GIARDINI NAXOS. SCIOPERO LAVORATORI SPACCIO ALIMENTARE

GIARDINI NAXOS. SCIOPERO LAVORATORI SPACCIO ALIMENTARE In evidenza

Sciopero questa mattina dei lavoratori dello Spaccio Alimentare di Giardini Naxos e Milazzo. La società Distribuzione Cambria, ormai da mesi, versa in difficoltà economiche dovute ad una situazione debitoria elevata anche nei confronti del gruppo Simply Sma, tanto da avere presentato al Tribunale di Barcellona un concordato in bianco non ancora partito ed avere iniziato, su richiesta delle organizzazioni sindacali, un tavolo ministeriale con la concessione dell’autorizzazione ad accedere alla cassa integrazione. «Ad oggi - spiega il segretario provinciale della Fisascat Cisl, Salvatore D’Agostino - invece il gruppo non ha presentato nessun piano di investimento per il rilancio dell'economia aziendale anzi ha dettato tempi dilatati per l’erogazione degli stipendi al proprio personale a dispetto di quanto prevede il Contratto nazionale, aspetto che ha fatto crescere la preoccupazione per la sorte dei lavoratori dei punti vendita siciliani ed in particolare delle filiali di Milazzo e Giardini Naxos che hanno deciso di entrare in sciopero ad oltranza nonostante del tavolo ministeriale previsto oggi a Roma».

000
Letto 1270 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. CONTRASTO ALLA PESCA DI FRODO

    Durante i consueti controlli sul territorio finalizzati a tutelare l'ambiente marino e il rispetto delle leggi sulla pesca i militari della Guardia Costiera di Giardini Naxos dopo una attività di osservazione durata alcuni giorni, hanno bloccato due persone che, con l’ausilio di un natante da diporto, esercitavano la pesca subacquea con bombole all’interno dell’Isolabella.

    I due, che alla vista dei militare tentavano di nascondere l’attrezzatura, sono stati bloccati a Letojanni con il pescato prima che questo venisse immesso sul mercato della ristorazione. La successiva ispezione consentiva di recuperare l’attrezzatura subacquea utilizzata che, con il pescato, veniva sottoposta a sequestro.
    L’Autorità marittima, in considerazione che la pesca subacquea non è consentita con l’utilizzando di autorespiratori provvedeva ad elevare un verbale amministrativo di 1000 euro, mentre iI prodotto ittico, dopo verifica da parte del ASP, è stato donato ad un istituto religioso del posto.

  • GIARDINI NAXOS. OPERAZIONE MARE SICURO. CONTROLLI A GESTORI STABILIMENTI BALNEARI

    Come ogni anno nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro”, predisposta dal Comando generale delle Capitanerie di porto volta a garantire la corretta fruizione del mare e uno svolgimento in sicurezza delle attività ludiche e ricreative ad esso collegate, il personale della Guardia Costiera di Giardini Naxos, sotto le direttive della Capitaneria di Porto di Messina, ha avviato una serie di controlli, assicurando la pronta disponibilità per le emergenze, supportano i presidi di sicurezza esistenti, verificando i dispositivi di pronto intervento e di salvaguardia della vita umana in mare. I controlli espletati sono stati finalizzati in particolar modo al rispetto delle norme contenute nell’Ordinanza di sicurezza balneare verificando, negli stabilimenti balneari la regolarità del servizio di salvataggio e monitorando le unità da diporto ed in particolare gli acquascooter. Particolare interesse è stata posta nei riguardi delle attività commerciali del diporto, attività che caratterizza in maniera significativa il tratto di litorale di Giardini e Taormina. Nel corso dell’attività sino adesso svolta, sono stati elevati 36 verbali amministrativi per un importo totale di circa 5300 euro. 37 sono state le unità da diporto ispezionate da cui sono emerse 28 irregolarità. Le sanzioni amministrative più frequenti riguardano la navigazione nello specchio acqueo riservato alla balneazione, il trasporto di persone oltre il consentito e varie irregolarità nell’esercizio dell’attività di locazione e noleggio. Nove sono stati gli acquascooter sanzionati. Durante l’attività sono stati elevati 2 verbali amministrativi per un importo totale di Euro 2064, ad altrettanti gestori di stabilimenti balneari a Giardini Naxos, per l’inosservanza delle prescrizioni di cui all’Ordinanza di Sicurezza Balneare in materia di disposizioni di cui al servizio di salvamento. I controlli effettuati hanno interessato altresì l’area del porto di Giardini Naxos dove sono state elevate numerose sanzioni alle autovetture in sosta senza autorizzazione.

  • TAORMINA. INCONTRO TRA IL SINDACO BOLOGNARI ED I RAPPRESENTATI DI CISL MESSINA E FISASCAT CISL

    Il problema del dumping contrattuale a Taormina sarà parte integrante del Regolamento che la Giunta è pronta a portare in Consiglio comunale per disciplinare la concessione del suolo pubblico alle attività commerciali e del turismo che rispettino «l’obbligatorietà di applicare i contratti nazionali firmati dalle organizzazioni maggiormente rappresentative». È questo quanto assicurato dal sindaco Mario Bolognari nel corso di un incontro tenutosi questa mattina a Palazzo dei Giurati alla presenza dell’assessore al Turismo e Commercio Andrea Carpita con la Cisl di Messina rappresentata dalla segretaria territoriale Mariella Crisafulli, dal segretario regionale della Fisascat Pancrazio Di Leo, dal segretario provinciale della Fisascat Salvatore D’Agostino e dal rappresentante Fisascat Mario Ianniello. L’incontro era stato richiesto dal sindacato per discutere ed affrontare la problematica del dumping contrattuale. «Occorre – hanno sottolineato i rappresentanti della Cisl e della Fisascat - lavorare in sinergia per contrastare e arginare il fenomeno dei “contratti pirata”, quelli siglati da associazioni datoriali minoritarie e organizzazioni sindacali poco rappresentative con condizioni economiche e normative peggiorative rispetto ai contratti di settore. La conseguenza, altrimenti, è quella di una corsa al massimo ribasso sul costo del lavoro in termini di retribuzioni, di diritti dei lavoratori, anche in termini di salute e sicurezza ed una concorrenza sleale nei confronti delle imprese che rispettano le regole ed applicano la Contrattazione Nazionale delle organizzazioni sindacali più rappresentative. Una condizione intollerabile perché il lavoratore spesso è costretto ad accettare un accordo al ribasso pur di non perdere il posto di lavoro e, quindi, uno stipendio ridotto».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI