QUANDO LA MAFIA DIVENTA UN BRAND. DAL CINEMA ALLA REALTÀ. IL TURISMO SULLE TRACCE DEL “PADRINO” Foto dal web

QUANDO LA MAFIA DIVENTA UN BRAND. DAL CINEMA ALLA REALTÀ. IL TURISMO SULLE TRACCE DEL “PADRINO” In evidenza

Il brand “Mafia” suscita polemiche.  Stavolta sono alcuni dolcetti soprannominati "mafiosi al pistacchio" e “cosa nostra alle mandorle” in vendita in una pasticceria di Taormina a scatenare le proteste.

D’improvviso tutti indignati per l’uso brandizzato del  termine mafia. Come se gadget, tour, tshirt e altro ancora a tema fino a questo momento non fossero mai esistiti. E invece esistono… a Taormina come in altri comuni della Sicilia. Nei mesi scorsi ho affrontato la questione con riferimento al comune di Savoca.  Proprio la foto del Bar Vitelli, all’ingresso di Savoca, piccolo borgo collinare in provincia di Messina, trova infatti spazio sulla brochure turistica di numerose compagnie di crociera. “In the Godfathers Footsteps” è il nome dell’escursione proposta ai tanti turisti stranieri che raggiungono la Sicilia a bordo delle lussuose navi e scelgono di visitare Savoca per ripercorrere i luoghi in cui sono state girate alcune delle scene del celebre film “Il Padrino” di Francis Ford Coppola. Protagonista è il giovane Michael Corleone interpretato da Al Pacino. “The Godfather Tour” è il nome invece della linea turistica regionale che collega i comuni di Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo, Savoca e Casalvecchio Siculo, inaugurata nel maggio del 2016 a Letojanni alla presenza dell’allora assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo. Per i turisti che arrivano la maggiore attrazione è dunque il tour sulle orme del film. Si inizia dal famoso Bar Vitelli dove vennero girate le scene chiave dell’incontro tra Micheal Corleone e il padre della futura moglie. Il tour prosegue alla Chiesa di San Nicolò che fa da sfondo al matrimonio tra Michael e Apollonia. I piccoli ritrovi del paese espongono souvenir in tema come t-shirt, tazze, grembiuli da cucina. “The Godfather” è un brand. Per il piccolo borgo collinare di Savoca, eletto tra i più belli d’Italia, a prescindere dalla storia cinematografica che l’ha reso famoso nel mondo, è boom di presenze. Il binomio Sicilia/mafia grazie al contributo della tradizione cinematografica è servito. Il volto di Don Vito Corleone stampato su decine di souvenir finisce per rappresentare la Sicilia nel mondo, ma molti siciliani sono stanchi ormai di questo accostamento. Anche Fulvio Alfano, figlio del giornalista Beppe ucciso dalla mafia, è intervenuto tempo fa sulla polemica. Più volte Fulvio Alfano si è detto “ basito di come il nome della mafia continui ad essere un marchio pubblicitario. In qualsiasi parte del mondo non si può fare ameno di vedere t-shirt con la scritta “ The Godfather” – Il Padrino … Io pretendo solo che certa gente capisca che la mafia è la vergogna del nostro Paese e il cancro della nostra regione.”

Anche la Regione Siciliana però approfitta della forza del brand legato al concetto di mafia e al film ed ecco che lancia la linea turistica regionale The Godfather Tour. Un turismo discutibile, certamente non immune da critiche, ma in grado di arrivare a scomodare anche la stampa estera. Il quotidiano inglese Daily Mail tempo fa ha dedicato largo spazio al fenomeno che nonostante tutto affascina. Addirittura la compagnia statunitense Overseas Adventure Travel propone un tour che comprende un incontro con Angelo Provenzano, figlio del boss Bernardo Provenzano. Perché, si legge nel sito, la Sicilia è conosciuta per la mafia e per il cibo. Anche molti siti di e-commerce come aliexpress.com e alibaba.com vantano una vasta collezione di gadget a tema. Dalla t-shirt con la scritta “mafia member” (membro della mafia) agli steackers “insured mafia” (assicurato dalla mafia). Tra tutti c’è né uno in particolare sul quale voglio soffermarmi. Si tratta di una toppa per t-shirt o jeans che ritrae una famiglia. Mamma, papà e due bambini. Il look è inequivocabile. È la riproduzione di una “Italy Mafia family” . Ma la mafia stride con il concetto di famiglia. La mafia le famiglie le ha distrutte, uccidendo padri e madri innocenti ed in molti, troppi casi anche bambini. Il fenomeno mafioso è stato stereotipato senza comprenderne le reali conseguenze. Da anni contro l’uso del brand mafia si batte la Rete 100 passi che già in passato ha lanciato la petizione su change.org “Io non sono mafioso” chiedendo di ritirare dal mercato gadget e articoli a tema. La famosa immagine di Al Pacino nei panni del giovane Michael Corleone appare anche in un articolo pubblicato il 20 marzo 2017 sul sito della Cnn nella sezione travel. Il titolo del pezzo di Lisa Gerard-Sharp “Andare in Sicilia? 10 cose da sapere prima del viaggio”. “E la mafia?” Si legge ad un certo punto. “Se la incontri, prosegue l’articolo, non la riconoscerai. La mafia non si veste come Al Pacino nel film, ma questo non significa che i mafiosi se ne siano andati.” L’articolo prosegue invitando i turisti a scegliere i locali "free pizzo", non prima però di averli rassicurati circa il fatto che “difficilmente saranno toccati direttamente dalla violenza della mafia.” Il riferimento è all’iniziativa lanciata da Addiopizzo che ha deciso di promuovere e sostenere un turismo etico per chi dice no alle mafie con il progetto Addiopizzo Travel. Tra le tappe proposte Savoca c’è. Ed è giusto che ci sia. L’obiettivo è iniziare un percorso che porti a svuotare di significato quel “Godfather” che aleggia come un fantasma sul paese, spogliarlo dal suo alone di mistero. Per fare questo Savoca dovrebbe chiedere ai tour operator di modificare le escursioni, dovrebbe smettere di far veicolare gadget. Dovrebbe pretendere di inserire come tappa, accanto al Bar Vitelli, piazza G. D’Annunzio dove si erge il monumento alla legalità “Luna crescente” del maestro Nino Ucchino, dedicato a “Rocco Chinnici, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e a tutti i caduti in difesa della giustizia e della libertà”. Bisognerebbe spiegare ai turisti che ogni anno visitano Savoca che non c’è nulla di affascinante nell’immagine della mafia, perché come disse Peppino Impastato “la mafia è una montagna di merda!” Deciso a seguire questa strada il sindaco del comune Nino Bartolotta che afferma “nella celebre opera cinematografica de "Il Padrino" Savoca rappresenta solo una suggestiva location. Siamo contro la mafia e contro ogni forma di "mitizzazione" della stessa e la scultura "luna crescente" dedicata a Chinnici, Falcone, Borsellino rappresenta l'emblema del nostro comune, anche e soprattutto per i visitatori!"

Il prossimo passo dovrebbe essere quello di sostituire tutti i souvenir legati al mito mafioso con i prodotti realizzati nelle terre confiscate alla mafia. Su questo dovrebbero puntare gli amministratori locali dei comuni siciliani.  

000
Letto 595 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. I carabinieri arrestano un 26enne in esecuzione di misura cautelare e denunciano due giovani per furto aggravato in concorso

    Ieri i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Messina, nei confronti del 26enne taorminese G.V., già noto alle forze dell’ordine, residente a Giardini Naxos (ME), ritenuto responsabile, in concorso con la propria convivente, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

    Alcuni giorni fa, a Giardini Naxos, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina avevano controllato l’uomo insieme alla sua convivente. A seguito della perquisizione, la 21enne R.M., convivente del giovane, era stata trovata in possesso di alcune dosi di cocaina ed arrestata, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente mentre l’uomo era stato deferito, in stato di libertà, per il medesimo reato. Poiché, all’esito dell’esame del Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Messina la sostanza risultava essere del tipo cocaina con oltre 2 grammi di principio attivo, sufficienti a ricavare circa 18 dosi medie singole, i Carabinieri della Carabinieri di Taormina informavano l’Autorità Giudiziaria che, a seguito della relazione dei militari dell’Arma, emetteva il provvedimento della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico dell’uomo.

    Sempre nella giornata di ieri. i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taormina hanno deferito, in stato di libertà, due soggetti: un 30enne di Francavilla di Sicilia (ME), ed un 24enne siracusano, ritenuti responsabile del reato, di furto aggravato in concorso.

    In particolare, a seguito di una segnalazione da parte di un ristoratore di Giardini Naxos che aveva subito il furto di una cassetta con del danaro, i Carabinieri intervenivano nella zona individuando e bloccando due soggetti trovati in possesso della cassetta contenente il denaro, asportata poco prima dal ristorante. Pertanto la refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario ed i due sono stati condotti in caserma per gli accertamenti e deferiti, in stato di libertà, per il reato di furto aggravato in concorso.

  • TAORMINA. Completata la verifica della contabilità e dei bilanci di Asm degli ultimi 10 anni. Commissario Fiumefreddo: "Ora Taormina potrà puntare ad avere servizi di livello europeo"

    "Si è completata, martedì, la verifica della contabilità e dei bilanci degli ultimi 10 anni - riferisce il commissario di Asm, l'avvocato, Antonio Fiumefreddo -  un lavoro enorme, che si è reso possibile grazie all’impegno straordinario degli esperti incaricati e degli uffici interni preposti al compito. È stato così mantenuto l’impegno assunto al momento della mia nomina, e ciò malgrado l’irrompere dell’emergenza sanitaria che per tre mesi ci ha costretti a rallentare il ritmo. Del traguardo raggiunto ho informato il sindaco, Mario Bolognari ed il presidente del consiglio comunale, Lucia Gaberscek. Ora toccherà al revisore unico il non meno impegnativo compito appunto della revisione. Intanto, nella imminenza del superamento della liquidatela, ho chiesto al Consiglio comunale di votare i contratti di servizio, così da restituire linearità ed efficienza nei servizi resi ai cittadini. Soddisfatto di aver raggiunto un obiettivo che sembrava impossibile, desidero ringraziare pubblicamente  tutti quanti hanno contribuito a questo sforzo: dai lavoratori di Asm ai collaboratori, dai consiglieri comunali tutti all’amministrazione. Quando si lavora per il bene comune è necessario farlo senza dividersi, ed è esattamente quello che è successo a Taormina. Un modello di cui andare orgogliosi".

  • TAORMINA: LA LEGA SBARCA IN CONSIGLIO COMUNALE Antonio D’Aveni aderisce al Carroccio. Plauso di Candiani e Francilia.

    E’ Antonio D’Aveni il primo consigliere comunale della Lega a Taormina. L’adesione di D’Aveni al partito di Matteo Salvini è stata ufficializzata dopo un incontro con il segretario regionale della Lega in Sicilia Stefano Candiani, alla presenza del vicesegretario Fabio Cantarella e del commissario provinciale del Carroccio messinese Matteo Francilia.

    “Essere presenti nel consiglio comunale della capitale del turismo siciliano - sottolineano Candiani e Francilia - è certamente una grande soddisfazione ma è soprattutto uno stimolo a dare una maggiore attenzione a questo territorio con straordinarie potenzialità. Antonio D'Aveni conosce bene i problemi del territorio taorminese e porterà avanti le istanze dei cittadini in consiglio con un lavoro di squadra fatto con i simpatizzanti e militanti della Lega di Taormina e coinvolgendo la cittadinanza tutta”.

    Particolarmente soddisfatto il neo consigliere leghista: “ringrazio il senatore Candiani, Fabio Cantarella e Matteo Francilia per la straordinaria accoglienza. Da oggi inizia un percorso nuovo che si prefigge come obiettivo una ritrovata centralità della nostra città nelle strategie di sviluppo turistico e culturale, un percorso in cui sono certo sarà di fondamentale importanza il confronto e il lavoro con l’assessore regionale ai beni culturali Alberto Samonà” conclude D'Aveni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI