TAORMINA. MORTE TURISTA CANADESE. DONATI GLI ORGANI

TAORMINA. MORTE TURISTA CANADESE. DONATI GLI ORGANI In evidenza

“Sento il dovere di restituire qualcosa ad altri, visto che mia moglie è una trapiantata”: così un turista canadese in vacanza a Taormina, ha manifestato il proprio entusiasmo per il consenso alla donazione degli organi espresso dalla moglie del fratello 60 enne, deceduto all’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina. Tutto è iniziato con un malore accusato nella Perla dello Jonio, dove si trovava in vacanza insieme alla famiglia. Un gesto che assume ulteriore valenza nell’anno che segna il 25° anniversario della morte di Nicholas Green, il bimbo americano diventato un vero e proprio simbolo della cultura della donazione. 

“Oltre al fratello - dice il dott. Francesco Puliatti, il Coordinatore della  Donazione e Trapianto d' Organi e Tessuti del Policlinico - tutti i familiari hanno manifestato la volontà di procedere al prelievo di organi, ricordando la generosità del congiunto e, appunto, come lui stesso fosse stato in qualche modo segnato dalla generosità di altri pazienti, che avevano donato una nuova speranza alla moglie. Si sono così attivate le procedure per il prelievo del fegato e dei due reni, a cura dell’equipe dell'Ismett di Palermo che ha operato con il fondamentale supporto dei dott. Olivia Penna (referente del Coordinamento della A.O.U.) e del Dott. Alberto Noto della Rianimazione del Policlinico. Le cornee, invece, sono state prelevate dalla dott.ssa Felicia Ferreri della U.O.C. di Oftalmologia del Policlinico e inviate alla Banca degli occhi.

Sono stati, come sempre, momenti particolarmente toccanti, in cui si sono incrociati il dolore per la morte di una persona e la gioia per un gesto, quello della donazione, che ha una valenza fondamentale, ma per la cui riuscita non si può prescindere dall’efficienza di una macchina organizzativa complessa. In tal senso, da parte mia, devo rivolgere un ringraziamento al management aziendale, in particolare al Direttore Generale dell’A.O.U., Giuseppe Laganga, e al Direttore sanitario, Antonino Levita, perché stanno supportando pienamente le azioni del Coordinamento di cui sono responsabile, facendo si che il Policlinico di Messina si confermi un punto di riferimento di sempre maggiore importanza in questo settore”.

Un riscontro importante all’impegno dei medici dell’A.O.U. “G. Martino” è arrivato dagli stessi familiari del turista deceduto, i quali hanno voluto ringraziare tutto il personale per la sensibilità e la professionalità dimostrata nel prendersi cura del loro congiunto e nel gestire le delicate fasi della comunicazione della morte e della possibilità di donazione.

Un gesto che, come detto, arriva in coincidenza con l’anniversario della tragica scomparsa di Nicholas Green e di quella decisione dei genitori che fece commuovere un Paese intero. “Quella è stata - conclude il dott. Puliatti - una grande lezione per tutti, un esempio che dobbiamo continuare a ricordare ed a tramandare, soprattutto a vantaggio delle generazioni più giovani, perché la cultura della donazione possa essere continuamente alimentata, una lezione che oggi la famiglia di questo sfortunato turista canadese ci ha rammentato”.

000
Letto 522 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. LA BELLISSIMA SERENA PETRALIA E’ MISS SICILIA 2019

    La taorminese Serena Petralia,  20 anni,  ha conquistato la fascia di  Miss Sicilia guadagnandosi così l’accesso diretto alla finale di Jesolo.

    La finalissima regionale di Miss Sicilia, con in palio un ultimo pass per partecipare alle finalissime di miss Italia, si è svolta ieri sera nella suggestiva cornice della città barocca di Noto.

    Serena Petralia aveva già vinto la fascia di #MissMiluna Sicilia Ovest e rappresentava  quindi  Miluna per Sicilia Ovest alle prefinali nazionali. L’incoronazione, organizzata da Miss Italia Sicilia Ovest, era  avvenuta nell’elegante Hotel Villa Peretti di Gela solo pochi giorni fa.

    Ieri sera la conquista del titolo di Miss Sicilia. Adesso tutti a seguirla il 6 settembre, su RAI 1, quando si terrà a Jesolo la finale nazionale con ben 80 Miss in gara.

  • TAORMINA . TURISTI TROVANO PORTAFOGLIO E LO RESTITUISCONO

    Trovano per strada un portafoglio con circa 500 euro e si recano al comando della Polizia Locale per consegnarlo. E’ accaduto nel  tardo pomeriggio di ieri a Taormina. Tre turisti parigini in vacanza nella Perla dello Jonio stavano passeggiando sul centrale Corso Umberto quando si sono imbattuti in un portafoglio. Immediatamente, constatata anche la presenza di una cospicua somma di denaro, si sono recati al vicino comando della Polizia Locale per segnalare quanto accaduto.

    Gli agenti hanno subito avviato la ricerca del proprietario. Nel portafoglio oltre i soldi erano infatti presenti documenti d’identità intestati al presunto proprietario, un uomo torinese. Ed è stato grazie al documento e alla consultazione  del registro delle presenze alberghiere che gli agenti sono riusciti a ricavare le informazioni necessarie per contattarlo. L’uomo in soggiorno a Messina si era recato a Taormina per una passeggiata e non si era neanche accorto di aver perso il portafoglio. Solo alla telefonata degli agenti ha realizzato di aver smarrito documenti e soldi.

    Da evidenziare l’onestà dei tre turisti parigini che hanno immediatamente contattato la Polizia Locale.

  • TAORMINA. SALVINI DA TAORMINA: NON C’E’ PIU’ UN GOVERNO, NON C’E’ PIU’ UNA MAGGIORANZA

    “Non c’è più un governo, non c’è più una maggioranza. Chi ama l’Italia non perde tempo.” Così Matteo Salvini risponde ai giornalisti che stamani al Caparena a Taormina gli chiedono chiarimenti sul futuro del Governo.

    Il Ministro Salvini è così ufficialmente in campagna elettorale. Il suo tour prende una svolta diversa o forse tutto era previsto fin dal principio.

    A Taormina ad accoglierlo c’erano diversi simpatizzanti, alcuni volti noti della vecchia politica e l’arrivo in spiaggia è stato caratterizzato come da copione da strette di mano e selfie.

    “L’unica soluzione sincera e democratica, afferma Salvini,  è dare la parola agli italiani. Non capisco, prosegue, questo terrore di far votare gli italiani. Siamo in democrazia. Dovrebbe essere la cosa più bella del mondo far votare i cittadini. Non penso che i cittadini voterebbero mai un’accoppiata Renzi-Grillo però vediamolo. Facciamoglielo fare ad ottobre. A fine settembre vota l’Austria, a metà ottobre vota la Polonia, in autunno voterà anche la Spagna... non si capisce perché altri paesi europei  votino tranquillamente in autunno e gli italiani no. E’ l’attaccamento alla poltrona. Il potere della poltrona. L’Italia ha bisogno di un Governo stabile, serio, con le idee chiare per i prossimi 5 anni. Noi le idee le abbiamo e quindi fatemi lavorare per il futuro.”

    Ministro nel programma di Governo non c’erano le elezioni a  così breve scadenza. L’accusa nei suoi confronti è quella di voler capitalizzare il suo consenso.

    Salvini “ E’ chiaro che in nessun contratto di Governo ci sono le elezioni ma non c’erano neanche tutti i no che abbiamo sopportato. Troppi no. L’Italia ha bisogno di si, la Sicilia ha bisogno di si non di no. Grandi opere, infrastrutture.”

    E spunta il Ponte sullo Stretto e allora capisci che la campagna elettorale è davvero iniziata.

    “ Oggi ho preso il traghetto, spiega Salvini, ho parlato con i lavoratori della navigazione  e con i passeggeri. Nel futuro bisogno collegare la Sicilia alla terra ferma  più velocemente. Oggi la situazione non funziona.”

    Ministro c'è una parte del Sud che dopo le scorse elezioni Europee si è riscoperto leghista ma, c’è un’altra parte del Sud che non dimentica e non perdona la sua posizione nei confronti del Sud.

    Salvini: “La mia era una posizione nei confronti dei pessimi amministratori del sud.  Ieri ho girato la Calabria e ci sono strade ferme da cinquant’anni e la Lega non ha mai governato  neanche un condominio al sud. Evidentemente io me la prendevo e me la prenderò sempre con i pessimi amministratori del sud che hanno condannato milioni di italiani  ad avere una sanità di serie B e una situazione di infrastrutture indegna di un paese civile.”

    Al ministro vogliamo però ricordare, forse non lo sa,  che molti di quei pessimi amministratori a cui fa riferimento oggi si sono riscoperti leghisti e  sono nuovamente a caccia di poltrone!

     

    A BREVE VIDEO INTERVISTA

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI