TAORMINA. LAVORI ODEON ROMANO. DURO ATTACCO DI EDDY TRONCHET: “LAVORI INOPPORTUNI E INAPPROPRIATI.”

TAORMINA. LAVORI ODEON ROMANO. DURO ATTACCO DI EDDY TRONCHET: “LAVORI INOPPORTUNI E INAPPROPRIATI.” In evidenza

I lavori dell'Odeon romano e del Tempio greco di Taormina sono ormai giunti a termine. La Fondazione Taormina Arte Sicilia ha da poco presentato il programma di spettacoli che si svolgeranno in questo recuperato luogo suggestivo unico ma per molto tempo dimenticato.

Uno spazio culturale alternativo di circa 200 posti per la città che si riappropria della sua funzione, quella di ospitare spettacoli teatrali e musicali. Non a tutti però sono piaciuti i lavori di recupero del sito archeologico. In molti criticano la scelta architettonica attuata che celerebbe l’autentica bellezza del sito. Nelle scorse ore Eddy Tronchet, guida turistica e candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative a Taormina, non ha risparmiato critiche.

“I nostri visitatori, afferma Tronchet, non vengono in Sicilia a Taormina per vedere strutture lignee molto comuni nelle loro nazioni, ma per ammirare le vestigie antiche della nostra plurimillenaria civiltà greco-romana. I lavori effettuati per conto del Parco archeologico di Naxos e, sembrerebbe, da Taormina Arte, sono inopportuni, inappropriati e lesivi della natura stessa del bene architettonico che in queste ridotte condizioni non appare più leggibile nella sua identità storico-archeologica. Come si evince dalle foto e ancor meglio di presenza, prosegue Tronchet, la copertura lignea ha quasi completamente obliterato la cavea ed il corridoio anulare retrostante costituiti da opera cementizia e laterizia. Impedisce lo sguardo all’interno dell’unico parascaenium, nonché la visione arcuata della sua volta a botte ed infine elimina dalla comprensione d’insieme uno degli elementi significativi della zona archeologica: il basamento, cioè il crepidoma di un tempio greco.

Di fatto la comprensione di questo tempio “ionico" periptero, risalente alla seconda metà del IV sec.a.C nonché il più importante della polis, si riduce a poca cosa avendo ricoperto sia gran parte dello stilobate del lato lungo meridionale del tempio, sia l’angolo Nord-Ovest con il lato breve, costituiti da grossi conci in calcare ben squadrati. Ciò che rimane visibile sembra una semplice gradinata. Nel progetto romano, probabilmente di epoca traianea o adrianea (inizi II sec.d.C.), il tempio greco servì da scena all'Odeon romano.

Una simbiosi probabilmente ben riuscita che abbellì il Foro di Taormina, crocevia tra la Via Consolare Valeria e la “Via Sacra” verso il Teatro greco ormai “romanizzato". Verrebbe da paragonare la sensibilità architettonica dei Romani, prosegue Tronchet, a quella degli odierni amministratori, che pur di accontentare le richieste di certi soggetti sarebbero capaci di trasformare le nostre antichità in meri luoghi di intrattenimento, spesso dai gusti discutibili, svilendo l’identità dei monumenti antichi.

Coniugare il rispetto di un monumento con le esigenze di spettacoli o rappresentazioni è possibile, ma a condizione che in termini visivi e di fruibilità del monumento, non si vada oltre una misura minima di copertura estranea all’originale. Ad esempio i lavori di adeguamento dell’orchestra e della scena effettuati dall’INDA nel grande e bellissimo Teatro greco di Siracusa non eccedono mai una certa superficie e non contrastano con la sua identità attuale. Un altro esempio, in negativo questa volta, a significare quanto si possa compromettere un monumento antico è il Teatro greco di Eraclea Minoa, una fondazione selinuntina della fine del VI sec.a.C.

Per ragioni di conservazione, assolutamente giustificate, si è alzata una struttura metallica che ricopre completamente la cavea e l’orchestra. Il Teatro di Eraclea Minoa rimane non fruibile e non leggibile nel suo contenuto architettonico. Avrei personalmente suggerito una copertura molto più ampia a somiglianza del lavoro eccellente realizzato lungo le Mura cosiddette Timoleontee di Gela in contrada Capo Soprano.

Mi sembra, afferma ancora Tronchet, che i criteri che guidano la Soprintendenza di Messina e il Parco archeologico di Naxos  siano di tutt’altra natura che la conservazione, il rispetto dovuto alle antichità e la piena fruizione del monumento. Si veda lo scempio realizzato pochi anni fa dalla Soprintendenza con la costruzione di una biglietteria da "bidonville" nel cortile del castello di Taormina! Castello, sia detto per inciso, che rimane ancora chiuso dopo vent’anni!”

000
Letto 420 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. I carabinieri arrestano un 26enne in esecuzione di misura cautelare e denunciano due giovani per furto aggravato in concorso

    Ieri i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Messina, nei confronti del 26enne taorminese G.V., già noto alle forze dell’ordine, residente a Giardini Naxos (ME), ritenuto responsabile, in concorso con la propria convivente, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

    Alcuni giorni fa, a Giardini Naxos, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina avevano controllato l’uomo insieme alla sua convivente. A seguito della perquisizione, la 21enne R.M., convivente del giovane, era stata trovata in possesso di alcune dosi di cocaina ed arrestata, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente mentre l’uomo era stato deferito, in stato di libertà, per il medesimo reato. Poiché, all’esito dell’esame del Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Messina la sostanza risultava essere del tipo cocaina con oltre 2 grammi di principio attivo, sufficienti a ricavare circa 18 dosi medie singole, i Carabinieri della Carabinieri di Taormina informavano l’Autorità Giudiziaria che, a seguito della relazione dei militari dell’Arma, emetteva il provvedimento della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico dell’uomo.

    Sempre nella giornata di ieri. i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taormina hanno deferito, in stato di libertà, due soggetti: un 30enne di Francavilla di Sicilia (ME), ed un 24enne siracusano, ritenuti responsabile del reato, di furto aggravato in concorso.

    In particolare, a seguito di una segnalazione da parte di un ristoratore di Giardini Naxos che aveva subito il furto di una cassetta con del danaro, i Carabinieri intervenivano nella zona individuando e bloccando due soggetti trovati in possesso della cassetta contenente il denaro, asportata poco prima dal ristorante. Pertanto la refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario ed i due sono stati condotti in caserma per gli accertamenti e deferiti, in stato di libertà, per il reato di furto aggravato in concorso.

  • TAORMINA. Completata la verifica della contabilità e dei bilanci di Asm degli ultimi 10 anni. Commissario Fiumefreddo: "Ora Taormina potrà puntare ad avere servizi di livello europeo"

    "Si è completata, martedì, la verifica della contabilità e dei bilanci degli ultimi 10 anni - riferisce il commissario di Asm, l'avvocato, Antonio Fiumefreddo -  un lavoro enorme, che si è reso possibile grazie all’impegno straordinario degli esperti incaricati e degli uffici interni preposti al compito. È stato così mantenuto l’impegno assunto al momento della mia nomina, e ciò malgrado l’irrompere dell’emergenza sanitaria che per tre mesi ci ha costretti a rallentare il ritmo. Del traguardo raggiunto ho informato il sindaco, Mario Bolognari ed il presidente del consiglio comunale, Lucia Gaberscek. Ora toccherà al revisore unico il non meno impegnativo compito appunto della revisione. Intanto, nella imminenza del superamento della liquidatela, ho chiesto al Consiglio comunale di votare i contratti di servizio, così da restituire linearità ed efficienza nei servizi resi ai cittadini. Soddisfatto di aver raggiunto un obiettivo che sembrava impossibile, desidero ringraziare pubblicamente  tutti quanti hanno contribuito a questo sforzo: dai lavoratori di Asm ai collaboratori, dai consiglieri comunali tutti all’amministrazione. Quando si lavora per il bene comune è necessario farlo senza dividersi, ed è esattamente quello che è successo a Taormina. Un modello di cui andare orgogliosi".

  • TAORMINA: LA LEGA SBARCA IN CONSIGLIO COMUNALE Antonio D’Aveni aderisce al Carroccio. Plauso di Candiani e Francilia.

    E’ Antonio D’Aveni il primo consigliere comunale della Lega a Taormina. L’adesione di D’Aveni al partito di Matteo Salvini è stata ufficializzata dopo un incontro con il segretario regionale della Lega in Sicilia Stefano Candiani, alla presenza del vicesegretario Fabio Cantarella e del commissario provinciale del Carroccio messinese Matteo Francilia.

    “Essere presenti nel consiglio comunale della capitale del turismo siciliano - sottolineano Candiani e Francilia - è certamente una grande soddisfazione ma è soprattutto uno stimolo a dare una maggiore attenzione a questo territorio con straordinarie potenzialità. Antonio D'Aveni conosce bene i problemi del territorio taorminese e porterà avanti le istanze dei cittadini in consiglio con un lavoro di squadra fatto con i simpatizzanti e militanti della Lega di Taormina e coinvolgendo la cittadinanza tutta”.

    Particolarmente soddisfatto il neo consigliere leghista: “ringrazio il senatore Candiani, Fabio Cantarella e Matteo Francilia per la straordinaria accoglienza. Da oggi inizia un percorso nuovo che si prefigge come obiettivo una ritrovata centralità della nostra città nelle strategie di sviluppo turistico e culturale, un percorso in cui sono certo sarà di fondamentale importanza il confronto e il lavoro con l’assessore regionale ai beni culturali Alberto Samonà” conclude D'Aveni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI