TAORMINA. LEGAMBIENTE, STUDENTI E POLIZIA LOCALE INSIEME PER L’AMBIENTE

TAORMINA. LEGAMBIENTE, STUDENTI E POLIZIA LOCALE INSIEME PER L’AMBIENTE In evidenza

Nell’ambito della campagna "Puliamo il mondo" il circolo Legambiente di Taormina in collaborazione con le scuole IC1 di Mazzeo, Trappitello, Taormina centro e la Polizia Locale ha proceduto alla bonifica di diverse aree presenti sul territorio comunale.

Lo scorso 27 settembre con le scuole di Mazzeo impegnate nel loro percorso "plastic free" i rappresentanti del locale circolo hanno illustrato il “global strike for climate change", l'ordinanza "plastic free" del comune di Taormina, il percorso per ottenere la bandiera blu e preceduto alla pulizia della spiaggia di Mazzeo.

Un altro momento importante quello di ieri quando con gli alunni delle scuole medie di Trappitello si è proceduto alla pulizia del torrente Santa Venera. Un’azione concreta svolta in collaborazione con la Polizia Locale di Taormina e preceduta da un confronto sulle problematiche legate alla presenza delle microdiscariche e sulle attività illegali di deposito rifiuti in aree non autorizzate. Gli agenti della Polizia Locale hanno poi proceduto a spiegare la normativa che regola i divieti e l’attività di bonifica richiesta dalla legge.

Il prossimo appuntamento è fissato per martedì 15 ottobre con le classi delle scuole medie di Taormina centro per procedere alla pulizia del sentiero.

000
Letto 342 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. Istituito da Legambiente Sicilia il ‘Premio ATTILA’. Primo conferimento all’arch. Micali, ex soprintendente beni culturali di Messina

    Stanchi delle tante, troppe bruttezze che si continuano a perpetuare e a realizzare in Sicilia, quasi sempre senza mai individuare responsabilità, Legambiente ha deciso di istituire il ‘Premio ATTILA. Il nemico della Bellezza’, che verrà assegnato a chi con un atto, una decisione, un gesto, una proposta offende o mortifica un luogo, un sito, una bellezza siciliana.
    Il premio consiste in una targa che menziona il grave gesto censurato e sarà riprodotta in un materiale edile, per segnare in modo simbolico il valore estremamente negativo del riconoscimento.
    La prima assegnazione è per l’architetto Orazio Micali, che da Soprintendente di Messina ha autorizzata il 10 aprile 2017 la realizzazione di un manufatto per la vendita di prodotti per la nautica sulla spiaggia di Giardini Naxos davanti al Castello Schisò (vedi foto ).
    “Abbiamo condotto seriamente e coerentemente una battaglia per impedire che questo obbrobrio venisse costruito – ha commentato l’Associazione ambientalista -. Non ci siamo riusciti, finora, e purtroppo adesso è stato realizzato. Anche se continuiamo a chiedere alla Soprintendenza di Messina di intervenire seguendo le indicazioni contenute nella sentenza del TAR di Catania del 26 giugno 2019, dove si evidenzia più volte che l’Istituto preposto alla tutela può esercitare i poteri inibitori di cui all’art. 150 del Codice dei beni culturali, non possiamo non rilevare che tutto e cominciato con l’assurda e inconcepibile autorizzazione del 2017.
    Ma vogliamo qui, adesso, sottolineare – continua Legambiente Sicilia - che in applicazione dell’art. 150 l’Amministrazione regionale può inibire in ogni caso l’esecuzione di certi lavori, sebbene autorizzati, che siano comunque capaci di recare pregiudizio al paesaggio.
    Il pregiudizio al paesaggio è sotto gli occhi di tutti e rappresenta non la nostra sconfitta, ma l’ennesima vergognosa incapacità di chi avrebbe potuto e dovuto impedire questo scempio e non ha ancora mosso un dito.
    Legambiente Sicilia ricorda che, in poco più di un mese, ha premiato il signor Sebastiano Misuraca, per il suo gesto ‘bello e giusto’ di far abbattere la costruzione che deturpava il Castello di Mussomeli, e il funzionario della Regione che invece, con un ‘atto vandalico’ ha autorizzato il manufatto che oltraggia il Castello di Schisò”.

  • TAORMINA. LEGAMBIENTE DENUNCIA: TENTATIVO DI ASSALTO ALL’ ISOLA BELLA E MAZZARO’

    Inizia il tentativo di assalto dello specchio di acqua inerente le due baie storiche e di grande valore naturalistico, Isola Bella e Mazzarò a Taormina

    Con la richiesta di autorizzazione, inoltrata all’Assessorato Territorio ed ambiente, di un campo boe di 8000 mq, corridoio di avvicinamento, area di alaggio per natanti, ad Isola Bella e Mazzarò a Taormina, è iniziato l’assalto alle due baie.

    Per Legambiente Sicilia ed il circolo Taormina/Naxos/Alcantara è ormai improrogabile la necessità di una riserva marina il cui progetto sembra essersi bloccato per equivoci motivi ad uno stadio cartaceo, che destini tutte le energie in campo in modo netto e inequivocabile alla tutela e l’applicazione di regole restrittive allo sfruttamento indiscriminato delle baie di Isola Bella e Mazzarò, ovvero la riserva marina orientata che si estende da Capo Taormina alla Baia delle Sirene.

    Questa zona, per conformazione geografica e geologica, è ideale per la tutela di specie marine e terrestri autoctone da preservare nel tempo affinché la Sicilia non perda le caratteristiche uniche che la contraddistinguono nell’area mediterranea.

    “Che un privato/associazione a scopo di lucro, scrivono le associazioni ambientaliste, possa solo immaginare di impiantare un’attività altamente impattante in un’area protetta, la dice lunga sulla percezione che i cittadini hanno della situazione di gestione della Regione Siciliana, dove vige un tentativo di fare carta straccia di tutti i possibili piani di tutela e le limitazioni codificate.”

     

  • TAORMINA. RIFIUTA ALCOL TEST. PER UN 46 ENNE DI TAORMINA SCATTA LA DENUNCIA E IL RITIRO DI PATENTE

    Si sono parzialmente conclusi gli accertamenti della Polizia Locale in merito al sinistro stradale avvenuto domenica 16 agosto 2020 in Via Francavilla nella fraz di Trappitello. Gli agenti coordinati dal ViceComandante Commissario Daniele Lo Presti sono riusciti, con la collaborazione della stazione dei carabinieri di Giardini  Naxos,  intervenuti negli attimi successivi al sinistro, a ricostruire la dinamica dell’incidente che ha comportato il ritiro della patente di uno dei due conducenti (cittadino taorminese di anni 46)  a causa del rifiuto dello stesso di sottoporsi all’esame del tasso alcolemico. Il rifiuto ha comportato la denuncia in stato di libertà del cittadino taorminese per la violazione dell’art 186 comma 7 del codice della strada. Alla persona veniva contestata altresì la violazione di cui all’art 126 cds in quanto circolava con la patente di guida scaduta di validità.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI