di giugno) saranno presi in esame, da tecnici e consulenti scientifici, 12 tra viadotti e cavalcavia. Nel dettaglio saranno i viadotti dello svincolo di Tremestieri, il Gugliemo e il San Filippo sulla A18, e i cavalcavia 3, 4, 13, 15, 16, 20, 21, 26 e 27, sulla A20. A tal fine nel tempo necessario ai controlli verranno parzializzate brevi tratte
    autostradali lungo la A18 e la A20, solo sino allo svincolo di Messina Boccetta.
     
    Per la sicurezza di tutti i viaggiatori e in ossequio alle disposizioni ministeriali, si raccomanda sempre il rispetto della segnaletica stradale, dei limiti di velocità indicati e il divieto di sorpasso sui tratti autostradali interessati.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI