SANTA TERESA DI RIVA. OGGI LA PRIMA EDIZIONE DELLA FESTA GREEN

SANTA TERESA DI RIVA. OGGI LA PRIMA EDIZIONE DELLA FESTA GREEN In evidenza

Una Festa interamente green per condividere buone pratiche che strizzano l’occhio all’ambiente, che dimostrano che un altro stile di vita è possibile e si può fare ancora qualcosa per non distruggere definitivamente l’ecosistema, partendo da ciò che mangiamo, dai nostri figli, dal nostro modo di muoverci, dalle cose che consumiamo e dai rifiuti che creiamo.

Sono solo alcune delle idee che animeranno la Festa Green che si terrà oggi lunedì 26 agosto al Parco Unità d’Italia a Villa Ragno- Crisafulli a Santa Teresa di Riva (ME).

Un’iniziativa alla sua prima edizione organizzata dalle Mamme Verdi, dal Comitato Jonico Beni Comuni e dal Movimento Felice, tutte associazioni che in vari ambiti stanno cercando di sensibilizzare sul tema della sostenibilità.

La Festa Green, a ingresso libero, si articolerà in 2 momenti, entrambi importanti:

 

  • Dalle 18.30 alle 20: 2 laboratori pratici ed eco-creativi per bambini dedicati ai semi, alle sculture con oggetti di riciclo e 1 per gli adulti dedicato alla produzione di saponi
  • Dalle 21 condivisione di buone pratiche, testimonianze dirette di chi le attua e racconta come è cambiata la loro vita, storie di vita quotidiana, momenti dedicati alla musica e alla recitazione.

I laboratori

Quanto ai laboratori, chi è interessato può partecipare semplicemente presentandosi poco prima dell’inizio.

Per i bambini saranno due: uno che li aiuterà a realizzare praticamente delle “bombe di semi” che poi potranno essere “lanciate” ovunque e far crescere naturalmente delle piante. A guidarlo Angela Di Nuzzo e Simona Spadaro.

Il secondo laboratorio per bambini vedrà invece i bambini, guidati dall’artista siciliano Arcangelo Favata, ideatore del marchio Alicucio, sperimentare la creazione di sculture con legni e altri oggetti di riciclo. Potranno produrre robot di cartone e tantissimi altri giochi che daranno una seconda vita a materiali che altrimenti finirebbero tra i rifiuti.

Il terzo laboratorio pratico è invece destinato ai “grandi”: a condurlo Marinella Macrì che guiderà i partecipanti alla creazione di saponi fatti in casa. Chi vorrà partecipare, anche in questo caso, dovrà semplicemente presentarsi a partire dalle 19: troverà a Villa Ragno tutti i materiali di cui avrà bisogno, inoltre potrà portarsi a casa il frutto del proprio “lavoro”.

Il programma della serata

Dalle 21 in poi spazio a pratiche di vita sostenibile con testimonianze dirette e storie di vita vissuta ogni giorno.

Ogni “testimone” potrà raccontarla nel tempo di 3 minuti, senza interruzioni (come i famosi “elevator pitch”, discorsi fatti in “ascensore” che le startup usano per trovare finanziamenti) per poi rispondere a tutte le domande dei presenti. Inoltre, chiunque avrà un’esperienza da raccontare potrà condividerla al momento.

I temi sono i più svariati:

  • uso di pannolini lavabili e allattamento al seno che fanno risparmiare le famiglie e salvano il pianeta;
  • l’autoproduzione di cibo per avere un controllo sugli ingredienti che compongono i nostri alimenti;
  • l’agricoltura con semi e concimi naturali;
  • la mobilità sostenibile;
  • la casa a basso impatto ecologico con soluzioni a bassa spesa;
  • l’autoproduzione di detergenti per la casa e la persona.

 

Ci sarà inoltre la possibilità di capire cosa sta succedendo alla nostra Terra che negli ultimi giorni, con le immagini che provengono dalla Groenlandia e non solo, desta davvero preoccupazione e capire come tutti noi, nel nostro piccolo, possiamo contribuire a preservare questo pianeta per chi verrà dopo.

I vari interventi saranno intervallati da musica live e verranno lette e interpretate due brevi favole a sfondo ecologico.

“L’idea della Festa Green è quella di mostrare, in maniera divertente e leggera, che un modo alternativo di essere umani è possibile”, spiegano gli organizzatori “Che il soddisfacimento dei nostri bisogni umani e il benessere sono raggiungibili vivendo una vita che metta al primo posto l’”essere” piuttosto che il possedere. Quella che stiamo organizzando sarà una festa piena di idee di esperienze già testate con successo, di buone pratiche capaci di soddisfare i bisogni del corpo e dell’anima. Siamo cresciuti in un mondo in cui si esiste solo se si consuma, ma il sistema di vita è diventato insostenibile: ci stiamo “mangiando” il pianeta e stiamo perdendo la bellezza di vivere in armonia con tutto ciò che ci circonda.

Uno stile di vita che definiamo “benessere”, ma che è basato solo sul possesso di beni e non più sul raggiungimento del nostro stare bene”.

L’obiettivo della festa è la condivisione: “A volte molte cose non si fanno semplicemente perché non si sanno, perché si pensa che siano particolarmente difficili o che, con lo stile di vita che abbiamo, non riusciremmo mai, per questioni di tempo, di abitudini ecc.. Invece vogliamo far vedere che non è così proprio tramite le esperienze dirette, condividendo anche i momenti di sconforto così come quelli di gioia. Perché quello che conta è solo iniziare”.

000
Letto 357 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. COMUNE SEMPRE PIÙ GREEN. ARRIVANO GLI ECOPUNTI

    La giunta municipale di Santa Teresa di Riva ha proceduto ad approvare il regolamento che disciplina gli ecopunti, erogati a tutti i cittadini che conferiscono i rifiuti differenziati presso il CCR (Centro Comunale di Raccolta ). 

    “Dopo una serie di confronti costruttivi, annuncia il sindaco Danilo Lo Giudice,  siamo arrivati alla sintesi finale. Un’iniziativa volta a migliorare non solo la differenziata ma anche l’incentivo al conferimento presso il Centro Comunale di Raccolta. Adesso i direttori prevedranno le modalità attuative e dal prossimo anno si potrà concretizzare questa importante iniziativa. I conferimenti pregressi, conclude Lo Giudice, saranno tenuti in considerazione ai fini dell’attribuzione dei punteggi.”

    “Il meccanismo, spiega l’assessore all’ambiente Gianmarco Lombardo, è molto semplice. Il conferimento diretto di alcune tipologie di rifiuti comporterà l’assegnazione di un punteggio per ogni chilogrammo di rifiuto riciclabile. I punti sono attribuiti, esclusivamente alle utenze domestiche che conferiscono i rifiuti di imballaggi di carta e cartone, di vetro e di plastica. Il punteggio accumulato viene convertito in Euro.”

    Tale importo sarà spendibile dall’utente in rimborsi per le seguenti tipologie di servizi forniti dal Comune di Santa Teresa di Riva:

    • nella scheda prepagata per l’utilizzo alla Casa dell’Acqua;
    • l’equivalente dell’importo accumulato in buoni pasto per la Mensa scuola del comune di Santa Teresa di Riva
    • l’equivalente dell’importo accumulato in biglietti per il parcheggio nelle strisce blu del comune di Santa Teresa di Riva.

    L’utente beneficiario di tale rimborso dovrà presentare una domanda dal 01 Marzo al 31 Maggio dell’anno successivo all’anno in cui sono maturati i punti.

    Il comune provvederà a ricaricare le card della casa dell’acqua e/o a consegnare i buoni pasto mensa o ai biglietti dei parcheggi.

    Per ogni chilogrammo di rifiuto conferito verrà riconosciuto un rimborso pari a 0,03 € (3 centesimi di Euro) per ogni punto ricevuto come da elenco successivo:

    • 1 Punto per ogni Kg di rifiuto imballaggio di CARTA
    • 1 Punto per ogni Kg di rifiuto imballaggio di VETRO
    • 2 Punti per ogni Kg di rifiuto imballaggio di CARTONE
    • 5 Punti per ogni Kg di rifiuto imballaggio di PLASTICA

    “Quindi, prosegue Lombardo, differenziare, oltre ad essere un obbligo morale e legislativo, è un modo di risparmiare. Più differenziata, più incentivi. Un grazie, conclude l’assessore Lomabrdo, va al Comitato Jonico Beni Comuni per il confronto costruttivo, ai Comitati di quartiere, ai Consiglieri Comunali e agli uffici per il supporto.”

     

  • TAORMINA. RACCOLTA PORTA A PORTA. E’ TUTTO PRONTO. MESSINAMBIENTE FORNISCE LE ULTIME DRITTE MENTRE IL COMITATO RIFIUTI ZERO E IL MEETUP TAORMINA SI METTONO A DISPOSIZIONE DELLA CITTADINANZA

    E’ quasi tutto per l’avvio della raccolta differenziata a Taormina. A partire dal 20 luglio dalle 06:00 alle 08:00,  ad eccezione del vetro che dovrà essere conferito nei contenitori stradali, verranno rimossi i cassonetti lungo le strade e le famiglie separeranno i rifiuti in maniera differenziata (carta, plastica/alluminio, scarti alimentari etc.) conferendoli fuori dalla propria propria abitazione nei giorni stabiliti. Le utenze commerciali, conferiranno i vari materiali secondo un loro specifico calendario fuori dalla propria sede nei giorni stabiliti a partire dal 20 luglio in orari che stabiliranno con la Messinambiente in funzione della tipologia di attività. Saranno gli operatori ecologici a ritirare, ogni giorno, come da calendario, i rifiuti differenziati per tipologia. Messinambiente, comunque, fin dalla fase di avvio del servizio, garantirà all’utenza l’assistenza e l’informazione necessaria tramite il numero verde 800.042.222, il portale www.messinambiente.it alcune iniziative pubbliche ed i propri operatori.

     

    Intanto fino al 18 luglio (escluse domeniche) si consegnano i kit a cittadini e commercianti (utenze domestiche e non domestiche) presso il primo piano del posteggio Porta Pasquale. Per il ritiro si dovrà compilare un apposita scheda in quanto le attrezzature vengono date in comodato d'uso gratuito (il modulo, se si vuole, si può scarica dal sito http://www.messinambiente.it/raccoltaportaporta_taormina.asp e portarlo compilato previa presentazione di documento di riconoscimento). Se si manda un altra persona questa deve essere munita di delega. Anche per questo c'è modulo da scaricare sul sito. Questo nuovo servizio nasce anche per qualificare l'eccezionale offerta turistica taorminese in un percorso "Turismo Rifiuti Zero" che unisce molte mete turistiche italiane d'eccellenza nel comune intento di ridurre gli impatti ambientali della produzione di rifiuti e di garantire un'offerta di turismo sostenibile sempre più ampia e variegata. “La sperimentazione della raccolta porta a porta in 9 grandi alberghi di Taormina avviata dal 31 marzo con risultati molto positivi, vicini al 75%- afferma in un comunicato Messinaambiente- ci dimostra che questo è il percorso giusto. Il successo di questo secondo importante step dipende da tutti voi, cambiamo le abitudini per migliorare Taormina ed il nostro ambiente.

    Il comitato rifiuti zero fa sapere che chiunque voglia aiutare il personale addetto alla consengna dei kit per velocizzare i tempi deve semplicemente  farsi avanti.

    Anche alcuni attivisti del Meetup Taormina già omani mattina si metteranno a disposizione dei cittadini taorminesi che chiederanno informazioni sull'attuazione della raccolta differenziata e cercheranno, se gli sarà permesso, di aiutare in modo volontario e gratuito i dipendenti della società Messinambiente S.p.A. nella distribuzione dei contenitori per le utenze domestiche e non domestiche.

    Scarica il pieghevole informativo di Messinambiente

     

  • TAORMINA. RACCOLTA DIFFERENZIATA. LUNEDÌ COMUNE E MESSINAMBIENTE INCONTRANO LA CITTADINANZA

     

    Domani presso il Palazzo Duchi S. Stefano alle ore 12,00, ci sarà la presentazione, da parte del Comune e di Messinambiente, della nuova raccolta "porta a porta" nel centro storico di Taormina. "Si tratta, afferma Marco Monforte responsabile comitato rifiuti zero, di un appuntamento molto importante per tutti quei cittadini che da almeno 10 anni si battono per questo risultato."
    "Certo, prosegue Monforte, dopo tanti annunci, tanti progetti e tante delusioni, ormai ci aspettiamo che si passi ai fatti. Ci aspettiamo che la Raccolta differenziata finalmente parta, come è ormai prassi comune quasi ovunque tranne che qui. Ci aspettiamo che al più presto venga estesa a tutto il territorio comunale. E ci aspettiamo che i cittadini rispondano bene e con partecipazione a questa che è soprattutto una prassi di civiltà. In un posto turistico come il nostro, afferma Monforte, gli esercenti, i ristoratori, gli albergatori,saranno il vero motore trainante. Se riusciremo ad ottenere una buona percentuale di materiali sottratti alla discarica, i risultati saranno non solo di immagine, non solo di orgoglio civile,ma anche economici: e di economia buona e sana." Il Comitato Rifiuti Zero si dice consapevole del fatto che sarà necessario molto tempo prima che la situazione migliori; soprattutto considerando che fino ad oggi la gestione dei rifiuti è stata condotta male, con scarsa o nessuna attenzione al riciclo dei materiali, e un carico di costi dovuto proprio a questa cattiva gestione e al conferimento massivo in discarica. " Adesso, afferma Monforte, l'importante è cominciare. La strada imboccata, prosegue, è quella giusta, e se percorsa fino in fondo darà sicuramente ottimi risultati." L'importante è crederci. È' il motto del Comitato Rifiuti Zero. "Potrà cambiare l' Amministrazione alla guida della città, potrà cambiare la Società di gestione, ma una volta iniziato non si torna indietro.
    I benefici saranno sempre più evidenti. Per noi del Comitato Rifiuti Zero,conclude Monforte, è essenziale cogliere l'opportunità straordinaria della buona disposizione della Giunta e della volontà della attuale dirigenza di Messinambiente. Quando la "macchina" si sarà messa in moto, e si vedranno i risultati, ci sarà tempo per i distinguo, per gli aggiustamenti, per le critiche."
    Il Comitato Rifiuti Zero ha proposto che a scadenza di un mese dall' avvio della nuova modalità di raccolta, si convochi un altra assemblea pubblica per monitorare l'andamento dei lavori, e accogliere eventuali critiche e suggerimenti.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI