LIMINA. IL LIONS CLUB CONSEGNA I BARATTOLI DELLA SOLIDARIETA’

LIMINA. IL LIONS CLUB CONSEGNA I BARATTOLI DELLA SOLIDARIETA’ In evidenza

Sabato 8 giugno il Lions Club Letojanni-Valle d’Agró,nell’ambito del service nazionale “Barattolo d’emergenza”, ha consegnato un quantitativo di 25 barattoli al comune di Roccafiorita e 25 al comune di Limina.

Il barattolo d’emergenza si rivolge a specifiche categorie di cittadini (anziani, disabili e/o malati cronici); è un contenitore al cui interno si trova una scheda che dovrà essere compilata con l’aiuto del medico di famiglia inserendo dati sullo stato di salute del paziente e andrà posizionato in casa, preferibilmente all’interno del frigorifero, e segnalata la sua presenza con un adesivo apposto all’esterno dello stesso o comunque in un luogo visibile, affinché i soccorsi in caso di emergenza possano accedere a tutte le informazioni riguardanti lo stato di salute e le eventuali patologie a carico del paziente.

Il Presidente e una rappresentanza di soci del Club hanno ufficialmente consegnato i barattoli, frutto di un protocollo d’intesa siglato fra il club e i due comuni appartenenti alla Valle d’Agró alcuni mesi fa.

Un ringraziamento ai Sindaci e alle loro amministrazioni per la disponibilità e per aver sposato subito la proposta del nostro club comprendendone l’importanza e l’utilità per i cittadini che rappresentano le fasce deboli sul territorio. - afferma il Presidente Francesca Celi e continua - Un sentito grazie al sindaco Orlando che dopo averci accolti per la consegna ufficiale dei barattoli nell’aula consiliare, ci ha accompagnati in una visita guidata al Muma, il Museo dedicato alla Madonna dell’Aiuto. Usanze, fede e tradizioni locali sono il nostro patrimonio più importante e di maggior valore e la realizzazione di questo Museo contribuisce indubbiamente a rafforzare il senso di appartenenza al proprio territorio.

 

000
Letto 40 volte

Articoli correlati (da tag)

  • LIMINA. Intensa domenica di Archeoclub con convegno… “fotografico” e Chiese aperte

    Un nuova audioguida in “qr code” per la Madonna delle Preci e un convegno con un format nuovo per S. Filippo d’Agira. È stata piuttosto originale la domenica trascorsa a Limina dalla Archeoclub Area Ionica Messina.

    In mattinata è stata la volta della manifestazione “Chiese Aperte”,  l’annuale appuntamento organizzato in tutta Italia da Archeoclub d’Italia in collaborazione con la Conferenza Episcopale Italiana e che punta a far valorizzare chiese che in genere sono meno conosciute. Quest’anno, la sede Area Ionica Messina ha scelto per l’iniziativa la chiesa della Madonna delle Preci di Limina, la cui scheda, realizzata dall’arch. Mimmo Costa, è stata divulgata dal sito nazionale di Archeoclub (http://www.archeoclubitalia.org/). Si tratta di una  chiesa particolare, risalente al 1396 e legata alla presenza ebraica a Limina.

    Archeoclub ha voluto celebrare l’evento donando un’audioguida in Qr code: da domenica, tramite un semplice smartphone, sarà possibile ai visitatori conoscere la storia e le caratteristiche della chiesa.

    Alle 19, presso il centro Scaldara, ha avuto luogo la mostra-convegno “Vita e miracoli di S. Filippo, immagini e storia di una simbiosi”, organizzato da Archeoclub in collaborazione con la Parrocchia, il comune e la pro loco, la quale ha anche ottenuto il patrocinio dell’Ars.

    Il convegno ha avuto un format originale e particolare, apprezzatissimo dal pubblico. Protagoniste sono state le foto e i video che hanno descritto la storia del rapporto tra S. Filippo e Limina e sulle foto si sono innestati i vari interventi, preceduti dai saluti di rito del parroco, don Paolino Maambo e del sindaco, prof. Marcello Bartolotta. La prima foto è stata dedicata alla banda musicale “V. Bellini”, in omaggio al maestro Giovanni D’Agostino che sabato è deceduto improvvisamente proprio mentre si portava S. Filippo al Santuario di Passo Murazzo. Di Murazzo e della chiesa di S. Filippo ha parlato l’arch. Mimmo Costa, mentre Filippo Brianni – che ha moderato insieme alla coordinatrice dei lavori, Ketty Tamà – si è occupato dei riti dell’Ottava. Poi sono stati proiettati video-interviste realizzate da Giovanni Saglimbeni Ntantè e da Cateno Garigali a giovani e anziani del paese sulla domanda “San Fulippu pi tia, chi gghia” (Cos’è per te S. Filippo). I più anziani hanno rievocato la tradizione della Ddutta “erroneamente tradotta come lotta – ha specificato Giovanni Saglimbeni – perché in realtà il termine “ddutta”  per i limiensi corrispondeva ad una gioiosa contesa tra giovani, senza alcuna accezione violenta”. Una tradizione che coinvolgeva il paese in una “contesa”, appunto, tra artigiani e pastori che aveva come protagonista l’antica vara di S. Filippo.

    Un contributo dagli Usa l’ha dato la giovane ricercatrice americana, di origini limiensi, Laura Ricciardi, con un intervento sull’impatto di S. Filippo sugli emigranti liminesi.

    La mostra fotografica potrà ancora essere visitata per tutta la settimana della festa di S. Filippo, che si chiuderà appunto con l’Ottava del 19 maggio, presso il Polifunzionale Scaldara.

  • SANTA TERESA DI RIVA. I LIONS CLUB INCONTRANO GLI STUDENTI DEL LICEO

    Il 7 e l’8 marzo i Clubs Lions e Leo della Zona 10 (Letojanni-Valle d’Agrò, Santa Teresa di Riva e Taormina), hanno incontrato gli studenti dei licei Classico, Scientifico e Linguistico di Santa Teresa di Riva e Giardini Naxos per parlare loro di prevenzione dei tumori all’interno del Progetto Martina.

    Tale Progetto porta il nome di una giovane donna colpita da un tumore che esortava i medici ad informare ed educare i giovani ad avere maggior cura della propria salute.

    Durante l’anno scolastico 1999/2000 i primi Clubs Lions in Italia iniziarono ad incontrare gli studenti e adesso il Progetto Martina è un Service di Rilevanza Nazionale.

    Dopo i saluti di rito della Dirigente Scolastica Dr.ssa Carmela Maria Lipari, del Dr. Leonardo Racco Presidente Zona 10, dei Presidenti dei Club Sig.ra Francesca Celi, Avv. Lalla Parisi e Dr.ssa Daniela Randazzo e del giovane rappresentante Leo Dario Sparacino, ha preso poi la parola il Dr. Alessandro D’Angelo, medico oncologo e Delegato Distrettuale del Progetto Martina affiancato dalla Dr.ssa Daniela Randazzo i quali, senza creare allarmismo, hanno spiegato agli studenti l’importanza della prevenzione, che oggi nonostante i progressi della ricerca medica rimane l’arma più efficace, e le conseguenze alle quali si può incorrere sottovalutando quello che il nostro corpo ci comunica attraverso varie tipologie di sintomi.

     Ai ragazzi è stato consegnato del materiale informativo e sono stati invitati a partecipare attivamente all’incontro attraverso un dibattito ed eventuali domande. Grande partecipazione e grande attenzione da parte degli studenti agli argomenti trattati hanno caratterizzato questa due giorni di incontri fondamentali per educare alla prevenzione, per incoraggiare i giovani a prendersi cura non solo del loro aspetto esteriore ma anche della loro salute, per non permettere ad una malattia di oscurare il loro luminoso futuro.

  • LETOJANNI. LA FIDAPA S. TERESA - VALLE D’AGRO’ ORGANIZZA DOMENICA 2 DICEMBRE UNA TOMBOLATA DI BENEFICENZA

    Ritorna puntuale l’appuntamento con la tradizionale Tombolata di Beneficenza organizzata dalla Fidapa Santa Teresa-Valle D’Agrò.

    Un evento che si rinnova con lo scopo di raccogliere fondi da destinare  alla borsa di studio dedicata alla memoria della Prof.ssa Maria Antonella Cocchiara riservata alle alunne della Terza Media degli Istituti Comprensivi di Roccalumera, S. Teresa di Riva e Taormina.

    Un’ iniziativa che la Fidapa Santa Teresa-Valle D’Agrò porta avanti per promuovere e tutelare la donna e la Bambina.

    La borsa di studio corrispondente all’acquisto di libri scolastici per il primo anno dell’Istituto Superiore, viene assegnata, ogni anno, all’alunna che si distingue maggiormente nel corso degli studi e nell’esame finale e, non ultimo, nei comportamenti attestanti evidenti doti di umanità.

    Per finanziare la borsa di studio la Fidapa organizza dunque una Tombolata di beneficenza.

    L’appuntamento è per domenica 2 dicembre a Letojanni nella sala consiliare del comune alle ore 18.30.

    “L’invito, afferma la presidente Marilena Micalizzi, è rivolto ovviamente a tutta la cittadinanza. Contiamo molto, aggiunge, sulla presenza e sulla sensibilità delle amiche e degli amici che ci hanno sempre sostenuto.”

    In palio numerosi e ricchi premi messi a disposizione da tante attività commerciali dei comuni jonici che ogni anno con slancio e generosità accettano l’invito della Fidapa a donare.

    La serata si concluderà con un sorteggio e sarà allietata da una degustazione di dolci e brindisi finale.

    Un ringraziamento particolare all’amministrazione comunale di Letojanni che ha appoggiato l’iniziativa mettendo a disposizione l’aula consiliare.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI